Vai al contenuto

Docufilm sulla ME/CFS "UNREST", per la prima volta in Italia!
Le informazioni sull'evento sono QUI
Foto

Romy-pensiero......


  • Per cortesia connettiti per rispondere
636 risposte a questa discussione

#91 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 26 gennaio 2008 - 21:10:29

Ai tempi di Salutamed ho parlato spesso del volume di sangue limitato che circola in soggetti in odore di cfs,ricordo che mi soffermai sui prelievi che mi fecero in un ospedale dove dovevo sottopormi ad intervento dei turbinati nasali,notai che dopo il prelievo,(di solito negli ospedali ti tolgono moltissimo sangue),mi sentii una vera schifezza.Infatti ho il vizio,quando faccio i prelievi privatamente di farmi togliere sempre pochissimo sangue,giusto il necessario,e mi accontentano sempre.
Ieri mi è capitato di andare in un altro ospedale,dove mi hanno fatto un bel prelievo fiume di sangue,solito vizio che hanno.Risultato,oggi mi sento una schifezza di nuovo,e mi accorgo nettamente della differenza.Poi ho letto sulle traduzioni dall'inglese in questi giorni,che anche i ricercatori sulla cfs parlano di bassi volumi di sangue circolante nei malati di CFS.Adesso andatelo a dire agli ospedali una cosa del genere,visto che sono abituati a fare dei veri salassi a chi si ricovera,come minimo ti prendono per fissato o strano.La stessa cosa vale per i raggix,mezzi di contrasto,ecc.tutti lussi che certi pazienti non possono permettersi,proprio per la loro specificità patologica.CiaoRomy

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#92 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 27 gennaio 2008 - 17:13:57

Sapete benissimo come la penso a livello .......................................,ma anche qui'l'ingordigia dell'uomo ha colpito.Amici è vero siamo incerchiati dagli indiani.Romy

Visualizza Messaggio


OOOPS. Susatemi ma ho appena postato un topic che parla della repirazione e del fatto che noi respiriamo male. Ho citato l'apnea notturna e la macchina PCPAp (che io ho ma non uso da molto tempo). Non mi ero reso conto che il problema era gia' stato discusso dal competentissimo Romy. HO citato anche il metodo di repirazione Buteyko che gia' conoscete. Chiedo scusa per avere aperto un topic inutile.
Per Johnny.
Se il ciclo NOH/ONOO e' sballato l'uso del sildenafil, e dei notroderivati in genere )nitroglicerina, cardi-dur, popper, ecc e' controuidindicato in quanto queste sostanze immettono in circolazione una quantita' maggiore di ossido nitroso/nitrico in poazienti che lo prodicono in eccesso. Il NOH serve per dilatare le arterie...
saluti

Messaggio modificato da joseph1951, 27 gennaio 2008 - 17:14:33


#93 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 27 gennaio 2008 - 20:54:09


OOOPS. Susatemi ma ho appena postato un topic che parla della repirazione e del fatto che noi respiriamo male. Ho citato l'apnea notturna e la macchina PCPAp (che io ho ma non uso da molto tempo). Non mi ero reso conto che il problema era gia' stato discusso dal competentissimo Romy. HO citato anche il metodo di  repirazione Buteyko che gia' conoscete. Chiedo scusa per avere aperto un topic inutile.
Per Johnny.
Se il ciclo NOH/ONOO e' sballato l'uso del sildenafil, e dei notroderivati in genere )nitroglicerina, cardi-dur, popper, ecc e' controuidindicato in quanto queste sostanze immettono in circolazione una quantita' maggiore di ossido nitroso/nitrico in poazienti che lo prodicono in eccesso. Il NOH serve per dilatare le arterie...
saluti

Visualizza Messaggio




No ,che dici,caro Joseph,hai fatto bene ad aprire il Topic a parte sulla respirazione,concetti di Cheney a riguardo ecc.,per il semplice fatto che da noi la memoria scarseggia,e quindi cio'che è stato detto in passato,o non fu'recepito all'epoca,o è stato dimenticato,oggi che la preparazione tecnica del forum è molto più alta che in passato ben vengano post di ripetizione.Ciao Romy

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#94 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 27 gennaio 2008 - 22:40:32


No ,che dici,caro Joseph,hai fatto bene ad aprire il Topic a parte sulla respirazione,................................................................................... ben vengano post di ripetizione.Ciao Romy

Visualizza Messaggio


Grazie Romy

#95 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 30 gennaio 2008 - 01:40:55

Anche questo sta bene qui'.Romy

Il mitocondrio e la tossicità da glutammato

L'eccessiva stimolazione del recettore per la N-malonildialdeide (recettore NMDA), da parte del glutammato, è in grado di produrre un ingresso massivo di calcio che può portare a morte il neurone tramite diverse vie apoptotiche o per necrosi a seconda dell'intensità dello sitimolo. Una di queste vie interessa anche il mitocondrio.
Il calcio in eccesso che affluisce, in effetti, va a sovraccaricare il mitocondrio, penetrandovi, determinando così perdita del suo potenziale di membrana e diminuzione della produzione di ATP per disaccoppiamento della fosforilazione ossidativa con la sintesi di ATP. Ciò fa sì che le pompe di membrana ATP dipendenti responsabili del mantenimento della depolarizzazione smettano di funzionare e ciò, in un circolo vizioso, aumenta l'ingresso di calcio. Viene, inoltre, stimolata la produzione d'ossido nitrico che sembra possedere un'azione inibitoria sulla catena di trasporto mitocondriale.
In effetti tutto è collegato,e le stesse cose avvengono in tutte le cellule,nella cellula si distinguono 2 momenti una di depolarizzazione,che significa eccitazione della cellula con consumo d'energia,il calcio ed il sodio entrano nella cellula tramite i canali ionici e la pompa del calcio,ed il potassio ne esce.Terminata tale fase,in un organismo sano deve avvenire il contrario,ovvero la fase di Ripolarizzazione,il calcio e sodio fuori,le membrane cambiano segno,il potassio e magnesio dentro,è la fase di riposo,che poi è quella in cui si crea la vera energia,di cui noi difettiamo.L'iperstimolazione del recettore NMDA,per un qualunque motivo,per esempio antidepressivi non dovuti, aspartame, glutammato,ecc,ecc,,come ben vedi l'NMDA non si fà mai i fatti suoi,nel caso fosse iperstimolato,blocca il calcio nella cellula,blocca la pompa sodio potassio,e ti mette la cellula in neurotossicità,prima la sofferenza e poi la morte,e le nostre funzioni cognitive rallentano,insieme a tutte le altre funzioni.Insomma il vero guaio per noi è quando la fase di depolarizzazione resta operante oltre il tempo dovuto.E pensare che i medici si mettono a dare farmaci stimolanti,pensando di fare bene,è dai tempi di Salutamed che grido mai farmaci iperstimolanti e cercare di abbassare i potenziali di soglia delle cellule,con magnesio-taurato,ma io uso anche benzodiazepine,senze le quali mi sarebbe rimasto solo un neurone in testa,altre che caxxxxte circa le benzodiazepine.Certamente se in Italia si potesse trovare il Gaba,combinato con la B3 e l'inositolo,sarebbe molto meglio,ma noi siamo una repubblica delle banane.Ciao.Romy 


Visualizza Messaggio


grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#96 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 02 febbraio 2008 - 21:12:55

Pensierino di Febbraio.Ciao Romy

Vorrei cercare di mettere su carta una cosa importante su queste benedette sindromi.Tralascio molte cose già dette, che sono sindromi multifattoriali,BLA;BLA;BLA;,che a noi deve importare poco,e poi penso non sia esatta la cosa,o lo è in modo parziale.Prendi Neve,è diventata bravissima nella conoscenza delle 2 sindromi,recita a memoria tutte le probabili cause,e conosce ottimamente come difendersi dalle stesse,tramite le sue terapie naturali e diete,e credetemi,c'è la mette tutta ed è bravissima, e poi non è più giovanissima come me,insieme superiamo ampiamente il secolo,qualcuno potrebbe dire ma incide anche l'età? ed io a quel qualcuno ,se esiste dico che non ha capito nulla.Per Neve,ma anche per me un po'di risultati ci sono,diciamo un 70/80%,non sono al cento per cento,ma ci sono.Perchè non ci sono al cento per cento,me lo son chiesto mille volte in questi ultimi giorni,e la risposta mi è arrivata che poi a pensarci bene è anche il motivo per cui uno si ammala e l'altro no,e per cui non si riesce a guarire,nonostante si cerchi di vivere nel modo migliore possibile e ci si cura in modo intelligente.Ho scoperto che tutto si regge sulla cattiva qualità del sonno.Anche chi dorme senza grossi problemi la notte come me e Neve,in effetti non è cosi',la qualità non è Doc,ed è proprio cio'a far si'che il nostro organismo non riesca a disintossicarsi come dovrebbe,ed anche tutte le problematiche a livello di scarsa memoria,dolori,e tutto,dipende da una scarsa qualità del sonno.Quindi il sonno deficitario alla base della CFS/FM,e non uno dei suoi sintomi,come si è pensato fosse.Per cui se ho visto bene,permettetemi di dire che si tratta di un modo d'intendere le cose in modo quasi rivoluzionario.Per farla breve,si guarisce da queste patologie,se permettiamo all'organismo stesso di farlo,mettendolo in condizione di dormire secondo i canoni della natura e di un giusto sonno,onde permettere,lentamente,notte dopo notte,di tirarci fuori dal pantano.Per arrivare a tale idea ,ho osservato tante cose,in me ed in tanti malati,su tanti forum.Di notte durante il sonno,se valido e naturale,avvengono tutte quelle operazioni e reazione e cicli vari,da consegnare alla mattina un organismo in ottime condizioni sia fisiche che mentali e psichiche.A darmi man forte in cio'anche l'ultimo studio sui lavori notturni,anche la teoria omotossicologica delle fase notturne del Sol e Gel,mi hanno aiutato a capire il tutto.Non mi prolungo oltre,vi dico solo,che se troviamo il modo di ripristinare un giusto e sano sonno notturno,ci avvieremo sulla strada della guarigione.Chi vuole associarsi con me lo faccia,ed inizi a ricercare attorno al sonno,sono anche sicuro che con poche sostanze mirate allo scopo,tra cui vitamine in primis,e tra queste non deve mancare la metil b12,ma anche altre.Io un primo schema di cura già c'è l'ho,solo che andrebbe forse migliorato,nel frattempo vediamo come prosegue a Danis con la sua terapia col Naltrexone,e a Neve coll'Ascorbato di potassio + Ribosio,farmaco che ho comprato anche io,e costa molto,per un po'di vitamina c ed un po'di altre sostanze,da quattro soldi.Mi prenoto per la spiegazione del perchè e come l'organismo si disintossica durante il sonno,e sempre durante il sonno fà pulizia sulla memoria.Ciao,Romy

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#97 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 02 febbraio 2008 - 23:57:18

Pensierino di Febbraio.Ciao Romy

Vorrei cercare di mettere su carta una cosa importante su queste benedette sindromi.Tralascio molte cose già dette, che sono sindromi ia sulla memoria.Ciao,Romy

Visualizza Messaggio


Caro Romy
In ogni caso, col passare del tempo i mitocondri cominciano a perdere colpi, e quindi bisogna "pulirli". In un 75enne c'e un certo danno mitocondriale (non fraintendermi non dico che tu abbia 75 anni).

