Vai al contenuto

Foto

troppa filosofia e troppo poca scienza


  • Per cortesia connettiti per rispondere
62 risposte a questa discussione

#1 danis

danis

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.026 messaggi

Inviato 31 gennaio 2009 - 13:56:20

testo originale: http://www.25megroup.....S 1988-98.htm

Un testo del 1999 ma mi sembra che ci sia necessità di ribadire ancora certe cose...


Ricerche su ME/CFS, 1998-1998

Troppa filosofia e troppo poca scienza essenziale!

1- Che cos’è la ricerca?
E’ semplicemente un tentativo di scoprire la verità. Ciò nonostante, persino nel 1999, questa ricerca potrebbe essere ancora concentrata su uno dei due sentieri alternativi:

a) L’indirizzo METAFISICO ( o filosofico) che cerca di stabilire la verità puramente attraverso la ragione e gli argomenti.

b ) Il cammino FISICO ( o scientifico) che si propone di determinare i fatti attraverso l’investigazione sistematica di eventi materiali e attraverso esperimenti.
L’approccio metafisico sta a quello scientifico come l’ASTROLOGIA ( che coinvolge l’influenza delle stelle sugli affari umani) sta all’ASTROFISICA ( che investiga la composizione chimica e fisica dei corpi astrali)

2- Come dovrebbe essere portata avanti la ricerca sulla ME/CFS?

a) la prima cosa essenziale è un studio epidemiologico su QUANTI ne siano affetti in un dato periodo di tempo.

b ) Seguito da una raccolta di fatti riguardo a CHI soffre di CHE, DOVE, QUANDO.

c) Questi dati, se accuratamente documentati, potrebbero portare ad una brillante idea su COME (a) e (b ) possano essere correlati ( una IPOTESI) che è generalmente semplice e che possa essere testata attraverso un ESPERIMENTO o controllando l’ipotesi nel confronto con fatti raccolti più recentemente.

3- LA STORIA DELLA RICERCA SULLA ME/CFS
Sono emerse tre diverse successioni storiche:

a) TARDO DICIANNOVESIMO SECOLO E PRIMI ANNI DEL VENTESIMO SECOLO – L’APPROCCIO METAFISICO
Sebbene la ME/CFS possa essere antica quanto la razza umana, ci sono state poche opportunità per l’approccio scientifico contrapposto all’approccio metafisico in quel periodo. Però, se si prestasse fede agli antichi archivi medici, casi sporadici di questa malattia cronica invalidante sarebbero chiaramente riconosciuti in popolazioni civili e militari. A quel tempo, si diceva che i civili soffrissero di NEVRASTENIA ( un termine onnicomprensivo fuori moda per una nevrosi con sintomi che variavano dalla irritabilità al crampo dello scrittore!). Invece nella vita militare, specialmente dopo la Prima Guerra Mondiale, le diagnosi più popolari erano “Shock da granata”, “Sindrome da sforzo” o semplicemente “mancanza di tempra morale” ( per la quale si poteva venir fucilati!). Come una volta osservò il creatore di Sherlock Holmes “ E’ un errore madornale teorizzare prima di avere tutte le evidenze – ciò influenza il giudizio” (1)

b ) 1910-1988- L’APPROCCIO SCIENTIFICO.
Questo fu un periodo assolutamente produttivo e eccitante di ricerca effettiva, alla fine del quale quasi tutti i dati essenziali ( che, soli, possono portare a DIAGNOSI, TRATTAMENTO CORRETTO e PREVENZIONE della malattia) per costruire e testare ipotesi circa le cause della ME/CFS, erano disponibili per tutti i ricercatori.

(i) la rivoluzione sanitaria. La metà del ventesimo secolo ha preparato la scena per fenomenali cambiamenti nelle condizioni socioeconomiche, nella sanità pubblica, nella conoscenza medica e tecnologica, quando l’occasione, come sempre avviene nella ricerca, ha favorito le menti preparate. Dal 1880 ampi settori della popolazione dei paesi più agiati del Nord America, Canada e Europa, si trasferirono dalle condizioni di affollamento urbano verso sobborghi residenziali scarsamente popolati, interrompendo così la circolazione di antiche infezioni infantili immunizzanti. Nelle malattie come la poliomielite (precedentemente una malattia rara e sporadica della prima infanzia) gli adolescenti e gli adulti non immuni subivano maggiormente le enormi epidemie di poliomielite paralitica contratta ( paradossalmente) nelle comunità più agiate del mondo.

(ii) Medicina osservazionale. L’eccellenza clinica in quel periodo faceva più affidamento sull’ascolto, l’osservazione, l’esame e la conoscenza approfondita della anamnesi familiare, che sulla tecnologia. Dal 1910 è stato notato che le epidemie di poliomielite paralitica erano frequentemente seguite (stagionalmente e geograficamente) da una forma atipica o non paralitica. Questo termine era originariamente usato per descrivere queste epidemie di ME/CFS, che differivano clinicamente dalla polio nel fatto che la malattia era generalmente più lieve ma più cronica e tendente a ricadute. Ulteriori osservazioni (per esempio in Islanda) (2) indicarono che l’insorgenza di una malattia poteva far cessare o bloccare la diffusione dell’altra. L’epidemiologia e la regolare pubblicazione di statistiche affidabili sulla malattia infettiva furono una responsabilità governativa riconosciuta. Forse la migliore analisi epidemiologica mai scritta sulla ME/CFS fu quella di ACHESON nel 1959 (3) nella quale egli studiò circa 15 epidemie e suggerì che tutte potevano essere causate da agenti correlati con attività clinica lievemente diversa da posto a posto o di volta in volta.

(iii ) Definizione. Il termine “Encefalomielite Mialgica” (ME) fu usato da quel momento in poi nel Regno Unito, Canada e Australia per definire una malattia che, a seguito di una infezione virale, porta ad un coinvolgimento multisistemico dei muscoli cardiaco e scheletrici, del fegato, degli organi linfatici e endocrini, ma che è principalmente dovuto ad una disfunzione del sistema nervoso centrale con conseguente perdita della omeostasi. La conferma a questa ipotesi venne dai test elettrici dei muscoli e della funzione cerebrale (compreso il successivo sviluppo di scansioni PET e SPECT) e dagli esami biochimici e ormonali. Furono sviluppati anche sofisticati test per la funzionalità cognitiva ( test psicometrico). Questi dimostrarono una palese differenza tra questa malattia e le condizioni psichiatriche. Ciò nonostante, McEVEDY e BEARD (4), dopo aver esaminato l’anamnesi ( ma non i pazienti) 15 anni dopo che 292 membri dello staff del Royal Free Hospital erano stati coinvolti nella importante epidemia di ME, dichiararono che la condizione era una manifestazione di ISTERIA DI MASSA ( un termine ereditato dalla mitologia greca per descrivere sintomi che possono prendere ogni forma immaginabile e sono considerati sorgere da un “delirio uterino”!)

