Vai al contenuto

Foto

CFS - The Central Cause: Mitochondrial Failure (Dr Sarah Myhill)

ME/CFS; CFS; Mitocondri; Mitochndrial Filure; Danno mitocondriale; Causa centrale; Central Cause; Sarah Myhill

  • Per cortesia connettiti per rispondere
14 risposte a questa discussione

#1 KIO

KIO

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 650 messaggi
  • Gender:Female
  • Location:Svizzera - Ticino

Inviato 11 dicembre 2014 - 15:10:01

Su gentile richiesta:

l'articolo intero della Dr. Sarah Myhill ( http://www.drmyhill..../wiki/Main_Page ) segnalato altrove.

Può essere che abbia mancato di copiare qualche link, se avete l'impressione che manchi qualcosa vi rimando alla pagina originale: http://www.drmyhill....ondrial_Failure

 
CFS - The Central Cause: Mitochondrial Failure
 
Published papers

  • 16th January 2009 saw the publication of "Chronic Fatigue Syndrome and Mitochondrial Dysfunction", our paper (authors: Prof Norman Booth of Oxford University, Dr John McLaren-Howard of Acumen Laboratory and myself) presenting evidence that chronic fatigue syndrome has a physical basis. The paper was published in the International Journal of Clinical and Experimental Medicine. The full text of the paper can be accessed by clicking on this link "Chronic Fatigue Syndrome and Mitochondrial Dysfunction" ( http://www.ijcem.com...IJCEM812001.pdf )

Since its original publication, our article has also now appeared on PubMed, which is the free digital archive of biomedical and life sciences journal literature hosted by the U.S. National Institutes of Health. The paper can be accessed via this link. http://www.ncbi.nlm....les/PMC2680051/

  • Our second paper, Mitochondrial dysfunction and the pathophysiology of Myalgic Encephalomyelitis/Chronic Fatigue Syndrome (ME/CFS) ( http://www.ijcem.com...JCEM1204005.pdf ) by the same three authors, was published in the International Journal of Clinical and Experimental Medicine on 30 June 2012.
  • November 2012 saw the publication of our third paper entitled "Targeting mitochondrial dysfunction in the treatment of Myalgic Encephalomyelitis/Chronic Fatigue Syndrome (ME/CFS) – a clinical audit". The full text of the paper is available from the Journal's website ( http://www.ijcem.com...JCEM1207003.pdf )

Introduction

I think this is one of the most important handouts I have ever produced in terms of my understanding of CFS and what to do in order to recover! So please read this very carefully and several times over because for many sufferers it contains the keys to unlock their illness!

A very useful analogy is to think of the body as a car. What supplies the energy and the power to make that car work is the engine. Effectively mitochondria are the engines of our cells - they supply the energy necessary for all cellular processes to take place.

We are made up of lots of different cells - heart, blood, muscle nerve cells etc. All these cells are different because they all have a different job of work to do. To do this job of work requires energy. But the way in which energy is supplied is the same for every cell in the body. Indeed all animals share this same system. The mitochondria in my dog, my cat and my horse are exactly the same as mine. Mitochondria are a common biological unit across the animal kingdom. Energy is supplied to cells by mitochondria which I think of as little engines which power every cell in the body.

 

Chronic fatigue syndrome is the symptom caused by mitochondrial failure

The job of mitochondria is to supply energy in the form of ATP (adenosine triphosphate). This is the universal currency of energy. It can be used for all sorts of biochemical jobs from muscle contraction to hormone production. When mitochondria fail, this results in poor supply of ATP, so cells go slow because they do not have the energy supply to function at a normal speed. This means that all bodily functions go slow.

 

Every cell in the body can be affected

The following explains what happens inside each cell:

ATP (3 phosphates) is converted to ADP (2 phosphates) with the release of energy for work. ADP passes into the mitochondria where ATP is remade by oxidative phosphorylation (ie a phosphate group is stuck on). ATP recycles approximately every 10 seconds in a normal person - if this goes slow, then the cell goes slow and so the person goes slow and clinically has poor stamina ie CFS.

Problems arise when the system is stressed. If the CFS sufferer asks for energy faster than he can supply it, (and actually most CFS sufferers are doing this most of the time!) ATP is converted to ADP faster than it can be recycled. This means there is a build up of ADP. Some ADP is inevitably shunted into adenosine monophosphate (AMP -1 phosphate). But this creates a real problem, indeed a metabolic disaster, because AMP, largely speaking, cannot be recycled and is lost in urine.

Indeed this is the biological basis of poor stamina. One can only go at the rate at which mitochondria can produce ATP. If mitochondria go slow, stamina is poor.

If ATP levels drop as a result of leakage of AMP, the body then has to make brand new ATP. ATP can be made very quickly from a sugar D-ribose, but D-ribose is only slowly made from glucose (via the pentose phosphate shunt for those clever biochemists out there!). This takes anything from one to four days. So this is the biological basis for delayed fatigue.

However there is another problem. If the body is very short of ATP, it can make a very small amount of ATP directly from glucose by converting it into lactic acid. This is exactly what many CFS sufferers do and indeed we know that CFS sufferers readily switch into anaerobic metabolism. However this results in two serious problems - lactic acid quickly builds up especially in muscles to cause pain, heaviness, aching and soreness ("lactic acid burn"), secondly no glucose is available in order to make D-ribose! So new ATP cannot be easily made when you are really run down. Recovery takes days!

When mitochondria function well, as the person rests following exertion, lactic acid is quickly converted back to glucose (via-pyruvate) and the lactic burn disappears. But this is an energy requiring process! Glucose to lactic acid produces two molecules of ATP for the body to use, but the reverse process requires six molecules of ATP. If there is no ATP available, and this is of course what happens as mitochondria fail, then the lactic acid may persist for many minutes, or indeed hours causing great pain. (for the biochemists, this reverse process takes place in the liver and is called the Cori cycle).

 

Treatment package for failing mitochondria

The biological basis of treatment is therefore explained:

  • Pace - do not use up energy faster than your mitos can supply it.
  • Feed the mitochondria - supply the raw material necessary for the mitochondria to heal themselves and work efficiently. This means feeding the mitos correctly so they can heal and repair.
  • Address the underlying causes as to why mitochondria have been damaged. This must also be put in place to prevent ongoing damage to mitos. In order of importance this involves:
  • Pacing activities to avoid undue stress to mitos
  • Getting excellent sleep so mitos can repair
  • Excellent nutrition with respect to:
    • taking a good range of micronutrient supplements
    • stabilising blood sugar levels
    • identifying allergies to foods
  • Detoxifying to unload heavy metals, pesticides, drugs, social poisons (alcohol,tobacco etc) and volatile organic compounds, all of which poison mitos.
  • Addressing the common problem of hyperventilation
  • Address the secondary damage caused by mitochondrial failure such as immune disturbances resulting in allergies and autoimmunity, poor digestive function, hormone gland failure, slow liver detoxification.

And now for a bit of good news! AMP can be recycled, but slowly. Interestingly, the enzyme which does this (cyclic AMP) is activated by caffeine! So the perfect pick-me-up for CFS sufferers could be a real black organic coffee with a teaspoon of D-ribose!

All the nutritional supplements that make up the basic nutritional package as well as provide specific support for mitochondrial function can be bought in my online shop - please visit shop sections Basic package ( http://www.salesatdr...tential-2-c.asp ) and Improving energy - mitochondrial, adrenal and thyroid support ( http://www.salesatdr...upport-16-c.asp ).

 

A Vital Test in Chronic Fatigue Syndrome

The central problem of chronic fatigue syndrome is mitochondrial failure resulting in poor production of ATP. ATP is the currency of energy in the body and if the production of this is impaired then all cellular processes will go slow. It is not good enough to measure absolute levels of ATP in cells since this will simply reflect how well rested the sufferer is. The perfect test is to measure the rate at which ATP is recycled in cells and this test has now been developed by John McLaren Howard. He calls it "ATP profiles". It is a test of mitochondrial function.

Not only does this test measure the rate at which ATP is made, it also looks at where the problem lies. Production of ATP is highly dependent on magnesium status and the first part of the test studies this aspect.

The second aspect of the test measures the efficiency with which ATP is made from ADP. If this is abnormal then this could be as a result of magnesium deficiency, of low levels of Co-enzyme Q10, low levels of vitamin B3 (NAD) or of acetyl L-carnitine.

The third possibility is that the protein which transports ATP and ADP across mitochondrial membrane is impaired and this is also measured.

The joy of the ATP profiles test is that we now have an objective test of chronic fatigue syndrome which clearly shows this illness has a physical basis. This test clearly shows that cognitive behaviour therapy, graded exercise and anti-depressants are irrelevant in addressing the root cause of this illness.

To get the full picture I recommend combining this test with measuring levels of Co-enzyme Q10, SODase, Glutathione Peroxidase, L-carnitine, NAD and cell-free DNA. Cell free DNA is very useful because it reflects severity of the illness. When cells are damaged and die, they release their contents into the blood stream - cell free DNA measures the extent of this damage. The levels which come back are similar to those from patients recovering from major infections, trauma, surgery or chemotherapy - so this test puts CFS firmly in the realms of major organic pathology. SODase is an important antioxidant which mops up the free radicals produced in all the inefficient chemical reactions in the cells. Dr John McLaren-Howard has recently developed a serum L-carnitine test and made it available in September 2009. I have now included it in the Mitochondrial Function Profile ( http://www.drmyhill....unction_Profile ).

For the ordering process and payment methods, please see Ordering Tests ( http://www.drmyhill..../Ordering_Tests ).

One other important co-factor in the production of energy in cells is D-ribose. It is used up so quickly by cells that measuring levels is unhelpful, but low levels of ATP imply low levels of D-ribose.

 

CFS is low cardiac output secondary to mitochondrial malfunction

Two papers have come to my notice recently which make great sense of both my clinical observations and also the idea that CFS is a symptom of mitochondrial failure. The two symptoms I am looking for in CFS to make the diagnosis is firstly very poor stamina and secondly delayed fatigue. I think I can now explain these in terms of what is going on inside cells and the effects on major organs of the body (primarily the heart). More importantly, there are major implications for a test for CFS and of course management and recovery.

If mitochondria (the little engines found inside every cell in the body) do not work properly, then the energy supply to every cell in the body will be impaired. This includes the heart. Many of the symptoms of CFS could be explained by heart failure because the heart muscle cannot work properly. Cardiologists and other doctors are used to dealing with heart failure due to poor blood supply to the heart itself. In CFS the heart failure is caused by poor muscle function and therefore strictly speaking is a cardiomyopathy. This means the function of the heart will be very abnormal, but traditional tests of heart failure, such as ECG, ECHOs, angiograms etc, will be normal.

Thanks to work by Dr Arnold Peckerman ( see here  http://www.name-us.o...danceCardio.pdf ) we now know that cardiac output in CFS patients is impaired. Furthermore the level of impairment correlates very closely to the level of disability in patients. Dr Peckerman was asked by the US National Institutes of Health to develop a test for CFS in order to help them to judge the level of disability in patients claiming Social Security benefits. Peckerman is a cardiologist and on the basis that CFS patients suffer low blood pressure, low blood volume and perfusion defects, he surmised CFS patients were in heart failure To test this he came up with Q scores.

"Q" stands for cardiac output in litres per minute and this can be measured using a totally non-invasive method called Impedence Cardiography. This allows one to accurately measure cardiac output by measuring the electrical impedence across the chest wall. The greater the blood flow the less the impedance. This can be adjusted according to chest and body size to produce a reliable measurement (this is done using a standard algorithm). It is important to do this test when supine and again in the upright position. This is because cardiac output in healthy people will vary from 7 litres per min when lying down to 5 litres per min when standing. In healthy people this drop is not enough to affect function. But in CFS sufferers the drop may be from 5 litres lying down to 3.5 litres standing up. At this level the sufferer has a cardiac output which causes borderline organ failure. There are further papers concerning Cardiovascular/Circulatory Research and CFS/ME at NAME-US.org http://www.name-us.o...Circulatory.htm .

This explains why CFS patients feel much better lying down. They have acceptable cardiac output lying down, but standing up they are in borderline heart and organ failure. CFS is therefore the symptom which prevents the patient developing complete heart failure. Actually, everyone feels more rested when they are sitting down with their feet up! The subconscious has worked out that the heart has to work less hard when you are sitting down with your feet up - so we do so because we feel more comfortable!

 

Low cardiac output explains the symptoms of CFS

The job of the heart is to maintain blood pressure. If the blood pressure falls, organs start to fail. If the heart is working inadequately as a pump then the only way blood pressure can be sustained is by shutting down blood supply to organs. Organs are shut down in terms of priority, i.e. the skin first, then muscles, followed by liver, gut, brain and finally the heart, lung and kidney. As these organ systems shut down, this creates further problems for the body in terms of toxic overload, susceptibility to viruses which damage mitochondria further, thus exacerbating all the problems of the CFS sufferer. This is called POTS Postural orthostatic tachycardia syndrome or POTs ( http://www.drmyhill....yndrome_or_POTs )

Dr Paul Cheney has explored this further with his work with cardiac output in CFS - see Dr Cheney on heart function ( http://www.drmyhill...._heart_function )

 

Chest pain

This is a common symptom in CFS. Chest pain results when energy delivery to the muscles is impaired. There is a switch to anaerobic metabolism, lactic acid is produced and this results in the symptom of angina. Doctors recognise one cause ie poor blood supply, ie the supply of fuel and oxygen is impeded. However this fuel and oxygen has to be converted to ATP by mitochondria, so if this is slow, the same symptom of angina will result.