Antiossidanti mirati ed in composizione sinergiche, sia sommnistrati come supplementi che presi dalla dieta :ribosio, carnitine, coenzima, Q10 e NADH

L'NADH da solo fa poco Serve per trasformare il q10 (che da solo e' ossidante) in antiossidante. Poi vanno somminitrati a dosaggi adeguanti. Anche gli anditosidanti del tipo: alfa lipoico R-alfa lipoico, luetina, quercetina, licopene ecc, Vi C e Vit E, e vanno presi assieme) ecc.

Poi dire alimentazione equilibrata...ma come si fa'? Ormai tutti le le colture sono su produzione industriale con organofosfati pesticidi..e' un casino....

La fase di sonno REM serve a mettere posto il cervello, a mettere punto i ricordi e le strutture del cervello.

E' seguita dalla fase di sonno profondo durante il quale il corpo viene paralizzato e si attuano i processi riparativi.

Chi, come me,soffre di apnea notturna conclamata non va in REM. Non sogna. I muscoli non si decontraggono sufficientemente per paralizarsi e non vado in sonno prodondo. (Fase quarta)

PS: La NAC (n-acetilcisteina) non erve solo come mucolitico e come disintossicante dei radicali liberi, ma si converte in glutatione. E' consderata una delle fonti migliori (e poco cara) di approvigionamento del glutatione, rispetto la glutatioene stesso. La NAC e' un antisoosidante potente. Riduce anche gli effeti tossici del tabacco.
Al momento non c'e' l'ho. Pero' in passato l'ho presa a forti dosaggi (6 grammi al giorno) Con buoni risultati. L'ubiquinolo e l'ubidenone sono derivati dal Coenzima Q10 e sono milto piu' potenti del composto madre da cui derivano (il Coenzima Q10)

L'idea dell'approccio ortomolecolare non e' male. Il Professor Pauling, venne a suo tempo ridicolizzato perche' usava prodotti poco costosi e le sue idee si scontravano con gli interessi delle multinazionali del settore farmaceutico......Ma Pauling non era per niente stupido anzi.
E l'Isitutito di medicna ortomolecolare da lui fondato negli States c'e' ancora.
Ciao e buona serata


#98 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 03 febbraio 2008 - 02:10:59

Giuseppe,mi trovo daccordo per la medicina Ortomolecolare,ho da tempo il libro di Pauling,faccio parte di un'associazione che si rifà a Lui e chiede la libertà di cura in Italia per certe patologie.I principi ortomolecolari fanno parte del mio fai da te.la Nac la sto'prendendo,sono stato sempre un sostenitore della stessa,gli altri integratori,antiradicali,e per i mitocondri O.K. vanno bene a cicli,in più prendo molta vitamina c,omega 3 ed altre cosucce,a giro,
Ma resta il fatto che il mio sonno si è modificato e lo devo raddrizzare,sono le ultime tre ore circa che non mi funzionano a dovere,le posso portare anche a 4 o 5 che invece di migliorare peggioro,infatti mi alzo tutto un dolore,ed al risveglio come muovo le gambe,zaccheta il crampo,oramai ci sono abituato.poi ci sono la mancanza di forza nelle mani,e gli occhi rossi fuoco alla prima luce.Infatti i sogni si sono spostati tutti alla fine della dormita,dopo le 5 o 6 ore iniziali,per cui mi viene a mancare la parte di sonno profondo ristoratrice in relazione agli ultimi cicli del sonno.Non riesco a capirne il motivo,ma sono molti anni che si è modificato il ciclo del sonno, e avvenuto dopo il 1991,e solo nel 2000 sono crollato,per questo che ritengo che la modifica del sonno col tempo,ci porta in sofferenza anche se si dorme all'apparenza normalmente,parlo di qualità del sonno e non di quantità.Altra cosa che devo aggiungere,il pezzettino ultimo di circa 3 ore di sonno,è di qualità scadente,ma se per un motivo qualsiasi lo salto,allora sono proprio distrutto a livello mentale,mi manca la forza anche di pensare.Comunque ho visto che con la vitamina B12 le cose sono un po'migliorate,ed ho speranza in futuro di andare anche meglio perchè devo aggiungere altre vitamine per il sonno.Comunque mi devo studiare bene la fisiologia del sonno,le fasi intendo,e poi ne riparliamo,ma un sondaggio sul forum sul come si dorme non sarebbe malvagio.Ciao.Romy

Messaggio modificato da romy, 03 febbraio 2008 - 02:12:29

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#99 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 03 febbraio 2008 - 03:48:23

Giuseppe,mi trovo daccordo per la medicina Ortomolecolare,ho da tempo il libro di Pauling,faccio parte di un'associazione che si rifà a .........Comunque mi devo studiare bene la fisiologia del sonno,le fasi intendo,e poi ne riparliamo,ma un sondaggio sul forum sul come si dorme non sarebbe malvagio.Ciao.Romy

Visualizza Messaggio

Non non sarebbe malvagio. Magari pensero' di aprire un topic sull'argomento.
Per prima cosa devo notare c he vai a letto troppo tardi ....Poi c'e' il materasso da tenere presente.
Quando ero govane ed abitavo nell'italica patria l'unico centro sullo studio del sonno che c'era in Italia era quello del Professor Lugaresi di Bologna (Bulagna). Sempre negli anni settanta venne tradotto in Italiano un libro di un ricercatore americano il professor o dottor Dement. Cerca su google. Impara alcune tecniche di rilassamanto muscolare semplice: Il training autogeno di Schultz. E' una tecnica dirilassamaento semplificata che si rifa' alle tecniche yoga, ma e' molto piu' facile da apprendere.

Con la metil-cob come ti sent? Quanta ne assumi? 5? 10? 15? 20mg/die? NON prenerla alla sera. Ti terrebe sveglio
ciao

Messaggio modificato da joseph1951, 03 febbraio 2008 - 03:51:31


#100 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 04 febbraio 2008 - 00:28:27

Alcune informazioni sul sonno ,memoria ed acetilcolina,informazioni prese dall'ultimo Congresso sulla Neurologia dell'ottobre del 2007.Romy

VARIAZIONI CIRCADIANE DEL TONO COLINERGICO: INFLUENZE SU SONNO E MEMORIA
Il Prof. Ferini-Strambi ha ricordato le varie fasi del sonno che si succedono più volte in sequenza durante la dormita: il sonno REM e il sonno non-REM. Questa successione di fasi è dimostrabile con tracciato EEG. Un ciclo di sonno è caratterizzato da una fase di sonno REM e una di sonno non-REM. . La fase di sonno REM si presenta da un punto di vista EEG più simile ad uno stato di veglia, con tracciato caratterizzato da elevata frequenza delle onde. La fase non-REM è composta da 4 stadi ordinati secondo una tendenza al rallentamento della frequenza delle onde (comparsa delle onde teta) fino alla comparsa di onde delta nello stadio 3-4 non-REM, fase del sonno ad onde lente (SWS). Con studi del metabolismo cerebrale effettuati grazie all'utilizzo di tecniche di medicina nucleare come la PET, si è visto che durante la veglia si ha la massima attivazione cerebrale a livello del tronco encefalico e a livello delle aree frontali, nelle fase del sonno ad onde lente invece prevale un ipometabolismo cerebrale.
Il tono colinergico subisce variazioni in relazione al ritmo sonno-veglia: il rilascio di acetilcolina è massimo alla veglia e minimo nella fase di sonno profondo. Il Prof. Ferini-Strambi ha ricordato come la somministrazione serale di Donepezil nei pazienti con Demenza di Alzheimer (AD), in quanto farmaco capace di elevare i livelli sinaptici di acetilcolina, sia stata associata ad una più alta prevalenza di insonnia. Ciò non accade se il farmaco viene somministrato la mattina. Inoltre il Donepezil può favorire la manifestazione di sogni a contenuto terrifico, infatti l'acetilcolina regola la fase REM del sonno e ne influenza il contenuto onirico.
Studi effettuati su ratti (Croupier, 2006) hanno messo in evidenza come la fase di veglia, della variazione circadiana della temperatura corporea e della variazione del tono colinergico siano tra di loro sincronizzati. È noto che il picco minimo della temperatura corporea sia alle 5:00 di mattina per soggetti giovani fino a 40 anni di età; con l'età c'è un'anticipazione del picco minimo di temperatura corporea; per questo motivo gli anziani tendono a sveglirasi prima la mattina. Nei pazienti con AD l'avanzamento di fase è ancora più eclatante e questo è responsabile della tendenza all'inversione del ritmo sonno-veglia. In questi pazienti risulta quindi utile l'esposizione alla luce solare e un bagno caldo serale perché queste attenzioni possono risincronizzare il picco colinergico secondo il ritmo luce-buio.
Le variazioni del tono colinergico nell'arco delle 24 ore hanno ripercussioni anche sui processi di memorizzazione. La fase del sonno REM è la fase del sonno che correla con la capacità di apprendere e di memorizzare, in particolare è nota la relazione che c'è tra sonno REM e memoria implicita; ci sono anche evidenze che la fase del sonno REM aiuti anche a consolidare la memoria dichiarativa.

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#101 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 04 febbraio 2008 - 00:36:17

Alcune informazioni sul sonno ,memoria ed acetilcolina,informazioni prese dall'ultimo Congresso sulla Neurologia dell'ottobre del 2007.Romy

VARIAZIONI CIRCADIANE DEL TONO COLINERGICO: INFLUENZE SU SONNO E MEMORIA
Il Prof. Ferini-Strambi ha ricordato le varie fasi del sonno che si succedono più volte in sequenza durante la dormita: il sonno REM e il sonno non-REM. Questa successione di fasi è dimostrabile con tracciato EEG. relazione che c'è tra sonno REM e memoria implicita; ci sono anche evidenze che la fase del sonno REM aiuti anche a consolidare la memoria dichiarativa.

