Vai al contenuto

Foto

Classificazione della cfs ?????


  • Per cortesia connettiti per rispondere
76 risposte a questa discussione

#1 admin

admin

    Administrator

  • Amministratori
  • 464 messaggi

Inviato 31 marzo 2006 - 17:31:57

La confusione sulla CFS non riguarda solo il SUO nome, ma anche di come puo' essere codificata nell' ICD.
E' in inglese ma si puo' "capire" lo stesso la confusione dei codici.

La pagina originale è: http://au.geocities...._ICD_10_CM.html



ME :: Myalgic Encephalomyelitis
CFS :: Chronic Fatigue Syndrome

The following are extracts form the US ICD-10 CM (draft since 2003), it should be noted that while postviral fatigue syndrome, benign myalgic encephalomyeliyis and chronic fatigue syndrome,postviral are listed under the code G93.3 there is an exclusion,(NOT CODED HERE) chronic fatigue syndrome NOS (R53.82). Thus CFS is listed twice 1:CFS postviral(G93.3) and 2: cfs NOS (R53.82).Note that R53.82 excludes postviral chronic fatigue (G93.3) and postviral fatigue syndrome (G93.3)

Another item of some interest is the listing for Neurasthenia, where WHO ICD-10 codes under F48.0 and the US ICD-10 CM codes neurasthenia under F48.8, the WHO excludes CFS, postviral and the US lists no exclusions.


Traduzione automatica della premessa qui sopra:

Il seguito sono degli estratti del US ICD-10 CM (l'abbozzo da 2003), dovrebbe essere notato che mentre la sindrome di fatica di postviral, l'encephalomyeliyis benigna mialgica e la sindrome di fatica cronica, il postviral sono elencati sotto il codice G93.3 c'è un'esclusione, (CODIFICATO QUI) la sindrome di fatica cronica NESSUNO (R53.82). Così CFS è elencato due volte 1: CFS postviral(G93.3) e 2: il cfs NESSUNO (R53.82).Note che R53.82 esclude il postviral la fatica cronico (G93.3) e (G93.3 di sindrome di fatica di postviral)

Un altro articolo di alcuno interesse è l'elencare per la Nevrastenia, dove WHO ICD-10 codici sotto F48.0 e US ICD-10 CM nevrastenia di codici di CM sotto F48.8, il WHO esclude CFS, il postviral e gli Stati Uniti elenca nessune esclusioni.


The extracts below are all the entries for ME and CFS that I could locate within the

US ICD-10 CM (tabular)
: G93 Other disorders of brain
G93.0 Cerebral cysts
Arachnoid cyst
Porencephalic cyst, acquired
Excludes1:acquired periventricular cysts of newborn (P91.1)
congenital cerebral cysts (Q04.6)
G93.1 Anoxic brain damage, not elsewhere classified
Excludes1:cerebral anoxia due to anesthesia during labor and delivery (O74.3)
cerebral anoxia due to anesthesia during the puerperium (O89.2)
neonatal anoxia (P28.9)
G93.2 Benign intracranial hypertension
Excludes1:hypertensive encephalopathy (I67.4)
G93.3 Postviral fatigue syndrome
Benign myalgic encephalomyelitis
Chronic fatigue syndrome, postviral
Excludes1:chronic fatigue syndrome NOS (R53.82)
G93.4 Encephalopathy, not elsewhere classified
Excludes1:alcoholic encephalopathy (G31.2)
hypertensive encephalopathy (I67.4)
toxic encephalopathy (G92)
G93.40 Encephalopathy, unspecified
G93.41 Metabolic encephalopathy
Septic encephalopathy
G93.49 Other encephalopathy


US ICD10 CM (page 1021)

R53 Malaise and fatigue
R53.0 Neoplastic (malignant) related fatigue
Code first associated neoplasm
R53.1 Weakness
Asthenia NOS
Excludes1:age-related weakness (R54)
muscle weakness (M62.8-)
senile asthenia (R54)
R53.2 Functional quadriplegia
Excludes1:hysterical paralysis (F44.4)
immobility syndrome (M62.3)
neurologic quadriplegia (G82.5-)
R53.8 Other malaise and fatigue
Excludes1:combat exhaustion and fatigue (F43.0)
congenital debility (P96.9)
exhaustion and fatigue due to:
depressive episode (F32.-)
excessive exertion (T73.3)
exposure (T73.2)
heat (T67.-)
pregnancy (O26.8-)
recurrent depressive episode (F33)
senile debility (R54)
R53.81 Other malaise
Chronic debility
Debility NOS
General physical deterioration
Malaise NOS
Nervous debility
Excludes1: age-related physical debility (R54)
R53.82 Chronic fatigue, unspecified
Chronic fatigue syndrome NOS
Excludes1:postviral chronic fatigue (G93.3)
postviral fatigue syndrome (G93.3)
R53.83 Other fatigue
Fatigue NOS
Lack of energy
Lethargy
Tiredness

US ICD10 CM (page 260)

G04 Encephalitis, myelitis and encephalomyelitis
Includes: acute ascending myelitis
meningoencephalitis
meningomyelitis
Excludes1:encephalopathy NOS (G93.40)
Excludes2:acute transverse myelitis (G37.3)
alcoholic encephalopathy (G31.2)
benign myalgic encephalomyelitis (G93.3)
toxic encephalopathy (G92)
multiple sclerosis (G35)
subacute necrotizing myelitis (G37.4)
G04.0 Acute disseminated encephalitis
Encephalitis, postimmunization
Encephalomyelitis, postimmunization

US ICD10 CM (page 32)

A84 Tick-borne viral encephalitis
Includes: tick-borne viral meningoencephalitis
A84.0 Far Eastern tick-borne encephalitis [Russian spring-summer encephalitis]
A84.1 Central European tick-borne encephalitis
A84.8 Other tick-borne viral encephalitis
Louping ill
Powassan virus disease
A84.9 Tick-borne viral encephalitis, unspecified
A85 Other viral encephalitis, not elsewhere classified
Includes: specified viral encephalomyelitis NEC
specified viral meningoencephalitis NEC
Excludes1:benign myalgic encephalomyelitis (G93.3)
encephalitis due to:
cytomegalovirus (B25.8)
herpesvirus [herpes simplex] (B00.4)
measles virus (B05.0)
mumps virus (B26.2)
poliomyelitis virus (A80.-)
zoster (B02.0)
lymphocytic choriomeningitis (A87.2)
A85.0 Enteroviral encephalitis
Enteroviral encephalomyelitis
A85.1 Adenoviral encephalitis
Adenoviral meningoencephalitis
A85.2 Arthropod-borne viral encephalitis, unspecified
Excludes1:West nile virus with encephalitis (A92.31)
A85.8 Other specified viral encephalitis
Encephalitis lethargica
Von Economo-Cruchet disease
A86 Unspecified viral encephalitis
Includes: viral encephalomyelitis NOS
viral meningoencephalitis NOS
A87 Viral meningitis
Excludes1:meningitis due to:
herpesvirus [herpes simplex] (B00.3)
measles virus (B05.1)
mumps virus (B26.1)
poliomyelitis virus (A80.-)
zoster (B02.1)
A87.0 Enteroviral meningitis
Coxsackievirus meningitis
Echovirus meningitis
A87.1 Adenoviral meningitis
A87.2 Lymphocytic choriomeningitis
Lymphocytic meningoencephalitis
A87.8 Other viral meningitis
A87.9 Viral meningitis, unspecified
A88 Other viral infections of central nervous system, not elsewhere
classified
Excludes1:viral encephalitis NOS (A86)
viral meningitis NOS (A87.9)
A88.0 Enteroviral exanthematous fever [Boston exanthem]
A88.1 Epidemic vertigo
A88.8 Other specified viral infections of central nervous system
A89 Unspecified viral infection of central nervous system
Arthropod-borne viral fevers and viral hemorrhagic fevers
US ICD-10 CM (page243)

F48 Other nonpsychotic mental disorders
F48.1 Depersonalization-derealization syndrome
F48.8 Other specified nonpsychotic mental disorders
Briquet's disorder
Dhat syndrome
Neurasthenia
Occupational neurosis, including writer's cramp
Psychasthenia
Psychasthenic neurosis
Psychogenic syncope
F48.9 Nonpsychotic mental disorder, unspecified
Neurosis NOS

#2 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 13 settembre 2007 - 21:49:37

NOTA: CFS

Non dimentichiamoci che la dicitura CFS, venne introdotta come altro modo per descirvere la ME. Questa introduzione di una nuova dicitura di malattia per descrivere una sindrome gia' conosciuta era stata originariamente introdotta per creare confusione. Ed e' successo. Anche se ufficialmente la definizione di CFS e' corrispondente alla ME e vicersa, molte persone e molti pazienti pensano che non sia cosi.
Sempre piu' frequentemente sento dire da diversi malati "Io non ho la ME ho la CFS".

#3 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 13 settembre 2007 - 22:25:02

La M.E. (Encefalite Mialgica, Encefalomielite) e' classificata come malattia neurologica ed Inghilettera da' diritto ad avere sussidi assistenzale. Sia per evitare di corrispondere i sussidi assistenziali che per creare ulteriore confusione venne proposta una nuova dicitura/definzione : CFS . Gli americani ne hanno proposto una terza: CFIDS. Nella letteratura internazionale, pubblicata in inglese, le diciture CFS o M.E. o CFIDS sono da considerarsi equivalenti. La distinzione che a volte viene fatta in Inghilterra ha scopi meramentre politici, ai fini della corresponsione o della mancata corresponsione dei sussidi assitenziali.