One molecule of sugar, when burnt aerobically by mitochondria, will produce 36 molecules of ATP. In anaerobic metabolism, only 2 molecules of ATP are produced. This is very inefficient and lactic acid builds up quickly. The problem is that to convert lactic acid back to sugar (pyruvate) 6 molecules of ATP are needed (the Cori cycle). So in CFS the chest pain is longer lasting because this conversion back is so slow. Clinically this does not look like typical angina. Many patients are told they have non-typical chest pain with the implication that nothing is wrong! Actually, they have mitochondrial failure in the heart.

 

Effects on the Skin

If you shut down the blood supply to the skin, this has two main effects. The first is that the skin is responsible for controlling the temperature of the body. This means that CFS patients become intolerant of heat. If the body gets too hot then it cannot lose heat through the skin (because it has no blood supply) and the core temperature increases. The only way the body can compensate for this is by switching off the thyroid gland (which is responsible for the level of metabolic activity in the body and hence heat generation) and so one gets a compensatory underactive thyroid. This alone worsens the problems of fatigue.

The second problem is that if the micro-circulation in the skin is shut down, then the body cannot sweat. This is a major way through which toxins, particularly heavy metals, pesticides and volatile organic compounds are excreted. Therefore the CFS sufferer's body is much better at accumulating toxins, which of course further damage mitochondria.

 

Symptoms in Muscles

If the blood supply to muscles is impaired, then muscles quickly run out of oxygen when one starts to exercise. With no oxygen in the muscles the cells switch over to anaerobic metabolism, which produces lactic acid and it is this that makes muscles ache so much.

As well as the above problem, muscles in the CFS patient have very poor stamina because the mitochondria which supply them with energy are malfunctioning.

 

Symptoms in the Liver and Gut

Poor blood supply to the gut results in inefficient digestion, poor production of digestive juices and leaky gut syndrome. Leaky gut syndrome causes many other problems such as allergies, autoimmunity, malabsorption, etc., which further compound the problems of CFS.

If liver circulation is inadequate, this will result in poor detoxification, not just of heavy metals, pesticides and volatile organic compounds, but also toxins produced as a result of fermentation in the gut again further poisoning the mitochondria.

 

Effects on the Brain

In October 2007 I attended a conference sponsored by the late Dr John Richardson. A Canadian physician Dr Byron Hyde showed us some functional scans of the brains of CFS patients. If I had not known the diagnosis, I would have diagnosed strokes. This is because the blood supply to some area of the brain was so impaired. The default is temporary and with rest, blood supply recovers. However, this explains the multiplicity of brain symptoms suffered from, such as poor short term memory, difficulty multi-tasking, slow mental processing and so on. Furthermore, brain cells are not particularly well stocked with mitochondria and therefore they run out of energy very quickly.

 

Effects on the Heart

There are two effects on the heart. The first effect of poor micro-circulation to the heart is disturbance of the electrical conductivity which causes dysrhythmias. Many patients with chronic fatigue syndrome complain of palpitations, missed heart beats or whatever. This is particularly the case in patients with poisoning by chemicals since the chemicals are also directly toxic to nerve cells.

The second obvious result is poor exercise tolerance. Heart muscle fatigues in just the same way that other muscles fatigue. Symptomatically this causes chest pain and fatigue. In the longer term it can cause heart valve defects because the muscles which normally hold the mitral valve open also fatigue.

The difference between this type of heart failure and medically recognised congestive cardiac failure is that patients with CFS protect themselves from organ failure because of their fatigue symptoms. Patients with congestive cardiac failure initially do not get fatigue and often present with organ failures such as kidney failure or overt heart failure. At present I do not know why there is this difference.

This approach to treating Heart Disease is exactly the same regardlees of the conventionaol diagnosis.

So patients with angina, high blood pressure, heart failure, cardiomyopathy, some valve defects as well as patients with cardiac dysrhythmias also have mitochondrial problems and will respond in the same way to nutritional therapies and detox therapies.

 

Effects on Lung and Kidney

The lung and kidney are relatively protected against poor micro-circulation because they have the largest renin angiotensin system, which keeps the blood pressure up in these vital organs. Therefore clinically one does not see patients with kidney failure or pulmonary hypoperfusion in CFS.

 

Explanation of the Fatigue Problems in CFS Patients

Energy to the body is supplied by mitochondria, which firstly produce NAD (nicotinamide adenosine diphosphate) from Kreb's citric acid cycle and this is used to power oxidative phosphorylation which generates ATP (adenosine triphosphate). These molecules are the "currency" of energy in the body. Almost all energy requiring processes in the body have to be "paid for" with NAD and ATP, but largely ATP. The reserves of ATP in cells are very small. At any one moment in heart muscle cells there is only enough ATP to last about ten contractions. Thus the mitochondria have to be extremely good at re-cycling ATP to keep the cell constantly supplied with energy.

If the cell is not very efficient at re-cycling ATP, then the cell runs out of energy very quickly and this causes the symptoms of weakness and poor stamina. The cell literally has to "hibernate" and wait until more ATP has been manufactured.

In producing energy, ATP (three phosphates) is converted into ADP (two phosphates) and ADP is re-cycled back through mitochondria to produce ATP. However, if the cell is pushed (ie stressed) when there is no ATP about, then it will start to use ADP instead. The body can create energy from ADP to AMP (one phosphate), but the trouble is that AMP cannot be re-cycled. The only way that ADP can be regenerated is by making from fresh ingredients, but this takes days to do. This explains the delayed fatigue seen in chronic fatigue syndrome.

So to summarise, the basic pathology in CFS is slow re-cycling of ATP to ADP and back to ATP again. If patients push themselves and make more energy demands, then ADP is converted to AMP which cannot be recycled and it is this which is responsible for the delayed fatigue. This is because it takes the body several days to make fresh ATP from new ingredients. When patients overdo things and "hit a brick wall" this is because they have no ATP or ADP to function at all.

 

Implications for Treatment

Many patients I see get well with my standard work up with respect to vitamins and minerals, diet, pacing and sleep. However many need the specific package of supplements, to further support mitochondria which includes D-ribose, CoQ10, acetyl-l-carnitine, NAD, magnesium and B12 injections. All these things must be put in place to repair and prevent ongoing damage to mitochondria so allowing them to recover. For mitochondria to recover they need all the essential vitamins, minerals, essential fatty acids and amino acids to manufacture the cellular machinery to restore normal function. The mitochondrial function tests then allow us to identify lesions which can be corrected by attention to nutritional supplements, improving antioxidant status, detoxing, hyperventilation or whatever. CFS sufferers have limited reserves of physical, mental and emotional energy and this test allows us to direct those energies into the most fruitful line of approach.

Clinically the above issues mean that there are two clear stages of fatigue:

  1. Mild chronic fatigue syndrome - in mild fatigue there is mild failure of mitochondria. If mitochondria go slow then cells go slow. If cells go slow then organs go slow. The body will become generally less efficient. So for example somebody mildly affected would not be able to increase their fitness - if they try to exercise they would quickly switch into lactic acid metabolism and would be forced to stop. Indeed we now know that mitochondria are responsible for controlling the normal ageing process. Therefore many of the symptoms and diseases associated with ageing are actually the result of mitochondrial function declining. Indeed many of these ageing diseases have now been attributed to mitochondrial failure such as loss of tissues (loss of muscle bulk), organ failures, neurodegenerative conditions, heart disease and cancer. Many symptoms which are attributed to ageing are due to mitochondria. It is not that we can stop the mitochondria from ageing, but we can certainly slow it all down using good nutrition, good diet, freedom from toxic stress, healthy lifestyles and so on.
  2. Severe chronic fatigue syndrome - in severe chronic fatigue all the above factors apply. However, there is an additional problem. The most metabolically demanding organ in the body is the heart and if mitochondria cannot supply the heart with sufficient energy then the heart will go into a low output state. This compounds the problem of all mitochondria. If the heart is in a low output state then blood supply is poor and therefore the fuel and oxygen necessary for the engine to work are also impaired. So this compounds all the above problems and makes them proceed even more quickly and people end up with greater disability.

I suspect it is a combination of the underlying poor mitochondrial function, which then suddenly becomes critical when it comes to cardiac output, which precipitates a much more severe illness in someone who is already compromised.

 

Related Tests

Related Articles

External link

Sales at Dr Myhill ( http://www.salesatdrmyhill.co.uk/ ) stocks all the nutritional supplements I recommend.

Sarah Myhill Limited  :: Registered in England and Wales  :: Registration No. 4545198 
Registered Office: Upper Weston, Llangunllo, Knighton, Powys, Wales LD7 1SL, UK. Tel 01547 550331 | Fax 01547 550339

This page was last modified on 11 September 2014, at 15:23


Messaggio modificato da KIO, 11 dicembre 2014 - 15:34:41

KIO :)
 

#2 grazia73

grazia73

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.040 messaggi

Inviato 11 dicembre 2014 - 20:32:02

Grazie Kio, per favore non riusciresti a fare diciamo un riassunto in italiano? purtroppo il mio inglese è parecchio scadente....



#3 gabry

gabry

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 554 messaggi

Inviato 11 dicembre 2014 - 22:30:00

grazie kio, tramite il prof. genovesi io ho fatto questo esame  a  londra... mitochondrial  function profile " laboratorio acumen" per la cfs.

 

traduzione google

 

CFS - La Causa Centrale: Failure mitocondriale
 
articoli pubblicati
16 gennaio 2009 ha visto la pubblicazione di "sindrome da stanchezza cronica e disfunzione mitocondriale", i nostri carta (autori: Prof. Norman Booth della Oxford University, il dottor John McLaren-Howard di Acumen Laboratorio e me) la prova che presentano la sindrome da stanchezza cronica ha una base fisica. Il documento è stato pubblicato sull'International Journal of Medicina Clinica e Sperimentale. Il testo integrale del documento si può accedere cliccando su questo link "Sindrome da Fatica Cronica e Disfunzione mitocondriale" (http: //www.ijcem.com...IJCEM812001.pdf)
Fin dalla sua pubblicazione originale, il nostro articolo è anche ora apparso su PubMed, che è l'archivio digitale gratuito della letteratura biomedica e scienze della vita ufficiale ospitata dal National Institutes of Health. La carta si può accedere tramite questo link. http: //www.ncbi.nlm....les/PMC2680051/
La nostra seconda carta, Disfunzione mitocondriale e la fisiopatologia della Encefalomielite mialgica / sindrome da stanchezza cronica (ME / CFS) (http: //www.ijcem.com...JCEM1204005.pdf) dagli stessi tre autori, è stato pubblicato nel giornale internazionale di Medicina Clinica e Sperimentale, il 30 giugno 2012.
Novembre 2012 ha visto la pubblicazione del nostro terzo documento intitolato "Targeting disfunzione mitocondriale nel trattamento di Encefalomielite mialgica / sindrome da stanchezza cronica (ME / CFS) - un audit clinico". Il testo integrale del documento è disponibile sul sito del Journal (http: //www.ijcem.com...JCEM1207003.pdf)
introduzione
Penso che questa sia una delle dispense più importanti che abbia mai prodotto in termini di mia comprensione di CFS e cosa fare al fine di recuperare! Quindi, per favore leggere questo molto attentamente e più volte nel corso perché per molti malati che contiene le chiavi per sbloccare la loro malattia!
Una analogia molto utile è pensare al corpo come una macchina. Che fornisce l'energia e la forza per fare quel lavoro macchina è il motore. Efficacemente mitocondri sono i motori delle nostre cellule - forniscono l'energia necessaria per tutti i processi cellulari di prendere posto.
Siamo fatti da un sacco di cellule diverse - il cuore, il sangue, le cellule nervose muscolari ecc Tutte queste cellule sono diverse, perché tutti hanno un diverso lavoro di lavoro da fare. Per fare questo lavoro di lavoro richiede energia. Ma il modo in cui viene fornita l'energia è la stessa per ogni cellula del corpo. Infatti tutti gli animali condividono lo stesso sistema. I mitocondri nel mio cane, il mio gatto e il mio cavallo è esattamente uguale al mio. I mitocondri sono una unità biologica comune in tutto il regno animale. L'energia viene fornita alle cellule di mitocondri che penso a come piccoli motori che alimentano ogni cellula del corpo.
 
Sindrome da stanchezza cronica è il sintomo causato da insufficienza mitocondriale
Il lavoro di mitocondri è di fornire energia sotto forma di ATP (adenosina trifosfato). Questa è la valuta universale di energia. Può essere utilizzato per tutti i tipi di lavori biochimici da contrazione muscolare alla produzione di ormoni. Quando mitocondri falliscono, questo si traduce in scarsa fornitura di ATP, così cellule andare lento perché non hanno la fornitura di energia per funzionare a una velocità normale. Questo significa che tutte le funzioni corporee andare lento.
 