Visualizza Messaggio


Ma in Itali ci sono clicniche che fanno studi sul sonno. I pazienti che hanno distrubi dl sonno dovrebbero essre ricoverati in cliniche dove si monitorizzano i distrubi del sonno. Il pazineti vien messo a letto dopo avergli applicato gli elettrodi dell'EEG, poi lo si controlla (da un'altra stanza con il monitor se rimi e le fasi del sonno sono regolari. Il paziente viene svegliato e va in apnea e poi gli si apllicla PCPAP che poi va regolata..........
ciao
Giuse

#102 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 04 febbraio 2008 - 01:05:31

Ma in Itali ci sono clicniche che fanno studi sul sonno. I pazienti che hanno distrubi dl sonno dovrebbero essre ricoverati in cliniche dove si monitorizzano i distrubi del sonno. Il pazineti vien messo a letto dopo avergli applicato gli elettrodi dell'EEG,  poi lo si controlla (da un'altra stanza con il monitor se  rimi e le fasi del sonno sono regolari. Il paziente viene svegliato e va in apnea e poi gli si apllicla PCPAP che poi va regolata..........
ciao
Giuse

Visualizza Messaggio


Si Giuseppe ,la Polisonnografia ,l'ho fatta in passato.Risultato'di apnee centrali e miste,poi feci alcuni interventi al naso e penso di essere migliorato.Comunque quando parlo di disturbi del sonno,non mi riferisco ai disturbi classici, quelli da tracciato delle onde,ecc.ecc.da E.E.G.ma ad altro, che sono sicuro che esiste,che si scontra con i cicli circadiani,e con determinate sostanze che o si producono in eccesso o in deficienza durante il sonno,e questo fà si che col tempo si và sotto,perchè il sonno non è salutare e rigenerativo,cio'l'ho osservato su di me,e pensa che io ho sempre dormito,pochissime notti d'insonnia, ma dovuti a qualche motivo sporadico.Per i consigli che mi hai dato ,devi sapere che già uso da anni tanti stratagemmi,che mi sono diventati automatici,mi riferisco a Yoga,meditazione con Mantra,autogeno traning,nastri registrati di tutti i tipi,anche con la mia voce,l'ultimo si parla di guarigione quantistica,lo scaricai da un sito o blog,che devo trovare per Voi.Ciao.Romy

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#103 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 06 aprile 2008 - 13:27:46

Un nuovo filone di farmaci si stà per affacciare all'orizzonte della terapia del dolore,e nel mio piccolo ritengo che sia tra i più interessanti.
Le malattie infiammatorie e i danni neuropatici sono spesso accompagnati da dolore cronico grave che può divenire resistente ai trattamenti analgesici convenzionali, per questo oggi si esplorano molte vie alternative -come si può rilevare dalla lettura del dibattito più sopra citato- fra le quali ha recentemente assunto notevole rilievo l’interferenza con l’attività GABA-ergica.

E’ noto che, sebbene i neuroni inibitori GABA-ergici controllino la trasmissione dei segnali nocicettivi periferici alle più alte strutture del sistema nervoso centrale, l’impiego di farmaci agonisti recettoriali GABA-A sistemici come le benzodiazepine -usate come ansiolitici, sedativi ed anticonvulsivanti- non ha effetto analgesico. Ora, Knabl e collaboratori hanno dimostrato che l’effetto terapeutico del dolore si può ottenere mediante un’azione su specifici sottotipi di recettori GABA-A (Knabl J., et al. Reversal of pathological pain through specific spinal GABAA receptor subtypes. Nature 451, 330-334, 2008).

Questo studio identifica recettori GABA-A contenenti subunità α2 e α3 come componenti cruciali del controllo spinale del dolore e fornisce una base razionale per lo sviluppo di modulatori specifici per un sottotipo di recettori GABA-A, come nuova potenziale classe di farmaci nel trattamento del dolore cronico.

Naturalmente, si attende il vaglio della sperimentazione clinica per un giudizio definitivo su questa nuova possibilità terapeutica.

Messaggio modificato da romy, 06 aprile 2008 - 14:45:40

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#104 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 06 aprile 2008 - 14:44:06

:546: :554: :561:

Messaggio modificato da romy, 06 aprile 2008 - 17:37:07

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#105 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 06 aprile 2008 - 16:04:40

:546: :554: :561: :unsure:

Messaggio modificato da romy, 06 aprile 2008 - 17:37:56

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#106 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 06 aprile 2008 - 23:57:03

Quante volte abbiamo discusso di antidepressivi sul nostro forum,e prima ancora su quello di Salutamed,chi a favore e chi a sfavore,dialettica che si fondava su notizie che con certosinica pazienza si raccoglievano sulla rete,quando le maglie strette dell'informazione scientifica ci pensava su mille volte prima di bollare un farmaco del genere,la potenza del rendiconto economico è stata sempre una forza invincibile.Ma negli ultimi anni,qualcosa è cambiato,abbiamo assistito ad annunci di pericolosità nei confronti di tali farmaci,si è parlato di ragazzi,di adolescenti sotto terapia di antidepressivi,si è assistito a smentite almeno in parte di quanto dichiarato precedentemente.Una cosa è trapelato da tutta questa faccenda,che tali farmaci sono deleteri in fase di crescita sia organica che cerebrale.Quindi siamo di fronte ad una doppia pericolosità,che dovrebbe estrinsecarsi almeno fino all'età dello sviluppo,mi riferisco allo sviluppo del corpo in senso lato,la cui tappa finale pottrebbero essere i 20 anni su per giù.Ma una domanda che mi pongo,ed a cui non so'darmi risposta,e in relazione allo sviluppo cerebrale,chi potrà mai asserire che ad una certa età il cervello smette di crescere.A me la cosa suona strana,per me il Cervello è come il vino più invecchia in benessere e più si sviluppa in potenzialità,e diciamo che almeno fino ai 40 anni non si debba mettere in dubbio la sua crescita.

Adesso vi posto una lunga storia,in parte tecnica,ma solo in superficie,che dovrebbe almeno far riflettere i nostri medici,sapendo benissimo che cio' è impossibile.Ma questi se non riflettono e si comportano con superficialità nei confronti dell'utenza,commettono il peggiore dei delitti.Passiamo al post vero e proprio che ci illustra le tappe moderne di tali farmaci,i pro e i contro,ed ad ognuno l'onere di tirare le conclusioni,in questo caso mi riferisco ai medici che ci leggono,specialmente ai giovani medici,o a quelli che stanno per laurearsi in medicina,lo faccio perchè so'con certezza che questo mio topic viaggia in blocco sulla rete veicolato dai vari motori di ricerca.


DANNI DA ANTIDEPRESSIVI AL CERVELLO GIOVANE


Traci Johnson, una studentessa diciannovenne apparentemente serena e ricca di aspettative per il proprio futuro, fu trovata impiccata con una sciarpa al cannello della doccia il 7 febbraio del 2004. Allo strazio che producono sempre tali tragedie, in questo caso si aggiungeva la rabbia per la causa del suicidio: la ragazza era stata reclutata dalla casa farmaceutica Eli Lilly per la sperimentazione umana di un farmaco antidepressivo che, in precedenti esperimenti, aveva indotto altre quattro persone a togliersi la vita.

Il motivo per cui abbiamo voluto ricordare questo evento tragico è la giovane età della ragazza, un elemento estremamente rilevante alla luce di studi recenti che hanno dimostrato la potenziale lesività cerebrale nell’infanzia e nell’adolescenza degli antidepressivi più frequentemente prescritti, ossia quelli appartenenti alla classe farmacodinamica degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Questa categoria di composti, che agisce bloccando il trasportatore della serotonina (5-HTT), include numerose molecole quali fluoxetina, fenoxetina, paroxetina, fluvoxamina, citalopram, zimelidina, fenfluramina, mazindolo e così via, ma solo alcune di esse sono impiegate nelle terapia della depressione, e dello stesso composto esistono più preparazioni farmaceutiche nell’ambito di quella rosa di nomi commerciali a tutti nota, ossia Prozac, Zoloft, Celexa, Paxil, ecc., e dei corrispondenti “generici” (Paul Raeburn, Kids on Meds: Trouble ahead? Sci. Am. MIND 18 (3), 34-41, 2007).

Nel gennaio 2003 la Food and Drug Administration (FDA) riportò i primi dati sfavorevoli all’impiego di antidepressivi in età evolutiva, provenienti da uno studio controllato su ragazzi che avevano assunto Prozac per 19 settimane: chi aveva ricevuto il farmaco era cresciuto mediamente un chilo di peso ed un centimetro d’altezza in meno di chi aveva assunto un placebo. A molti questo esito è apparso allarmante, perché se uno psicofarmaco, del quale non si conosce un’azione endocrino-metabolica diretta, causa una riduzione dell’accrescimento, è probabile che determini uno squilibrio della fisiologia dell’intero organismo.

La pubblicazione del rapporto del 2003 fu seguita da tentativi di minimizzazione ed occultamento ma, secondo Thomas Laughren che dirige il settore di valutazione dei farmaci psichiatrici della FDA, il problema resta e, piuttosto, si dovrà meglio definire se si tratta di un effetto temporaneo o di un’azione che si accentua col passare del tempo. E proprio su questo aspetto insiste Laughren nel suo articolo sulla rivista Science, ossia sulla mancanza di dati relativi ai rischi nella somministrazione di lungo termine in età evolutiva[1].

Un punto di svolta nel dibattito sulla prescrizione di antidepressivi nell’infanzia e nell’adolescenza si è avuto nel 2004, con la pubblicazione su Science del secondo di due studi condotti dal gruppo di Jay A. Gingrich, professore di psichiatria e ricercatore presso il laboratorio del Sackler Institute for Developmental Psychobiology della Columbia University. L’articolo, insieme con un altro apparso circa un anno prima su Biological Psychiatry, riferiva l’esito di un progetto di ricerca articolato in due serie di esperimenti nei quali si riproduceva, in due diversi modi, una condizione di fisiologia molecolare della neurotrasmissione serotoninergica tipica degli assuntori cronici di SSRI.

La prima serie di esperimenti[2] valutava, mediante prove standard per lo studio della depressione e dell’ansia negli animali di laboratorio, le risposte di topi geneticamente modificati in modo che il loro cervello, come sotto l’effetto dei farmaci, accumulasse serotonina nello spazio intersinaptico senza poterne riportare l’eccesso nel terminale presinaptico. In questi roditori era stato eliminato il gene per il trasportatore della serotonina (5-HTT-knockout mice o SERT-KO) in modo da sopprimere stabilmente l’azione bloccata solo temporaneamente dagli SSRI.

Nella sperimentazione animale, il disturbo causato dai sistemi neuronici dell’allarme alle risposte cognitive si considera un equivalente dell’ansia umana e l’incapacità di gestire lo stress è ritenuta un segno patognomonico di depressione murina. Secondo le teorie su cui si basa l’impiego degli SSRI, i topi geneticamente modificati avrebbero dovuto mostrarsi privi di paura e di inibizione, rispondendo in maniera più efficace dei topi normali agli stress-tests.

Gingrich e i suoi collaboratori rilevarono esattamente l’opposto. Negli esperimenti in cui venivano erogate lievi scariche elettriche ad un solo lato del fondo della gabbia, i topi normali rapidamente imparavano a sottrarsi al leggero shock correndo verso il lato opposto, mentre quelli col blocco genetico della ricaptazione avevano la tendenza a rispondere immobilizzandosi (freeze response) e a rimanere dalla stessa parte della gabbia dove le loro zampe erano state sottoposte a shock elettrico e, nei casi in cui provavano a sottrarsi, risultavano estremamente lenti. Allo stesso modo nel swim-test, in cui gli animaletti sono costretti a nuotare per salvarsi, i SERT-KO erano molto meno attivi. In altre parole si comportavano come i modelli murini di disturbo ansioso-depressivo.

L’esame del nucleo del rafe dorsale, dove ha sede un importante sistema serotoninergico, rivelava nei topi privi di 5-HTT una riduzione del 50% del patrimonio di neuroni contenenti serotonina ed una frequenza di scarica di ben quattro volte inferiore al valore normale.