(iv) La virologia emerse finalmente dagli anni bui delle difficoltà tecniche durante i quali l’infezione virale poteva essere indovinata ma raramente provata. Dal 1948, quando le colture di tessuti permisero di allevare alcuni virus, i microscopi elettronici permisero di vederne altri e le tecniche di biologia molecolare permisero di studiare virtualmente tutti i microbi ( attraverso l’amplificazione e l’identificazione dei loro frammenti genetici, anche se nascosti in organi interni) la sequenza degli eventi, nelle malattie correlate come la poliomielite e la ME, divenne chiara. Durante lo scoppio di polio e ME negli anni 50 (del ‘900), l’isolamento di un intero gruppo di enterovirus polio e non polio da pazienti asintomatici, indicò che c’erano qualcosa come 69 virus correlati in questo gruppo, associati ad un’ampia serie di infezioni comuni acute e croniche di bambini e adulti, comprese poliomielite paralitica (principalmente, ma non soltanto, causata da poliovirus) e meningiti virali acute, encefaliti, miocarditi, Malattia di Borholm epidemica [pleurodinia epidemica causata da virus coxsackie B1-6] e Malattia mani-piedi-bocca [malattia esantematica causata da coxsackie, poliovirus e altri enterovirus], infezioni dell’orecchio medio, cutanei e oftamilche, per non parlare di miocardite cronica, diabete ad esordio giovanile [diabete di tipo 1], encefalomieliti mialgiche e altre condizioni croniche neurologiche e malattie dei neuroni motori, causate da un’ampia serie di enterovirus non polio (coxsackie, ECHO e enterovirus 68-719) (5). Il virus Echo 9 fu isolato nei pazienti durante un’epidemia di ME nel Lancashire negli anni epidemici 1955-56 (6). La riscoperta della Sindrome Post-Polio ( descritta per la prima volta nel 1870 ma portata all’attenzione dei medici negli Stati Uniti cent’anni dopo), indicò che i virus polio possono persistere silenti per circa 25-40 anni dopo l’infezione iniziale.
Tale persistenza è stata descritta nelle miocarditi croniche e negli organi interni di pazienti con ME deceduti a seguito di suicidio (79).
Nei primi anni 1980, OLDOSTONE (8) ha studiato la persistenza virale in altre dieci specie di virus, nelle quali il virus infettivo può alterare la funzionalità cellulare senza la conseguente distruzione della cellula da parte del sistema immunitario. ARCHARD (9) e colleghi hanno descritto un possibile meccanismo per la persistenza del virus Coxsackie B nello scheletro e nel muscolo cardiaco di ammalati di ME e altre malattie negli ultimi anni del 1980. E’ ora possibile la produzione di un vaccino specifico per le miocarditi croniche.

c) 1988-1998 – UN RITORNO ALL’INCREDULITA’?

(i) Una Nuova definizione per la ME. A seguito della vincente immunizzazione contro la poliomielite nei primi anni ’60 e la rimozione di tre forme di virus polio dalla circolazione nei paesi interessati, gli enterovirus non polio correlati hanno colmato rapidamente il vuoto. Dal 1961 la prevalenza delle malattie ( come le meningiti virali) causate da questi agenti ha raggiunto nuove altezze. Intorno alla metà degli anni ’80, l’incidenza della ME è aumentata di circa sette volte in Canada e nel Regno Unito, mentre negli Stati Uniti un’enorme epidemia sul Lago Tahoe (erroneamente ascritta all’inizio ad un herpes virus) portò alla richiesta di un nuovo nome ed una nuova definizione per la malattia, maggiormente descrittiva di una infezione erpetica. Questa definizione basata sulla “spossatezza” (10) ( un sintomo comune a centinaia di malattie e anche alla vita normale, ma non un elemento distintivo della encefalomielite mialgica) fu programmata per facilitare la ricerca finanziata dalle case produttrici per nuovi farmaci antierpetici. Però una definizione basata sulla “spossatezza” ( che tra l’altro omette qualsiasi riferimento ai bambini) si è dimostrata un disastro per la ricerca nella decade corrente. Sia nelle sue forme originali sia nelle 4 ridefinizioni che sono seguite, la maggior parte dei ricercatori, guidati degli Americani, stanno ora richiedendo un cambiamento urgente (che ometta la “spossatezza”) così che possa essere comparata con la ricerca internazionale sulla ME.

(ii) L’approccio metafisico spodesta la scienza ancora una volta. Nonostante i finanziamenti della ricerca per lo studio sulla ME siano minimi nel Regno Unito, le risorse maggiori ( in complesso circa 5 milioni di sterline negli anni recenti) sono destinate ad agenzie non governative, come la Pharmaceutical e altre industrie. I maggiori beneficiari sono, senza dubbio, membri della professione psichiatrica che hanno riesumato antichi termini come “isteria” e ne hanno inventato di nuovi come “somatizzazione” per spiegare che i pazienti che soffrono di ME perpetuano la loro stessa malattia. Precedentemente, stimabili riviste mediche hanno contribuito a questa strana filosofia (11) e a terapie che aumentano la manipolazione psicologica e l’esercizio per effettuare una cura a breve termine. Un eminente fautore di questo approccio ( che, come il dr. Panglos (12) di Voltaire, è stato scoperto insegnare la sua filosofia ai giovani servi dietro i cespugli) ha assicurato che le citazioni letterali di un eminente articolo sull’argomento sono ora riportate su una grande varietà di agenzie di benefit sociali, assicurazioni, agenzie pensionistiche, e altre forme ufficiali, nei quali i medici possono inscrivere metà dei propri pazienti. In confronto a queste randellate verso la pubblica opinione, le asserzioni dell’”isteria di massa” al Royal Free Hospital sembrano poco più di un pazzo ronzio di una mosca demente, e, nel 1999, gli ammalati di ME continuano a sperimentare ansie, stress e avversità finanziare in aumento.


4- QUALE E' LO STATO ATTUALE DELLA RICERCA SULLA ME/CFS?