Ogni cellula del corpo può essere influenzata
Quanto segue spiega cosa accade all'interno di ogni cellula:
ATP (3 fosfati) viene convertito in ADP (2 fosfati) con il rilascio di energia per il lavoro. ADP passa nei mitocondri, dove l'ATP è rifatto dalla fosforilazione ossidativa (cioè un gruppo fosfato è bloccato su). ATP ricicla circa ogni 10 secondi in una persona normale - se questo va lento, allora la cellula va lento e quindi la persona va lento e clinicamente ha scarsa capacità di resistenza cioè CFS.
I problemi sorgono quando il sistema è sottolineato. Se il malato CFS richiede energia più velocemente di quanto può conferirlo, (e in realtà la maggior parte dei malati di CFS stanno facendo la maggior parte del tempo!) ATP viene convertito in ADP più velocemente di quanto può essere riciclato. Ciò significa che vi è un accumulo di ADP. Alcuni ADP è inevitabilmente deviato in adenosina monofosfato (AMP -1 fosfato). Ma questo crea un vero problema, anzi un disastro metabolico, perché AMP, largamente parlando, non può essere riciclato e si perde nelle urine.
Infatti questa è la base biologica della scarsa resistenza. Si può andare solo alla velocità con cui i mitocondri possono produrre ATP. Se mitocondri vanno lento, stamina è scarsa.
Se i livelli di ATP goccia a seguito della fuoriuscita di AMP, il corpo deve poi fare nuova ATP. ATP può essere fatto molto rapidamente da uno zucchero D-ribosio, ma D-ribosio è fatto solo lentamente dal glucosio (tramite il esosomonofosfati per quei biochimici intelligenti là fuori!). Questo richiede da uno a quattro giorni. Quindi questa è la base biologica per la stanchezza in ritardo.
Tuttavia, vi è un altro problema. Se il corpo è molto breve di ATP, si può fare una piccola quantità di ATP direttamente dal glucosio convertendolo in acido lattico. Questo è esattamente ciò che molti malati di CFS fanno e in effetti sappiamo che i malati di CFS facilmente passare in metabolismo anaerobico. Tuttavia questo comporta due problemi gravi - acido lattico si rapidamente soprattutto in muscoli per causare dolore, pesantezza, dolori e dolore ("burn lattico"), dall'altro non glucosio è disponibile al fine di rendere D-ribosio! Quindi nuovo ATP non può essere fatto facilmente quando si è davvero malandato. Il recupero richiede giorni!
Quando i mitocondri funzionano bene, come la persona che riposa dopo lo sforzo, l'acido lattico è rapidamente riconvertito in glucosio (via-piruvato) e la masterizzazione lattico scompare. Ma questo è un processo che richiede energia! Glucosio ad acido lattico produce due molecole di ATP per il corpo da usare, ma il processo inverso richiede sei molecole di ATP. Se non c'è ATP disponibili, e questo è ovviamente ciò accade come mitocondri falliscono, allora l'acido lattico può persistere per molti minuti, o addirittura ore causando grande dolore. (per i biochimici, questo processo inverso avviene nel fegato e viene chiamato il ciclo Cori).
 
Pacchetto Trattamento per mitocondri mancanza
La base biologica di trattamento è quindi spiegato:
Pace - non utilizzare l'energia più velocemente di quanto i vostri mitos possono fornirla.
Feed the mitocondri - fornire la materia prima necessaria per i mitocondri di guarire se stessi e lavorare in modo efficiente. Questo significa che l'alimentazione dei mitos correttamente in modo che possano guarire e riparare.
Affrontare le cause di fondo del perché i mitocondri sono stati danneggiati. Questo deve essere messo anche in atto per evitare danni in corso per Mitos. In ordine di importanza ciò comporta:
Attività di stimolazione per evitare eccessivo stress a Mitos
Ottenere ottimo sonno in modo Mitos possono riparare
Ottima nutrizione in relazione a:
prendere una buona gamma di integratori di micronutrienti
stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue
identificare le allergie agli alimenti
Disintossicante per scaricare i metalli pesanti, pesticidi, farmaci, veleni sociali (alcol, tabacco, ecc) e composti organici volatili, tutti di che Mitos veleno.
Affrontare il problema comune di iperventilazione
Affrontare il danno secondario causato da insufficienza mitocondriale, come disturbi del sistema immunitario con conseguente allergie e malattie autoimmuni, scarsa funzione digestiva, fallimento della ghiandola dell'ormone, lenta disintossicazione del fegato.
Ed ora un po 'di buone notizie! AMP può essere riciclato, ma lentamente. È interessante notare, l'enzima che fa questo (AMP ciclico) viene attivato dalla caffeina! Così il perfetto pick-me-up per i malati di CFS potrebbe essere un vero e proprio caffè organico nero con un cucchiaino di D-ribosio!
Tutti gli integratori alimentari che compongono il pacchetto nutrizionale di base, oltre a fornire un sostegno specifico per la funzione mitocondriale può essere acquistato nel mio negozio on line - si prega di visitare le sezioni del negozio pacchetto di base (http: //www.salesatdr...tential-2-c asp) e miglioramento energetico - mitocondriale supporto, surrene e tiroide (http: //www.salesatdr...upport-16-c.asp).
 
Un test Vital in sindrome da affaticamento cronico
Il problema centrale della sindrome da affaticamento cronico è fallita mitocondriale conseguente scarsa produzione di ATP. ATP è la valuta di energia nel corpo e se la produzione di questo è compromessa, allora tutti i processi cellulari andrà lenta. Non è abbastanza buono per misurare i livelli assoluti di ATP in cellule in quanto questo sarà semplicemente riflette quanto bene riposati il malato è. Il test è ideale per misurare la velocità di ATP viene riciclato in cellule e questo test è stato sviluppato da John McLaren Howard. Lui lo chiama "profili ATP". È un test di funzionalità mitocondriale.
Non solo questo test misura la velocità con cui l'ATP è fatto, ma esamina anche dove sta il problema. Produzione di ATP è fortemente dipendente dallo stato di magnesio e la prima parte degli studi prova questo aspetto.
Il secondo aspetto della prova misura l'efficienza con cui l'ATP è costituito da ADP. Se questo è anormale allora questo potrebbe essere a causa della carenza di magnesio, di bassi livelli di coenzima Q10, bassi livelli di vitamina B3 (NAD) o di acetil L-carnitina.
La terza possibilità è che la proteina che trasporta l'ATP e ADP attraverso la membrana mitocondriale è compromessa e questo è anche misurato.
La gioia dei profili di prova ATP è che ora abbiamo una prova oggettiva della sindrome da stanchezza cronica, che mostra chiaramente questa malattia ha una base fisica. Questo test dimostra chiaramente che la terapia cognitivo-comportamentale, esercizio assortite e anti-depressivi sono irrilevanti per affrontare la causa principale di questa malattia.
Per avere un quadro completo vi consiglio di combinare questo test con i livelli di misura di coenzima Q10, SODase, glutatione perossidasi, L-carnitina, NAD e DNA cell-free. Cellulare DNA libero è molto utile perché riflette la gravità della malattia. Quando le cellule sono danneggiate e muoiono, rilasciano il loro contenuto nel flusso sanguigno - cellulari gratis misure DNA la misura di questo danno. I livelli che ritornano sono simili a quelli di pazienti sottoposti a infezioni gravi, trauma, chirurgia o chemioterapia - quindi questo test mette saldamente CFS nei regni di maggiore patologia organica. SODase è un importante antiossidante che asciuga i radicali liberi prodotti in tutte le reazioni chimiche inefficienti nelle cellule. Dr John McLaren-Howard ha recentemente messo a punto un test di siero di L-carnitina e reso disponibile nel settembre 2009. Ci sono già inclusi nel mitocondriale Profile Function (http: //www.drmyhill....unction_Profile).
Per le modalità di processo di ordinazione e di pagamento, si prega di vedere Ordinazione Test (http: //www.drmyhill..../Ordering_Tests).
Un altro importante cofattore nella produzione di energia nelle cellule è D-ribosio. È usato così rapidamente dalle cellule che i livelli di misura è inutile, ma bassi livelli di ATP implica bassi livelli di D-ribosio.
 
CFS è bassa gittata cardiaca secondaria a disfunzione dei mitocondri
Due documenti sono venuti a mio avviso di recente che fanno grande senso di entrambe le mie osservazioni cliniche e anche l'idea che la CFS è un sintomo di insufficienza mitocondriale. I due sintomi la mia ricerca in CFS per fare la diagnosi è innanzitutto molto scarsa capacità di resistenza e di fatica in secondo luogo in ritardo. Penso che ora posso spiegare queste in termini di ciò che sta accadendo all'interno delle cellule e gli effetti sui principali organi del corpo (soprattutto il cuore). Ancora più importante, ci sono importanti implicazioni per un test per la CFS e di gestione dei corsi e di recupero.
Se mitocondri (i piccoli motori presenti all'interno di ogni cellula del corpo) non funzionano correttamente, quindi la fornitura di energia ad ogni cellula del corpo sarà compromessa. Questo include cuore. Molti dei sintomi di CFS potrebbe essere spiegata da insufficienza cardiaca, perché il muscolo cardiaco non può funzionare correttamente. Cardiologi e altri medici sono usati per trattare con insufficienza cardiaca a causa della scarsa fornitura di sangue al cuore stesso. In CFS l'insufficienza cardiaca è causata da funzione muscolare poveri e quindi strettamente parlando è una cardiomiopatia. Ciò significa che la funzione del cuore sarà molto anomala, ma i test tradizionali di insufficienza cardiaca, come ECG, ECHO, angiograms etc, sarà normale.
Grazie al lavoro del Dr. Arnold Peckerman (vedi qui http: //www.name-us.o...danceCardio.pdf) ora sappiamo che la gittata cardiaca nei pazienti con CFS è compromessa. Inoltre il livello di compromissione correla strettamente al livello di disabilità nei pazienti. Dr Peckerman è stato chiesto dal National Institutes of Health di sviluppare un test per la CFS, al fine di aiutarli a valutare il livello di disabilità nei pazienti che beneficiano di prestazioni di sicurezza sociale. Peckerman è un cardiologo e sulla base del fatto che i pazienti CFS soffrono la pressione sanguigna bassa, basso volume del sangue e difetti di perfusione, ha ipotizzato pazienti CFS erano in insufficienza cardiaca Per verificare questa se ne uscì con Q punteggi.
"Q" sta per la gittata cardiaca in litri al minuto e questo può essere misurata con un metodo assolutamente non invasivo chiamato Impedenza Cardiografia. Questo permette di misurare con precisione la gittata cardiaca, misurando l'impedenza elettrica attraverso la parete toracica. Quanto maggiore è il flusso di sangue meno l'impedenza. Questo può essere regolata in base al petto e corpo dimensioni per produrre una misurazione affidabile (questo viene fatto utilizzando un algoritmo standard). È importante fare questo test quando supina e di nuovo in posizione verticale. Questo perché la gittata cardiaca in soggetti sani varia da 7 litri al minuto quando si sta sdraiati a 5 litri al minuto in piedi. Nelle persone sane questo calo non è sufficiente per influenzare la funzione. Ma nel CFS soffre il calo potrebbe essere da 5 litri sdraiata a 3,5 litri in piedi. A questo livello il malato ha una gittata cardiaca che causa insufficienza d'organo borderline. Ci sono altri documenti concernenti Cardiovascolare / circolatorio Ricerca e CFS / ME a NAME-US.org http: //www.name-us.o...Circulatory.htm.
Questo spiega perché CFS pazienti si sentono molto meglio sdraiati. Hanno gittata cardiaca accettabile sdraiato, ma in piedi sono in cuore borderline e insufficienza d'organo. CFS è quindi il sintomo che impedisce al paziente sviluppare scompenso cardiaco completo. In realtà, tutti si sentono più riposati quando sono seduti con i piedi! Il subconscio ha calcolato che il cuore deve lavorare meno duro quando si è seduti con i piedi in su - in modo da farlo perché ci sentiamo più a suo agio!
 
Bassa gittata cardiaca spiega i sintomi di CFS
Il lavoro del cuore è quello di mantenere la pressione sanguigna. Se la pressione del sangue scende, gli organi cominciano a fallire. Se il cuore funziona adeguatamente come pompa allora l'unico modo pressione sanguigna può essere sostenuta è arrestando apporto di sangue agli organi. Organi vengono arrestati in termini di priorità, cioè la pelle prima, poi muscoli, seguito da fegato, intestino, cervello e infine cuore, polmone e rene. Poiché questi sistemi di organi chiusi, questo crea ulteriori problemi per il corpo in termini di sovraccarico tossico, suscettibilità a virus che mitocondri danno ulteriormente, aggravando in tal modo tutti i problemi del malato CFS. Questo si chiama POTS sindrome di tachicardia posturale ortostatica o POTS (http: //www.drmyhill....yndrome_or_POTs)
Il dottor Paul Cheney ha esplorato ulteriormente con il suo lavoro con la gittata cardiaca in CFS - vedere il dottor Cheney sulla funzione cardiaca (http: //www.drmyhill...._heart_function)
 
dolore toracico
Questo è un sintomo comune in CFS. Risultati dolore al torace quando la consegna energia ai muscoli è compromessa. C'è un interruttore per il metabolismo anaerobico, acido lattico viene prodotto e ciò comporta il sintomo di angina. I medici riconoscono una causa cioè scarso afflusso di sangue, vale a dire la fornitura di combustibile e ossigeno è ostacolato. Tuttavia questo combustibile e ossigeno deve essere convertito in ATP dai mitocondri, quindi se questo è lento, lo stesso sintomo di angina risulterà.
Una molecola di zucchero, quando bruciato aerobicamente dai mitocondri, produrrà 36 molecole di ATP. In metabolismo anaerobico, solo 2 molecole di ATP vengono prodotti. Questo è molto inefficiente e acido lattico si accumula rapidamente. Il problema è che per convertire l'acido lattico torna allo zucchero (piruvato) sono necessari 6 molecole di ATP (ciclo Cori). Così nel CFS il dolore al torace è più duratura, perché questa conversione schiena è così lento. Clinicamente questo non sembra tipica angina. Molti pazienti sono detto che hanno dolore atipico petto con l'implicazione che non c'è nulla di sbagliato! In realtà, hanno insufficienza mitocondriale nel cuore.
 