La seconda serie di esperimenti[3] ripeteva le stesse prove in topi ai quali era stata somministrata per breve tempo fluoxetina (Prozac) in una fase precoce dello sviluppo.

Precedenti ricerche avevano dimostrato che la ridotta espressione di 5-HTT nell’uomo si associava a disturbi affettivo-ansiosi, con un equivalente sperimentale in topi e ratti, ma non se ne conosceva il meccanismo. In questo studio, l’inibizione transitoria e precoce del trasportatore della serotonina da parte della fluoxetina aveva determinato negli animali adulti gli stessi effetti comportamentali rilevati nei topi SERT-KO dello studio precedente.

Da tutti i dati emersi dalla sperimentazione, Gingrich e i suoi colleghi hanno dedotto che la trasmissione serotoninergica ha un ruolo fondamentale nella maturazione dei sistemi che modulano le funzioni emozionali nell’adulto, ed è sufficiente un’assunzione temporanea di Prozac in età precoci per alterare il normale schema dei collegamenti neurali di alcune aree.

Se i risultati del primo dei due lavori consentivano ai difensori della prescrizione di SSRI in età evolutiva di obiettare che l’inattivazione genica poteva aver alterato altre vie dello sviluppo e creato una situazione di deficit permanente che non è comparabile all’assunzione di un farmaco, il secondo lavoro dimostrava che un’assunzione temporanea in età precoce era sufficiente a determinare nell’animale adulto effetti permanenti ed equivalenti a quelli della mancanza del gene. In questa ottica, la seconda serie di esperimenti conferiva alla prima il valore di prova a sostegno di un pesante atto di accusa.

Fra le obiezioni mosse all’interpretazione che gli autori e numerosi altri ricercatori avevano dato di questi risultati, fu osservato che il cervello dei roditori è enormemente più semplice del nostro e le risposte comportamentali alle prove standard non si possono comparare all’ideazione depressiva o ad un qualsiasi stato d’animo umano.

La puntuale risposta a queste critiche è davvero facile: condividiamo con i roditori alcuni geni correlati alla serotonina e lo schema dei collegamenti dei sistemi serotoninergici che mediano le emozioni, essendo filogeneticamente antico, è quasi identico; le prove impiegate dal gruppo di Gingrich sono le stesse che si adoperano di routine nella sperimentazione che stabilisce l’efficacia e la specificità degli effetti di una molecola che si intende introdurre in terapia psichiatrica, pertanto se si ritiene che tali prove siano state idonee per il giudizio positivo degli psicofarmaci attualmente in commercio, parimenti si dovranno ritenere attendibili quando mostrano gli effetti negativi del Prozac sullo sviluppo cerebrale.

A queste osservazioni possiamo aggiungere che, se c’è una differenza veramente rilevante fra il cervello umano e quello di altri mammiferi, consiste nella cosiddetta prematurazione specifica -nascita con un sistema nervoso che completerà lo sviluppo nel rapporto con l’ambiente- e nella lunga durata dello sviluppo post-natale che, sia pur rallentando, prosegue per tutta l’adolescenza e la giovinezza. Caratteristica che potrebbe -almeno in linea teorica- rendere il nostro cervello vulnerabile per oltre due decenni dopo la nascita alle sostanze che agiscono sullo sviluppo.

I ragionevoli dubbi sollevati da queste ricerche dovevano e devono fare i conti con i numerosi problemi che rendono difficile l’accertamento di una precisa base cellulare e molecolare delle alterazioni dello sviluppo causate dagli SSRI.

Intanto, nel 2004 il Treatment for Adolescent with Depression Study (TADS) finanziato dal National Institute of Mental Health (NIMH), non ha evidenziato effetti tossici o indesiderati di rilievo degli SSRI alle dosi sperimentate e, valutando i risultati dei trattamenti farmacologici e della talk therapy, ha concluso che la maggiore efficacia si ottiene combinando le due modalità terapeutiche.

Nel 2005 il gruppo di Tim Oberlander[4], un pediatra dell’Università della British Columbia in Canada, ha pubblicato i risultati di uno studio sulla risposta al dolore di lattanti esposti prima e dopo la nascita ad SSRI: così come i neonati, i bambini di due mesi la cui madre aveva assunto fluoxetina o paroxetina durante la gravidanza, presentavano una sensibilità al dolore ridotta rispetto alla norma. Un tale riscontro è apparso a molti come un indizio significativo per la ricerca sui meccanismi del danno.

Amir Raz, professore di clinical neuroscience presso il Dipartimento di Psichiatria della McGill University (Canada), sottolinea l’importanza della recente acquisizione dello sviluppo esponenziale del cervello giovane, la cui mielinizzazione non si arresta intorno ai 12 anni come si riteneva in passato, ed afferma: “L’esposizione agli antidepressivi può alterare o influenzare il processo di formazione dei collegamenti del cervello, specialmente per ciò che concerne certi elementi che hanno a che fare con lo stress, le emozioni e la loro regolazione”[5].

Ma Raz fa seguire a questa preoccupazione generica un’osservazione molto più specifica: oltre ad essere un neurotrasmettitore, la serotonina agisce da fattore di crescita durante i primi anni della vita, promovendo la formazione di specifiche sinapsi e risultando cruciale per l’acquisizione di una risposta normale agli eventi ansiogeni dell’età adulta[6]. Le giuste quote di serotonina nei siti neuronici appropriati sono fondamentali per un corretto procedere di questi eventi maturativi, pertanto un aumento generale ed arbitrario della quantità di neurotrasmettitore, seguito dal rischio di svuotamento delle vescicole normalmente ricaricate dalla ricaptazione, potrebbe produrre conseguenze imprevedibili sullo sviluppo e sul funzionamento cerebrale.

Tali considerazioni inducono Amir Raz e la sua scuola della McGill University ad opporsi all’impiego degli SSRI in età evolutiva.

Traendo una conseguenza di carattere generale dal quadro fin qui delineato, possiamo ripartire tutte le azioni indesiderate degli SSRI in due categorie: a) alterazioni dei processi di sviluppo e maturazione, :546: alterazioni neurofunzionali. Entrambe, anche se per motivi diversi, possono sfuggire all’osservazione clinica.

Nel primo caso la terapia farmacologica può migliorare il tono dell’umore ed innescare risposte comportamentali che, insieme con i cambiamenti fisiologici legati allo sviluppo, possono celare il danno che si renderà evidente solo col tempo, magari con disturbi psichici in età adulta. Raeburn rende questo concetto con una cinica ma efficace espressione: “E’ possibile che i bambini che assumono antidepressivi stiano solo scambiando una diagnosi con un’altra”[7].

Nel secondo caso la terapia farmacologica, anche attraverso la promozione della neurogenesi[8], può conferire maggiori energie a sostegno dell’attività, degli impegni e dei propositi della vita quotidiana, contribuendo ad avviare una sorta di circolo virtuoso fra stato di coscienza e comportamento, in grado di occultare lo squilibrio interno del sistema serotoninergico che agisce con i sistemi noradrenergici, dopaminergici, glutammatergici e gabaergici in una stretta interrelazione ancora in gran parte ignota nei suoi meccanismi molecolari[9].

Metto qui' la nota n°9,perchè la ritengo di importanza fondamentale


[9] L’azione degli SSRI realizza, in questo senso, una sorta di “delitto perfetto” perché, con il doping della sola componente serotoninergica, non altera la fisiologia dei maggiori sistemi implicati nella mediazione della funzione psichica di base attuale e nella risposta allo stress. Una delle conseguenze non svelate, perché non attribuite agli SSRI ma alla storia naturale della malattia depressiva, può essere costituita dal non raro riscontro di recidive in forma molto più grave in pazienti precedentemente trattati con questi farmaci.




Un aspetto del problema è dato dalla periodica pubblicazione di rassicuranti studi di carattere clinico ed epidemiologico-statistico in cui non si rilevano nei bambini e negli adolescenti reazioni indesiderate diverse da quelle rilevate negli adulti, ma la brevità degli studi e la dimensione dei campioni rende complessivamente poco significativi i risultati, non consentendo di registrare le reazioni poco frequenti[10]. A ciò si aggiunga che la maggioranza di questi studi sono finanziati e gestiti direttamente o indirettamente da case farmaceutiche che solitamente non pubblicano i risultati sfavorevoli all’impiego dei farmaci.

Negli USA la prescrizione di antidepressivi in età evolutiva è triplicata dal 1987 al 1996, ed ancora raddoppiata dal 1997 al 2000, continuando a crescere fino al 2002[11]. Dal 2004, l’anno della morte di Traci Johnson, dell’emergere a seguito delle inchieste degli altri casi di morte da antidepressivi occultati, della pubblicazione su Science del secondo dei due lavori del gruppo di Gingrich e di un avvertimento della FDA ai medici circa i rischi della prescrizione di SSRI in età evolutiva, si è avuto un livellamento nella curva tempo/numero di bambini e ragazzi in trattamento.

Julie M. Zito, ricercatrice dell’Università del Maryland, sulla base di informazioni ottenute da compagnie assicurative e da “Medicaid data”, afferma che negli USA circa un 1 milione e mezzo di ragazzi al di sotto dei 18 anni è attualmente in terapia cronica con SSRI[12].

La prima parte dell’articolo di rassegna di Paul Raeburn, che questa nota recensisce, ha il merito di avere riproposto un grave problema e averne presentato gli aspetti più rilevanti, sia pure con qualche inesattezza nelle referenze, che in questo testo abbiamo provveduto a correggere. La seconda parte, invece, nel probabile tentativo di bilanciare la prima, rischia di annullarla presentando ogni forma di depressione dell’età evolutiva come una malattia progressiva che non guarirebbe senza SSRI.

La nostra società scientifica è impegnata fin dalla sua fondazione nella critica al criterio poco scientifico su cui si basa l’impiego di tali farmaci, che non agiscono sulla causa o sulla patogenesi della depressione, ma producono effetti principalmente alterando il processo di neurotrasmissione serotoninergica[13]. Le ragioni che portano molti studiosi di neurobiologia su posizioni estremamente critiche nei confronti dell’impiego degli SSRI sono già esposte nell’intervista rilasciata dal nostro presidente nell’ottobre 2003 (Intervista a Giuseppe Perrella, Presidente della Società Nazionale di Neuroscienze), qui ci limitiamo a ricordare che il correlato neurobiologico più frequente dei disturbi depressivi di maggiore gravità è dato dalla riduzione di volume dell’ippocampo e di altre aree cerebrali, e dalla riduzione di noradrenalina, dopamina e serotonina, verosimilmente in conseguenza del ridotto numero di neuroni e di attività di sintesi dei tre neuromediatori. E’ intuitivo che il maggiore utilizzo di un neuromediatore in tali condizioni possa portare all’esaurimento delle scorte e, anche con una dotazione sinaptica media, ai dosaggi impiegati nella sperimentazione si possa determinare un’insufficienza acuta in grado di esporre al rischio di suicidio.

La morte di Traci Johnson si sarebbe potuta evitare semplicemente facendo buona scienza, dalle aule universitarie ai laboratori farmaceutici. Purtroppo, solo dopo il suicidio della ragazza americana, la FDA è intervenuta con un avvertimento rivolto ai medici sui pericoli della somministrazione di tali molecole, ma non ha realmente posto restrizioni alla sperimentazione.