#4 vivolenta

vivolenta

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.650 messaggi

Inviato 16 settembre 2007 - 10:12:15

IL PROGRAMMA NORVEGESE cfs e me-
chronic fatigue syndrome / magic encephomyelitis





fare il punto con le associazioni

Dunque, forse grazie anche alla mb12 e anche al fatto che non ho potuto collegarmi a internet per due settimane mi sono andata a studiare un po di documentazione che avevo scaricato per rileggere con calma, e così ho fatto.
Appare, alla mia probabilmente ridotta capacità neuronale, di particolare interesse il lavoro che stanno facendo le associazioni norvegesi chiamate dal dipartimento della salute (ringrazio neve che aveva già da tempo ne ha compreso l’importanza che si segua il lavoro delle associazioni norvegesi perché lottano per un approccio differente rispetto a quello americano) mi chiedo da tempo il perché del coniare un nuovo nome per una malattia che già esisteva : - l’ encefalomielite mialgica, con prove di epidemie già dal 1934 e classificata dall’ ICD già dal 1969..
Ovviamente non sappiamo nulla sui perché, però che non si tratti di una malattia psichiatrica è stato ormai appurato, resta da capire se la sua origine sia virale o meno, cosi come mi pare di capire si dica della encefalomielite, ed è ormai evidente sia un coinvolgimento del sistema neurologico sia una disfunzione biologica.
Comunque, visto che la cosa mi appare importante perché davvero non capisco il motivo per cui non rientrino nella prassi per la diagnosi cfs le indagini neurologiche come scansioni SPECT, e scansioni PET, farò ricerche in questo senso partendo dai link che sono stati messi nel post di neve -IL PROGRAMMA NORVEGESE- http://www.cfsitalia...?showtopic=1807


ora, mi sono riuscita a collegare di nuovo e sono riuscita a leggere i post nuovi, e joseph ha espresso gli stessi dubbi miei, mi piacerebbe capire quale tra le associazioni cfs italiane sia consapevole della differente impostazione alla cfs e quale si intende portare avanti nel nostro paese, anche se in realtà nessuno ha mai fatto riferimento ad un origine psichiatrica se non chi la cfs non la conosce.
In realtà pur mancando da un po dal forum ricordo a tutti che non sempre riesco a far capire i miei pensieri, avvolti e farciti di confusione, nonostante l’ mb12...

Una domanda sorge; le associazioni italiane che tesi avvalorano? indagherò... :)
Meglio cinghiale che pecora

#5 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 16 settembre 2007 - 15:29:21

Cara Vivolenta,

Ultimamente ho fatto diversi interventi sui forum di CFSITALIA. Putroppo non essendo pratico nell'utilizzare il forum di cgsitalia, ho postato un in diversi parri ed e' quind dificle "seguirmi".

Uno degli ultimi interventi l'ho postato iesri sera, dopo avere letto il testo che definisce la CFS/Fibromialgia, second lo studio pubblicato da un gruppo di rcerca italiano. Fanno molta confusione con le varie diciture di ME di CFS e di fibromialgia.
La fibromialgia e' un sintomo di dolore fibro-mucolare che compare in forme piu' o meno diverse in varie patologie. Nei soggetti affetti da ME la fibrom ha nache anomalie di metabolismo cellulare, danni ai mitocondri, ecc, tutti citati nello studio dei ricercatori italiani, che hanno citato lavori fatti sulla ME e pubblicati negli ultimi 50 anni (hooper) ecc. La denominazioen di CFS (Chronic fatigue Syndrome) non e' nient'altro che il tentativo di ridenomiknare la vecchia patologia ME con Sindrome da Stanchezza Cronica. Come ME lo stato inglese deve corrisponder ei sussidi (ME, malatita ad innesco virale che porta ad una sindrome neurologica piu o meno invalidante e, dalla quale, se presa per tempo si puo' anche guarire. Ci sono state anche guarigini sponatneee, anche se poche).

La ridenominazione di ME in CFS non da diritto agli aiuti, sussidi, rimborsi , sussidi malattia, risarcimenti assicurativi che si hanno con la malattia se clasifica ME. Inoltre chiamarla CFS - Sindrome da Stanchezza cronica, significa dare molte armi in mano a coloro che asseriscono che non esiste: Infatti "la "Stanchezza" e' un sintomo generico daififcle da definire e quantificare, poi e' "Cronica". L astancherzza cronica e' presente nelle moltissime patologie (dal cancro alla depressione). SE la definizion e' vaga gli istuti ed enti nazionali ed internazionali preposti al controllo e definizione delle malattie dicono che comalattie non esiste "in quanto e' un sintomo presente in moltisime patologie e quidi deve essere escluso nella definizione di una nuova patologia". Non E' un marcatore "biochimico".

E' quello che e' successo con la decione del NICE, e le nuove linee guida del NICE, sottendono il tip di ragionamento che ho appena discusso. Ho scrito una lettera la BMJ, in merito a ragionamento assiomatico del Nice, la nuova lettera e' stata pubblicata su internet ieri. l'ho riportata anche in un post di cfsitalia. I ricercatori italiani, hanno commesso l'errore di mescoalre le varie diciture con le quli viene chiamata questa malattia, e quindi creano maggiore confusione, a detrimento dei malati e a vantattio dell'industria farmaco-politica.
Di quest'ultma bisogna precisare che: finche' non intravedevano una posibilita' di approccio terapeutico sintomatico ed erano spaventati per il timore che i problemi connessi con le vacinazioni venissro a gall hanno pagato le istituzioni sanitarie pe rfare passare la tesi della non esitenza della malattie, cercando di relgarla al mentale e di dare i soldi all'indstria psichiatrica.

Ora che tuti i lavori di ricerca compiuti soppratuo in passato stanno venendo a galla, cercano di dirottare il discorso sviandolo sul trattamento cronico dei sintomi, con farmaci piscoattivi,antivirali ecc.
Infatti per il controllo dei dolori fribromuscoalri hanno ribrevettato (e ne hanno anche umentato il prezzo di vendita) il Lyrica.

Poi sempre per il controllo del dolore fibromialgico stanno per ribrevettare il "nuovo" farmaco antipsicotico" la "Quetiapina"

Tuti questi farmaci nati per il trattamento delle "malattie" psichiatriche" funzionano molto male anche nelle malattie psichiatriche che dovrebbero curare per il semplice fatto che nessun modello di malattia psichitrica sta in piedi - concettualemte sono tutti modelli teorici che fanno acqua da tutte le parti.

I farmaci per il trattamento delle "malatite" psicchiatriche rovinano comunque il cervello, la sua neurochimica e tutti gli sistemi di regolazione del corpo che sono controllati dal cervello (incluso il sistema neuro-endocrino).
Quindi, di tanto in tanto, con i danni biologici che producono questi farmaci, essi sopprimono anche i sintomi delle malattie iatrogeno-ambientali, quest'ultime sono causate, dall'inquinamento dell'habitat verficatosi negli ultimi 60 anni dall'attivita' umana.
L'accettazione dell'esitenza di queste "nuove" malattie, quali la ME/CFS ecc. metterebbe in discussione tutto il modello industriale mondiale.

Quindi prefericono creare confusione (o disinformazione, che e' la stessa cosa), e poi suggerire interventi terapeutici che creano nuove patologe.
Vedrai che anche in Italia, proporanno trattamenti con psicofamraci per i dolori (Quiteapina, Antidepressivi, Tramadol (che e' un derivato sintetico oppioide- cannabioide, che produce allucinazioni),
nuovi vaccini antivirali,
nuovi e vecchi farmaci antivirali (compresi quelli uati nell'AIDS -che, tra l'altro, non funzionano), ecc

Quindi vi consiglio caldamente di NON accettare le conclusioni del NICE. Se sottoscriveete le guideline del NIce finite a psicofarmaci a terapia cognitiva (CBT) a terapia fisica graduata e coatta (CBT). Con la CBT alcunipazienti sono morti. Il 90 per cento di quelli sotoposti a CBT e' peggiorato.

Guardate altrove.

I criteri diagnosti e clinico strumentali accettati da oltre 6 decadi per la Me li trovi nel sito riportato qui di seguito, idem per le terapie vertenti a ristabilire l'equilibrio biologico dell'organismo compromesso:
---------------------------------------------

http://www.ahummingbirdsguide.com/

E' il sito uficiale della ME, (ci scrive Hooper ed i metidi americni della stesas scuola, contiene i criteri diagnosti per l'identificazione delle sindromi ME, ecc)


Poi piu' oltre ti incollo l'intervenbo postato su un altro topic del forum.

postrato sul topic di: Fibrmialgia e trttamento ..........topic su cfsiitalia
----------------------------------------------------------------



Coommento:

L'articolo si contraddice praticamente ogni due frasi. La nomenclatura delle sindromi e' incostante ed erratica. Non avendo effettuato una tipizzazione coerente, gli autori proseguono p con una sottotipizzazione ancora piu' incoerente.
Poi avendo descritto le anomalie biochimiche indivuduate a livelleo muscolare, riportate qui di seguito:

Cito

"dovuta ad una un’alterazione della barriera ematoencefalica (BEE), per penetrazioni di sostanze tossiche, (infezioni virali, attivazione di alcune citochine, 5- idrossitriptamina, perossinitriti, stress da ossido nitrico, deplezione del glutatione, deficienza di acidi grassi essenziali, overattività di N-metil-D-aspartato) che comporta una serie di effetti che a loro volta conducono ad una conseguente disfunzione cellulare e distruzione delle connessioni neuronali, a tipo stato tossico.

e quindi dopo avere fatto notare che vi e' iperpoduzione di tossine, iperossidazione, stress da osido nitrico, ovvero disregolazione del path metabolico dell'ossido nitrico, gli autori concludono dicendo che:

L'esercizio fisico fa bene ai fibromialgici.