Effetti sulla pelle
Se si arresta l'afflusso di sangue alla pelle, questo ha due effetti principali. Il primo è che la pelle è responsabile del controllo della temperatura del corpo. Ciò significa che i pazienti CFS diventano intolleranti di calore. Se il corpo diventa troppo caldo, allora esso non può perdere calore attraverso la pelle (perché non ha apporto di sangue) e la temperatura interna aumenta. L'unico modo in cui il corpo può compensare questa è disinserendo la tiroide (che è responsabile per il livello di attività metabolica nella generazione di calore corpo e quindi) e così si ottiene una tiroide compensativa. Questo solo peggiora i problemi di affaticamento.
Il secondo problema è che, se il micro-circolazione nella pelle è spento, allora il corpo non può sudore. Questo è un modo importante attraverso il quale le tossine, metalli particolarmente pesanti, pesticidi e composti organici volatili sono escreti. Pertanto il corpo del malato CFS è molto meglio a tossine si accumulano, che ovviamente ulteriori mitocondri danno.
 
Sintomi in Muscoli
Se l'afflusso di sangue ai muscoli è compromessa, quindi muscoli esauriscono rapidamente le ossigeno quando si comincia a esercitare. Con ossigeno nei muscoli cellule passare al metabolismo anaerobico, che produce acido lattico e è questa che rende muscoli fanno male così tanto.
Oltre al problema di cui sopra, i muscoli nel paziente CFS hanno molto scarsa resistenza perché i mitocondri che le alimentano energia sono malfunzionamento.
 
I sintomi del fegato e nell'intestino
Poor afflusso di sangue ai risultati di budello nella digestione inefficiente, scarsa produzione di succhi digestivi e sindrome di permeabilità intestinale. Sindrome di permeabilità intestinale provoca molti altri problemi come allergie, malattie autoimmuni, malassorbimento, ecc, che aggravano ulteriormente i problemi della CFS.
Se la circolazione fegato è insufficiente, questo si tradurrà in scarsa disintossicazione, non solo di metalli pesanti, pesticidi e composti organici volatili, ma anche tossine prodotte come risultato della fermentazione nell'intestino nuovo ulteriore avvelenamento mitocondri.
 
Effetti sul cervello
Nell'ottobre 2007 ho partecipato ad un convegno promosso dal compianto Dr. John Richardson. Un medico canadese Dr Byron Hyde ci ha mostrato alcune scansioni funzionali del cervello di pazienti con CFS. Se non avessi conosciuto la diagnosi, avrei colpi diagnosticati. Questo perché l'afflusso di sangue ad una certa zona del cervello era così compromessa. Il valore predefinito è temporaneo e con il riposo, apporto di sangue recupera. Tuttavia, questo spiega la molteplicità dei sintomi cerebrali subiti da, come la scarsa memoria a breve termine, difficoltà di multi-tasking, elaborazione mentale lenta e così via. Inoltre, le cellule cerebrali non sono particolarmente ben fornito con i mitocondri, e quindi a corto di energia molto rapidamente.
 
Effetti sul cuore
Ci sono due effetti sul cuore. Il primo effetto della scarsa microcircolazione al cuore è disturbo della conducibilità elettrica che provoca aritmie. Molti pazienti con sindrome da stanchezza cronica lamentano di palpitazioni, battiti cardiaci perse o qualsiasi altra cosa. Questo è particolarmente il caso in pazienti con intossicazione da sostanze chimiche in quanto le sostanze chimiche sono anche direttamente tossici per le cellule nervose.
Il secondo risultato ovvio è scarsa tolleranza all'esercizio fisico. Fatiche muscolari del cuore in soli stesso modo in cui altri muscoli fatica. Sintomaticamente questo provoca dolore al petto e la fatica. A più lungo termine può causare difetti delle valvole cardiache, perché i muscoli che tengono normalmente la valvola mitrale aperta anche la stanchezza.
La differenza tra questo tipo di scompenso cardiaco e insufficienza cardiaca congestizia riconosciute in ambito medico è che i pazienti con CFS proteggersi da insufficienza d'organo a causa dei loro sintomi di affaticamento. I pazienti con insufficienza cardiaca congestizia inizialmente non ottengono la fatica e si presentano spesso con fallimenti di organi come l'insufficienza renale o insufficienza cardiaca conclamata. Al momento non so perché ci sia questa differenza.
Questo approccio al trattamento della malattia di cuore è esattamente gli stessi regardlees della diagnosi conventionaol.
Così i pazienti con angina, ipertensione, insufficienza cardiaca, cardiomiopatia, alcuni difetti delle valvole così come i pazienti con aritmie cardiache hanno anche problemi mitocondriali e risponderanno allo stesso modo per le terapie nutrizionali e terapie di disintossicazione.
 
Effetti sulla polmone e rene
Il polmone e rene sono relativamente protetti contro scarsa micro-circolazione perché hanno il più grande sistema renina angiotensina, che mantiene la pressione del sangue in questi organi vitali. Pertanto clinicamente non si vede i pazienti con insufficienza renale o ipoperfusione polmonare in CFS.
 
Spiegazione dei Problemi Fatica in CFS pazienti
Energia al corpo è fornita da mitocondri, che producono un lato NAD (nicotinamide adenosina difosfato) dal ciclo dell'acido citrico di Krebs e questo viene utilizzato per la fosforilazione ossidativa potenza che genera ATP (adenosina trifosfato). Queste molecole sono "valuta" di energia nel corpo. Quasi tutti i processi energetici che richiedono nel corpo devono essere "pagati" con NAD e ATP, ma in gran parte ATP. Le riserve di ATP nelle cellule sono molto piccole. In qualsiasi momento, in cellule del muscolo cardiaco c'è solo abbastanza ATP per durare una decina di contrazioni. Così i mitocondri devono essere estremamente buono a riciclo ATP per mantenere la cella costantemente riforniti di energia.
Se la cella non è molto efficiente nel riciclaggio ATP, allora la cella esaurisce di energia molto rapidamente e questo provoca i sintomi di debolezza e scarsa resistenza. La cellula ha letteralmente "letargo" e attendere che più ATP è stato fabbricato.
Nel produrre energia, ATP (tre fosfati) viene convertito in ADP (due fosfati) e ADP è riciclata indietro attraverso mitocondri per la produzione di ATP. Tuttavia, se la cella è spinto (cioè sottolineato) quando non c'è ATP circa, poi si inizia ad utilizzare invece ADP. Il corpo può creare energia da ADP ad AMP (un fosfato), ma il guaio è che AMP non può essere riciclato. L'unico modo che ADP può essere rigenerato è facendo con ingredienti freschi, ma questo richiede giorni per fare. Questo spiega la fatica ritardo visto nella sindrome da stanchezza cronica.
Quindi, per riassumere, la patologia di base in CFS è ancora lenta riciclaggio di ATP a ADP e di nuovo a ATP. Se i pazienti si spingono e rendono più richieste di energia, allora ADP viene convertito in AMP che non possono essere riciclati e è questa che è responsabile per la fatica ritardata. Questo perché il corpo impiega diversi giorni per produrre ATP fresco di nuovi ingredienti. Quando i pazienti strafare e "ha colpito un muro di mattoni" questo è perché non hanno ATP o ADP a funzionare affatto.
 
Implicazioni per il trattamento
Molti pazienti che vedo arrivare bene con il mio lavoro standard in crescita rispetto a vitamine e minerali, la dieta, la stimolazione e il sonno. Tuttavia molti bisogno pacchetto specifico di integratori, ad ulteriori mitocondri di sostegno che comprende D-ribosio, CoQ10, acetil-L-carnitina, NAD, magnesio e B12 iniezioni. Tutte queste cose devono essere messe in atto per riparare e prevenire danni in corso di mitocondri in modo da consentire loro di recuperare. Per mitocondri di recuperare di cui hanno bisogno tutte le vitamine essenziali, minerali, acidi grassi essenziali e aminoacidi per produrre il macchinario cellulare per ripristinare la normale funzione. I test di funzionalità mitocondriale poi ci permettono di identificare le lesioni che possono essere corretti attenzione ai supplementi nutrizionali, migliorare lo stato antiossidante, disintossicante, iperventilazione o qualsiasi altra cosa. Malati di CFS hanno riserve limitate di energia fisica, mentale ed emotiva e questo test ci permette di dirigere quelle energie nella linea più fecondo di approccio.
Clinicamente le questioni di cui sopra significa che ci sono due evidenti fasi di stanchezza:
Lieve sindrome da stanchezza cronica - in lieve affaticamento c'è fallimento mite dei mitocondri. Se i mitocondri vanno lento quindi cellule andare lento. Se le cellule vanno lento quindi organi andare lento. Il corpo diventerà generalmente meno efficienti. Così, per esempio qualcuno leggermente influenzato, non sarebbe in grado di aumentare la loro idoneità - se cercano di esercitare avrebbero passare rapidamente in metabolismo acido lattico e sarebbero costretti a fermarsi. Infatti ora sappiamo che i mitocondri sono responsabili del controllo il normale processo di invecchiamento. Pertanto, molti dei sintomi e malattie associate con l'invecchiamento sono in realtà il risultato della funzione mitocondriale in declino. Infatti molte di queste malattie di invecchiamento sono state ora attribuita al fallimento mitocondriale come la perdita dei tessuti (perdita di massa muscolare), fallimenti organo, patologie neurodegenerative, le malattie cardiache e il cancro. Molti sintomi che sono attribuiti all'invecchiamento sono causa di mitocondri. Non è che possiamo fermare i mitocondri da invecchiamento, ma possiamo certamente rallentare il tutto con una buona alimentazione, buona dieta, la libertà dallo stress tossico, stili di vita sani e così via.
Grave sindrome da stanchezza cronica - in grave stanchezza cronica si applicano tutti i fattori di cui sopra. Tuttavia, vi è un ulteriore problema. L'organo più metabolicamente esigenti nel corpo è il cuore e se i mitocondri non possono fornire il cuore con energia sufficiente allora il cuore andrà in uno stato di uscita bassa. Questo aggrava il problema di tutti i mitocondri. Se il cuore è in uno stato di uscita bassa allora apporto di sangue è scarsa e quindi sono anche compromesse combustibile e ossigeno necessaria per il motore opera. Quindi questo aggrava tutti i problemi di cui sopra e li rende procedere ancora più rapidamente e la gente finisce con maggiore disabilità.
Sospetto che è una combinazione della funzione mitocondriale poveri sottostante, che poi diventa improvvisamente critico quando si tratta di gittata cardiaca, che precipita una malattia molto più grave in qualcuno che è già compromessa.
 
Test correlati
Mitocondriale Profilo Funzione - http: //www.drmyhill....unction_Profile
articoli correlati
"Stress ossidativo mitocondriale e Injury in condizioni Multisymptom croniche: dalla guerra del Golfo Malattia di Autism Spectrum Disorder" - un nuovo interessante articolo pubblicato su Nature Precedings 2012. (http: //www.drmyhill....jury_in_CMC.pdf)
ME internazionale Consensus Primer per Medici Specialisti (http: //www.drmyhill....-ICC-Primer.pdf) è stato appena pubblicato on-line (ottobre 2012) dal Encefalomielite mialgica (ME) Gruppo internazionale Consensus. Questa è la pratica clinica compagna di un'altra pubblicazione importante dal gruppo internazionale di Consensus. Nell'ottobre 2011 il gruppo di esperti pubblicato sul Journal of Internal Medicine encefalomielite mialgica: Criteri internazionali di consenso (http: //www.drmyhill....US-CRITERIA.pdf).
link esterno
Vendite a Dr Myhill (http://www.salesatdrmyhill.co.uk/) Le scorte di tutti i supplementi nutrizionali raccomando.
Sarah Myhill limitata :: registrata in Inghilterra e Galles :: Registration No. 4545198
Sede legale: Upper Weston, Llangunllo, Knighton, Powys, Galles LD7 1SL, UK. Tel 01547 550331 | Fax 01547 550339
Questa pagina è stat


#4 KIO

KIO

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 650 messaggi
  • Gender:Female
  • Location:Svizzera - Ticino

Inviato 12 dicembre 2014 - 01:53:23

Grazie Gabry, stavo per proporre la stessa cosa a Grazia... ;)

 

Grazia non è nelle mie facoltà riassumere cose del tipo: 

"Quindi, per riassumere, la patologia di base in CFS è ancora lenta riciclaggio di ATP a ADP e di nuovo a ATP. Se i pazienti si spingono e rendono più richieste di energia, allora ADP viene convertito in AMP che non possono essere riciclati e è questa che è responsabile per la fatica ritardata. Questo perché il corpo impiega diversi giorni per produrre ATP fresco di nuovi ingredienti. Quando i pazienti strafare e "ha colpito un muro di mattoni" questo è perché non hanno ATP o ADP a funzionare affatto."