A nostro avviso, però, non è dalle agenzie di controllo o da altre autorità amministrative che può venire la soluzione del problema della terapia dei disturbi depressivi in età evolutiva, perché riteniamo che la migliore protezione dei pazienti venga dalla buona preparazione dei medici, e siamo contrari alla deriva cui si sta andando incontro in molti paesi, di una medicina fatta di decreti e formule standard anziché di ragionamento e studio del singolo paziente. Come si ribadisce da decenni ai corsi di farmacologia medica, ogni somministrazione di un farmaco è un esperimento del quale il medico deve avere consapevolezza, controllo e responsabilità.

Nel rischio da antidepressivi un ruolo di fondamentale importanza, in tutto il mondo, riteniamo debba averlo la formazione e l’aggiornamento del medico, il quale deve disporre degli strumenti necessari a coltivare un sapere critico e costantemente ispirato all’etica e alla deontologia professionale (Note e Notizie 15-07-06 La scienza a supporto di una nuova etica per i farmaci della mente).

Un medico può essere costretto a prescrivere cortisonici in età evolutiva, ad una dose che avrà effetti inibitori sull’accrescimento, ma in scienza e coscienza lo farà solo quando non avrà altra alternativa. Allo stesso modo lo psichiatra -o neuropsichiatra infantile- valuterà con estrema prudenza il rischio di interferire con lo sviluppo encefalico e, solo se assolutamente necessario, farà ricorso alla prescrizione di molecole inibitrici della ricaptazione di serotonina, allo scopo di impiegarne gli effetti come innesco e sostegno per un lavoro volto ad agire sulla vita intrapsichica e relazionale del piccolo o giovane paziente. Perché ogni psichiatra sa che nessuna forma di depressione è inguaribile e che gli SSRI non possono ritenersi in senso stretto una cura.



Ringrazio Giuseppe Perrella, presidente della Società Nazionale di Neuroscienze, la cui competenza psichiatrica mi è stata indispensabile per affrontare questo argomento che da neuropsicofarmacologa non avrei potuto trattare adeguatamente: questo scritto dovrebbe portare anche la sua firma e quella di Nicole Cardon, che mi ha fornito alcuni dei lavori citati nel testo e mi ha segnalato le inesattezze presenti nell’articolo di Paul Raeburn.


Ludovica R. Poggi
BM&L-Settembre 2007











[1] Raeburn P., citato nel testo, p. 39, 2007.

[2] Lira A., et al. Biological Psychiatry 54 (10): 960-971, 2003.

[3] Ansorge M. S., et al. Science 306 (5697): 879-881, 2004.

[4] Oberlander T. F., et al. Pediatrics 115 (2): 411-425, 2005. L’autore, con vari collaboratori, in precedenza aveva già studiato le risposte dei neonati di madri in trattamento con SSRI in gravidanza, valutandone vari aspetti.

[5] Raeburn P., cit., p. 36, 2007.



[6] Raz A., PloS Med. 3(1):e9 Jan., 2006.

[7] Raeburn P., cit., p. 36, 2007.



[8] Note e Notizie 08-07-06 Antidepressivi come regolatori della neurogenesi.

[9] L’azione degli SSRI realizza, in questo senso, una sorta di “delitto perfetto” perché, con il doping della sola componente serotoninergica, non altera la fisiologia dei maggiori sistemi implicati nella mediazione della funzione psichica di base attuale e nella risposta allo stress. Una delle conseguenze non svelate, perché non attribuite agli SSRI ma alla storia naturale della malattia depressiva, può essere costituita dal non raro riscontro di recidive in forma molto più grave in pazienti precedentemente trattati con questi farmaci.

[10] Si veda alla p. 68 di Stefano Cagliano & Mauro Miselli, “Il danno da farmaci”. Le Scienze 467, 64-71, 2007. Si tenga conto di questo criterio suggerito da “Drug & Therapeutics Bullettin”: per avere una certezza del 95% di rilevare un evento che si verifica con una frequenza di 1 su 1000 devono essere esaminate 3000 persone. A questo criterio che vale per la sperimentazione farmacologica in generale, si aggiunga che le differenze individuali accertate e possibili del cervello superano di gran lunga quelle di tutti gli altri organi.

[11] B. Vitiello, et al. Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry 45 (3): 271-279, 2006.



[12] Raeburn P., cit., p. 36, 2007.



[13] Per una rassegna aggiornata dei sistemi neuronici e dei meccanismi molecolari implicati nella depressione si veda: John J. Mann, Dianne Currier, Jorge A. Quiroz, Husseini K. Manjii, Neurobiology of Severe Mood and Anxiety Disorders, in Basic Neurochemistry (Siegel, Albers, Brady, Price, eds), pp. 887-909, Elsevier Academic Press, 2006.

Messaggio modificato da romy, 07 aprile 2008 - 00:25:17

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#107 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 07 aprile 2008 - 18:18:03

Quante volte abbiamo discusso di antidepressivi sul nostro forum,e, Jorge A. Quiroz, Husseini K. Manjii, Neurobiology of Severe Mood and Anxiety Disorders, in Basic Neurochemistry (Siegel, Albers, Brady, Price, eds), pp. 887-909, Elsevier Academic Press, 2006.

Visualizza Messaggio


Caro Roo0my
1- Vedi quanto scritto sulle rivise internazionali e sugli studi internazionali pubblicati di revisione critica, di recente sugli SSRI.
Le nuove linee guida per gli SSRI e' che, alcuni di essi, quali velafaxina ed effexor, non si devono sommnistrare ai giovani di eta' inferiore ai 18 anni. Venlafixina ed effexor aumentano l'ideazione suicidaria.

2- Anche ese vai su www.Xagena.it. sito molto pro-psicofarmaco antidepressivo c sono almemo 15 pagine web sulle nuove avvertenze sugli SSRI. Alcuni di qustri composti sono stati ritirati volontariamente dalle aziende produttrici.

3- Non e' vero che gli SSRI si limitano alla manipolzione delle serotonina.
Prima di tuto va detto che il loro meccanismo di base: l'inbizione della ricaptazione della serotonina AUMENTA la serotonina extracellulare NON NELLA CELLULA.

Poi esercitano effetto anticolinergico di grado variabile a seconda del composto.

Il maggiore effetto anticolinergico e' dato dal Prozac. Vi e' correlazione fra acetilcolina e glutammato.

Poi hanno effetti anche sulll'asse della noradrenalina.

Poi hanno effetto sull'asse No/ONOO . Il Prozac promuove il rilascio del NO mentre altri farmaci come la venlafaicina e l'effexor inibiscono il rilascio del NO.

Un rapido ed eccessivo rilascio di NO, tipico delle malattie ad innesco infettivo, tossico quali la ME classica , viene spesso confuso come CRISI DI PANICO.

(La crisi di rilascio eccessivo di NO , presenta sintomi di tachicardia, tachiaritmia, ipo-ortostatismo posturale, debolezza muscolare. Prima partono i muscoli scheletrici, poi gli latri muscoli, compreso lo sintere anale.
poi altri sintomi sono: calore la viso, pallore, polso rapido, affanno respiratorio, iperventilazione, tic, attacchi epilettici,...ecc fino alla sincope.

In ME/CFS queste liberazioni imporvvise di NO sono dovute alle tossine prodotte dagli agenti infettivi. Se gli agenti infettivi sono batteri questi sono molto spesso presenti nella persone infetta in forma -L, cioe' in forma acellulare.

Poi, sempre in pazienti ME/CFS "veri" questi sintomi sono aggravati da eccesso di radicali liberi dovuto a disfunzionamento secondario dei mitocondri.
Questi sintomi si possono riprodurre in pieno con nitroglicerina e nitroderiati (cardio-max-carido-dur, sildenafil, amyl nitrato e butyl nitrato, questi ultimi chimati anche popper).
La sindrome tossica da rilascio di improviso ed eccessvo di NO, produce anche scotomi. Anche i nitroderivati producono scotomi. Infattil il sildenafil , il cardio-max, i popper possono causare anche cecita' irreversibile.

IL sildenafil (VIagra/ Kamagra) e' detto anche il famraco "blu" perche' se assunto in dosi eccessive si vedono macchie blu (o nere). Ma cio' succede anche con i popper.

In pischiatria i sintomi della crisi di rapido rilascio di NO, vengono confusi con la "sindrome di attacchi di panico" e con quella di "agorafobia".

IL Prozac aumenta il rilascio di NO. L'effexor e la venlafaxina DIMINUISCONO il rilascio di NO.

Questo non vuol dire che ai pazienti affetti da dis-regolazione del ciclo No/ONOO si debbano sommnistrare o Prozac o Effexor e venlafaxina.

Gli ME/CFS "veri" stanno peggio, ma molto peggio, dopo l'asunzione di Prozac o Venlafaxina. Tutt'al piu' tollerano il Prozac per unasettimana. Poi cominiiano i guai seri.

L'effetto sull'asse e colinergico (rilascio od inibizione) di questi composti si manifesta con tremori , debolezza muscolare, pulsazione delle vene, erezione diffcile o dolorosa, ecc. Eiaculazione spontanea (prozac) od impedita e/o dolorosa: venlafaxina, effexor.

A livello intestinale diarrea, ecc, ecc.

Si potrbbe scrivre un trattato di almeno 1000 pagine.

Nella ME/CFS con copresenza di infezioni batteriche croniche da batteri, con carenza di parete celluare, vi e' una rapida distuzione dell'aceticolina sia a livello del SNC che periferico.

Vi e quindi un aumento del glutammato nel cervello.

In questi casi, ed anche i n presenza di dolore ribelle a fans , agli oppiacei si puo' tentare l'approccio con:

5-htp(
5 irdrossitriptofano, che e' derivato dal triptofano. Ma attenzione: alcuni batteri in foma filamentosa, come la bordetella, si nutrono di serotonina.

Glutamina
La glutammina si lega all'ammoniaca prodotta in eccesso da un intestino disbiotico. La gltamina , ma non l'acido gluitammico - passa la barrira ematoencefalica e si converte in acido glutammico.

L'acido glutammico e' uncomponente dell'acido folico

l'acido glutammico e' un compinete del fattore di tolleranza al glucosio
La glutammina esercita un effetto protettivo nei cofronti degli effetti dannoosi dell'acol.
Ed il alcuni casi diminuisce sia il desideio di assumere alcol o zucchero
E adiuvante nella guarigione dell'ulcera peptica ed utile nella depressione. E utile nel trattamento dei bambini affetti da probelmi comportamentali.

La glutammina disintossica il cervello legandosi all'ammoniaca presente nel cervello e convertendosi in acioci glutammico (aglutammina + ammoniaca = acido glutammico).