No. L'esercio fisico non fa bene alle persone affette da "fribromialgia che, nella definizione orginaria di ME, non e' che un sintomo del quadro miltiedrico della ME No. Lesercizio fisico non fa bene se sono presenti le anomalie che i ricercatori hanno citato nel paragrafo riportato sopra.

Le anomalie citate dai ricercatori si rifersicono tutte a lavori in lingua inglese, Basati concettualmente sul modello patologico ME, descritto oltre 50 anni or sono, e resgistrato come malattia neurologica presso l'OMS.
Le nuove ridenominazioni di una vecchia patologia ME in CFS non sono state nient'altro che tentativi da parte di interessi di parte di guadagnare dei soldi e di non corrispondere i risarcimenti assicurativi alle persone ammalate di ME.

Lo stesso si puo' dire della ridenominazione delle forme mialgiche che sono presenti nella ME.
La mialgia della ME e' diventata "fibromialgia" sempre per motivi asiucurativi e per motivi medici (i medici non solo hanno scoperto una nuova malattia da curare con i metodi "alternativi", quali la terapia quantistica, ed altre ciarlatanerie simili, ma hanno trovato un eufemismo all'epiteto di "ipocondriaco" che nel Regno Unito e' diventato obsoleto ed illegale.
Tutte le definizioni usate per queste sindromi sono di origine inglese. Son state tradotte e ridefinite ultmamente in italiano non solo per semplice fatto che la ricerca in Italia non si fa piu' da un pezzo ma anche per il fato che, in Italia la meicina viene ormai praticata in un modo non esente da critiche anche elementari.
I ricercatori(sic!) succitati hanno dapprima citato lavori anglo-americani, basati rigorosamente sul modello teorico originale di ME, poi hanno tentato di fare distinzioni artificali, inventando anche nuove forme di fibromialgia.

Nella "fibromialgia" descritta da oltre cinquant'anni nelle sindromi ME ci sono sempre notevoli alterazioni biochimiche multiple dei processi immunitari, ormonali, del metabolosmo cellualare, del metabolismo mitocondriale. I danni mitocondriali si possono trovare facilmente con una semplice biopsia muscolare.
Pertanto non dovrebbe stupire se i pazienti, correttamente descriti come fibromialgici, peggiorano dopo l'esercizio fisico.

Cio' e' stato riscontrato in vari studi clinici, sia con prelievi di laboratorio che con metodiche statistiche, utilizzate in quei poveri disgraziati che sono stati sottoposti alla terapia di esercizio graduale (CBT).

Poi,citando la GWS, la Sindrome della Guerra del Golfo, (studiata anche da Hooper), la REED, la sindrome del lago Tahoe, (studiata anche da Hooper) gli autori fanno una distinzione arificiale ed arteffata dello steso meccanismo patologico che interviene sia nel modello delle sindrome originale la ME che in queste ultime due sindromi.
In tutte c'e' un iniziale meccanismo di dis-regolazione del sistema immunitario-ormonale-metabolico cagionato pero' da agenti diversi. In tutte e tre le sindromi citate, sia meccanismi innescati agli inizi della malatita che durante la progresione della malattia sonogli stessi.
La fatica presente in queste sindromi viene ormai intesa come un adattamento del corpo che si sforza di minimizzare lo stress iperossidativo con la riduzione dell'attivita' fisica.
L'aumento dell'attivita' fisica, dopo un'iniziale sensazione di benessere, per via del maggior tasso di ossigeno presente nel corpo, porta ad un repentino peggioramento dello stato di salute del paziente, in alcuni casi fino al coma.

Dopo l'esercizio fisico, il recupero e' sempre lento, a volte il peggioramento dura settimane.
La somministrazione a questi fibromialgici "puri", in cui il sintomo fibromialgico non e' nient'altro che un sintono di una sindrome ben piu' complessa (ME), di farmaci antidepresivi, come amitriptilina e SSRIs, suggeriti in un altro topic di questo sito, magari associati a benzodiazepina (Xanax), e' sempre pericolosa, e va fatta con molta cautela.
E' pericolosa per diversi motivi,: in questi pazienti vi e' spesso anche un'apnea notturna, i farmaci succitati la peggiorano. L'associazione benzodiazepina+ antidepressivo (triciclico o SSRI + e/o 5-htp e/o Erba di San Giovanni) produce ipersedazione e potenziale crisi serotoninergica.

Ricordiamoci che il percorso metabolico (il path) della serotonia e' alterato in questi pazienti e che, andare a pastrocchiare su questo path, e' sempre pericoloso in quesrti pazienti.

Inoltre, durante una fase acuta (di recrudescenza infettiva?), in questi pazienti tendono ad aumentare le azioni allergiche e di paradasso, specialmente per i farmaci psicoattivi.

Un'attenta disamina della letteratura mondiale permettera' agli ,autori dell'articolo di dipanare li loro dubbi in merito. Sempre che tali ricercatori (sic!) sappiano l'inglese e abbiano voglia di fare il lavoro di ricerca obbligatorio che e' necessario per un produrre un paper scientifico di qualita' decente.

Avevo scritto un intervento sostanzioso, che mi ha tenuto occupato tutto il pomeriggio e mi ha anche stremato. Poi, ripensandoci, ed avendo riletto il materiale pubblicato da tali sedicenti ricercatori, mi sono ricreduto ed ho deciso di non rispondere dettagliatamente.
Di fronte ad un tale miscuglio di approssimazioni, e di superficialita' ho deciso di non pubblicare la mia risposta dettagliata.

Ritengo improbabile che gli autori abbiano stilato questo articolo con l'intento di disseminare ulteriore disinformazione fra gli ammalati di CFS/ME E di FIBROMIALGIA , a scopi forse meramente pecuniari. Penso che il risultato finale non sia nient'altor che il rusultato di molta superficialita', prigrizia, provincialismo intellettuale o totale disprezzo per l'impatto che tale tipo di disinformazione puo' avere in pazienti che si trovano - in situazioni di estremo abbandono - a dover educare i medici.

Per questi pazienti, un sito Internt dove essi possano discutere dei loro problemi, tenersi al corrente sugli sviluppi internazionali dcelle tematiche che riguardano la looro malattia, e' uno strumento prezioso. A volte il sito e' la sola luce che li guida attraverso il buio della stupidita' della medicina ufficiale.

Quindi', moralmente, e' da criminali tentare di fare opera di disinformazione. A questo ci pensano gia' i politici.

Con medici di questo tipo questi pazienti non hanno bisogno di nemici.

Giuseppe Melecci

*****
(UK)
TEL. *****



« Disc. Precedente · FIBROMIALGIA · Disc. Successiva »
-------------------------------------------------------------------------------



Per cortesia fammi sapere.

Saltoni

#6 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 16 settembre 2007 - 16:20:45

Ecco il testo della seconda lettera che ho inviato al BMJ e che hanno pubblicato.
Fra la classe medica il BMJ ha seguito internazionale. Quindi e' una rivista meidca che esercita notevole influenza.
Vi segnalo la lettera semplicemente perche' in Italia potreste avere molto presto linee guida per il trattamento delle sindromi ME/CFS Fibromialgia molto simili a quelle emanate dal NICE

Buona domenica

-----------------------------------------

Regno Unito,
per il trattamento delle CFS/ME/Fibromialgia.

--------------------

Ecco Il testo

------------------------

WHO is relieved by NICE? 15 September 2007

Giuseppe Melecci,
unemployed, due to M.E.
unemployed due to M.E.
Send response to journal:
Re: Re: WHO is relieved by NICE?



Who is relieved by NICE? Probably the government and the other socio-political forces which do not see the usefulness of treating, or trying to treat, these conditions.

In my opinion, the reasoning behind the guideline published by Nice is contradictory.

First, NICE states that the causes which trigger these types of syndromes are unknown.

Although this is true of many conditions, it does not stop doctors from offering cures and treatments. The existence of a disease is not subjected to doctors' will, neither is its cure, neither doctor’s acceptance nor awareness of its existence. By now, after thousands of years of the existence of doctors’ medicine, doctors should be aware that, in medicine, today’s revealed truth is tomorrow’s heresy.

It seems that Nice guidelines were formulated under the this axiom :

"E.M. does not exist, it is an imaginary illness, which exists only in the minds of the E.M. / sufferers, and therefore any clinical investigation is totally unnecessary. It is self-explanatory"

Then the guidelines suggest to proceed as follow:

1- To exclude all symptoms and all clinical findings, chemical abnormalities etc., which can also be seen in other syndromes/conditions, to exclude all infections, co-morbidity, etc. which can be present.

2- Also the clinicians will have to limit the clinical investigations to a simple, basic, blood test and nothing else.

3- Then, after having excluded any symptom, any biological abnormality, known to mankind, the clinicians should proceed with the formulation of "mental illness" by using mental descriptors listed in the appendix.

Comments about Nice guideline:

1 -Many symptoms and abnormal clinical findings are commonly present a huge amount of diseases. To exclude a symptoms or a disease from the differential diagnosis can be dangerous. To exclude "all" symptoms and diseases from a hypothetical diagnosis, simply because they can be also present in other conditions, also means to exclude the existence of symptoms and conditions. Ultimately, this could mean that there are no biological diseases. Then, having denied the existence of certain biological diseases, simply because they might have symptoms and biochemical abnormalities which, can be found in other diseases, the doctors will have to formulate the diagnosis of mental illness by applying mental "descriptors", which are universal feelings, and they are present in all humans, all the time.

Therefore, when examining the biological aspect: Nice suggests to eliminate all physical causes, chemical abnormalities, symptoms etc, which can be also present in order physical conditions. This process will excludes the physical condition of ME.