Non ce la faccio, mi supera... e neppure io so l'inglese, ma a furia di usare traduttori automatici ho cominciato perlomeno a capire quel che dicono loro, si sviluppa un 6° senso dopo un po' :D

 

Gabry volevo appunto chiederti se era tra gli esami "foresti" che ahi fatto, grazie della precisazione!


KIO :)
 

#5 gabry

gabry

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 554 messaggi

Inviato 12 dicembre 2014 - 07:05:06

kio, penso che qui in italia un esame uguale non arriverà mai.... sarebbe troppo semplice e di esclusione di altre patologie,  da quello che ho capito non viene riconosciuto e lo conoscono in pochi, non so in svizzera cosa ne pensino.

comunque è servito a me per capire (dopo la spiegazione del medico e traduttore google  perchè è tutto in inglese) e al medico per le cure..

poi però come ormai hai capito anche te.. non c'è solo questo problema... comunque nel mio caso l'erhlers danlos e cfs convivono insieme...

buona giornata



#6 grazia73

grazia73

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.040 messaggi

Inviato 12 dicembre 2014 - 21:10:41

Grazie mille a Gabry e anche a te Kio!



#7 KIO

KIO

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 650 messaggi
  • Gender:Female
  • Location:Svizzera - Ticino

Inviato 13 dicembre 2014 - 19:00:00

kio, penso che qui in italia un esame uguale non arriverà mai.... sarebbe troppo semplice e di esclusione di altre patologie,  da quello che ho capito non viene riconosciuto e lo conoscono in pochi, non so in svizzera cosa ne pensino.

comunque è servito a me per capire (dopo la spiegazione del medico e traduttore google  perchè è tutto in inglese) e al medico per le cure..

poi però come ormai hai capito anche te.. non c'è solo questo problema... comunque nel mio caso l'erhlers danlos e cfs convivono insieme...

buona giornata

Sulla situazione qua... hem ne so poco! In genere evito perché col tedesco sono messa male (strano eh? il tedesco l'ho studiato un pochino ma ci arrivo solo se sono a fuoco, l'inglese non l'ho mai studiato e ci arrivo anche se sono fusa). Ho provato a cercare "atp adp amp me/CFS" nelle pagine svizzere e ne trovo tante, o sono malati che ne parlano o sono studi delle varie uni svizzere. Poi sono finita sulle metodiche di laboratorio e mi vien da chiedere se non è che i labor della Dr Myhill lo sappiano fare meglio già che lo continuano a fare.

Non so come siamo messi qua! 

Chiedo a un medico di Malattie Rare se conosce qualcuno che mi segua per la ME/CFS e mi dà 5 nomi: 4 in Italia (e li conosciamo tutti qua) e uno in Svizzera. Vado da quello in Svizzera "Ormai non seguo più i malati ME/CFS" 

Chiedo al medico di base un esame che consiglia Byron Hyde, medico entusiasta trova logico l'esame e si informa: La Svizzera l'ha tolto dall'offerta sanitaria

Una amica malata ME/CFS mi manda un sms col nome di uno psi a Lugano dicendo che è bravo e crede molto alla ME/CFS. Chiedo perché me lo manda (pure lei crede poco all'interpretazione psi della malattia) risposta, "ma tanto la ME/CFS in Svizzera è finita sotto psicosomatica, uno psi ti conviene averlo" :D

E in base a quel che giustamente scrivi, altro dubbio: avessi la letterina della dr Sarah Myhill a chi la do affinché serva a qualcosa???

 

e... Gabry non affliggerti per la combinazione CFS EDS! sapessi quanti Cfssini hanno scoperto di avere anche altre malattie o genetiche o autoimmuni! Non ci facciamo mancare nulla! Coraggio! <3


Messaggio modificato da KIO, 13 dicembre 2014 - 19:03:52

KIO :)
 

#8 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 16 gennaio 2015 - 01:18:03

Kio,ed altri amici del forum,ho trovato trai miei appunti vecchiotti una parte di discussione a cavallo tra cfsitalia e salutemed,dove c'è ben tradotto in italiano,dalla grande amica del forum Danis, il discorso della dr Sarah Myhill in relazione al discorso mitocondriale e test del profilo mitocondriale.Ti aggiungo solo una cosa,il discorso del cAMP non è positivo a tutte le età,il problema di queste patologie stà proprio in questo,differiscono,almeno in teoria in base all'età dei pazienti,stesso discorso con i recettori del glutammato e a cascata di quelli del gaba.Infatti in un primo momento per migliorare la memoria si pensava di premere sul pedale del 2°messaggero cAmp,poi si è scoperto che proprio il troppo cAMP nei pazienti adulti,crea i problemi cognitivi di comunicazioni tra i neuroni,ma di questo l'ho approfondito a suo tempo nel mio topic.Romy

 

Ti metto tutta la traduzione della dottoressa Sarah Myhill:La CFS è un'insufficienza cardiaca a bassa gittata secondaria ad una insufficienza Mitocondriale.

 

LA CFS È UN’INSUFFICIENZA CARDIACA A BASSA GITTATA SECONDARIA AD UNA INSUFFICIENZA MITOCONDRIALE.

Giugno 2006
Penso che questo sia uno degli articoli più importanti che io abbia mai prodotto sulla mia conoscenza della CFS e su ciò che si deve fare per guarire! Perciò leggetelo molto attentamente e più volte perché per molti pazienti questo contiene la chiave per dischiudere la loro malattia.

Introduzione-Cos’è la Sindrome della Fatica Cronica

Noi siamo fatti di molte cellule diverse – cardiache, sanguigne, muscolari, nervose, etc. Tutte queste cellule sono diverse perché hanno tutte un diverso lavoro o funzione da svolgere. Fare questo lavoro richiede energia. Ma il modo nel quale l’energia è fornita è lo stesso per ogni cellula del corpo. In effetti, tutti gli animali condividono lo stesso sistema. I mitocondri del mio cane, del mio gatto e del mio cavallo sono uguali ai miei. I Mitocondri sono un’entità biologica comune nel regno animale. L’energia è fornita alle cellule dai mitocondri ai quali io penso come a piccoli motori che potenziano ogni cellula del corpo.

La sindrome della fatica cronica è il sintomo causato da una insufficienza mitocondriale.
La funzione svolta dai mitocondri è di fornire energia nella forma dell’ATP (adenosine trifosfato). Questo è la valuta corrente universale dell’energia. Può essere usato per tutti i tipi di funzioni biochimiche, dalla contrazione muscolare alla produzione di ormoni. Quando vi è insufficienza mitocondriale ciò causa una carenza nella fornitura di ATP, perciò le cellule vanno a rilento perché non hanno la fornitura di energia necessaria per funzionare ad una velocità normale. Ciò significa che tutte le funzioni del corpo vanno a rilento.

In effetti, questa è la base biologica per la carenza di resistenza. Uno può andare soltanto alla velocità nella quale i mitocondri possono produrre ATP. Se i mitocondri vanno a rilento, la resistenza è scarsa.

La sindrome della fatica cronica quindi è un sintomo di una insufficienza mitocondriale ed ogni cellula del corpo può esserne affetta.
Processi biochimici coinvolti nella produzione di energia

I seguenti cicli illustrano ciò che accade all’interno di ogni cellula:

L’ATP (adenosin-trifosfato) è convertito in ADP (adenosin-difosfato) con rilascio di energia per la reazione. L’ADP passa dentro il mitocondrio dove l’ATP viene riformato attraverso la fosforilazione ossidativi (cioè viene legato un gruppo fosfato). L’ATP viene riformato circa ogni 10 secondi in una persona sana- se questo processo è più lento allora le cellule vanno a rilento e così la persona va a rilento e clinicamente presenta una scarsa resistenza, cioè la CFS.

I problemi insorgono quando il sistema è stressato. Se i pazienti CFS spendono energia più velocemente di quanto i mitocondri possono fornirla (e stranamente la maggior parte dei malati CFS lo fanno per la maggior parte del tempo!) l’ATP è convertito in ADP più velocemente di quanto possa venire riformato. Ciò significa che c’è un accumulo di ADP. Una parte dell’ADP viene deviato in adenosin-monofosfato (AMP-1 fosfato). Ma ciò crea un vero problema, in realtà un disastro metabolico, perché l’AMP, parlando in generale, non può essere riciclato e viene perso nella urina.

Se i livelli di ATP crollano come risultato di una dispersione di AMP, allora il corpo deve produrre ATP nuovo di zecca. L’ATP può essere prodotto molto velocemente da uno zucchero D-ribosio, ma il D-ribosio è prodotto lentamente soltanto dal glucosio. Ciò prende da uno a quattro giorni. Perciò questa è la base biologica della fatica differita.

In ogni modo c’è un altro problema quando una persona cerca di forzarsi. Se il corpo è a corto di ATP può soltanto produrre una piccola quantità di ATP direttamente dal glucosio attraverso la conversione di questo in acido lattico. Questo è esattamente ciò che fanno molti pazienti CFS e infatti, sappiamo che i malati di CFS cambiano il proprio metabolismo in uno anaerobico. Ciò sfocia in due problemi seri, - l’acido lattico si accumula velocemente , specialmente nei muscoli, sino a causare dolore, pesantezza, dolenza e indolenzimento (“lactic acid burn” bruciore da acido lattico) secondariamente non c’è glucosio disponibile per produrre D-ribosio! Perciò il nuovo ATP non può essere prodotto facilmente quando si è realmente deboli. Il recupero richiede giorni! Questi processi costituiscono la base biologica per il trattamento della CFS.

Protocollo di trattamento per la carenza mitocondriale

1.Regolare i ritmi- non usare l’energia più velocemente di quanto i propri mitocondri possano produrne
2.Alimentare i Mitocondri – fornire i materiali grezzi necessari ai mitocondri per guarire e lavorare efficientemente, cioè D-ribosio, Co-enzima Q10, acetil-L-carnitina, NAD e magnesio.
3.Concentrarsi sulle cause di fondo come il motivo per il quale i vostri mitocondri sono stati danneggiati. Ciò dev’essere fatto per prevenire un danno continuo ai mitocondri. In ordine di importanza ciò implica:
A.migliorare lo stato anti-ossidante ( i processi di produzione di energia producono radicali liberi che, se non riassorbiti, danneggiano ulteriormente i mitocondri
B.Dormire in modo eccellente in modo che i mitocondri possano sanarsi
C.Identificare e rimuovere le sostanze che inibiscono la funzionalità mitocondriale:
-metalli pesanti, pesticidi, farmaci, inquinamento sociale, VOC (composti organici volatili)
- dieta ricca di carboidrati
- allergie a cibi, agenti chimici, inalazioni, microrganismi

D.Disintossicare per disfarsi di metalli pesanti, pesticidi, farmaci e droghe, inquinanti sociali (tabacco, alcol etc), e composti organici volatili, tutte cose che avvelenano i mitocondri.
,

4.Prendere di mira il danno secondario causato dalla insufficienza mitocondriale, come disturbi immunitari che producono allergie e autoimmunità, scarsa funzionalità digestiva, insufficienza delle ghiandole ormonali, lenta disintossicazione epatica e iperventilazione.

Ed ora qualche buona notizia! Leggerete che l’AMP non può essere riciclato. In realtà l’AMP può essere riciclato ma ciò avviene molto lentamente. Per gli scopi pratici per pazienti che sono molto “affaticati”, questo riciclo è così lento che è clinicamente insignificante. E’ interessante che l’enzima che facilita questo riciclo (“cyclic AMP) è attivato dalla caffeina! Perciò il perfetto rimedio per i malati di CFS potrebbe essere un vero caffè nero biologico con un cucchiaio di D-ribosio!

LA CFS È UNA INSUFFICIENZA CARDIACA SECONDARIA AD UN MALFUNZIONAMENTO MITOCONDRIALE

Sono venuta a conoscenza recentemente di due documenti che hanno dato grande senso sia alle mie osservazioni cliniche sia alla mia idea che la CFS sia un sintomo della insufficienza mitocondriale. I due sintomi che stavo cercando nella CFS per fare la diagnosi sono, primariamente la carenza di resistenza e secondariamente la fatica differita. Ritengo di poter ora spiegarle secondo ciò che sta accadendo all’interno delle cellule e gli effetti sui principali organi del corpo (principalmente il cuore). Ancora più importante, ci sono grandi implicazioni per un test per la CFS e naturalmente per la gestione e la guarigione.

Se i mitocondri ( le piccole batterie che si trovano all’interno di ogni cellula del corpo) non funzionano in modo appropriato, allora l’energia fornita ad ogni cellula del corpo diminuisce. Ciò include anche il cuore. Molti dei sintomi della CFS possono essere spiegati da una insufficienza cardiaca perché il muscolo cardiaco non può funzionare correttamente. I cardiologi e altri medici sono abituati ad avere a che fare con insufficienze cardiache dovute ad uno scarso apporto di sangue al cuore stesso. Nella CFS l’insufficienza cardiaca è causata dalla scarsa funzionalità del muscolo cardiaco e quindi strettamente parlando è una cardiomiopatia. Ciò significa che la funzionalità cardiaca sarà molto anomala ma i test tradizionali per l’insufficienza cardiaca, come Elettrocardiogramma e Ecocardiogramma, angiogramma etc, saranno normali.