(i) Soltanto un governo ( quello americano) sta attuando un sostanziale finanziamento della ricerca sulla ME – benché con alcuni dubbi circa la corretta distribuzione e indirizzo dei fondi. Allo stesso tempo gli americani hanno dimostrato di essere inspiegabilmente timidi circa i sondaggi epidemiologici (base essenziale della ricerca) e le indagini sui problemi dell’infanzia e della adolescenza.

(ii) Un simposio americano sullo stato delle cose. A causa dei gravi problemi per ottenere qualsiasi finanziamento adeguato e per la conseguente pubblicazione della ricerca ME, oggi nel Regno Unito, a parte il deferimento alla psichiatria, la maggior parte dei lavori scientifici sono effettuati con difficoltà e pubblicati all’estero. In questo modo gli Stati Uniti, invece che il Regno Unito, sono i leader ora l’opinione mondiale e noi dobbiamo cercare la stampa americana medica e generalista per tenerci aggiornati sullo stato delle cose.


b ) le definizioni sulla “spossatezza” ancora in uso distorcono oltraggiosamente la reale prevalenza della malattia sino a cento volte (13). Nonostante sia ormai accettato che certe professioni espongono all’infezione ( per esempio quella infermieristica) abbiamo una percentuale eccezionalmente alta di ME in confronto alla popolazione generale. Sebbene simili resoconti dal Regno Unito, compreso l’effetto dell’infezione nel raggruppamento di casi nelle scuole, siano là liberamente pubblicati, l’iniziativa di ripetere tali ricerche è mancante negli Stati Uniti.

c) Sin da 1988, la maggior parte dei progetti di ricerca sono stati ristretti alla delucidazione di sintomi già riconosciuti negli anni ’50. Molti scienziati ora cercano di convincerci che questi sintomi rappresentano la causa piuttosto che il risultato di una malattia multisistemica. Ciò nonostante, i lavori più utili sono relazioni sulla disfunzione cerebrale (ora confermata ed ulteriormente esplorata attraverso l’uso dell’imaging cerebrale, per esempio Tirelli e coll, (16) e attraverso l’uso di metodi fisiologici per confrontare ME e sindrome post-polio, da Bruno e coll (17)). Problemi cardiovascolari, muscolari e neurologici che colpiscono l’ipotalamo e il sistema nervoso autonomo sono stati tutti esaminati intensamente, insieme all’evidenza che la ME è certamente una malattia organica e non un disordine “psicologico”. Ciò nonostante è triste notare che il settore della terapia è quasi interamente diretto all’approccio psicologico insieme all’esercizio progressivo. L’opinione che la moderna ricerca immunologica non confermi che la ME è una malattia di disfunzione immunitaria e che non ha un univoco profilo immunologico è ribadita sia negli USA sia nel Regno Unito.

5- COSA PUO’ ESSERE FATTO NEL FUTURO?

Dato che ci avviciniamo al Millennio deve essere riconosciuto che la lotta per il riconoscimento della ME come una seria malattia organica invalidante con significative esigenze medico-sociali, educative, e di supporto finanziario, deve penetrare ( a causa della manipolazione della opinione pubblica da parte dei media) il regno della politica piuttosto che quello più desiderabile della scienza di base. Con soltanto una piccola minoranza dei potenziali sostenitori medici, scientifici, legali ed altri, dalla loro parte, sono i pazienti ME (specialmente quelli che sono giovani e hanno più da perdere) che devono far sentire la propria voce nel dibattito attuale.

E decisioni riguardo ad adeguati finanziamenti e indirizzo della ricerca, certamente riguardo se tali lavori danneggeranno le prospettive di una carriera scientifica, possono essere prese solo se si sfida il presente clima dell’opinione pubblica. Le esigenza di tutti i malati devono ora essere ribadite chiaramente e con forza. Esse comprendono:

1. Immediato finanziamento governativo di uno studio epidemiologico su tutta la nazione in modo da stabilire la reale prevalenza della ME nella comunità ( comprendendo i malati più gravi che non sono sotto supervisione medica). Questo studio non può essere finanziato dagli sforzi di piccole associazioni di beneficenza e non devono essere presi in considerazione sponsor industriali. In assenza di tale informazione ufficiale, i pazienti con ME non possono reclamare i propri diritti per un adeguato supporto medico, sociale, finanziario o educativo come per ogni altra simile malattia invalidante.

2. Re-indirizzamento della ricerca verso la causa della malattia, poiché senza questa comprensione le linee guida sulla diagnosi, la gestione e la prevenzione della malattia saranno incomprensibili e finanziariamente inefficaci.

3. Re-indirizzamento degli sforzi della ricerca verso le scuole, l’assistenza sanitaria e altre istituzioni, ove c’è un’alta prevalenza di ME e raggruppamento di casi, in modo da determinare la natura delle infezioni comunemente circolanti che sono in grado di scatenare l’insorgenza o la ricaduta della ME. Ciò potrebbe dimostrarsi il metodo più economico e veloce di determinare strumenti di diagnosi, gestione e prevenzione.

4. La garanzia che qualsiasi nuova definizione di ME includerà le linee diagnostiche per i bambini e che la ricerca sarà progettata per testare i difetti cognitivi e per scoprire metodi educativi che possano prevenire un deficit di istruzione a lungo termine in questo importante gruppo d’età.

La verità è lì fuori e sarà svelata alla fine, ma molto dipende dai nostri sforzi individuali per garantire che saremo ancora vivi per vederla!

Riferimenti bibliografici.

(1.) SIR ARTHUR CONAN DOYLE. Study in Scarlet. (1888) Chapter 3
(2.) SIGURDSSON B, et al. Response to poliomyelitis vaccination. LANCET. 1958; 1 : 370-371
(3.) ACHESON E.D. The clinical syndrome variously called Benign Myalgic Encephalomyelitis,
Iceland Disease and Epidemic Neuromyasthenia. American Journal of Medicine. 1959; 26 : 569-595

(4.) McEVEDY CP, BEARD AW. Royal Free epidemic of 1955; a reconsideration. British Medical Journal : 1970; 1 : 7-11

(5.) MUIR P. et al. Molecular Typing of Enteroviruses. Clinical Microbiology Reviews. 1998; 11(1) 202-227

(6.) LYLE WH. An account of a disease believed to have been caused by ECHO 9 virus. Annals of Internal
Medicine. 1959; 51 : 248-269

(7.) McGARRY F. et al. Enterovirus in Chronic Fatigue Syndrome. Annals of Internal Medicine. 1994;
120 : 972-973

(8.) SOUTHERN P, OLDSTONE MBA. Medical consequences of persistent viral infection. New England
Journal of Medicine : 1986; 314 : 359-367

(9.) CUNNINGHAM L, ARCHARD LC. et al. Persistence of enteroviral RNA in chronic fatigue syndrome
is associated with the abnormal production of equal amounts of positive and negative strands of enteroviral
RNA. Journal of General Virology. 1990; 71 : 1399-1402

(10.) HOLMES GP. et al. Chronic Fatigue Syndrome – a working case definition. Annals of Internal Medicine.
1988; 108(3) : 387-389

(11.) Editor’s Choice. Hysteria can be diagnosed with confidence. British Medical Journal. 1998; 316. (21.2.98)

(12.) VOLTAIRE. “Candide”.