SAM
I certi casi e' utile nel dolore "fibromialgico". E' un potente disntossicante del fegato ed e' un donatore metilico.
E' il precursore dei processidiformazioen della dopamina e della noradrenalina
Glicina
E' un componente dell glutatioe tripeptide (assieme alla cisteina e all'acido glutammico)

DLPA - DL Feninalanina
E' un potente antiolorofico
La fenilananina serve a produrre la norepinefrina, epinefina, dopmamina e tirosina. Fare attenzione: prima di assumere feninalanina e dl-feninalanina bisogna essere certi di non avere anomalie metaboliche della sintesi delal fenilanina.
In certe persone la DLPA (DL-felinalanina) agisce molto bene sul dolore endogeno.

Il dolore endogeno puo' essere causato anche da un squilibro di vari rcettori e neruotrasmetitori cerebrali causato dall'assunzione di antidepressivi IMAO, sia reversibili che non reversibili. La differenza fra IMAO reversibili e non reversibili e molto sfumata, anche gli IMAO reversibili possono produrre effetti irreversibili e nefandi sul cervello.

Il cervelo continua anche crescre anche in stato di coma profondo. E plastico. Ovviamente, puo produrre nuovi cellule nervose ,anche nell'eta' adulta, ma la cresciuta delle cellule nervose in eta adulta o seinile e lenta.

Ha un suo sistema immunitario che puo' distruggere (coem e' accadutoalla nostra nascita) le cellule cerebrali.

Il sistema immuitario del cervello e' stato scoperto di recente. Usa le mecolole che usa anche per distrggere i neuroni in eccesso che abbiamo subito dopo la nascita. Il sistema aimmuitario del cervello e' in aggiunta a quello del resto del corpo. Con quello del resto del corpo il cervello "dialoga" in continuazione.
La notizia della coferma di un secondo sistema immuitario (prorprio del cervello) e ' apparsa ultimamente su molte riviste scientifiche del settore. Il The New Scientist ha riportato tale notizia due settimane or sono.

Adesso si dovranno mettere d'accordo i neurologi e gli immunologi: stanno gia' litigando per vedere se cio' e' di comtentenza degli immunologhi o dei neurologi. Passeranno 40 anni prima che si mettano d'accordo.



Non e' la prima volta che gli psichiatroi scambiano una "stanchezza cronica" causata da cancro per uan depressione. Non e' la prima volta che i medici e gli psichiari scambiano una ME/CFS per depressione o per agorafobia o per attacchi di panico.

GABA
ha un'effto calmente ed antidolofrifico

PS: scusate gli errori di battitura, ma sono molot stancoe. Eventualemte editero il post piu'tardi. Sempre che suta meglio.

#108 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 05 luglio 2008 - 20:02:01

Passo qui'a scrivere questo mio ultimo pensiero,che per me è la verità su tutte le patologie,e sul modo di affrontarle.Romy

Ciao amici tutti,ogni tanto mi faccio vivo,vi penso sempre,siete sempre nei miei pensieri e nel mio cuore.Ma sono costretto a star lontano dal forum.
Le Nanoparticelle?,caro Goldrake,una tra le migliaia di possibilità che possono far ammalare l'essere umano. Una delle cause ma non la causa di cio' che chiamiamo cfs parente stretta della fibromialgia.

Importante è puntualizzare che sia la cfs,la FM,la MBS,e tante ancora sono delle patologie funzionali,che potrebbero ma è raro sfociare in patologie reali organiche.

La causa,e vi sembrerà strano, è interna alll'organismo stesso,che a differenza di altri organismi più resistenti,soccombe,anche se non del tutto,sotto gli insulti di vario genere pesati secondo la qualità e la quantità.

Ma chiederete,ma perchè un organismo è o diventa più vulnerabile di un altro organismo?,a parità d'insulti?Ovvero perchè solo ad alcuni e non a tutti scatta la patologia?Si potrebbe tirare in ballo il famoso DNA,di ognuno,e sarebbe solo una verità parziale.
Su questa risposta ci ho sbattuta la testa da decenni,sin da quando avevo 18 anni,e dopo aver considerato tutte le possibilità,credetemi,sono giunto alla considerazione,che la causa è dipendente dal modo di come ognuno processa gli eventi della vita.La possiamo anche chiamare SENSIBILITA' personale.Tale funzione,intrinseca in ognuno,e nella massima parte legata al pensiero conscio,ma sopratutto inconscio.

Il pensiero,sia conscio che inconscio,ha la facoltà di modificare il DNA,con ricaduta sul sistema dello stress,che quando tirato al massimo,comporta una serie di disfunzioni biochimiche dell'organismo,in pratica l'organismo và in panne ed entra in uno stato di sofferenza a tutti i livelli.I sintomi sono molteplici,e difficili da trattare.Ad essere interessati di cio'sono le strutture più piccole,per cui la teoria della disfunzione mitocondriale potrebbe esserne uno degli effetti più importanti,ma comunque non ancora la causa,come suddetto.

Ma se avessi visto bene,e fossi andato vicino alla verità,mi chiedo e vi chiederete,potrebbe esserci una cura?La mia risposta è SI,ma la cura non la possono porgere nè i medici ,nè la medicina con i suoi farmaci.

Non è assurdo ma è cosi',la cosa che ci ha fatto ammalare,è la stessa che ci potrà far guarire,ovvero la nostra SENSIBILITA'.
Ma la sensibilità và sviluppata al positivo,molti sono gli strumenti che lo possono fare,io l'ho sperimentato sulla mia pelle in passato e so'che funziona alla grande,ed oggi è arrivata la conferma anche dalla Scienza Ufficiale.Adesso mi fermo col discorso,perchè è un concetto il mio che và prima capito,e poi si puo'passare agli strumenti più adatti per ognuno,capaci di rimodificare in positivo il DNA,e fare la strada a ritroso verso la guarigione.Ciao.Romy

Visualizza Messaggio



Volevo far notare che il mio post non è stato per nulla capito,in parte me l'aspettavo,è stato cosi'con la maggioranza dei post che ho postato sin dall'inizio.Nel concetto sù esposto mi disinteresso della causa della patologia, lascio ai medici disquisire su cio',io ho solo parlato di sensibilità che fà ammalare solo alcuni,e poi ho detto che la stessa sensibilità puo'far guarire.Ma mi sà che il concetto sia andato a vuoto,il che mi fà dedurre che volete perdere tempo dietro ai medici e tenervi la patologia.Inutile mandarmi messaggi privati,per dirmi che ho ragione,e poi capisco che non si è capito in cosa ho ragione?,Io non ho detto che la patologia è psicogena,me ne guarderei bene,proprio io non potrei mai dire una cosa del genere,ma ho detto che al di là di chi è il colpevole di cio',c'è un solo modo per guarire.Punto.Questo è quello che ho detto.E vorrei veramente capire se volete veramente guarire,e migliorare la vostra vita.Romy

Visualizza Messaggio



Passero'a spiegare meglio il concetto nei post seguenti.Romy

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#109 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 05 luglio 2008 - 21:23:57

Allora,tutti sanno che le patologie possono essere di due tipi,diciamo di tipo transitorio o acute,che poi guariscono o quasi e di tipo cronico,ovvero che si stabilizzano, come la cfs.Ci Siamo?

In cosa consisterebbe la differenza tra i due tipi di patologie?A farla breve,ma non chiedetemi di più,perchè abbastanza complesso la meccanica del DNA.Possiamo dire che nella malattia cronica si ha una modificazione cronica dei polimorfismi del Dna,ed altre cosucce,un po'quello che avviene con la vecchiaia,solo che nel caso della cfs,il danno è infinitamente più voluminoso,in considerazione dell'età.Ritorna un mio vecchio concetto di 7 anni fà.
Ma la cellula opera incessantemente una auto-riparazione del DNA,solo che nella cfs,perde colpi e non ci riesce,e quando avviene cio' possono accadere solo tre cose:
1. Uno stato di dormienza irreversibile, detto senescenza.
2. Il suicidio della cellula chiamato apoptosi o morte cellulare programmata.
3. La carcinogenesi, ossia la formazione del cancro.
Nel caso della cfs si arriva ai primi due stadi,qualche medico o studioso potrebbe dire bene,per fortuna............ma tutto è relativo,perchè io dico ma che te ne fai di una vita,dove arranchi per vivere, per fare quelle pochissime cose di tutti i giorni,che un vecchio di 80 anni,pergiunta acciaccato,è messo molto meglio di un 20enne affetto da cfs.

Ci siamo nel ragionamento?Penso di si,comunque diamolo per scontato.

Allora,cosa dovrebbe accadere per poter non dico guarire ma almeno migliorare?
La risposta non puo'essere che una sola:la cellula deve riuscire a velocizzare la sua auto-riparazione del DNA,per far si che almeno la patologia non galoppi.Giusto?ci siamo?

Adesso vi domando,conoscete se esistono farmaci tali da interessare il processo esposto?in teoria ne esistono,ma nella pratica non si vede nulla all'orizzonte.

Ma un sistema per riparare il DNA,e riportarlo alle sue origini o quasi esiste? SI esiste da tanto di quel tempo,secoli,non anni,e non capisco perchè non c'è una cultura di massa che spieghi di come servirsi di tale sistema e del perchè servirsene.Mi fermo qui',e prima di dire qual'è quel sistema,lontano anni luce dalla medicina e dai medici,mi piacerebbe conoscere il vostro pensiero su quello che ho esposto in questi miei pochi post.Ciao Romy

Messaggio modificato da romy, 05 luglio 2008 - 21:25:46

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#110 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 07 luglio 2008 - 00:06:07

Porto qui'nella mia vecchia collezione l'ultimo mio post.Romy


ciao a tutti
volevo più che altro chiarire un concetto
Nel post ho scritto CHE HO SCOPERTO L'ASSASSINO
Ma parliamoci chiaro, siamo tutti alla ricerca di una risposta, ci dimeniamo di qua e di là, come dei disperati, alla ricerca di una spiegazione.
Quindi, non ci sarebbe niente di male se soltanto pochi giorni dopo, si possano riaprire le indagini, e rimettersi alla ricerca.
Tanto lo faccio periodicamente.
La verità è che si brancola nel buio, ogni tanto VEDI UNA LUCE, una strada, e ti sembra la più percorribile..ne parli, ne discuti, cerchi anche conferme negli altri..

Detto questo vorrei rispondere a Romy
Ma più che rispondere vorrei dei chiarimenti, perchè sinceramente non è chiarissimo dove vuole arrivare, anche se lo si può intuire.
Diciamo prima di tutto che, se ho interpretato bene quello che dice, secondo la sua chiave di lettura, probabilmente GLI ATTACCHI ESTERNI, ( pericolosi per chiunque ma devastanti per altri soggetti ) hanno prodotto " IL DANNO " cronico.
Ossia, dei livelli di STRESS ( mettiamoci nel calderone anche DEPRESSIONE,
RABBIA, INSODDISFAZIONE ecc.. ) così elevati, così forti, da andare a scardinare e compromettere, il normale livello energetico e funzionale del proprio organismo.
Un organismo, evidentemente,  " particolarmente vulnerabile a situazioni di
quel tipo ".
Quando parli di SENSIBILITA', credo tu ti riferisca a tutti quei soggetti con un livello di " sensibilità " ( soprattutto nei confronti del male esterno ) così spiccato, che consequenzialmente, sono anche i più esposti a non tollerare livelli di STRESS troppo elevati.