Grazie al lavoro del Dr. Arnold Peckerman www.cfids-cab.org/cfs-inform/Coicfs/peckerman.etal.03.pdf sappiamo che la gittata cardiaca nei pazienti CFS è ridotta. Di più, il livello di riduzione è correlato molto strettamente al livello di disabilità dei pazienti. Il US Nazional Institutes of Health chiese al Dr. Peckerman di sviluppare un test per la CFs in modo da aiutarli a giudicare il livello di disanilità nelle richieste dei pazienti per l’assistenza sociale. Peckerman è un cardiologo e sulla base del fatto che la CFS si presenta con bassa pressione sanguigna, basso volume plasmatico e difetti di circolazione, egli suppose che i pazienti CFS avessero una insufficienza cardiaca. Per testare questo se ne venne fuori con i valori di Q

Valori di "Q"

“Q” sta per gittata cardiaca in litri al minuto e questo si può misurare usando un metodo assolutamente non invasivo chiamato Cardiografia dell’Impedenza. Questa permette di misurare accuratamente la gittata cardiaca attraverso la misurazione dell’impedenza elettrica attraverso la cassa toracica. Maggiore il flusso del sangue minore l’impedenza. I valori si regolano secondo la misura del torace e del corpo per avere risultati affidabili ( ciò è fatto usando un algoritmo standard). E’ importante fare questo test in posizione eretta e di nuovo in posizione supina (sdraiati sulla schiena). Ciò perché la gittata cardiaca nelle persone sane varierà da 7 litri al minuto da supini a 5 litri per minuto in posizione eretta. Nelle persone sane questo calo non è sufficiente a colpire la funzionalità ma nei pazienti CFS il calo può essere da 5 litri da sdraiati a 3,5 litri in posizione eretta. A questo livello il paziente ha una gittata cardiaca che può causare insufficienza organica borderline.

Questo spiega perché i pazienti CFS si sentono molto meglio stando sdraiati. Da sdraiati hanno una gittata cardiaca accettabile ma in posizione eretta sono a rischio di infarto e insufficienze d’organo . La CFS è quindi il sintomo che impedisce al paziente di sviluppare un infarto completo. In realtà, chiunque si sente molto più riposato quando sta seduto con i piedi in alto (non ultima mia figlia!). Il subconscio ha elaborato che il cuore deve lavorare meno pesantemente quando siete seduti con i piedi in alto, perciò lo facciamo perché ci sentiamo più comodi.

La bassa gittata cardiaca spiega i sintomi della CFS

La funzione del cuore è quella di mantenere la pressione sanguigna. Se la pressione cala, gli organi iniziano a crollare. Se il cuore sta funzionando in modo inadeguato come pompa allora l’unico modo di sostenere la pressione è quello di chiudere la fornitura di sangue agli organi. Gli organi vengono chiusi secondo una priorità, per esempio, per prima la pelle, poi i muscoli, seguiti da fegato, intestino cervello ed infine cuore, polmoni e reni. Come questi sistemi di organi vengono chiusi si creano ulteriori problemi per il corpo in termini di accumulo di tossine, suscettibilità alle infezioni virali che danneggiano ulteriormente i mitocondri, esacerbando così tutti i problemi dei pazienti CFS:

1.Effetti sulla pelle
Se chiudete i battenti al rifornimento di sangue alla pelle ci verificano due effetti principali. Il primo è dovuto al fatto che la pelle è responsabile del controllo della temperatura corporea. Ciò significa che i pazienti CFS diventano intolleranti al caldo. Se il corpo diventa troppo caldo non può rilasciare il calore attraverso la pelle (perché non c’è abbastanza sangue) e aumenta la temperatura profonda. Il solo modo in cui il corpo possa compensare questo è spegnere la ghiandola tiroidea (che è responsabile per il livello dell’attività metabolica nel corpo e perciò della generazione del calore) e così si arriva ad una riduzione dell’attività della tiroide per compensazione. Ciò da solo peggiora i problemi della fatica.

Il secondo problema è che se la micro circolazione della pelle è bloccata, allora il corpo non può sudare. La sudorazione è il principale mezzo attraverso il quale le tossine, particolarmente i metalli pesanti, i pesticidi e i composti volatili organici, vengono eliminati. Perciò nel corpo dei pazienti di CFS c’è un maggior accumulo di tossine, cosa che, naturalmente, danneggia ulteriormente i mitocondri.
2.Sintomi muscolari
Se il rifornimento di sangue ai muscoli è impedito, allora i muscoli vanno velocemente in debito di ossigeno quando uno inizia un esercizio. Senza ossigeno nei muscoli le cellule cambiano il metabolismo in uno anaerobico, che produce acido lattico ed è questo che fa dolere i muscoli così tanto.
Così come il problema di cui sopra, i muscoli nel paziente CFS hanno poca resistenza perché i mitocondri che li riforniscono di energia stanno funzionando male.
3.Sintomi epatici e intestinali
Lo scarso apporto di ossigeno all’intestino provoca una digestione insufficiente, scarsa produzione di succhi gastrici e la sindrome dell’intestino permeabile. La sindrome dell’intestino permeabile causa molti altri problemi, come allergie, autoimmunità, malassorbimento etc, con ulteriori problemi compositi nella CFS.
Se la circolazione epatica è inadeguata, si avrà una scarsa disintossicazione, non soltanto dei metalli pesanti, pesticidi e composti volatili organici, ma anche delle tossine prodotte come risultato della fermentazione intestinale, di nuovo un ulteriore avvelenamento dei mitocondri.
4.Effetti sul cervello
Nell’ ottobre del 2004 ho partecipato ad una conferenza sponsorizzata dal defunto Dr. John Richardson. Un medico Canadese, Byron Hide, ci mostrò alcune scansioni funzionali del cervello di pazienti CFS. Se non avessi conosciuto la diagnosi avrei diagnosticato degli icuts. Questo perché l’apporto di sangue in alcune aree del cervello era decisamente scarso. L’elaborazione di dati è provvisoria e con il riposo la pressione recupera. Comquneu, questo spiega i sintomi cerebrali che si soffrono, come la scarsa memoria a breve termine, la difficoltà nelle attività multi-tasking, il lento processo cognitivo e così via. Inoltre le cellule cerebrali non sono particolarmente ricche di mitocondri e comunque questi rimangono senza energia molto velocemente.

5.Effetti sul cuore
Ci sono due effetti sul cuore. Il primo effetto di una scarsa microcircolazione al cuore è il disordine della conduttività elettrica che causa aritmie. Molti pazienti con sindrome di affaticamento cronico lamentano palpitazioni, extrasistole e quant’altro. E’ il caso , particolarmente, nei pazienti con avvelenamento da agenti chimici dato che gli agenti chimici sono anche direttamente tossici per le cellule nervose.
Il secondo ovvio effetto è la scarsa tolleranza allo sforzo. Il muscolo cardiaco fatica nello stesso identico modo degli altri muscoli. Questo causa sintomatologicamente dolore al petto e fatica. A più lungo termine può causare difetti alla valvola cardiaca perché i muscoli che normalmente tengono aperta la valvola mitralica sono anch’essi affaticati.
La differenza tra questo tipo di insufficienza cardiaca e la riconosciuta insufficienza cardiaca congestizia è che i pazienti con la CFS si proteggono dalla insufficienza d’organo attraverso i loro sintomi di fatica. I pazienti cn insufficienza cardiaca congestizia inzialmente non si sentono affaticati e spesso presentano insufficienze d’organo come insufficienza renale o insufficienza cardiaca manifesta. Al presente non so perché vi sia questa differenza.

QUESTO APPROCCIO NEL TRATTAMENTO DEL DISORDINE CARDIACO È ESATTAMENTE LO STESSO INDIPENDENTEMENTE DALLA DIAGNOSI CONVENZIONALE
Perciò i pazienti con angina, pressione alta, insufficienza cardiaca, cardiomiopatia, difetti alla valvola così come aritmie cardiache hanno anche problemi mitocondriali e risponderanno nello stesso modo alle terapie nutrizionali e disintossicanti.
6.Effetti su polmoni e reni
I polmoni e i reni sono relativamente protetti contro la scarsa microcircolazione perché hanno il più ampio sistema renina-angiotensina (un sistema ormonale che aiuta la regolazione a lungo termine della pressione sanguigna e il volume extra-cellulare nel corpo.) che tiene alta la pressione del sangue in questi organi vitali. Quindi clinicamente non si vedono pazienti con insufficienza renale o ipoperfusione polmonare nella CFS.

SPIEGAZIONE DEI PROBLEMI DELL’AFFATICAMENTO NEI PAZIENTI CFS

L’energia del copro è fornita dai mitocondri che producono NAD (nicotinamide adenin dinucleotide) e ATP (adenosin trifosfato). Queste molecole sono la valuta di energia del corpo. Quasi tutta l’energia necessarie nel corpo deve essere “pagata” con NAD e ATP, ma soprattutto con ATP. Le riserve di ATP nelle cellule sono molto poche. In ogni singolo momento nelle cellule muscolari cardiache c’è soltanto l’ATP sufficiente per circa 10 contrazioni. Perciò i mitocondri devono essere estremamente efficienti nel riciclare l’ATP per tenere la cellula costantemente rifornita di energia.
Se la cellula non è molto efficiente nel riciclare l’ATP, allora le cellule vanno in debito di energia molto velocemente e questo causa i sintomi di debolezza e scarsa resistenza. La cellula deve letteralmente “ibernarsi” ed aspettare sinchè non sia stato prodotto più ATP.

L’energia viene prodotta quando l’ATP (trifosfato) viene convertito in ADP (di fosfato). L’ADP viene quindi di nuovo riciclato nei mitocondri per creare più ATP per la futura produzione di energia.

In ogni modo, se la cellula viene forzata quando non c’è più ATP, allora inzierà a usare invece ADP. Il corpo può creare energia convertendo l’ADP in AMP (un fosfato) ma il problema è che l’AMP non può essere riciclato. L’unico modo nel quale l’ADP possano venir rigenerato è tramite ingredienti freschi, ma ciò richiede giorni. Questo spiega la fatica differita nella sindrome da fatica cronica-

Perciò per riassumere, la patologia base nella CFS è il lento riciclaggio dell’ATP in ADP e di nuovo in ATP. Se i pazienti si sforzano e richiedono maggior energia, allora l’ADP di converte in AMP che non può essere riciclato ed è questo il responsabile della fatica differita. Questo perché produrre ATP da ingredienti freschi richiede al corpo diversi giorni. Quando i pazienti esagerano nel fare e sbattono contro un muro è perché non hanno più ATP o ADP che funzionino.

RISVOLTI PER IL TRATTAMENTO- NUTRIRE I MITOCONDRI

La larga maggioranza dei pazienti che ho visto sono migliorati con il mio protocollo standard rispetto a
a) vitamine e minerali
dieta c) regolazione dei ritmi e d) sonno. Tutte queste cose
devono essere poste in essere per riparare e prevenire danno continuo ai mitocondri in modo da permettergli di sanarsi. Perché i mitocondri recuperino hanno bisogno di tutte le vitamine essenziali, minerali , acidi grassi essenziali e amino acidi per produrre gli strumenti cellulari per recuperare la normale funzionalità.

In ogni modo, nonostante tutto, ancora sono rimasta con un nucleo di pazienti con i quali faccio ancora fatica. Questo si verifica quando un supporto di micronutrienti diretti per i mitocondri potrebbe risultare un intervento estremamente utile. I test per la funzionalità mitocondriale allora ci permettono di identificare lesioni che possono essere riparate attraverso una maggiore attenzione ai supplementi nutrizionali, migliorando lo stato antiossidante , disintossicando, con l’iperventilazione o qualcos’altro. I pazienti di CFS hanno limitate risorse di energia fisica, mentale e emozionale e questo test ci permette di dirigere queste energie nella linea di approccio più fruttuosa.
Ho imparato come fare attraverso la lettura di un libro “The Sinatra Solution” scritto da un cardiologo metabolico americano, il Dr. Stephen Sinatra, che ha usato queste tecniche per curare pazienti con malattie cardiache come l’insufficienza cardiaca congestizia, angina, aritmie e così via. Dinatra lavorò inzialmente usando tecniche totalmente convenzionali – farmaci, pacemakers, chirurgia o quant’altro. Però si rese conto che la malattia cardiaca non dipende del tutto dal scarso afflusso di sangue al cuore, Per molti il problema era il disordine del muscolo cardiaco dovuto all’insufficienza mitocondriale. Una volta che affrontava questo aspetto i pazienti si riprendevano drammaticamente, erano in grado di smettere con i farmaci, di evitare la chirurgia e di tornare alle loro normali attività lavorative e sportive. Per capire la sua idea, dovete capire un po’ la funzione dei mitocondri.