(13.) JASON LA. et al. Politics, Science and the emergence of a New Disease. American Psychologist. 1997;52(9) : 973-983

(14.) DOWSETT EG, COLBY J. Long term Sickness Absence due to ME/CFS in UK schools. An epidemiological
Study with long term medical and educational implications. Journal of Chronic Fatigue Syndrome. 1997; 3(2) : 29-42

(15.) ARZOMAND ML. Chronic Fatigue amongst children and their special educational needs.
Journal of ChronicFatigue Syndrome. 1998; 4(3) : 59-69

(16.) TIRELLI V. et al. Brain positron emission tomography (PET) in Chronic Fatigue Syndrome. American Journal of Medicine.
1998; 105 (3a) : 54(s) – 58(s).


(17.) (17) BRUNO RL. Et al. Parallel between Post-Polio Fatigue and Chronic Fatigue Syndrome – A common Pathophysiology?
American Journal of Medicine. 1998 105 (3A) : 66(s) – 73(s)

Messaggio modificato da danis, 31 gennaio 2009 - 20:59:24

"La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

Immagine inserita


"tu cerchi la risposta, ma non devi cercare fuori la risposta, la risposta è dentro di te, e però è sbagliata!" Quelo

#2 nessunnome

nessunnome

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.223 messaggi

Inviato 31 gennaio 2009 - 14:42:19

hai ragione!..sono la prima a "filosofare" e questo serve come sfogo ma non x risolvere qualcosa!!..."andare oltre" non serve, quando si ha bisogno di viivere "qui-ora"...
ma come torno a ripetere che coloro i quali che come me x 20 anni hanno dovuto "pensare" perchè non potevano "vivere". Pensare..perchè nessuno ti poteva aiutare, anzi, chiunque da parenti a medici ti buttava ancora + a cercare dentro di te e nella condizione umana in genere, i motivi del "tuo male"...x noi, è difficile aver fede nella scienza...
ma, ultimamente,grazie a questo forum, voglio crederci!..e via le pare..

#3 nessunnome

nessunnome

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.223 messaggi

Inviato 31 gennaio 2009 - 15:33:52

e sono ricaduta ancora nei miei pensieri!
è davvero come dire "prima l'uovo o la gallina/prima malati o malattie"!
è la solita controversia che crea 1000discussioni x l'appunto!e siccome qui si discute..a te denis:
grazie x le informazioni!!!!dovremo leggerle e rileggerle e convincerci che veramente scienza e di seguito giustizi ci sarà!!bisognerebbe aver il grande coraggio di partecipare a trasmissioni televisive ed urlare al mondo la verità che sta mergendo, cose che da molti anni ormai raffiorano!..col tempo sempre + persone si ammaleranno..di cfs, disfunzioni immunitarie di vario genere, dovute a inquinamento ambientale, vaccinazioni, amalgame, intestini iper-permeabili dovuti a cibi insani e virus bastardi super resistenti...e squilibri enegetici/quantistici..e allora business o no se l'umanità non vorrà continuare a "vivere male" troverà il modo di dignosticare, combattere l'eventuale nemico e guarire!!
già come si legge anche qui nel forum, le terapie x portare ad equilibrio e rafforzamento immunitario esistono...speriamo di debellare anche un eventuale virus se veramente esiste!individuare un agente responsabile sarebbe la cosa + semplice!no??
ma x dire tutto eed il contrario di tutto..
ma..filosofia non a parte, mi sa..che è sempre + chiaro che esistono malati..sistemi neuro-endocrini-immuno da riportare all'equilibrio perchè siano sani!!
che dispiaccia o no ai + pragmatici..in ogni caso.. la verità è un continuo alternarsi tra ipotesi, tesi, filosofia e scienza, virus e sistemi immunitari, anima e corpo...e in questa danza si arriverà alla verità ed alla guarigione.
superarsi sempre..tra scienza e filosofia..questa è la solita unica strada.
non è filosofare, poi..è realtà...è chiaro che l'uomo è un insieme di sistemi energetici!!ormai è scienza..la filosofia quantistica!dunque diciamolo, in termini chiari, è il mondo fermo, la scienza e la cultura medica ferma!altre meenti e individui sono consapevoli..(tendenza già new age!?)
chi la pensa come me non fa distinzioni...sa che esistono malati e le malattie aiutano solo i malati a darsi una ragione, a darla al mondo anche con la speranza di essere accetati con i propri limiti ed aiutati a guarire..!
quello di cui voglio essere chiara che "essere malati" è peggio di"avere malattie"..è quello che la scienza deve "capire" e da qui deve cominciare a lavorare!!
.2012..spero nella vera rivoluzione in tutti i campi del vivere umano!..molto si sta muovendo..assecondiamolo con gioia!ciao.

NB intanto meglio stare dalla parte della scienza..cercare la malattia..camminare uniti verso una sola semplice verità x affrontare e risolvere + facilmente questa triste condizione di chi ha urgente bisogno di "riprendere dignità"
anche x qualsiasi altra malattia si è cercata la "causa", ma ben si sa che è sol 1 consolazione..non la risoluzione!