Then Nice suggests to apply at least two mental descriptors, which are common and present every person, to establish that ME is indeed an esclusively mental illness. Therefore, two different and opposite type of considerations are used for the diagnosis of ME. A)Total exclusion of physical conditions/symptoms etc, of all biological “descriptors” which can be found in other biological diseases. B)Inclusion of universally common “mental” descriptors (but I would say universally common human feelings) to ascertain with absolute certainty the existence of ME as a mental disease. A disease which is only mental. Point A contradicts B and vice-versa. This type of method is typical of “Spanish Inquisitions”, which have pestered Europe during the Middle Ages. NICEs approach has nothing to do with the scientific method.

Guidelines like this are neither scientific, nor doctrinal. At best they are an example of the most hideous type of quackery.

In spite the fact that NICE et Al deny their biological existence, M.E. diseases have been spreading all over the world in an epidemiological pattern which seems to be more indicative of an infective nature, rather than a mental one. Furthermore, it seems that this diseases are spreading at increasing rates.

The very concept of mental disease varies from time to time in a given society, and also from society to society.

Traditionally, in certain oriental societies the concepts of mental disease, as it is construed in the West, did not exist. For instance, in traditional Chinese Medicine “depression” is a dysfunction of the meridian of the liver.

I would suggest to the NICE people to concentrate first on the physical before focusing on the metaphysical.

For the metaphysical we already have priests.

Competing interests: M.E Sufferer

#7 Johnny

Johnny

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 628 messaggi

Inviato 16 settembre 2007 - 16:48:08

Grazie Giuseppe, sei davvero prezioso.

:)

Una domandina....
Hai mai sentito li in UK che qualche malato di CFS
abbia mai tratto giovamento da un ciclo di ozonoterapia
in autoemotrasfusione?


#8 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 16 settembre 2007 - 18:37:00

Grazie Giuseppe, sei davvero prezioso.

:)

Una domandina....
Hai mai sentito li in UK che qualche malato di CFS
abbia mai tratto giovamento da un ciclo di ozonoterapia
in autoemotrasfusione?

Visualizza Messaggio


Si so di alcuni che hanno tratto giovamento dai lavaggi del sangue e dall'ozonoterpaia.
Si fanno in molti ospedali privati. Da moltisimi anni. Basta pagare
Credo di averti postaot un messagio privato (sempre che, pr spedirelo, abbia pigiato il tasto giusto).
fammi sapere

#9 Johnny

Johnny

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 628 messaggi

Inviato 16 settembre 2007 - 19:23:16

Credo di averti postaot un messagio privato (sempre che, pr spedirelo, abbia pigiato il tasto giusto).
fammi sapere

Visualizza Messaggio


hai pigiato il tasto sbagliato.... :)

:)


#10 admin

admin

    Administrator

  • Amministratori
  • 464 messaggi

Inviato 16 settembre 2007 - 21:52:58

joseph1951,
visto che non segui i consigli che ti invio in PM lo farò pubblicamente.

Evita di scrivere doppi post.
NON scrivere in INGLESE se non nell'apposita sezione.
Se vuoi segnalare un testo NON in lingua Italiana segnalalo scrivendo il suo Link e una sua descrizione, in ITALIANO.
NON scrivere mai il tuoi dati personali nei post (questo non te lo avevo detto), puoi scriverli nel tuo profilo, accessibile solo agli iscritti.

Cerca di seguire i consigli, servono ad avere più accessibilità da parte di chi legge a fatica più di 4 righe.

Grazie della collaborazione.

#11 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 16 settembre 2007 - 22:26:47

joseph1951,
visto che non segui i consigli che ti invio in PM lo farò pubblicamente.

Evita di scrivere doppi post.
NON scrivere in INGLESE se non nell'apposita sezione.
Se vuoi segnalare un testo NON in lingua Italiana segnalalo scrivendo il suo Link e una sua descrizione, in ITALIANO.
NON scrivere mai il tuoi dati personali nei post (questo non te lo avevo detto), puoi scriverli nel tuo profilo, accessibile solo agli iscritti.

Cerca di seguire i consigli, servono ad avere più accessibilità da parte di chi legge a fatica più di 4 righe.

Grazie della collaborazione.

Visualizza Messaggio


Scusa ho cercato cliccare "rispondere" ma a volte mi riprende tutto il testo. No ho molta pratica sul funzionamentio del sito.

Il miei dati li avevo appostati a pie' di pagina sulla pagina di Word, dove avevo stilato l'intervento da inviare al foro. Visto che, ho moso alcune critiche bonarie agli autori della relazione sulla CFs/Me eccetera, se hanno da brontolare sul tono del mio intervento brontolino pure con me.
Mi accollo sempre piena responsabilita' tanto per quelloche dico che per quello che scrivo.

La seconda lettera in inglese che ho inviato al BMJ e che e' stata pubblicata, sulla BMJ, una rivista internazionale di medicina, lho postata sul Vs sito copiandola dalla rivista che l'ha publbicata.
In una email privata inviata a Zac, gli ho spiegato i motivi per i quali non ho le energie sufficienti per tradurla adesso.
(Sono al computer da questa mattina).
La lettera e' stata postata sul vostro sito con un breve riassunto in italiano, dove a grande linee ne spiego il contenuto. Si tratta semplicemente di un'analisi logica dei processi mentali usati dai membri della commissione del Nice, per formulare le linee Guida per la CFS/ME.
Dimostrata l'assurdita' del ragionamento adottato dai membri della commisione NICE e' stato poi facile dimostrare le conclusioni illogiche a cui sono addivenuti.

Non e' offensiva nei confronti della comunita' scientifica internazionale e mi aspetto che, se ci sono delle critiche, esse vengano mosse a livello internazionale, sulla stessa rivista scientifica che le ha pubblicate.

Le riviste scientifiche internazionali, prima di pubblicare un'intervento vagliano attentamente quanto scrive l'autore. Se, avervela segnalata, per V.s conoscenza vi da' fastidio, toglietela da sito.


Ti auguro una buonissima notte con tanti sogni d'oro

#12 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 16 settembre 2007 - 23:20:19

joseph1951,
visto che non segui i consigli che ti invio in PM lo farò pubblicamente.

Evita di scrivere doppi post.
NON scrivere in INGLESE se non nell'apposita sezione.
Se vuoi segnalare un testo NON in lingua Italiana segnalalo scrivendo il suo Link e una sua descrizione, in ITALIANO.
NON scrivere mai il tuoi dati personali nei post (questo non te lo avevo detto), puoi scriverli nel tuo profilo, accessibile solo agli iscritti.

Cerca di seguire i consigli, servono ad avere più accessibilità da parte di chi legge a fatica più di 4 righe.

[[size=14]b]Grazie della collaborazione.[/b]

Visualizza Messaggio


Mah, ho inviato una riposta scritta a Zac, poi ho scritto a te sul foro, poi ho postato un'altro intervento , che non stato caricato, poi ho postato un breve intervento a caratteri grandi in rosso, che e' stato caricato e poi sparito dal post, poi ne ho mandato un'altro brevissimo, sempre a caratteri grandi ma in blu.
Anche questo messaggio e' stato caricato momentaneamente e poi, dopo alcuni secondi e' stato eliminato.
Si vede che sto diventando ancora piu' imbranato, o che c'e' un problema di linea.Ciao

#13 admin

admin

    Administrator

  • Amministratori
  • 464 messaggi

Inviato 17 settembre 2007 - 10:11:58

Zac sono io,
e sono sempre io che ho modificato il tuo post scritto a caratteri cubitali e rossi, cerchiamo di usare i font e le dimensioni standard di tutti i forum, altrimenti sono costretto a far si che, com'è nello standard-forum e che quindi quelli a norme europee applicano, gli utenti non possano modificare a sproposito i font.

Dietro alle quinte della gestione di un forum ci sono parecchie cose che gli utenti non sanno, se non ti attieni a certe regole sulla formattazione, e a tante altre, il forum non viene più indicizzato dai motori di ricerca, anzi, vieni punito e non indicizzato per mesi.

Cerchiamo quindi di attenerci alle pochissime regole basilari che vengono suggerite, oppure vogliamo perdere la visibilità nel web ? Negli ultimi 5 giorni abbiamo superato i 350 contatti giornalieri, univoci, più volte, e non è certo un caso, ma è frutto di un "lavoro" che non vogliamo buttare, questo non certo per vanto o tornaconto, visto che non ci sono ne entrate finanziarie ne medaglie o altro.

Con l'occasione voglio ricordare, che sia io che Vittoria, prima di essere amministratori, siamo malati...
Essere sempre presenti sul forum o dare risposte immediate non è possibile, cerchiamo di capirlo e avere "pazienza".

Grazie

#14 vivolenta

vivolenta

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.650 messaggi

Inviato 20 settembre 2007 - 10:14:41

a proposito dell’ encefalomielite mialgica



ritorno sul punto perché mi aiutiate a capire se ho capito.

Allora;
In definitiva i casi sono 2:
1. la cfs e la ME sono la stessa cosa
2. la cfs e la ME sono due cose diverse
alternative non ci dovrebbero essere

1. se la me e la cfs sono la stessa cosa, perché non vengono fatti gli esami di accertamento diagnostico indicati per l’me?
http://www.cfsitalia...?showtopic=1984
http://www.ahummingb...e.com/index.htm

2. se sono due cose diverse la ME (myalgic encephalomyelitis- encefalomielite mialgica) potrebbe anche non essere riconosciuta e diagnosticata come cfs

però la me può essere diagnosticata con esami specifici come da post ;

molti sono i sintomi in comune con la cfs, eppure nessuna diagnosi cfs ha escluso la me ( nel senso che non sono di prassi per diagnosi cfs gli esami indicati nel post) pertanto non è escluso che qualcuno con diagnosi cfs abbia in realta l’me.


sempre in questo sito informativo sulla me si dice però che la cfs non è me
http://www.ahummingb...eschmatigue.htm

se la me non è cfs perchè non rientra tra le malattie da escludere per diagnosi cfs?
visto che la me è stata riconosciuta e ha sintomi simili?
Meglio cinghiale che pecora

#15 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 20 settembre 2007 - 10:57:16

a proposito dell’ encefalomielite mialgica
ritorno sul punto perché mi aiutiate a capire se ho capito.