COME FUNZIONANO EFFETTIVAMENTE I MITOCONDRI

La funzione dei mitocondri è quella di prendere l’energia contenuta nei cibi (per esempio zucchero e grassi) e convertirla in una forma che il corpo possa usare, per esempio NAD e ATP. Ciò richiede un serie di reazioni. Per prima cosa, i cibi, per esempio proteine, grassi e carboidrati (CHO) devono essere convertiti in gruppo acetile. Questi gruppi acetile devono entrare nei mitocondri. Essi vengono trasportati attraverso la membrana mitocondriale da una proteina di trasporto: acetil-L-carnitina. La carenza di questa può causare fatica perchè i mitocondri sono a corto di “cibo”. Secondariamente, il ciclo di Krebs dell’acido citrico ( per i chimici in ascolto) produce l’NAD e questo viene usato per potenziare la fosforilazione ossidativa che genera ATP, la valuta universale per l’energia. Con un pieno di ATP il corpo può letteralmente fare qualsiasi cosa! Queste reazioni richiedono enzimi, che sono prodotti da molte diverse vitamine, minerali acidi grassi e amino acidi.
Uno dei più importanti gestori di elettroni è il Co-enzima Q 10.

Una volta che l’ATP è stato prodotto, deve essere mandato dove è necessario, quindi fuori dai mitocondri, attraverso le loro membrane. Questo viene fatto con una reazione di scambio. L’ATP è prodotto all’interno dei mitocondri dall’ADP e deve essere trasportato attraverso la membrana mitocondriale così che la cellula possa usare l’energia dell’ATP riconvertendolo n ADP. L’ADP quindi deve essere ritrasportato attraverso la membrana mitocondriale. Questa reazione di scambio coinvolge la proteina transocator OUT, che effettivamente trasporta l’energia nella forma di ATP da dentro i mitocondri , attraverso la membrana cellulare mitocondriale nella cellula, dove rilascia la sua energia e lo converte in ADP. La proteina translocator IN quindi trasporta indietro l’ADP attraverso la membrana mitocondriale, dove viene riconvertito in ATP. Ovviamente, se questa reazione di scambio non avviene senza intoppi, il rifornimento di energia sarà ridotto.
Tutte le molecole coinvolte qui sono riciclate. C’è un altro elemento essenziale che è il magnesio. Se pensiamo al glucosio e alla catena corta di acidi grassi come al carburante del motore, l’acetil-L-carnitina e il Co-enzima Q10 sono l’olio e il magnesio è la candela!
Per poter produrre nuovo ATP, c’è bisogno di uno zucchero, chiamato D-.ribosio. Normalmente il corpo può produrlo da sé dal glucosio, ma se i livelli di energia sono molto bassi, allora il corpo sarà incapace di sintetizzare questo zucchero essenziale. Così, quando i pazienti CFS si sforzano troppo, l’ADP viene convertito in AMP che non possono riciclare. Ci vogliono normalmente un paio di giorni per produrre nuovo ATP dal D-ribosio ma i pazienti CFS devono davvero tribolare per produrre Dribosio. Infatti io ora ho molti pazienti che stanno meglio semplicemente assumendo D-ribosio.

Per poter produrre nuovo NAD si ha bisogno di vitamina B3 così come di un ciclo di Krebs dell’acido citrico funzionante- perciò i livelli di NAD sono la misura dello stato della B3 così come un test funzionale dell’acetil-L-carnitina.

Tutto ciò può essere rilevato attraverso un test del profilo di ATP.

Il test perfetto per i pazienti di Sindrome della Fatica cronica
Il problema centrale nella sindrome della fatica cronica è l’insufficienza mitocondriale che dà origine ad una scarsa produzione di ATP. L’ATP è la valuta di energia del corpo e se la sua produzione è ridotta allora tutti i processi cellulari andranno a rilento. Non è sufficiente misurare i livelli assoluti di ATP nelle cellule dato che questo rifletterà soltanto quanto sia ben riposato il paziente. Il test perfetto è quello che misura la proporzione nella quale l’ ATP viene riciclato nelle cellule e questo test è stato adesso sviluppato dal Dr. John McLaren Howard al Biolab di Londra. Lo chiama “profilo dell’ATP” (ATP profiles). E’ un test della funzionalità mitocondriale.

Questo test non misura soltanto la proporzione nella quale viene prodotto l’ATP ma controlla anche dove nasce il problema. La produzione di ATP è direttamente dipendente dallo stato del magnesio e la prima parte del test studia questo aspetto.

Il secondo aspetto del test misura l’efficienza con la quale l’ATP viene prodotto dall’ADP. Se qui c’è anomalia può essere il risultato di una deficienza di magnesio, di bassi livelli di Co-enzima Q10, bassi livelli di vitamina B3 (NAD) o di acetil-L-carnitina.

La terza possibilità è che la proteina che trasporta l’ATP e l’ADP attraverso la membrane mitocondriale sia ridotta ed anche questo può essere misurato.

Il bello del test del profilo dell’ATP è che noi adesso abbiamo un test obbiettivo della sindrome della fatica cronica che mostra chiaramente che questa malattia ha basi fisiche. Questo test mostra chiaramente che la terapia cognitivo-comportamentale, l’esercizio graduale e gli anti-depressivi sono irrilevanti nell’affrontare la causa di questa malattia.

Per dare un quadro completo io raccomando di combinare questo test con la misurazione dei livelli di Co-enzima Q10, SODase (superossido dismutasi) e NAD. Il livello di DNA cellulare libero è molto utile perché misura la gravità della malattia. Quando le cellule sono danneggiate e muoiono, rilasciano il loro contenuto nel flusso sanguigno – il test del DNA cellulare libero misura l’estensione di questo danno. I livelli che vengono fuori sono simili a quelli di pazienti che stanno riprendendosi da infezioni maggiori, traumi, operazioni o chemioterapia – perciò questo test mette decisamente la CFS tra le principali patologie organiche. Il SODase è una importante antiossidante che ripulisce dai radicali liberi prodotti in tutte le inefficaci reazioni chimiche nelle cellule.

In fatti, tutti i cinque test del sangue sono stati ora composti come un

“PROFILO DELLA FUNZIONALITA’ MITOCONDRIALE”e può essere ordinato presso il mio studio.

La Nuova sezione è un aggiornamento sul profilo della funzionalità mitocondriale

LUGLIO 2007

Dal riscontro che ho avuto da molti medici e pazienti che hanno fatto l’MFP (il profilo della funzionalità mitocondriale ) non c’è dubbio che sia una parte importante della diagnosi e del trattamento per i pazienti con CFS. Ciò che fa il test è identificare le lesioni biochimiche che stanno causando la fatica. E’ grazie al Dr. Jhon Mclaren Howards che abbiamo questo test e sta continuando a rifinirlo. Ciò, quindi, ci permette di essere più efficienti nel diagnosticare dove stia il problema.

Ci sono due nuovi test che vogliamo siano parte del profilo, cioè il superossido dismutasi extracellulare insieme alla misurazione di routine dei livelli di glutatione. Come risultato di questi due test extra, il costo del Profilo della Funzionalità Mitocondriale, che sarà ora composto dagli studi della funzionalità mitocondriale (livelli di ATP), livelli di Co-enzima Q10, glutatione per ossidasi, SODasi zinco dipendente, SODasi del manganese e SODasi extracellulare insieme con i livelli di NAD e DNA cellulare libero, sarà aumentato di 20 sterline e arriva a £195.

Jhon McLaren Howards attualmente sta analizzando la strumentazione specialistica per rifinire ulteriormente questi test, soprattutto rispetto a alla fosforilazione ossidativi. Ciò ci permetterà di rifinire ulteriormente il necessario complesso di integratori. Ciò è importante perché alcune persone non hanno semplicemente le risorse fisiche, mentali, emotive o finanziare per porre in essere tutti gli interventi necessari e ciò ci permette invece di concentrarci su quelli più importanti per quello specifico paziente. Perciò teneteci d’occhio!

FINE LUGLIO 2007 AGGIORNAMENTO
Per ordinare questo test, cliccate sul link del test alla fine della pagina, completate il modulo d’ordine, mandatemelo per mail e inoltrate per posta il vostro assegno di £245 al mio ufficio.
In alternativa, potete mandarmi un messaggio con 1. il vostro nome completo 2. il vostro indirizzo postale e quello e-mail se disponibile, 3. la vostra data di nascita e 4. il nome e l’indirizzo postale del vostro medico generico (e l’indirizzo e-mail se disponibile) insieme a 5. il vostro pagamento – un assegno di £245, cioè £195 per il test e £50 per la mia lettera per il vostro medico generico. L’assegno deve essere intestato a Sarah Myhill Limited. Spedite tutto al mio ufficio: Upper Weston, Llangunllo, Knighton, Powys LD7 1SL e vi sarò mandato un kit per il test. Avete bisogno di un prelievo di sangue per il test- potete contattare il vostro stesso medico generico o trovare un professionista (infermiera, medico etc) che possa farvi il prelievo. Il costo della mia lettera è dovuto al fatto che la lettera dà l’effettiva interpretazione dei 7 test.
I due più importanti co-fattori nella produzione di energia nelle cellule sono la L-carnitina e il D-ribosio. L’ultimo è usato così velocemente dalle cellule che misurarne i livelli è inutile, ma bassi livelli di ATP implicano bassi livelli di D-ribosio. Non conosco un test che controlli i livelli di L-carnitina, ma la fonte principale della L-carnitina è la carne e quindi una dieta ricca di proteina è un buon inizio, ma consiglio alla maggior parte delle persone di intergrare con almeno 1 grammo di A-L-carnitina al giorno. I giorni nei quali non mangiate carne, prendete 2 grammi di acetil-l-carnitina. I vegetariani dovrebbero integrare la loro dieta con acetil-L-carnitina (nella forma di assorbimento più facile) con 2 grammi al giorno.

Il bilanciamento dell' energia nella CFS
Il Dr. Jhon Mclaren Howard ha dichiarato che è di vitale importanza per il trattamento riconoscere che tutti i pazienti con la CFS sono in un qualche equilibrio di energia molto delicato. Infatti, è quasi scioccante dai risultati visti sinora, quanto sia critica la situazione. E’ una meraviglia del metabolismo umano e dello spirito umano che i pazienti con così gravi risultati riescano tuttora ad esistere! Per esempio, il DNA cellulare libero dà risultati simili a quelli di pazienti sotto chemioterapia antitumorale- e tutti sanno come stiano male e quanto poco riescano a fare!
Quando viene prelevato un campione di sangue per il test della funzionalità mitocondriale, spesso il paziente è a riposo. Questo riflette l’equilibrio di energia in quel momento. Però, se il paziente inizia ad aumentare l’attività si vedono risultati molto differenti dato che il sistema può collassate sotto uno sforzo extra. Questo è un po’ come fare un ECG a riposo per la malattia cardiaca – è un test quasi inutile dato che è soltanto quando si stressa il sistema con un ECG sotto sforzo che si possono vedere i cambiamenti ischemici o le disritmie.

Regolazione dei ritmi

Una parola infine sul REGOLARE I RITMI, e questo si applica anche a persone che non soffrono di CFS. Se sforzate troppo i vostri mitocondri, causerete una quantità sproporzionata di danni dovuti ad effetti secondari e terziari- solo perché vi sentite meglio non cercate di fare troppo o creerete semplicemente un danno da qualche parte e rimanderete ulteriormente il vostro recupero! Se la mia cavalla ha lavorato duramente durante una lunga giornata di caccia, lei starà a completo riposo nel campo con un sacco di buon cibo per quattro giorni prima di essere montata di nuovo. In questo modo lei si manterrà sana ed in forma!
E’ importante che questi interventi siano fatti in combinazione con tutte le altre mie raccomandazioni rispetto al regime alimentare, i micronutrienti, la regolazione dei ritmi, il sonno, la disintossicazione etc.
Prima mettetevi a stretto regime, allora vi sentirete meglio a riposo. Dovete sentirvi meglio a riposo per qualche settimana prima di osare provare ad incrementare il vostro livello di attività. Se fate troppo, troppo presto, scatenerete soltanto un collasso biochimico e clinico. Allora aumentate gradualmente l’attività sino al punto in cui non c’è nessuna fatica differita.

 

In seguito la discussione mi continua,con la spiegazione del test del profilo e come richiederlo dal sito,poi ci sono i dialoghi di alcuni iscritti al forum,come Johnny, e miei in riferimento a Te ,Barbarita,Neve ....... in relazione al discorso vi entra anche Pantellini con l'ascorbato di Ribosio ed altre mie considerazioni sulla caffeina e thè verde,penso non più attuali per quelli da età matura.kio lo sforzo che ho prodotto  è stato titanico nel cercare di ricordare mentre le notizie si volatizzano dalla mente,notizie che prima era ben ferme nella mia mente,che ruotavano intorno al Creb1,fosfodiesterasi4,cAmp,memoria,un farmaco per bloccare la noradrenalina e non ricordo bene i relativi recettori mi sembra i beta o alfa 2 adrenergici?,che se non ricordo male si chiamava Guanfacina,ex farmaco chiacchierato dall'associazione "giù le mani dai bambini",ed usato come ipotensivo in passato,tra l'altro.Mi fermo quì altrimenti mia moglie mi ammazza che è già tardissimo o ci muoro io per stress abnorme.Romy


Messaggio modificato da romy, 16 gennaio 2015 - 01:23:48

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#9 gabry

gabry

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 554 messaggi

Inviato 16 gennaio 2015 - 07:05:11

una domanda a tutto il forum , chi di voi a usato il D-ribosio?????????? vi ha creato problemi??