#4 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.368 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 00:04:05

io condivido pienamente il "cosa può essere fatto nel futuro" dell'articolo


1. Immediato finanziamento governativo di uno studio epidemiologico per stabilire
la reale prevalenza della ME nella comunità e non devono essere presi in considerazione sponsor industriali

2. indirizzamento della ricerca verso la causa della malattia

3. indirizzamento degli sforzi della ricerca verso le scuole, l’assistenza sanitaria e altre istituzioni, ove c’è un’alta prevalenza di ME e raggruppamento di casi
in modo da determinare la natura delle infezioni comunemente circolanti che sono in grado di scatenare l’insorgenza o la ricaduta della ME

4. La garanzia che qualsiasi nuova definizione di ME includerà le linee diagnostiche per i bambini per testare i difetti cognitivi e per scoprire metodi educativi che possano prevenire un deficit di istruzione in questo importante gruppo d’età.


in inghilterra dove pare ci sia "un'alta coscienza/chiarezza " tra i malati di ME/cfs hanno individuaro chiaramente il problema ;
visto che l'incidenza maggiore della malattia è tra il personale infermieristico e quello docente delle scuole inferiori oltre che piccole epidemie famigliari e di piccole comunità di individui

sanno bene in quali ambienti idirizzare la ricerca

e se una malattia è più diffusa in ambienti così facilmente promiscui nessuno penserà che la causa della malattia è "l'ambiente "scolastico o sanitario o famigliare.....

anche ad un bambino verrà in mente che in quegli ambienti così frequentati e ricchi di contatti umani è più facile trasmettere certi microrganismi.

se fosse l'inquinamento ambientale si avrebbero le più alte percentuali di ME in località o ambienti inquinati non credete?


La verità è lì fuori e sarà svelata alla fine, ma molto dipende dai nostri sforzi individuali ...............speriamo di vederla


è stata una bella sorpresa vedere il nome di Tirelli come buona ricerca

tra l'altro qualche giorno fa è intervenuto a medicina trentatrè e "fatto nuovo "
ha dichiarato che spesso la cfs è di origine virale e che lui in terapia "non sempre"
usa antivirali e antibiotici.

Messaggio modificato da epione, 01 febbraio 2009 - 00:17:39


#5 danis

danis

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.026 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 09:18:54

Già, Epione, incredibile vero? Tirelli aveva già fatto nel 1998 (e stiamo parlando di dieci anni fa!) uno studio sulla PET e aveva anche concluso che questo esame dimostrava chiaramente un danno organico ma che A CAUSA DEL SUO COSTO non si doveva prendere in considerazione come possibile marker per la ME/CFS come riportato qui:
http://www.cfsitalia...t=0

Quello che mi stupisce è che quasi nessuno si sia indignato per queste conclusioni.

Per quanto riguarda le cause ambientali, se i virus hanno così facile terreno nei nostri corpi non è possibile che sia perchè i nostri sistemi immunitari sono già depressi per altre ragioni? Anche perchè altrimenti in tutti coloro che vengono in contatto con questi virus o batteri si scatenerebbe la patologia e questo non mi pare succeda.

Viviamo in una realtà ormai complessa, non mi stupisce che le cause possano essere complesse, perciò mi sembra che abbia ragione chi dice che ci si debba staccare dal concetto "una malattia - una causa".
"La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

Immagine inserita


"tu cerchi la risposta, ma non devi cercare fuori la risposta, la risposta è dentro di te, e però è sbagliata!" Quelo

#6 nessunnome

nessunnome

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.223 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 10:20:54

e se fosse di origine GENETICA!?mitocondriale o genetica..chi sa spiegarmi un po'..

#7 akela

akela

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 453 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 10:26:25

Già, Epione, incredibile vero? Tirelli aveva già fatto nel 1998 (e stiamo parlando di dieci anni fa!) uno studio sulla PET e aveva anche concluso che questo esame dimostrava chiaramente un danno organico ma che A CAUSA DEL SUO COSTO non si doveva prendere in considerazione come possibile marker per la ME/CFS come riportato qui:
http://www.cfsitalia...t=0

Quello che mi stupisce è che quasi nessuno si sia indignato per queste conclusioni.

Per quanto riguarda le cause ambientali, se i virus hanno così facile terreno nei nostri corpi non è possibile che sia perchè i nostri sistemi immunitari sono già depressi per altre ragioni? Anche perchè altrimenti in tutti coloro che vengono in contatto con questi virus o batteri si scatenerebbe la patologia e questo non mi pare succeda.

Viviamo in una realtà ormai complessa, non mi stupisce che le cause possano essere complesse, perciò mi sembra che abbia ragione chi dice che ci si debba staccare dal concetto "una malattia - una causa".

Visualizza Messaggio

Noi non siamo suscettibli a tutti i virus, ma ad alcuni, non ben identificai.
Abbiamo effettivamente non una depressione del sistema immunitario, ma una sregolazione dello stesso (NK etc.)
Se non c'è qualcuno che fa causa allo stato sulla base dell'articolo 32 della Costituzione e non porta la questione davanti a un Tribunale non se ne esce proprio.



#8 danis

danis

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.026 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 10:57:54

Infatti, non ho detto a tutti i virus e batteri e cmq alcuni sono stati identificati eccome, vedi epstein barr, vedi micoplasmi modificati, ricerca di Nicolson and Nicolson, etc etc.

per quanto riguarda la causa legale, abbiamo già detto altrove che qualcosa qualcuno la sta infatti preparando....

La genetica: infatti Kerr sostiene di aver identificato sette sottotipi genetici, vedere le conclusioni della ricerca di Kerr. Senza considerare che mutazioni genetiche si acquisiscono anche proprio per cause ambientali e altre.
"La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

Immagine inserita


"tu cerchi la risposta, ma non devi cercare fuori la risposta, la risposta è dentro di te, e però è sbagliata!" Quelo

#9 akela

akela

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 453 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 11:53:34

Infatti, non ho detto a tutti i virus e batteri e cmq alcuni sono stati identificati eccome, vedi epstein barr, vedi micoplasmi modificati, ricerca di Nicolson and Nicolson, etc etc.

per quanto riguarda la causa legale, abbiamo già detto altrove che qualcosa qualcuno la sta infatti preparando....

La genetica: infatti Kerr sostiene di aver identificato sette sottotipi genetici, vedere le conclusioni della ricerca di Kerr. Senza considerare che mutazioni genetiche si acquisiscono anche proprio per cause ambientali e altre.

Visualizza Messaggio

Non con certezza.

Che si stia preparando una causa legale mi fa molto piacere, spero che sia impostata bene e affidata ad avvocati all'altezza.