Scusate se mi ripeto, ma è bene fissare i CONCETTI

A questo punto, per entarre meglio nella questione, cito me stesso.
Credo di essere sicuramente uno di quei soggetti particolarmente vulnerabili ai livelli di stress troppo elevati.
L'ho già scritto in POST passati, ma comunque, riassumendo brevemente, diciamo che quando stavo bene fisicamente, ho comunque attraversato MOMENTI DI STRESS elevatissimi.
Per tanti motivi ( forte timidezza, un lavoro che detestavo, insoddisfazione personale di vario genere, tanta rabbia ineriore, talvolta scarsissima autostima ) .
Devo dire che la sofferenza interiore è stata TALMENTE VIOLENTA E RADICATA, che a tratti avevo quasi la sensazione di stare male anche fisicamente.
Ma quel momento di depressione così devastante ...poi è passato, anche se lentamente.
Mentalmente sono un altro anche se comincio a deprimermi, paradossalmente, per le mie condizioni fisiche!!
Insomma a volte mi vedo prigioniero di una assurda SPIRALE, un qualcosa che si è INNESCATO e non si riesce più a fermare.
Come un disco incantato che torna sempre al punto di partenza.
Come se dentro di me, mancasse l'INPUT necessario per riprendere il giusto cammino ed uscire dall'incubo.
Naturalmente sono tutte ipotesi, diciamoci la verità, qualcuna anche delirante, ma
quello che mi chiedo io è questo:
è possibile che la sofferenza interiore, LO STRESS talvolta insopportabile, sia come una BOMBA?
Una bomba che esploda dentro con una violenza talmente elevata da compromettere e scardinare l'equilibrio fisico del proprio corpo, evidentemente GIA' PREDISPOSTO,
( per una qualsiasi, e sconosciuta, lacuna di carattere genetico e funzionale ).
Insomma, per farla breve, quanto c'è di psicosomatico e quanto NO
Quando Romy dice che la stessa sensibilità che ci ha fatto ammalare, può tirarci fuori, che cosa intende?
Perchè, allora,  potrei riavvalorare l'ipotesi del dottor Fitzgibson ( medico irlandese che tratta la CFS ) dal qual andai qualche tempo fa.
Lui mi prescrisse un antidepressivo.
Io gli spiegai chiaramente CHE NON ERO PIU' DEPRESSO e che secondo me non poteva essere la causa dei miei sintomi.
Era assurdo pensare che la febbicola, la stanchezza, le sudorazioni improvvise, fossere provocate dalla depressione.

Ma la sua risposta fu questa:
non sei più depresso, E' VERO E TI CREDO, ma è come se dentro di te, " per via dello STRESS molto forte vissuto in passato " si fossero interrotte quelle funzioni vitali,  che si occupano di regolare il LIVELLO ENERGETICO, fisico e mentale, del tuo organismo.
L'antidepressivo serve soltanto a ristabilire un equilibrio, è come sbrogliare un incastro...diciamo che serve soltanto un impulso.
Dopo... la macchina si rimetterà in sesto da sola.

Tornando a NOI, si potrebbe dedurre, che per molti soggetti, LO STRESS sia stata una storia passata..una bomba esplosa con violenza, ma tanti anni fa.
Probabilmente per la stragrande maggioramza dei casi, non ci sono più esplosioni interiori, non ci sono più bombe che esplodono... MA I RESTI ED I DANNI DELLE VECCHIE DEFLAGRAZIONI..quelli, restano. 

Insomma, definiamola una porta chiusa.
Non c'è più nessuno che la chiude ( LO STRESS, LA DEPRESSIONE, LA RABBIA ) ma sta di fatto che quella porta, però, è rimasta CHIUSA.
E non si riesce più ad aprirla

In breve, vuoi vedere che alla fine, mi toccherà PROVARE anche l'antidepressivo! ...come strada consigliata da Fitzgibbon ( VENLAFAXINE, per la precisione ) e che io, preferii non seguire...

Visualizza Messaggio


Col tuo post hai visto e detto bene,non c'è cfs che non sia stata preceduta da un periodo di stress di qualunque tipo,questo è assodato.Poi per ognuno gioca quella maledetta sensibilità che moltiplica per 10-100-1000 lo stress subito,portandoti in un vicolo cieco dove avvengono delle modificazioni geniche vere e reali.Alcuni a questo punto potrebbero parlare di psisomatica,non è preciso,anzi è un errore se vogliamo essere precisi,ma il paragone della psicosomatica potrebbe tenere,se per psicosomatica intendiamo un forte stress negativo,eventualmente generato a livello affettivo,capace poi di modificare il soma,ma non inteso come reazione del sintomo,bensi'come modificazione genica,allora posso essere d'accordo.Ti diro'di più è mia convinzione che tale modificazione dei geni,avviene causa forza maggiore al fine di aiutarci ad andare avanti,per non perire.La sensibilità è tale che l'amplificazione dello stimolo stressante,con tutte le conseguenze e ricadute sulle cellule,sarebbe tale da metterci a rischio della vita,o di malattie degenerative serie,tumori.Allora interviene l'organismo,che per auto-salvarsi gira la rotella dell'efficienza genica,modificando alcuni polimorfismi ed agendo sulla diminuzione della telomerasi,portandoci avanti con l'età cellulare,non lo facesse il rischio sarebbe il cancro.Ma con le cellule invecchiate anzi tempo si vive male,molte rimangono in uno stato dormiente irreversibile,molte procedono al suicidio programmato,Apoptosi,ed alla fine ci ritroviamo con scarsità di cellule,che funzionano al 50%,questa per me è la cfs,logico che quando a perdersi sono le cellule nervose,allora i disturbi sulla cognitività e memoria sono la normalità nella cfs,cosa che peggiora ulteriormente nei cfssini,perchè in tali pazienti lo stress e lo stress ossidativo sono prodotti come in un circolo vizioso senza fine,e questi a lora volta agiscono sulla memoria e cognitività e senescenza,aggravando la situazione quando meno te lo aspetti.
Come pure la fatica fisica e mentale,è l'espressione del calo delle cellule funzionali,e quindi del calo dei mitocondri operanti,molti dei quali possono essere anche deficitari,come giustamente ritiene la dottoressa Sarah Myhill.Questo è in sintesi la cfs per me,detto in parole povere.Volendo approfondire il tutto si potrebbe scrivere una enciclopedia di venti volumi,ma a noi non ci interessa, e non è importante nemmeno quello che ho scritto.L'unica cosa importante è come fare per migliorare la situazione.
Per quello che andro'a dire in seguito,non fare alcuna prova con gli antidepressivi,che non solo non sono curativi,ma sono veleni in chi è affetto da cfs,termine che và in sintonia con stress,e se pensi che gli antidepressivi funzionano aumentando lo stress chimico al cervello,capirai che è come buttare benzina sul fuoco.Ciao.Romy

Visualizza Messaggio


Messaggio modificato da romy, 07 luglio 2008 - 00:09:10

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#111 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 13 luglio 2008 - 00:04:56

Scusate dell'assenza ma ho avuto problemi in famiglia,vengo a chiudere l'argomento,con la speranza che qualcuno dei lettori ci trovi la sua strada,al fine della guarigione,che poi è quello che conta di più,uno potrebbe anche infischiarsene di sapere perchè non stà più bene.
In passato vi ho già parlato della Meditazione ecc.ecc.tra cui anche la Preghiera,lo yoga,e chi più ne ha, ne metta.Ebbene hanno fatto uno studio che per quanto mi riguarda,mi ha dato la centratura del cerchio.Per l'esperienza che ho della vita passata e di quella degli altri,per le cose che già mi erano note a livello pratico,ho avuto la certezza di tutto quello che ho sempre pensato dentro di me.Mi devo solo fermare e non ho più da capire o da ricercare,se vogliamo stare bene la strada c'è,ma non è detta che è facile intraprenderla.

Uno studio di un gruppo di ricercatori del Massachusetts General Hospital
La meditazione influenza il Dna
Yoga, preghiera e taichi possono migliorare la salute andando a modificare il funzionamento dei nostri geni

MILANO - Praticare lo yoga fa bene e aiuta a rilassarsi. Vero. Ma perché? Non è solo questione di testa e di autosuggestione: la risposta sta nei geni. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Massachusetts General Hospital, che hanno cercato di comprendere in che modo le tecniche di rilassamento riescono a influire in modo benefico sullo stato di salute delle persone che vi si dedicano.

LO STUDIO – La ricerca ha confrontato i geni di tre gruppi di soggetti, suddivisi in base al livello di esperienza in tali tecniche, che per otto settimane sono stati sottoposti a esercizi di rilassamento. Dall'indagine è emerso che sia lo yoga che la meditazione, il taichi, le tecniche di respirazione o la preghiera influenzano in qualche modo l'attività dei geni nei processi di risposta dell'organismo allo stress. Tali cambiamenti sono stati identificati sia nel primo gruppo che nel secondo.

MENTE E CORPO - «Ciò che abbiamo scoperto è che quando si cerca di ottenere il rilassamento vengono chiamati in causa gli stessi geni che rispondono allo stress», ha detto il dottor Herbert Benson, spiegando che la mente ha la capacità di «accendere e spegnere» i geni, e che spegnere lo stress significa migliorare la salute. E poiché oggigiorno siamo tutti stressati, come suggerisce lo stesso Benson, qualche minuto di una qualsiasi tecnica di rilassamento una volta al giorno sarebbe davvero consigliabile.

Cosa è la cfs,se non l'esagerazione di un organismo le cui funzioni sono tutte sballate dallo stress,e sono fortemente invecchiate.
Quindi meditazione,yoga,ecc.per riportare indietro le lancette dell'orologio, che sono andate troppo veloci,e lasciate perdere i medici e le medicine,che vi possono solo intossicare.Adesso vi saluto e spero tanto che anche uno solo di voi si possa mettere su quel sentiero che porta non dico alla salute,che è il minimo,ma alla vita,quella vera.Ciao.Romy

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#112 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 03 marzo 2009 - 01:29:31

Metto qui'anche questo mio post servirà in futuro:

certo che lo  stress dovuto al poco sonno è un fattore determinante nell'insorgere della ME/cfs..uno dei tanti fattori che "minano" il sistema immunitario..
ma in teoria un individuo "sano " si riprende da qualunque stress..
in noi qualcosa è "partiti" del tutto...sto convincendomi dipenda dal sistema detossificante...intestino/fegato (amalgame, metalli pesanti, intestino permeabile)e da lì si rovinano cervello, sistema nervoso/immunitario...probabilmente si diventa preda di vari virus...e in più l'intossicazione interiore/tendenza all'ansia e altri diagi psicologici(conflitti, ansie,sfighe, tristezze varie...)..
e tirandosi un po' su di qua, un po' di là si migliora...quel circolo vizioso poi si interromperà del tutto seguendo indicazioni di matteodall'osso...mi sa!