 

gli esami per confermare cfs ci sono !!!!!!!!!! anche per aiutarci le cure.... ne stanno prendendo esempio alcuni medici...speriamo che con il tempo riescano anche capire come invertire questi malfunzionamenti del nostro corpo qualunque causa sia stato l'inizio di tutto ciò!!!!!!!!!!



#10 KIO

KIO

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 650 messaggi
  • Gender:Female
  • Location:Svizzera - Ticino

Inviato 16 gennaio 2015 - 19:53:04

Gabry!

io sto raccogliendo dati per fare il test ATP di cui si parla sopra, e il D-ribosio non credo averlo mai provato.

 

Ma mi intrigano i tuoi punti esclamativi ;) non è che avresti materiale per aprire una discussione in merito? 

chessò sulla tua frase "gli esami per confermare cfs ci sono !!!!!!!!!!" o su quella "anche per aiutarci le cure.... "

correndo pure il rischio che qualcuno sollevi dubbi (malati CFS troppo scornati perché non succeda ;) ).

perché sono frasi che credo potrebbero aprire il solito vaso di pandora...

ma io sono curiosissima di sapere cosa intendi, e sicuramente tante altre persone!

Dai! illuminaci!

Un abbraccio!


KIO :)
 

#11 grazia73

grazia73

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.040 messaggi

Inviato 16 gennaio 2015 - 20:26:51

Ciao io non ho mai preso il d-ribosio, però mi interesserebbe provare...ma si trova anche in farmacia?



#12 gabry

gabry

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 554 messaggi

Inviato 16 gennaio 2015 - 21:55:14

Gabry!

io sto raccogliendo dati per fare il test ATP di cui si parla sopra, e il D-ribosio non credo averlo mai provato.

 

Ma mi intrigano i tuoi punti esclamativi ;) non è che avresti materiale per aprire una discussione in merito? 

chessò sulla tua frase "gli esami per confermare cfs ci sono !!!!!!!!!!" o su quella "anche per aiutarci le cure.... "

correndo pure il rischio che qualcuno sollevi dubbi (malati CFS troppo scornati perché non succeda ;) ).

perché sono frasi che credo potrebbero aprire il solito vaso di pandora...

ma io sono curiosissima di sapere cosa intendi, e sicuramente tante altre persone!

Dai! illuminaci!

Un abbraccio!

kio,  noi stiamo facendo ricerche private in questo forum sulla conoscenza di questa patologia di studi che vengono in giro per il mondo,  questo esame mi è stato fatto fare secondo i  sintomi che avevo dal prof. genovesi, questi esami secondo il mio parere sembrano essere chiari nella loro spiegazione, poi non so perchè i medici in generale non li prendono in considerazione come possibili esami diagnostici per la CFS, io non sono un medico, bisognerebbe chiederlo a loro... certo è un esame che viene fatto a londra e non in tutta europa... per quello che ne so io.. (premetto non sono brava come te o altri a spiegare studi medici).

sono troppo semplici per arrivare ad una diagnosi di cfs.. o forse è  meglio avere una diagnosi di CFS senza avere in mano esami certi.. 



#13 gabry

gabry

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 554 messaggi

Inviato 16 gennaio 2015 - 22:33:53

kio, queste cure il q10, acetil-carnitina, vit, c, disintossicanti naturali  e altri integratori stanno iniziando a darli  diversi medici dunque vuol dire che li riconoscono come cure, credo, altrimenti perchè li darebbero...  (anche in ospedale)  loro da dove prendono le informazioni .....  forse non è facile per loro individuarne le dosi e probabilmente vanno poi a esperienza secondo come i pazienti migliorano o peggiorano... come devono  comportarsi anche con l'alimentazione, consigli su cosa bisogna fa danno all'organismo, glutine, zuccheri, tutto ciò che è chimico,  ginnastica, riabilitazione, che secondo me è molto personale secondo i problemi del paziente e da quanto è debilitato.

il guaio peggiore che sono tutti a pagamento e sotto usl non c'è nulla... a parte qualche visita medica. a menochè non prendi i farmaci chimici classici..

kio, io non riesco più a curarmi come ho fatto in passato con miorilassanti  (tentato antidepressivi ecc.. stavo più male e peggioravo) antifiammatori costanti ecc.. dovevo trovare qualcosa d'altro..   e l'ho   trovato... cure di integratori e alimentazione secondo la mia tolleranza.. quanto tempo andrò avanti ad avere miglioramenti non lo so, ma per ora sono contenta.



#14 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 17 gennaio 2015 - 01:04:33

Kio,oggi faceva freddissimo,sono uscito perchè spinto da mia moglie,ho avuto un gran dolore anginoso per strada che ho sfiorato quasi l'infarto,nonostante tutto ho continuato il programma della mia uscita,è stato dura,ma io sono un tipo calmo e me la sono cavata ancora,ora ho ancora un po' di angina al centro del petto,l'ultimo medico mi ha diagnosticato angina instabile per la prima volta nel maggio del 2013,ed oggi ho capito che non posso più tirare la corda,se un po' di freddo mi causa dolenzia continua,ma che devo comportarmi come da prassi in tali casi.Faro',di sicuro un po' di vacanza dal forum,la stanchezza è troppa ormai ho quasi fuso,ma visto che parlate di mitocondri,vi voglio lasciare questo mio vecchio post in merito.Romy

 

Il mitocondrio e la tossicità da glutammato

L'eccessiva stimolazione del recettore per la N-malonildialdeide (recettore NMDA), da parte del glutammato, è in grado di produrre un ingresso massivo di calcio che può portare a morte il neurone tramite diverse vie apoptotiche o per necrosi a seconda dell'intensità dello sitimolo. Una di queste vie interessa anche il mitocondrio.
Il calcio in eccesso che affluisce, in effetti, va a sovraccaricare il mitocondrio, penetrandovi, determinando così perdita del suo potenziale di membrana e diminuzione della produzione di ATP per disaccoppiamento della fosforilazione ossidativa con la sintesi di ATP. Ciò fa sì che le pompe di membrana ATP dipendenti responsabili del mantenimento della depolarizzazione smettano di funzionare e ciò, in un circolo vizioso, aumenta l'ingresso di calcio. Viene, inoltre, stimolata la produzione d'ossido nitrico che sembra possedere un'azione inibitoria sulla catena di trasporto mitocondriale.
In effetti tutto è collegato,e le stesse cose avvengono in tutte le cellule,nella cellula si distinguono 2 momenti una di depolarizzazione,che significa eccitazione della cellula con consumo d'energia,il calcio ed il sodio entrano nella cellula tramite i canali ionici e la pompa del calcio,ed il potassio ne esce.Terminata tale fase,in un organismo sano deve avvenire il contrario,ovvero la fase di Ripolarizzazione,il calcio e sodio fuori,le membrane cambiano segno,il potassio e magnesio dentro,è la fase di riposo,che poi è quella in cui si crea la vera energia,di cui noi difettiamo.L'iperstimolazione del recettore NMDA,per un qualunque motivo,per esempio antidepressivi non dovuti, aspartame, glutammato,ecc,ecc,,come ben vedi l'NMDA non si fà mai i fatti suoi,nel caso fosse iperstimolato,blocca il calcio nella cellula,blocca la pompa sodio potassio,e ti mette la cellula in neurotossicità,prima la sofferenza e poi la morte,e le nostre funzioni cognitive rallentano,insieme a tutte le altre funzioni.Insomma il vero guaio per noi è quando la fase di depolarizzazione resta operante oltre il tempo dovuto.E pensare che c'è chi prende farmaci stimolanti,pensando di fare bene,è dai tempi di Salutemed che grido mai farmaci iperstimolanti e cercare di abbassare i potenziali di soglia delle cellule,con magnesio-taurato,ma io ho usato anche benzodiazepine,senze le quali mi sarebbe rimasto solo un neurone in testa,altre che capzzate circa le benzodiazepine........ma in mancanza di meglio,mi sono detto o mangi questa minestra(Benzo) o ti butti dalla finestra,parlo di me medesimo,cosa da non imitare.Certamente se in Italia si potesse trovare il Gaba,combinato con la B3 e l'inositolo,sarebbe stato molto meglio.Ciao a tutti.Romy 

 


Messaggio modificato da romy, 17 gennaio 2015 - 01:08:00

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#15 KIO

KIO

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 650 messaggi
  • Gender:Female
  • Location:Svizzera - Ticino

Inviato 17 gennaio 2015 - 14:37:28

kio,  noi stiamo facendo ricerche private in questo forum sulla conoscenza di questa patologia di studi che vengono in giro per il mondo,  questo esame mi è stato fatto fare secondo i  sintomi che avevo dal prof. genovesi, questi esami secondo il mio parere sembrano essere chiari nella loro spiegazione, poi non so perchè i medici in generale non li prendono in considerazione come possibili esami diagnostici per la CFS, io non sono un medico, bisognerebbe chiederlo a loro... certo è un esame che viene fatto a londra e non in tutta europa... per quello che ne so io.. (premetto non sono brava come te o altri a spiegare studi medici).

sono troppo semplici per arrivare ad una diagnosi di cfs.. o forse è  meglio avere una diagnosi di CFS senza avere in mano esami certi.. 

 

Cara! Ci sarebbe molto da dire, e speculare, sui perché delle domande che poni! Dalla politica alla disonestà, al fatto che poi ci sarà chi dice che se una malattia la puoi trattare con integratori non è una malattia. Ma evitiamo di parlare di ciò qua sennò andiamo off topic. ;)

E la Sarah Myhill (illustre e stimata ricercatrice!) che lo propone è sempre in mezzo a tempeste più o meno legali aperte da parte dei medici... e dal poco che ho letto, magari anche con qualche fondo di ragione(es per certe proposte contro il cancoro... e va a sapere...) ma non ho approfondito! e pure questo è un po' off topic.

e vai tra' neppure io sono brava con gli studi medici! ma i copy-paste li so fare :P

 

kio, queste cure il q10, acetil-carnitina, vit, c, disintossicanti naturali  e altri integratori stanno iniziando a darli  diversi medici dunque vuol dire che li riconoscono come cure, credo, altrimenti perchè li darebbero...  (anche in ospedale)  loro da dove prendono le informazioni .....  forse non è facile per loro individuarne le dosi e probabilmente vanno poi a esperienza secondo come i pazienti migliorano o peggiorano... come devono  comportarsi anche con l'alimentazione, consigli su cosa bisogna fa danno all'organismo, glutine, zuccheri, tutto ciò che è chimico,  ginnastica, riabilitazione, che secondo me è molto personale secondo i problemi del paziente e da quanto è debilitato.

il guaio peggiore che sono tutti a pagamento e sotto usl non c'è nulla... a parte qualche visita medica. a menochè non prendi i farmaci chimici classici..

kio, io non riesco più a curarmi come ho fatto in passato con miorilassanti  (tentato antidepressivi ecc.. stavo più male e peggioravo) antifiammatori costanti ecc.. dovevo trovare qualcosa d'altro..   e l'ho   trovato... cure di integratori e alimentazione secondo la mia tolleranza.. quanto tempo andrò avanti ad avere miglioramenti non lo so, ma per ora sono contenta.

Le cure di integratori, Q10, ecc che nomini, magari non li trovi nei protocolli più ufficiali, ma sono tanti che li raccomandano, tanti che li prendono, e tanti che fanno molta fatica a trovare un dosaggio che non li faccia peggiorare... un po' come con i farmaci. Di per sé non sono una novità terapeutica. Il problema è inquadrarli in un percorso terapeutico sensato, perché speso si vedono malati che dicono "ah! fa bene? lo provo!" ma al di fuori di un ragionamento del tipo metto a posto questo affinché poi funzioni quell'altro.

È una fortuna quando qualcuno trova un medico che sappia valutare un paziente ME/CFS, tutti gli elementi sregolati, eventuali sovrapposizioni, e così, da medico! sappia quali distretti sanare/regolare, affinché l'organismo possa poi accettare/affrontare il trattamento seguente.

Se guardo certi famosi protocolli di trattamento che girano, in genere procedono così.

e... credo che dovrò fare un percorso simile al tuo perché non reggo più nessun farmaco nuovo! no comment l'aspetto $$$$ :( !

Grazie  di tutto!

 

Kio,oggi faceva freddissimo,sono uscito perchè spinto da mia moglie,ho avuto un gran dolore anginoso per strada che ho sfiorato quasi l'infarto,nonostante tutto ho continuato il programma della mia uscita,è stato dura,ma io sono un tipo calmo e me la sono cavata ancora,ora ho ancora un po' di angina al centro del petto,l'ultimo medico mi ha diagnosticato angina instabile per la prima volta nel maggio del 2013,ed oggi ho capito che non posso più tirare la corda,se un po' di freddo mi causa dolenzia continua,ma che devo comportarmi come da prassi in tali casi.---

 

Romy grazie dell'atricolo, che leggerò poi.

Mi spiace per il tuo cuore, per il quale naturalmente finirai le indagini, vero?!

Cmq tranquillo, ultimamente (già stavo malissimo) sono andata in tachicardia e dolori simil-infartuali e conati solo all'arrivo di  una zaffata di odore del deodorante che avevo addosso. bleah!  

 

Bacio belli!


KIO :)
 





Anche taggato con ME/CFS;, CFS;, Mitocondri;, Mitochndrial Filure;, Danno mitocondriale;, Causa centrale;, Central Cause;, Sarah Myhill

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietÓ esclusiva di CFSItalia e ne Ŕ vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.