Allora;
In definitiva i casi sono 2:
1. la cfs e la ME sono la stessa cosa
2. la cfs e la ME sono due cose diverse
alternative non ci dovrebbero essere 

1. se la me e la cfs sono la stessa cosa, perché non vengono fatti gli esami di accertamento diagnostico indicati per l’me?
http://www.cfsitalia...?showtopic=1984
http://www.ahummingb...e.com/index.htm

2. se sono due cose diverse la ME (myalgic encephalomyelitis- encefalomielite mialgica) potrebbe anche non  essere riconosciuta e diagnosticata come cfs

però la me può essere diagnosticata con esami specifici come da post ;

molti sono i sintomi in comune con la cfs, eppure nessuna diagnosi cfs ha escluso la me ( nel senso che non sono di prassi per diagnosi cfs gli esami  indicati nel post) pertanto non è escluso che qualcuno con diagnosi cfs abbia in realta l’me.
sempre in questo sito informativo sulla me si dice  però che la cfs non è me
http://www.ahummingb...eschmatigue.htm

se la me non è cfs perchè non rientra tra le malattie da escludere per diagnosi cfs?
visto che la me è stata riconosciuta e ha sintomi simili?

Visualizza Messaggio


No la ME e' sta registrata come malattia neurologica Me = Myalgic Encephalomyelitis nel 1956 all'OMS. Le casue, i meccanismi, l'evoluzione il trattamento si conscono benissimo. I lavori scientific in materi aci sonop (circa 4000 di portata internazionale). Com malattia neurologica hai diritto ai sussidi, invalidita' ecc, risarcimenti assicurativ privati da assicdurazioni in caso disabilita' ecc pensione privati e via di seguito , in caso di invalidita' permanente. Queste assicurazioni sono molto popolari in America ed in Inghilterra. Sono praticamente sconosciute in Italia. In italia non comperate asicurazioni private snitarie ed altro che in caso di malatia vi paganoil mutuo, l'affitto, il gas, cc, gi ratei dei prestiti personali, lr visite mediche private,l'ascurazione sul contenuto della casa,. Questi prodotti asicurrativ in Italia

#16 vivolenta

vivolenta

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.650 messaggi

Inviato 20 settembre 2007 - 14:06:45

Altra domanda in italia la ME è riconosciuta?
Meglio cinghiale che pecora

#17 vivolenta

vivolenta

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.650 messaggi

Inviato 20 settembre 2007 - 16:33:51

dunque le mie ricerche non hanno avuto alcun esito, l'unica conclusione a cui sono arrivata è che il discorso è vecchiotto, e che forse la cfs è la stessa cosa dell'encefalomielite mialgica benigna ( ????). resta la curiosità sul fatto che neppure per l'encefalomielite mialgica benigna
( che tra l'altro ho trovato in elenco fra le malattie rare) si è mai fatto gran chè, per cui l' indifferenza della stessa o delle due cose ci accomuna.

a joseph; in realtà quei prodotti assicuratii esistono pure in italia, ma sono in pochi quelli che si riescono a permettere tale lusso... per il popolo comune c' è solo l'affidarsi alla fortuna, le strutture pubbliche a volte funzionano a volte no, se hai la fortuna di farti venire una malattia in una città che ha un ospedale con reparto specifico e per fortuna trovi un medico preparato ti va bene, altrimenti o giri per il paese in cerca del medico, sempre se hai la possibilità di farlo, oppure t'arrangi come puoi.

Messaggio modificato da vivolenta, 20 settembre 2007 - 16:41:10

Meglio cinghiale che pecora

#18 danis

danis

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.026 messaggi

Inviato 20 settembre 2007 - 17:15:41

dunque le mie ricerche non hanno avuto alcun esito, l'unica conclusione a cui sono arrivata è che il discorso è vecchiotto, e che forse la cfs è la stessa cosa dell'encefalomielite mialgica benigna  ( ????). resta la curiosità sul fatto che neppure per l'encefalomielite mialgica benigna
( che tra l'altro ho trovato in elenco fra le malattie rare) si è mai fatto gran chè, per cui l' indifferenza della stessa o delle due cose ci accomuna.

a joseph; in realtà quei prodotti assicuratii esistono pure in italia, ma sono in pochi quelli che si riescono a permettere tale lusso... per il popolo comune c' è solo l'affidarsi alla fortuna, le strutture pubbliche a volte funzionano a volte no, se hai la fortuna di farti venire una malattia in una città che ha un ospedale con reparto specifico e per fortuna trovi un medico preparato ti va bene, altrimenti o giri per il paese in cerca del medico, sempre se hai la possibilità di farlo, oppure t'arrangi come puoi.

Visualizza Messaggio


A quanto ho capito io, e Joseph mi sembra confermare nei suoi post, la distinzione tra ME e CFS è puramente politica; anche sul sito Invest in ME, le due diciture vengono usate come sinonimo. Hooper e altri ricercatori continuano a parlare di ME/CFS, intendendo appunto le due nomenclature come una sola patologia.
"La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

Immagine inserita


"tu cerchi la risposta, ma non devi cercare fuori la risposta, la risposta è dentro di te, e però è sbagliata!" Quelo

#19 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 20 settembre 2007 - 19:45:08

A quanto ho capito io, e Joseph mi sembra confermare nei suoi post, la distinzione tra ME e CFS è puramente politica; anche sul sito Invest in ME, le due diciture vengono usate come sinonimo. Hooper e altri ricercatori continuano a parlare di ME/CFS, intendendo appunto le due nomenclature come una sola patologia.

Visualizza Messaggio


Questa e' la definizione : HOpostato piu volte interventi dicendo state attenti che c'e' gia molta confusione volutamente e, quedsta confusione.
Sintomi definiti come "sindrome di stanchezza" cronica, non definiscono unpatologia. Sono troppo vaghi, creano confusione

Fobromilagia poi non vuo dire altro che dolore muscolo fibroso.

Sarebbe un po' come dire mal di testa ---> Ho "la sindrome del mal di testa"

Mal di testa causato da che cosa?

dolore fibromialgico? Cobn che carratterisitche?
Causato da che cosa?
Da troppo allenanento?

Da ME? DA ME/CFS?
---------------------------------

The Nightingale Definition of M.E.

*O*O*The Nightingale Definition of Myalgic Encephalomyelitis (M.E.) by Dr Byron Hyde 2007

View/download/print the 2007 PDF The Nightingale Definition of M.E.
View/download/print the 2006 HTML version of The Nightingale Definition of M.E.


--------------------------------------------------------------------------------


An excerpt:

Preface

Since the Nightingale Research Foundation's publication in 1992 of its textbook, The Clinical and Scientific Basis of Myalgic Encephalomyelitis / Chronic Fatigue Syndrome, there has been a tendency by some individuals and organizations to assume that M.E. and CFS are the same illness. Over the course of two International Association of Chronic Fatigue Syndrome (IACFS, formerly the American Association of CFS) conferences, there have been suggestions that the name CFS be changed to M.E., while retaining the CFS definitions as a basis for such change. This does not seem to me to be a useful initiative: it would simply add credence to the mistaken assumption that M.E. and CFS represent the same disease processes. They do not.

M.E. is a clearly defined disease process. CFS by definition has always been a syndrome

At one of the meetings held to determine the 1994 U.S. Centers for Disease Control and Prevention (CDC) definition of CFS, in response to my question from the floor, Dr. Keiji Fukuda stated that numerous M.E. epidemics he cited the Los Angeles County Hospital epidemic of 1934, the Akureyri outbreak of 1947-48 and the 1955-58 Royal Free Hospitals epidemics-- were definitely not CFS epidemics. Dr. Fukuda was correct.

The Psychiatric Label

Unfortunately many physicians and some senior persons in governments, including Great Britain, Norway and to a lesser degree the USA and Canada treat CFS as a psychiatric illness. This view has been arrived by some physician's readings of the CFS definitions from CDC. Indeed, despite clear signals in the 1994 CDC definition that CFS is not a psychiatric disease, each of the CDC definitions and their addenda referring to CFS remain open to interpretation as a psychiatric rather than a physical illness. This is not a view to which I subscribe. It is the CFS definitions themselves that give rise to this inaccuracy. Consider the following:

(a) What other physical disease definitions essentially state that if you discover the patient has any physical injury or disease, then the patient does not have the illness CFS? In other words if you have CFS then it does not result in or cause any major illness. What else could CFS then be but any number of various psychiatric, social, hysterical or mendacious phenomena?

(:204: The various CDC administrations dealing with the subject have clearly stated that CFS is a physical, not a psychiatric disease. However, is there any other definition of any physical disease that is not provable by scientific and clinical tests? Only psychiatric diseases are not clearly verifiable by physical and technological tests.

© What other physical disease definition requires a six month waiting period before the illness can be diagnosed? Any physician knows that to treat a disease adequately you have to be able to define the disease at its onset and treat it immediately in order to prevent chronic complications from arising. There are simply no other disease definitions that have ever been assembled similar to the CFS definitions.