#10 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.368 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 16:33:43

io son sempre del parere che "la verità" è sempre (o quasi)semplice


è vero che come ci può essere un caso particolare spiegabile con la complessità (tra i malati ), potrebbe essercene uno tra le malattie, ma quelle che oggi si cerca di spiegare con teorie complesse x me non sono altro che tentativi di spiegarle +o- con i sintomi.

i geni: non credo che per il solo fatto di essere studenti o infermieri si abbiano le stesse modificazioni genetiche predisponenti alla ME

gli inglesi forse non sono sicuri dell'origine virale , ma indicando alla ricerca di indagare "sui gruppi di casi " anno colto nel segno

non credete che è molto più semplice pensare a dei cantatti che trasmettono la ME, perchè complicarsi la vita con delle spiegazioni complesse?

danis non scandalizzarti del cinismo dei medici, "è normale " in quelle situazioni ,altrimentri come fai a spiegare il fatto che (gli industriali del farmaco)non danno gli antivirali ai poveri dell'africa/Asia....
dopotutto 10 anni fa si pensava che l'ME era una "malattia rara ";

il brutto è che Tirelli ha affermato ,a Pavia(set.2008) c'eri anche tu ,che la ME non è in espansione ma sembra che aumentino i casi perchè è più facile fare diagnosi ;

qualche gg. fa su med. trentatrè invece ha detto ""che spesso è di origine virale e la tratta con antivirali e antibiotici"" che abbia aperto gli occhi? speriamo.

per me la causa è 1a

#11 nessunnome

nessunnome

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.223 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 17:22:24

speriamo...ma trovarla..la causa 1a..e ultima.
non è possibile che tra personale infermieristico e scolastico ci sia più stress, x la necessità di dover intrattenere relazioni con troppe persone ..e dover aver relazioni di convenienza anche se intollerabili???questa è cosa altamente stressante!!!ditemi in quale altro lavoro la relazionalità (si è a servizio del malto e dell'educando..)ha rilevanza così alta e così alto è il dovere del detto professionista di "assecondare" richieste delle molteplici figure...stress fisico e nervoso, indicibile!
..comunque ciò aumenterebbe la tesiche lo stress è 1 fattore determinante nell'insorgenza di vere e proprie malattie!!
e comunque se fosse un. determinato virus, tutti i patner di malato ME/cfs ne sarebbero esposti, ma così non è...
poi, mi vien da pensare che,in ambienti come scuole e ospedali piuttosto,ci sarà un'alta concentrazione di malattie a cui personale infermieristico e docente viene costantemente sovraesposto..e tutto fa brodo...
certo ci vogliono studi, veri studi!..secondo me...come x la sclerosi multipla, di cui si è scoperto ci siano anche riferimenti virali..questa Nostra è una malattia sistemia supportata da riferimenti virali, che oltre a ledere il sistema nervoso, abbassano il sistema immunitario..potrebbe essere un virus polio modificato..coxsakie..???...agli scienziati "con le palle" l'ardua risposta...

#12 danis

danis

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.026 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 17:23:21

Tranquillo epione,
non mi scandalizzo del cinismo dei medici, mi scandalizzo che nessuno dei malati sia intervenuto a dire che schifo!
Mi scandalizza che tutti dicano che non ne possono più e che poi non si faccia niente di concreto, mi scandalizza che non si leggano le cose che vengono postate, che non ci si informi su quello che sta succedendo sulla nostra stessa pelle, mi scandalizza che non ci si scandalizzi più!

Io non so cosa ci sia alla base, e non credo che la medicina possa essere una scienza esatta, però penso che non bisogna lasciare nulla di inesplorato, penso che sia doveroso prendere in considerazione le ipotesi più valide che possono spiegare molte delle cose che accadono in malattie multisistemiche come queste.

Spero che i ricercatori che stanno onestamente indagando non si fermino a preconcetti e vadano sino in fondo, ma soprattutto spero che si possa trovare quanto prima qualcosa che possa almeno fermare la progressione in coloro che sono i più gravi, perchè molti non potrebbero altrimenti arrivare a sapere qual è la verità.

L'insorgenza virale o batterica non esclude la perpetuazione in un ciclo vizioso, né le variazioni genetiche acquisite, nè la disfunzione mitocondriale conseguenza di tutto questo, come non esclude i molteplici danni che al momento si stanno dimostrando, come non esclude il legame con la MCS, la GWI e il PSD.

E' un puzzle, come ha spesso dichiarato Pall durante la conferenza, speriamo solo di arrivare vivi a vederne la soluzione, come a molti non è stato possibile - vedi Memorial-
"La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

Immagine inserita


"tu cerchi la risposta, ma non devi cercare fuori la risposta, la risposta è dentro di te, e però è sbagliata!" Quelo

#13 akela

akela

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 453 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 17:29:23

Infatti, non ho detto a tutti i virus e batteri e cmq alcuni sono stati identificati eccome, vedi epstein barr, vedi micoplasmi modificati, ricerca di Nicolson and Nicolson, etc etc.

per quanto riguarda la causa legale, abbiamo già detto altrove che qualcosa qualcuno la sta infatti preparando....

La genetica: infatti Kerr sostiene di aver identificato sette sottotipi genetici, vedere le conclusioni della ricerca di Kerr. Senza considerare che mutazioni genetiche si acquisiscono anche proprio per cause ambientali e altre.

Visualizza Messaggio

Dove?

#14 danis

danis

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.026 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 17:36:18

Dove?

Visualizza Messaggio



qui:
http://www.cfsitalia...aded&show=&st=
"La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

Immagine inserita


"tu cerchi la risposta, ma non devi cercare fuori la risposta, la risposta è dentro di te, e però è sbagliata!" Quelo

#15 nessunnome

nessunnome

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.223 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 17:38:44

ma che???i hanno sempre detto che di quest malattia non si muore?!!a meno che non ci si suicidi...non capisco tutto inglese..e che si muore ora..??!
e x far qualosa e che facciamo???..assaliamo gi ospedali!!!??..mandiamo una bella lettera con lla firma di questi 5-6 mila visitatori del forum ll ministro della salute??..e che ci vuole..?chiedimo agli "amministratori" gentilmente una lettera, una forte lettera e sottofirmiamola TUTTI!!!! ormai peggio di così...bisognerebbe sì muoversi!!ed inutile stupirsi di chi è stanco anche di trovare le soluzioni..questa impotenza come ben si sa..è sistemica!E QUESTA È LA VERA DISPERAZIONE:ARRENDERSI!io sono qui x 1 MOVIDA e aspetto notizie x essa...

#16 danis

danis

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.026 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 17:48:43

traduzione di una prima parte del memorial:

http://www.cfsitalia...?showtopic=3522
"La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

Immagine inserita


"tu cerchi la risposta, ma non devi cercare fuori la risposta, la risposta è dentro di te, e però è sbagliata!" Quelo

#17 nessunnome

nessunnome

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.223 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 18:17:11

ho risposto nel topic..dove mi//Ci hai mandata/i...

#18 akela

akela

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 453 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 18:25:00

qui:
http://www.cfsitalia...aded&show=&st=

Visualizza Messaggio

No, mi riferivo alla causa legale, dov'è che si parla di questo?