Visualizza Messaggio


Sei andata vicino al vero problema di noi tutti,ovvero al sonno,ma non mi riferisco la quantità di sonno,bensi alla sua qualità.Qualcosa che viene da molto lontano,in modo silento ha modificato i nostri cicli del sonno,e questo ha fatto in modo che piano-piano ci siamo ammalati tutti,chi più e chi meno.Nel sonno,ma quello di qualità il corpo si rigenera,riprende le energie,si disintossica.Col sonno cattivo invece avviene il contrario ci si intossica,i neuroni non si nutrono,la memoria diventa deficitaria,i muscoli accumulano sostanze di scarto non eliminate che poi portano al dolore sin dal risveglio.Cio'si somma col passare dei giorni e degli anni.Non potrà mai esserci guarigione in alcun paziente se non si riporta il sonno in equilibrio,persino le patologie immunitarie nascono dal cattivo sonno.Sono anni che cerco di capire questa storia,che indago nei confronti delle fasi del sonno,ma ci sono ricerche contrastanti a tal livello,per cui non sono ancora riuscito a capire come e con quali farmaci agire sulla dinamica del sonno.Non potrà esserci guarigione alcuna che non passi da un buon sonno.La scienza ci ha detto che che servirebbe il sonno REM per una buona qualità dello stesso,ma a me sembra vero il contrario,ovvero che avere troppo sonno REM porta ai sintomi al risveglio.Occorrerebbero sostanze o farmaci che,secondo il mio modesto parere fossero capaci di aumentare il sonno della fase 3 e 4 NREM,solo cosi'si potrebbe mettere in moto la lenta guarigione,ed a scomparire per primo sarebbero proprio i dolori ed i problemi di memoria,e poi a cascata tutte le altre cose.Ho buttato sotto sopra tutte le sostanze che esistono per scoprirne qualcuna che faccia al caso nostro,ma senza effetti collaterali,non ci sono ancora riuscito a trovarne una di cui fidarsi anche nel lungo tempo.In america fanno grande uso di certe sostanze che chiamano droghe furbe,le Smart Drug,che sicuramente danno degli ottimi risultati sul breve,ma sulla lunga distanza,creano sintomi simili ai nostri.A prenderle di solito non sono i malati,ma le persone normali che vogliono aumentare le loro performance di cognitività diurna nel lavoro ecc.,ci riescono, ma lo fanno a danno delle ore di sonno,che poi col tempo si viene a trovare squilibrato,con tutte le conseguenze ed il rischio di ammalarsi.Anche il fatto della memoria,ed il modo di affrontarlo non lo vedo coerente,molte società farmaceutiche ci stanno lavorando sopra,e cercano di sperimentare farmaci che tardano ad entrare in commercio.Vedi le Ampackine che sono molecole capaci aumentare la sensibilità dei recettori del glutammato nel cervello,i farmaci che aumentano il CREB ,quelli che agiscono sull AMPciclico,gli inibitori della fosfodiesterasi,e tanti altri.Questi sono farmaci che non vedranno mai la luce,per me,perchè partono da una visuale sballata.Infatti vorrebbero agire non sulla causa a monte del problema ma andando a potenziare il danno a valle, da cattivo sonno,per aumentare la cognitività,nel campo delle patologie tipo Alzheimer un domani.Allora non mi spiego alcune cose,perchè non si impegnano per trovare farmaci per farci dormire bene come una volta ed in modo naturale,solo cosi' potremmo guarire naturalmente e definitivamente,invece loro, con tali farmaci, hanno la presunzione di agire là dove la mancanza di sonno ha già fatto il danno,cercando di potenziare persino il recettore NMDA,che nel nostro caso è più che stimolato,ed è proprio questo uno dei motivi se non l'unico della neurotossicità nei pazienti ME/CFS.Leggendo le loro ricerche,credetemi,le case farmaceutiche,mi sembra,che non vogliono risolvere i problemi alla base,ma intervenire in modo sintomatico sui singoli sintomi,in modo che per un certo lasso di tempo si stà meglio,si crea la dipendenza e loro vendono.Ma farmaci che riportano il sonno al modo naturale,niente all'orizzonte,sarà un caso,ma penso che a loro di far guarire del tutto i malati,non interessa molto.E lo possono fare,tanto sanno benissimo che il popolo non ci capisce nulla nelle cose che dicono e fanno,e quei pochi che ci capiscono di solito sono sui loro libri paga.Questo è il dilemma ,amici di sventura,abbiamo dei problemi,speriamo nella ricerca farmaceutica per risolverli,ma questi ci prendono per i fondelli,infatti spesso capita che vengono ritirati dal commercio farmaci che a detta di tanti medici funzionavano per davvero.Vedi il tentativo ultimo di eliminare l'uso di molte vitamine e minerali,tentativo per ora non riuscito,ma che ci riproveranno sicuramente in futuro.Perchè a loro fà paura tutto cio'che non brevettabile,potrebbe fare bene alla salute,al pari se non meglio dei loro farmaci.Mi fermo qui'ma il discorso è lungo assai,ricordatevi dite ai vostri medici che si deve trovare il modo di migliorare il sonno ,chi ci riesce è salvo ed ha speranza di guarire,per cui venisse sul forum a dirlo a tutti NOI,e da oggi chi ha energia per ricercare e sperimentare,lo faccia nelle direzione del sonno,un giorno mi ringrazierete e vi ringraziero'di averlo fatto.Romy

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#113 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 07 marzo 2009 - 02:37:31

Sono venuto a conoscenza di una sostanza capace di far piazza pulita nel nostro organismo di ogni microrganismo patogeno,metalli pesanti,e cellula patogena.Cio'avviene tramite ossidazione,ed è immediata la distruzione dei patogeni,come effetto collaterale puo'portare un po' di nausea,segno che la sostanza ha incontrato il marcio dentro di noi,e che lo ha distrutto.Come si sia arrivata a questa sostanza è un lungo racconto di un personaggio che si è interessato nella vita di mille cose,tra cui la ricerca dell'oro in Africa.Tralascio per il momento la storia per passare a degli schemi che possono spiegare il funzionamento della sostanza,questi schemi non sono facili a trovarsi,ma io ne sono venuto in posseso.Devo anche dire che in alto,stanno cercando il modo per bloccare tale sostanza,perchè cura un sacco di patologie,tra cui la Malaria,in 2 ore,e persino i tumori,e tante altre cose.Sono rimasto stupefatto da quando ho appreso.



Zac c'è il problema che il pdf non si apre sul forum si puo''fare qualcosa?,altrimenti si dovrebbe trovare un nuovo modo.Ciao Romy

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#114 akela

akela

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 453 messaggi

Inviato 07 marzo 2009 - 13:49:31

Sono venuto a conoscenza di una sostanza capace di far piazza pulita nel nostro organismo di ogni microrganismo patogeno,metalli pesanti,e cellula patogena.Cio'avviene tramite ossidazione,ed è immediata la distruzione dei patogeni,come effetto collaterale puo'portare un po' di nausea,segno che la sostanza ha incontrato il marcio dentro di noi,e che lo ha distrutto.Come si sia arrivata a questa sostanza è un lungo racconto di un personaggio che si è interessato nella vita di mille cose,tra cui la ricerca dell'oro in Africa.Tralascio per il momento la storia per passare a degli schemi che possono spiegare il funzionamento della sostanza,questi schemi non sono facili a trovarsi,ma io ne sono venuto in posseso.Devo anche dire che in alto,stanno cercando il modo per bloccare tale sostanza,perchè cura un sacco di patologie,tra cui la Malaria,in 2 ore,e persino i tumori,e tante altre cose.Sono rimasto stupefatto da quando ho appreso.
Zac c'è il problema che il pdf non si apre sul forum si puo''fare qualcosa?,altrimenti si dovrebbe trovare un nuovo modo.Ciao Romy

Visualizza Messaggio

Scusa, ma intanto non potresti incominciare a dire come si chiama questa sostanza?

#115 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 07 marzo 2009 - 14:58:38

Scusa, ma intanto non potresti incominciare a dire come si chiama questa sostanza?

Visualizza Messaggio



Ci sto'perdendo la testa per mettere gli allegati sul forum,comunque la sostanza si chiama MMS,ma volevo darvi di più in proposito,chiamero'Vittoria per capire perchè non funzionano gli allegati messi sul forum.Romy

Immagine inserita

Messaggio modificato da romy, 07 marzo 2009 - 16:25:23

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#116 VITTORIA

VITTORIA

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.257 messaggi
  • Gender:Female
  • Location:Roma

Inviato 07 marzo 2009 - 16:18:34

Mi dispiace ma gli allegati in effetti non funzionano come potete leggere qui:

http://www.cfsitalia...st=0#entry23671

Il pdf di Romy potete scaricarlo cliccando qui:

http://www.zshare.ne...673935fa6cae57/

seguendo queste istruzioni:

cliccare su "download now" attendere 50 secondi, poi apparirà la scritta "Click here to start your download" , cliccate su "here" e scegliere "apri" o "salva"
VITTORIA
Amministrazione CFSitalia

-------------------------------------------------------
"Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite e alle diagnosi mediche. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose"
==============================


"Il senso della vita
è dare senso alla vita”

(R.Steiner)

#117 akela

akela

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 453 messaggi

Inviato 08 marzo 2009 - 11:28:07

Mi dispiace ma gli allegati in effetti non funzionano come potete leggere qui:

http://www.cfsitalia...st=0#entry23671

Il pdf di Romy potete scaricarlo cliccando qui:

http://www.zshare.ne...673935fa6cae57/

seguendo queste istruzioni:

cliccare su "download now" attendere 50 secondi, poi apparirà la scritta "Click here to start your download" , cliccate su "here" e scegliere "apri" o "salva"

Visualizza Messaggio

Non mi convince, non mi sembra una cosa seria.

#118 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 09 marzo 2009 - 01:25:59

Non mi convince, non mi sembra una cosa seria.

Visualizza Messaggio



Non penso sia una bufala ci sono troppe testimonianze,comunque ci stiamo studiando la cosa,non sono sicuro che per Noi vada bene,ma è una sostanza che risolve tante patologie,col sistema dell'ossidazione,adesso non ho tempo ma vi faro'approfondire il discorso.La notizia potrebbe valere per chi è convinto che la cfs nasce e si regge su di un virus,e poi per chi vorrebbe eliminare i metalli pesanti senza chelazione. Romy

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#119 akela

akela

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 453 messaggi

Inviato 09 marzo 2009 - 11:26:10

Non penso sia una bufala ci sono troppe testimonianze,comunque ci stiamo studiando la cosa,non sono sicuro che per Noi vada bene,ma è una sostanza che risolve tante patologie,col sistema dell'ossidazione,adesso non ho tempo ma vi faro'approfondire il discorso.La notizia potrebbe valere per chi è convinto che la cfs nasce e si regge su di un virus,e poi per chi vorrebbe eliminare i metalli pesanti senza chelazione. Romy

Visualizza Messaggio

Le testimonianze non valgono dal punto di vista scentifico - tra l'altro non sono sottoscritte davanti a un notaio. Possono essere frutto di suggestione (il noto effetto placebo) oppure addirittura un espediente propagandistico (cioè inventate).

#120 Lai

Lai

    Nuovo entrato

  • Utenti
  • Stelletta
  • 6 messaggi

Inviato 10 marzo 2009 - 22:18:14

Questo tipo di cura mi lascia perplessa.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.