I believe it essential to define clearly Myalgic Encephalomyelitis. That is what the Nightingale definition of M.E. sets out to do



--------------------------------------------------------------------------------


A simplified definition of Myalgic Encephalomyelitis

Myalgic Encephalomyelitis is:



1 A variable and biphasic acute onset disease



2 Primary Infection Phase: The first phase is an epidemic or endemic infectious disease generally with an incubation period of 4 to 7 days, where in most, but not all cases, an infection is evident.



3 Chronic Phase: The second and chronic phase follows closely on the first phase, usually within two to seven days, and is characterized by a measurable diffuse change in the function of the CNS. This is the persisting disease that most characterizes M.E. and is demonstrated by the following:



4 Testable Brain Changes: This second phase becomes chronic and is characterized by various measurable and clinical dysfunctions of the cortical or cortical and sub cortical brain. If the patient's illness is not persistently measurable using SPECT, PET or QEEG and/or Neuropsychological changes then it is not M.E. These changes can be roughly characterized as to severity:

1. Type 1: where one side of the cortex is involved. These patients have the best chance of spontaneous recovery.

2. Type 2: where both sides of the cortex are involved: These patients have the least chance of spontaneous recovery.

3. Type 3: where both sides of the cortex, and either one or all of the posterior chamber organs, the Pons and Cerebellum, the sub cortical and brain stem structures are involved. Type 3 are the most severely affected patients and the most likely to be progressive or see little or no improvement with time.



5 Pain Syndromes: The pain syndromes associated with the acute and chronic phases of M.E. may include (a) severe headaches of a type never previously experienced, (:) often associated with neck rigidity and occipital pain, © retro-orbital eye pain, (d) migratory muscle and arthralgia pain, (e) cutaneous hypersensitivity and (f) fibromyalgia type pain. These pain syndromes tend to decrease over time.



6 Neuropsychological Changes: There are neuropsychological changes that are measurable and demonstrate short-term memory loss, cognitive dysfunctions, increased irritability, confusion, and perceptual difficulties. There is usually rapid decrease in these functions after any physical or mental activity. This feature may improve over a period of years in patients with adequate financial and social support.



7 Major Sleep Dysfunction: including all forms of sleep dysfunction and day time alertness and sleep reversals.



8 Muscle Dysfunction: This feature may be due to vascular dysfunction or peripheral nervous or spinal dysfunction and includes both pain and rapid loss of strength of muscle function after moderate physical or mental activity.



9 Vascular Dysfunction: This is the most obvious dysfunction when looked for and probably is the cause behind a significant number of the above complaints. Vascular change is most evident in patients with:

a. POTS: severe postural hypotension.

b. Cardiac irregularity: on minor positional changes or after minor physical activity, including inability for the heart to increase or decrease in speed and pump volume in response to increase or decrease in physical activity.

c. Raynaud's Disease: vasoconstriction, blanching, coldness and pain of extremities. This is in part the cause for temperature dysfunctions seen in M.E.

d. Bowel Dysfunction: vascular dysfunction may be the single most causal basis behind bowel dysfunction when it occurs



10 Endocrine Dysfunction: This feature is common and tends to be a late appearance and is most obvious in the:

a. Pituitary-thyroid axis: This is common. Changes in serum TSH, FTI, FT4, Microsomal Ab., PTH, Calcium and phosphorus rarely occur until one or more years after illness onset and usually only after several years. This can be followed by ultrasound of the thyroid gland where a steady shrinking of the thyroid gland occurs with or without the development of non-serum positive Hashimoto's thyroiditis (a seeming contradiction of terms) and a significant increase in thyroid malignancy. Serum positive changes occur only after years.

b. Pituitary-adrenal axis changes: this finding is infrequent.

c. Pituitary-ovarian axis changes:

d. Pituitary-Bladder dysfunction: occurs frequently in the early disease in some people. It is unknown if the cause is due to this link.



--------------------------------------------------------------------------------


*HIGHLY RECOMMENDED* This paper by Dr Hyde, and the two other papers below are probably the three most important papers on M.E. available. They are absolutely essential reading for everyone with any interest in Myalgic Encephalomyelitis (or 'CFS').







A New and Simple Definition...

*O*O* A New and Simple Definition of Myalgic Encephalomyelitis and a New Simple Definition of Chronic Fatigue Syndrome & A Brief History of Myalgic Encephalomyelitis & An Irreverent History of Chronic Fatigue Syndrome by Dr Byron Hyde MD (an extract) 2006

View/download/print the 2006 PDF of A New and Simple Definition of Myalgic Encephalomyelitis and a New Simple Definition of Chronic Fatigue Syndrome & A Brief History of Myalgic Encephalomyelitis & An Irreverent History of Chronic Fatigue Syndrome


--------------------------------------------------------------------------------


An excerpt:

‘Do not for one minute believe that CFS is simply another name for Myalgic Encephalomyelitis (M.E.). It is not. Though CFS is based upon a typical M.E. epidemic, in my opinion it has always been a confused and distorted view of reality. The invention of Chronic Fatigue Syndrome has to be one of the most curious cases of inventive American scientific imperialism that one could imagine. It is my opinion that the CDC 1988 definition of CFS describes a non-existing chimera based upon inexperienced individuals who lack any historical knowledge of this disease process. The CDC definition is not a disease process.’

*HIGHLY RECOMMENDED*







The Complexities of Diagnosis

*O**O* The Complexities of Diagnosis by Dr Byron Hyde MD 2003

View/download/print the 2003 PDF The Complexities of Diagnosis


--------------------------------------------------------------------------------


An excerpt:

The physician and patient alike should remember that CFS is not a disease. It is a chronic fatigue state as described in four definitions starting with that published by Dr. Gary Holmes of the CDC and others in 1988 (Holmes, Kaplan, Gantz, et al., 1988; Holmes, Kaplan, Schonberger, et .al., 1988). The definition created by Lloyd, Hickie, Boughton, Spencer, and Wakefield (1990) is also widely used in Australia. There are two subsequent definitions. The Oxford definition of 1991 (Sharpe et al., 1991) and the 1994 NIH/CDC definitions (Fukuda et al., 1994) are basically, with a few modifications, copies of the first definition. Where the one essential characteristic of ME is acquired CNS dysfunction, that of CFS is primarily chronic fatigue. By assumption, this CFS fatigue can be acquired abruptly or gradually. Secondary symptoms and signs were then added to this primary fatigue anomaly. None of these secondary symptoms is individually essential for the definition and few are scientifically testable. Despite the list of signs and symptoms and test exclusions in these definitions, patients who conform to any of these four CFS definitions may still have an undiagnosed major illness, certain of which are potentially treatable.

Although the authors of these definitions have repeatedly stated that they are defining a syndrome and not a specific disease, patient, physician, and insurer alike have tended to treat this syndrome as a specific disease or illness, with at times a potentially specific treatment and a specific outcome. This has resulted in much confusion, and many physicians are now diagnosing CFS as though it were a specific illness. They either refer the patient to pharmaceutical, psychiatric, psychological, or social treatment or simply say, "You have CFS and nothing can be done about it."






.
Copyright © by Jodi Bassett 2004 - 2007

#20 danis

danis

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.026 messaggi

Inviato 20 settembre 2007 - 20:53:43

Quindi: (avrò capito bene?)

- ME/CFS è soltanto un compromesso raggiunto nella letteratura medica dopo l'introduzione del nome CFS associato a ME nell' ICD, associazione voluta per creare confusione e "svilire" la ME in patologia confusa e riferibile a somatizzazioni, quindi di origine psichiatrica.

- La CFS è una sindrome, complesso di sintomi che manifestano una situazione morbosa senza costituire di per sé una malattia autonoma, perciò alla base della CFS deve esserci un'altra malattia magari curabile.

- la ME può essere diagnosticata non per esclusione.

Ammesso che questo sia così, una delle domande è:
quella che diagnosticano in Italia, per esempio a Chieti, è la CFS o la ME anche se chiamandola CFS per errore?


Inoltre, quante delle CFS diagnosticate qui sono invece sindromi da imputare ad altre malattie?

E se nessuna delle malattie citate sopra come causa della sindrome cfs è presente e tuttavia la sindrome si?

Insomma, oltre la Spect la PET e il Q elettroencefalogramma (cos'è?), che in Italia in genere non fanno in presenza di questa sindrome, cosa deve essere fatto per diagnosticare o escludere la ME?

:204:
"La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

Immagine inserita


"tu cerchi la risposta, ma non devi cercare fuori la risposta, la risposta è dentro di te, e però è sbagliata!" Quelo

#21 admin

admin

    Administrator

  • Amministratori
  • 464 messaggi

Inviato 20 settembre 2007 - 21:54:25

Domande chiare e "semplici", Danis,
le dobbiamo girare a chi fa diagnosi di CFS ( o ME ? )
E le faremo anche alle Associazioni, loro dovrebbero saper rispondere in un attimo..

#22 vivolenta

vivolenta

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.650 messaggi

Inviato 21 settembre 2007 - 19:56:59

sempre a proposito di Me e cfs, qui si dice che me e cfs non sono la stessa cosa


http://www.cfs-news.org/me.htm

anche qui discussione su ME e cfs:
http://www.cfids-me.org/marys/

??????
Meglio cinghiale che pecora

#23 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 21 settembre 2007 - 20:05:05

Quindi: (avrò capito bene?)


- ME/CFS è soltanto un compromesso raggiunto nella letteratura medica dopo l'introduzione del nome CFS associato a ME nell' ICD, associazione voluta per creare confusione e "svilire" la ME in patologia confusa e riferibile a somatizzazioni, quindi di origine psichiatrica.


si danis. La patologia descritta in letteratura medica e regitrata presso l'OMS dal 1956, e' la Myalgic Encephalomyelits.