#19 vivolenta

vivolenta

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.650 messaggi

Inviato 01 febbraio 2009 - 20:21:34

a epione, la storia del si diagnostica di piu e piu di prima non perchè ce ne siano di piu ... è vecchiotta, gia utilizzata ad es anche per i casi di autismo certe categorie sono talmente prive di fantasia da utilizzare e riciclare sempre le stesse cose...
Meglio cinghiale che pecora

#20 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.368 messaggi

Inviato 02 febbraio 2009 - 00:05:54

la storia della medicina è piena di tentativi ("ridicoli " con senno di poi) di spiegare malattie sconosciute mettendo in campo tutte le conoscenze e pseudoc. del periodo storico ;

si fa l'errore che Gesù attribuisce alla preghiera dei pagani : non sprecate parole quando pregate , la preghiera non sarà più efficace tanto più parole mettete.
ma la p. è perfetta quando è semplice e nasce dall concentrazione

io non ho molta competenza , però ricordo che la peste prima e la rabbia poi
si cercava di spiegarle con tutte le teorie possibili ,dagli spiriti ai demoni a dio , si usavano tutte le erbe , tutti i riti,la supestizione ; i medici poverini usavano i rimedi che conoscevano ,un po come i maghi o aumentavano le dosi o cambiavano i prodotti ;


il povero Pasteur era disprezzato e deriso ma pur non essendo medico aveva visto giusto , se l'uomo si ammalava di rabbia al 90 % dei casi dopo essere stato morso da cani/lupi /volpi.... ci doveva essere qualcosa nel morso

DIO quant'è semplice la verità

un esempio recente è quello dell'HP che provoca gastriti e ulcere gastriche, scoperto circa 50 anni fa e poi ignorato ; i medici degli anni '70, '80 ci mettevano di tutto per spiegarle: dall'alcool al fumo ,dallo stress ai cibi , dai geni all'ambiente all'iquinamento ecc., questi fattori incidevano ma solo marginalmente;
ci sarà stato sicuramente qualcuno
che avrà pensato all'energia negativa e avrà provato a ristabilire l'equilibrio
cercando in Sé la forza per guarire o facendo impacchi con foglie di cavolo bio;
era solo colpa dell'Helicobatter.

un altro esempio è l'hiv ;
per alcuni anni i sapientoni (della classe medica) pensando di conoscere tutto quello che c'era da conoscere spiegavano l'aids con lo stile di vita , con le ripetute infezioni che (si vedevano) logoravano il sist. immunitario; non pochi ne solo gli ignoranti avranno scomodato dio che li puniva per i loro peccati ;
ma non era altro che un nuovo fottutissimo virus.

forse l'avran detto con paternalismo , non spaventavano la gente e al contempo
la facevano desistere da comportamenti a rischio.
oppure erano proprio stupidi

LA STORIA SI RIPETE

molti esperti sostengono che per la ME/cfs non si è fatta ricerca di base seria
,
praticamente si è cercato di curarla con i prodotti/rimedi che si conoscono

e pensare che la verità è dietro l'angolo...... aiutiamola a nascere.

#21 Gattone

Gattone

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 294 messaggi

Inviato 19 marzo 2009 - 11:49:21

a me sembra che ci sian veramente troppi troppi troppi casi di persone con ME a strettissimo contatto con altre che non ce l'hanno per essere contagiosa,

cioè se parli di scienza devi assolutamente spiegarmi scientificamente perchè ste persone non vengono contagiate.
poi non dico che non abbiamo dei virus che banchettano col nostro organismo....

Però un paio analisi comunque me la faccio:) Quale sarebbe il virus da cercare? l'epstein barr anche sulle igg vero?

Messaggio modificato da Gattone, 19 marzo 2009 - 11:55:12


#22 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.368 messaggi

Inviato 19 marzo 2009 - 18:48:16

Sicuramente a provocare la ME/cfs dovrebbe essere un virus sconosciuto
altrimenti se fosse stato un virus noto sarebbe emerso dalle analisi e
dai prodotti virali ; quindi non ci sono i kit per esami di lab. specifici
spetta ai ricercatori fare indagini approfondite e costose.
Anche per l’hiv ,mi ha detto un medico, non si pensava ad
un nuovo virus ma per i primi anni la comunità medica riteneva
che responsabili dell’aids fossero quelle infezioni risultanti dagli esami,
perché non si conoscevano i retrovirus e non c’era un esame specifico
che potesse rivelare l’hiv ; però siccome le persone morivano
la ricerca si mosse.
Ci sono molti casi di epatite c o b che pur avendo rapporti sessuali
tra coniugi senza protezione non se la sono trasmessa.
Anche per l’influenza ,tra le malattie virali più contagiose, in una famiglia
ci può essere un solo caso su 4 componenti come tre casi su 4.
Io penso ad una malattia meno contagiosa dell’influenza ma più dell’epatite c.
Però il problema è un altro, si dall’inizio della storia della ME/cfs sono stati
segnalati più casi nello stesso ambiente (familiare,lavorativo,ecc,),
però queste segnalazioni per me sono la punta di un iceberg perché
moltissime situazioni simili non vengono rilevate a motivo della grande
variabilità dei sintomi della malattia ; in quanto ci può essere una persona
colpita in maniera modesta che non sa nemmeno di essere malata, poi i casi
di ultra sessantenni o di bambini emergono a stento (per questo
statisticamente sono meno colpiti) perché ai primi
basta la risposta del medico curante ( non sei più giovane) +un sonnifero e
prudenza col freddo ed ai pasti; mentre i secondi di solito non hanno
la memoria della loro salute ne la forza per combattere contro i genitori
e i medici che non credono al loro male. Non per ultimo c’è il fatto
che un malato di ME/cfs “”il quale ,nella situazione attuale, può
scegliere e nascondersi tra le diverse teorie che spiegano la malattia “” tende a
rifiutare +o- coscientemente la teoria infettiva perché questa provocherebbe
un terremoto interiore e non solo , con tutti i sensi di colpa verso le persone
(prevalentemente care) , vergogna verso la società con relativa ulteriore
emarginazione ; prova a pensare ad una madre che deve dire al figlio/a
che potrebbe avere una malattia contagiosa ricevuta proprio da lei.
già i figli avranno molti problemi a fare quello che fanno gli altri e saranno
vulnerabili al freddo ecc., ecc., i genitori temeranno di perdere l’affetto dei
figli che potrebbero ritenerli responsabili delle loro sofferenze.
Così visto che questa confusione ,tra i medici sulle cause della malattia,
lo permette ,anche quelli che VEDONO preferiscono chiudere gli occhi.
Purtroppo queste scelte vanno a danno di tutti i malati di ME/cfs figli compresi.
ciao

#23 nessunnome

nessunnome

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.223 messaggi

Inviato 19 marzo 2009 - 20:42:03

sì...ma l'hai detto proprio tu che prende in modo diverso..proprio perchè virus oo non virus siamo noi "malati", non esistono le malattie!!
stessa storia per l'HIV avrai senz'altro letto i post che parla di speculazione su un virus che non è sicuro nemmeno ci sia!!
scusa Epione ma non la vedo come te!soprattutto perchè non cambierebbe nulla, sarebbe forse anche quel virus sconosciuto un "prodotto" del nostro "terreno malato"
potrebbe essere che le cause tossico-ambientali di cui parliamo molto qui sul forum, compresa la "medicina nuova" del dott.Hamer (malattie create dal tilt/trauma nel cervello)...queste possono creare anche il virus e, sopratutto, renderlo più o meno attivo..
il virus in sè, non fa "primavera", nè "inverno", a mio parere!
è cercare qualcosa che non "conclude" nulla!ci direbbero..."tenetevelo!!", come per l'HIV o sarebbe solo un business, per non guarirci davvero e far sodi, ammalandoci di più...sempre più soldi più fosse un virus fetnte come HIV e forse inesistente!!
ciao.

#24 nessunnome

nessunnome

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.223 messaggi

Inviato 19 marzo 2009 - 20:42:07

sì...ma l'hai detto proprio tu che prende in modo diverso..proprio perchè virus oo non virus siamo noi "malati", non esistono le malattie!!
stessa storia per l'HIV avrai senz'altro letto i post che parla di speculazione su un virus che non è sicuro nemmeno ci sia!!
scusa Epione ma non la vedo come te!soprattutto perchè non cambierebbe nulla, sarebbe forse anche quel virus sconosciuto un "prodotto" del nostro "terreno malato"
potrebbe essere che le cause tossico-ambientali di cui parliamo molto qui sul forum, compresa la "medicina nuova" del dott.Hamer (malattie create dal tilt/trauma nel cervello)...queste possono creare anche il virus e, sopratutto, renderlo più o meno attivo..
il virus in sè, non fa "primavera", nè "inverno", a mio parere!
è cercare qualcosa che non "conclude" nulla!ci direbbero..."tenetevelo!!", come per l'HIV o sarebbe solo un business, per non guarirci davvero e far sodi, ammalandoci di più...sempre più soldi più fosse un virus fetnte come HIV e forse inesistente!!
ciao.

#25 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.368 messaggi

Inviato 20 marzo 2009 - 00:47:26

desideravo che gattone ,e non solo , conoscesse quello che penso visto che
con l'esame dell'ebv pensava di risolvere il problema ;
comunque il test per l'ebv è sempre bene farlo .

#26 Incavolato

Incavolato

    Amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 190 messaggi

Inviato 20 marzo 2009 - 01:15:18

già , il problema è che è positivo a tutti.

#27 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.368 messaggi

Inviato 20 marzo 2009 - 15:22:37

x nessunnome
io non ho mai detto che non esistono le malattie, ANZI; non ho mai detto che "siamo noi i malati in senso spirituale" e per questo siamo colpiti facilmente dalle infezioni;non ho mai detto che un virus non fa primavera, tutt'altro

io dico che abbiamo un'infezione
(non centra niente lo spirito ,l'essenza, il grado di consapevolezza,ecc.,)
e proprio a causa di questa siamo malati e più vulnerabili ad altre infezioni come avviene per altre malattie aids compresa

x incavolato
è vero pare che più del 50% dei malati di ME/cfs abbia incontrato l'ebv
come del resto più del 50% della popolazione
il problema è che non sembra attivo nei malati di ME/cfs.
però tutto potrebbe essere.

#28 nessunnome

nessunnome

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.223 messaggi

Inviato 20 marzo 2009 - 15:29:33

io ho le IGG alte di ebv e altri, soprattutto del cytomegalovirus (5.200..)..ma i dottori dicono che "sono cose passate!" ed io non capisco perchè li cercano!
omunque epione..non è che sottovaluto il "concerto di virus", anzi mi prendereii l'eritrocina per 1 -2 mesi tanto per pulirmi di un po' di cose, visto che i dott. Fior non a torto lo usa...un antibiotico così a largo spettro è un buono spazzino!è che poi, non si risolve il problema..si toglie un po' di lisi batterica..ma chissà che il terreno mio psicologico/energetico e il mio livello di intossiazione siano abbastanza buoni, che con una botta di "pulizia" si riequilibri tutto!magari!!
ma sai, forse sono casi...casi, combinazioni come quelli che ci hanno fatto ammalare!certo io credo ci siano "qualità", non solo "quantità" di combinazioni..che se nell'ammalarmi sono state negative, ora spero possano essere positive..co-fattori in rialzo.

#29 grazia73

grazia73

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.045 messaggi

Inviato 20 marzo 2009 - 15:53:33

Ciao a tutti, anch'io sono partita con il virus della mononucleosi, però facendo gli esami sembra che non sia più attivo, cioè i dott mi hanno detto che ormai è una cosa passata perchè ho gli anticorpi! Stessa cosa per l'herpes6, anche li mi hanno detto che ormai è una cosa passata. Io però da quando ho contratto questi due virus, non sono più stata bene e mi si è sviluppata la cfs! Io non riesco a capire una cosa: ma la cfs è una malattia autoimmune? I dottori dicono di no , ma io non ci capisco più nulla...Ciao a tutti . Grazia .

#30 akela

akela

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 453 messaggi

Inviato 20 marzo 2009 - 15:55:23

Ciao a tutti, anch'io sono partita con il virus della mononucleosi, però facendo gli esami sembra che non sia più attivo, cioè i dott mi hanno detto che ormai è una cosa passata perchè ho gli anticorpi! Stessa cosa per l'herpes6, anche li mi hanno detto che ormai è una cosa passata. Io però da quando ho contratto questi due virus, non sono più stata bene e mi si è sviluppata la cfs! Io non riesco a capire una cosa: ma la cfs è una malattia autoimmune? I dottori dicono di no , ma io non ci capisco più nulla...Ciao a tutti . Grazia .

Visualizza Messaggio

No, la cfs non è una malattia autoimmune. Io ho fatto il test per gli anticorpi e non ho anticorpi.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.