La definizione del 1994, ecc di quella grossa cavolata che va in giro con il nome di Sindrome da Stanchezza Cronica. E' stata introddota come fuorviante, per ragioni politico economiche ecc.......ecc. (lobby psichiatrica)

Idem per la "fibromialgia" che significa nient'altro che sindrome dolorosa fibro-muscolare.

Nel'intervento che ho postato (scritto da cani fra le altre cose) ci sono tutti i siti che ti spiegano queste cose fino alla nausea).

La ME e' una malattia molto ben definita.

La CFS, No

Come stanno le cose , al momento, la CFS non e' che una sindrome incasinata, nella quale ci sono definizioni talmente vaghe di sintomi che si possono attribuire a qualsivoglia patologia, o sindrome sia fisica che mentale per qualsivolglia motivo od intento.

Quando i parametri non sono fissati e le discrizioni sono vaghe, si passa alla definizione tipica dalla patologia psichiatrica, che non e' quantificabile, ed i cui valori e criteri sono nelle mani del definente, cioe' di colui che definisce il termine.

Non siamo piu nell'ambito dell scienza. Siamo nell psichiarria o nella religione.

Sindrome da stanchezza cronica? Bisogna definire queste sindromi in relazione ad un numero ristretto di patologie cliniche,, correlate a dati bioloigici e patologici anomali ma distinti dalla ME.

Non si puo riprendere il protocollo clinico ME per ridenominanre la ME come CFS.

Cosi' come viene definito questo "sintomo" di Sidorme di stanchezza cronica" si indicano le stanchezze normali e patolgiche di cui fanno esperienza gli esseri umani.

E quello che ha fatto Wessely ed i suoi allievi. la definizione di CFS del Wessely e' passata completamente ( m non nel regno Unito, negli Stati Uniti, in Canada, ecc) ma la definizione ha creato moltissima confusione, e disinformazione.

In italia dove la ricerca e' inesistente creera' moltissima confusione e fara' moltissimi danni.

Dai fatti si evince che in Italia stia passando la tesi psichiatrica dura delle fazioni estreme che prevedono un intervento psichiarico feroce con la somministrazione di sostanze psicoattive estremamente potenti quali gli allicinogeni usati in schizofrenia, (olanzapina, Quitapin, ecc) , i farmaci stupefancenti, per diminuire i sintomi dolorosi.


- La CFS è una sindrome,  complesso di sintomi che manifestano una situazione morbosa senza costituire di per sé una malattia autonoma, perciò alla base della CFS deve esserci un'altra malattia magari curabile.


Quali sintomi ci includi nel definire una sindrome? Come li definisci. Come li quantifichi?

La CFS usa le definizioni della ME + piu' ogni altra cosa o definizione vaga ed assurda che e' venuta in mente agli psichiatri, allo scopo di incasinare le cose.

- la ME può essere diagnosticata non per esclusione.


Ci sono i criteri di diagnosi, quelli dei paramentri biologici, degli esami da fare, delle terapie da seguire, ecc.

I lavori che citate di Ramsey , Hooper, Cheney, si riferiscono tutti alla Me e sindromi affini, che sono le sotto-sindromi del mdello di base delle ME


Ammesso che questo sia così, una delle domande è:
quella che diagnosticano in Italia, per esempio a Chieti,  è la CFS o la ME anche se chiamandola CFS per errore?

Inoltre, quante delle CFS diagnosticate qui sono invece sindromi da imputare ad altre malattie?



No so cosa fanno a chieti. Ma ho appena dato uno sguardo agli altri post di questo sito ed ho letto anche il documento della riunione dei medici che si e' tenuta a Mantova, (convegno citato da Neve).

Nell'introduzione de Convegno di Mantova, il relatore cita la letteratura scientifica inglese e, come solito, traduce il termine "stress" (che nel contesto inglese vuole dire "stimolo" solleciotazione) con il significato sempre e solo dato in italiano di "stress psicologico".

Purtroppo da 60 anni tutte le paroline inglese che sono scritte "stress" vengono tradotte come stress psicologico (psychological stress).

Quindi se io dico in inglese "environmental stress" significa stress ambientale,
Parlo di forze, di pressioni che esercitano un'effetto sull'ambiente, che provocano un cambiamento delle condizioni ambientali (riferito soprattutto ad animali);

Questa espressione viene sempre tradotta con il significato esclusivo di condizioni di "stimoli negativi che influiscono sulla psiche umana" causando presunte patologie psicologiche o, peggio ancora psichiatriche,

Le cose vanno ancora peggio se parlo di "stressor chimici" che influiscono sull'habitat. Se cito la parola "stressor" ad un ricercatore italiano che fa della ricerca medica, quesllo mi prescrive il valium.

Similmente se dico: this beam is under stress vuole dire "questa trave è soggetta a sforzo".

Ma se in Italia vedete la parolina "stress" pensate subito a qualcosa di psicologico.

I GRI - ovvero I Grandi Ricercatori Italiani, fanno sempre questo errore. Anche quelli che si occupano della CFS e della Fibromialgia.

Lo "stressor" e' un fattore, lo "stressor chimico" e' un fattore che modifica una reazione chimica. Non ha che fare con la psicologia.

Gli stressor ambientali sono quegli stimoli che esercitano un'azione sui parametri evolutivi dei meccanismi biologici (e quindi di tutti gli esserei viventi).
In italia, queste espressioni vengono intererpretate incorrettamente come fenomeni piscologici e psichiatrici negativi . E' cio' da oltre sessant'anni.

Questo errore di intepretazione del significato inglese viene fatto anche da alcuni relatori interventui al congresso di Mantova "sulla fatica in medicina".

I riceratori italiani si basano sempre su documentazione scientifica pubblicata in lingua inglese. Molto spesso capisono fresca per frasca.

Questo attegimento pressopochista e' uno dei pricipali fattori dell'arretratezza scientifico-tecnologica dell'Italia.

Per il motivo succitato vi ho consigliato di stare attenti con i documenti in inglese.

E se nessuna delle malattie citate sopra come causa della sindrome cfs è presente e tuttavia la sindrome si?

-------------------------------------

Definisci il concetto di sindrome. Poi ci metti dentro una serie di sintomi, ben definiti, di corrispondentze patologiche, natomiche, biochimice, ecc, di protocolli di ricerca, titolazione, ecc.. ecc..
Fai il modello teorico, poi cerchi la conferma sperimentale del modello teorico. Se riesci a verificare il tutto sperimentalmente hai la sindrome. Se non fai cosi' hai solo delle chiacchere. In italia, al momento, non hanno neanche chiacchere concordate.

Prima di avere chiacchere concordate devono mettersi d'accordo sui traducenti usati per i documenti inglesi di riferimento.
=========
Se definisci una sindrome ne devi definire anche i sintomi e le patologie, i metodi di rilevazione ecc.
Se pui non trovi nessun sintomo, e nessuna delle patologie della sindrome che hai definito come fai a dire che c'e l'hai?

Insomma, oltre la Spect la PET e il Q elettroencefalogramma (cos'è?), che in Italia in genere non fanno in presenza di questa sindrome, cosa deve essere fatto per diagnosticare o escludere la ME?


Uno strumento diagnostico puo' essere usato per moltissime cose.
Se poi non sai cosa cercare o trovi quello che c'e di patologico, ma non lo vedi perche' non hai costruito il modello patologico, oppure vedi dei buchi al cervello ma li attribuisci ad altra patologia, la Spect, o altro esame diagnostico e' inutile.

Gli esami diagnostici sono utili solo quando vengono interpretati correttamente in un dato contesto patologico.

Se pensi di essere incinta a cosa ti servirebbe fare la Spect al cervello? Per vedere se hai dei buchi nella corteccia cerebrale, e se non ce li hai concludere che non sei incinta perche' nel cervello non ci sono i buchi?
Scusa l'esempio assurdo, ma e' quello che sta succedendoo con la confusione che e' stata creata con le diciture CFS e fibromilagia.
Per le procedure diagnostiche ecc,, vedi il protocollo inglese postato sopra.
In esso viene specificato quello che e' l'encefalomielite mialgica e quello che non e' encefalomielite mialgica.

Ci sono dieci punti ben specifici.

Poi, nello stesso post c'e' anche il protoccollo di Nightingale (il protocollo canadese)

Scusa fli errori, ma sono stanchisimo, troppo stanco per editare la brutta copia della riposta.

Spero di esserti stato di aiuto


:204:

Visualizza Messaggio



#24 danis

danis

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.026 messaggi

Inviato 21 settembre 2007 - 21:42:45

Si Joseph, sei di molto aiuto.

Però, qui sul forum abbiamo tutti ben chiaro il significato della parola stress, infatti parliamo spesso di stressor , come sollecitazioni ( in accezione negativa tuttavia), e di stress ossidativo etc. Sappiamo bene che lo stress di cui si parla nelle ricerche è uno sforzo dell'organismo o di alcuni organi o cellule e non lo stress psicologico con il quale ci hanno etichettato per anni e anni come malati psichiatrici.

A me rimangono comunque alcuni lati oscuri. a questo punto mi sembra importante anche tradurre i dieci punti del protocollo di diagnosi che tu hai postato a proposito della ME.

Per quanto riguarda ciò che ho detto della sindrome, è solo la definizione del De mauro di sindrome, niente più, ripetendo ciò che dice anche la Basset e da te riportato. Io non so, non posso definire una sindrome, quello credo che spetti a medici e ricercatori, almeno questo!


Hai senz'altro ragione quando dici che se fai anche una semplice lastra e chi la legge cerca una frattura e invece trova soltanto delle macchie probabilmente non le saprà interpretare. E' il problema maggiore con il quale ci scontriamo spesso. Magari ci fanno fare qualche esamino in più dei soliti di routine ma poi non li sanno leggere correttamente.

Mi sembra comunque indicativo che uno dei centri dove si diagnostica la cfs in italia sia un reparto infettivi dove fanno una marea di test che nessun altro richiede. Non credo che in italia stia passando generalmente la tesi psichiatrica, credo però che ci sia molta confusione anche tra gli addetti ai lavori.

Anche l'approccio neuroendoimmunologico di cui parla tanto Hooper viene "tradotto" qui in Italia da un medico che ho visto su internet in una maniera a dir poco aggressiva psicologicamente parlando, con toni violenti ed accesi a proposito di comportamenti "mentali" da correggere. :)

Che dobbiamo fare? Corsi accelerati di medicina per insegnare ai medici???? :204:
"La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

Immagine inserita


"tu cerchi la risposta, ma non devi cercare fuori la risposta, la risposta è dentro di te, e però è sbagliata!" Quelo

#25 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 22 settembre 2007 - 02:10:35

Si Joseph, sei di molto aiuto.

Però, qui sul forum abbiamo tutti ben chiaro il significato della parola stress, infatti parliamo spesso di stressor , come sollecitazioni ( in accezione negativa tuttavia), e di stress ossidativo etc. Sappiamo bene che lo stress di cui si parla nelle ricerche è uno sforzo dell'organismo o di alcuni organi o cellule e non lo stress psicologico con il quale ci hanno etichettato per anni e anni  come malati psichiatrici.

R.
stress  e stressor non hanno  connotazioni in inlgese ( a parte l'suo ormaisconsiderato dsi strees in psicologia) 
distress e' stess sollecitazione negativa - in piscologia
eustress e' sollecit, pos. in psico
ecc
------------------------------------------------------------------------------------------------

A me rimangono comunque alcuni lati oscuri. a questo punto mi sembra importante anche tradurre i dieci punti del protocollo di diagnosi che tu hai postato a proposito della ME.

R.
I dieci punti che ti ho postato vanno tradotti.  Contengono i criteri  ed i test diagnosti  Guarda che  l'evidenza del danno mitocondriale prende sempre piu' piede. L e correlazioni cliniche aumentano in continuazione anche in pazienti psichiatici scelti con i criteri Wessley. I mitocondri sono scasati in tutti gli ME (indipendentemente dalal gravita della sindrome ME.


Il protocollo fukuda e il  -CDC 1994 e la stessa denominazione di weesely della Sidrome da fatica Cronica sono stati creati per fare trasferire la sindrome Me in CFs con classificazione come malattia mentale.

La fatica non si puo' misurare strumentalmente, almeno nelle intenzioni di wessley.
Inoltre il protocollidei trial della CFS, formulata da Wesseley e da Fuuda prevedono
10 l'esclusione dall definizione di tutti gliammalati Me e sidromi afini che hanno anomalie di disfunzionemnto  immunologico, ormonale, metabolico, e l'allargamento del  protocollo con l'inclusione di ammalati psichiatrici gravi........

---------------------------------------------------------------------------------------

  Io non so, non posso definire una sindrome, quello credo che spetti a medici e ricercatori, almeno questo!

R
la dcefinizione della sindroem c'e gia. la sidrome e' definita da hooper, Cheney et al.
Si tratta di applicarla correttamente
E di rinunciare alla definizione della nuova sindrome la CFS di wessely che e' fondamentle mentale (comportamentale). Non goicate con la confusione creata dalle nuove  sigle sindromiche.

Hai senz'altro ragione quando dici che se fai anche una semplice lastra e chi la legge cerca una frattura e invece trova soltanto delle macchie probabilmente non le saprà interpretare. E' il problema maggiore con il quale ci scontriamo spesso. Magari ci fanno fare qualche esamino in più dei soliti di routine ma poi non li sanno leggere correttamente.
--------------------------------------------------------------------
R

O non li vogliono leggere. capita ance questo.


Mi sembra comunque indicativo che uno dei centri dove si diagnostica la cfs in italia sia un reparto infettivi dove fanno una marea di test che nessun altro richiede. Non credo che in italia stia passando generalmente la tesi psichiatrica, credo però che ci sia molta confusione anche tra gli addetti ai lavori.

--------------------------------------------------------------------------------------

marea  di test non vuol dire nulla. Anzi. SE ti fanno una marea di test (inutili o sbagliati) per poi concludere che non hai nulla????????
Non conosco i centri di diagnostica cfs italiani. Ma da quel casino che  ha fatto la bazzucchi....


-----------------------------------------------------
Anche l'approccio neuroendoimmunologico di cui parla tanto Hooper  viene "tradotto" qui in Italia da un medico che ho visto su internet in una maniera a dir poco aggressiva psicologicamente parlando, con toni violenti ed accesi a proposito di comportamenti "mentali" da correggere. :)

Forse vien pagato per scrivere di comportamente abberranti "menatali " da correggere. Ma da come stanno approvando  nuovi psicofarmaci in italia, e da come stanno autrorizzando l'uso smodato di altri vecchi e pericolossissimi psicofarmaci per un uso sintoamtico delle algie dolorose nei pazienti con mialgia fribroso-muscolare (che poi non e' solo quella) in pazienti con  sindrome ME.

Quando ho un'infezioen in fase acuta, anche se prendo il Tramadol mica mi pasa il dolore , all atesta , i tic del capo,la confusione mentale anzi...........quando riprende l'antibiotico mi passa tutto.

------------------------------------------------------------------------------
Che dobbiamo fare? Corsi accelerati di medicina per insegnare ai medici????

R.

NO imparate per voi stesi per difendervi. Dovete imparare a curavi da soli/e.

NO siate mai troppo esplicit con i medici. Se usate troppa terminologia medica, ve la posono torcere contro:
" il  paziente usa la terminologia medica, in maniera accurata...le ideazioni sono insolite e depongono per una personalita' bordeline con notevoli elementi di psicosomatizzazine ipocondriaco-maniacale...


A volte anche l'espressine "forti dolori addominali e' sufficiente per fare scattare la diagnosi di "ipocondria". E' capitato anche qui in Inghilterra. A me.
In un sabato pomeriggio dell'agosto 2003, in preda a lancinanti dolori addominali chiamai la guardia medica. Il medico non venne perche' avevo usato l'espressione
"lancinanti dolori addominali", giustificandosi che solo i medici (o gli ipocondriaci) usano questa espressione. Al tempo soffriro di infezioni intestinali ricorrenti (diverticoliti infettanti) . Dopo tre ore venivo  ricoverato al pronto soccorso in emergenza per timore di rottura di una ciste........
Poi, dopo essere stato dimesso dall'ospedale ho sporto reclamo ufficiale, che ha causato una crisi diaroica al medico ipertinente.
da quello che ne so capita anche in italia.

Ad eccezione di qualche luminare, la medicina italiana non e' mai stata granche'. Poi, negli ultimi 20 anni e' peggiorata in modo  osceno. L'unica cosa di buono che avete in Italia e che in farmacia se vi conoscono vi ........censura....censura,,,,,"censura, censura.... l'anima.
Ma questo non si puo' dire. Lo si puo solo pensare.

Buona notte



salutoni


:204:

Visualizza Messaggio



#26 joseph1951

joseph1951

    Grande amico del forum

  • In attesa di convalida
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 604 messaggi

Inviato 22 settembre 2007 - 02:17:17

Visualizza Messaggio

READ THE NEWS ON ONE CLICK
http://www.theoneclickgroup.co.uk

Stunning Breaking News - Vaccine Industry Damages Millions?

One Click Note: So now we have it. This sensational breaking news provides the evidence of how the vaccine industry has quite possibly infected millions of people with cancer, leukemia, and AIDS, inclusive of importing this virus from Africa.

Suffice it to say that all those who were contemplating a vaccination programme for their children would be well advised to watch this interview with Hilleman, the self-touted vaccine legend, who played a key role in the development of over three dozen vaccines.

It will be most interesting to see how the terrestrial media and Merck's corporate public relations is going to handle this.

****************************

Stunning Interview with Merck Chief of Vaccine Division Posted onYoutube

ALLIANCE FOR HUMAN RESEARCH PROTECTION (AHRP)
Promoting Openness, Full Disclosure, and Accountability
www.ahrp.org and http://ahrp.blogspot.com

FYI

A stunning, previously censored segment of an interview with Dr. Maurice Hilleman, the world's most renowned vaccine expert, who was Chief of Merck's vaccine division, has been posted on Youtube here.

Dr. Hilleman, who developed the Mumps, Rubella and Measles vaccines, said: "Vaccines are the bargain basement technology of the 20th century."

In the taped interview (with about 6 Merck executives in the room, their nervous laughter audible in the tape) Dr. Hilleman explains how in his search for uninfected monkeys, Merck imported green monkeys from Africa. Those monkeys, it turned out, were carrying the AIDS virus: "I didn't know we were importing AIDS."

Responding to the question, "so, it was you who introduced the AIDS virus to this country?" He said, YES.

Dr. Hilleman also acknowledged that he discovered that the Sabine polio vaccine (manufactured by Merck) was infected with the SV-40 cancer virus. In the process of developing vaccines Merck scientists are shown to blithely disregarded public safety as they conducted massive tests exposing millions of unsuspecting people to wild viruses. Dr. Hilleman acknowledged that the cancer infected polio vaccine had been tested in massive field trials in Russia, then in the U.S.

The issues raised in this candid interview raise serious doubts about the propaganda the public has been fed about the safety of vaccines. Vaccines that have been promoted as "safe and effective" miraculous cures have been infecting (possibly) millions of people with cancer, leukemia, and AIDS.

The interview was conducted by Dr. Edward Shorter, Professor of the History of Medicine and Professor of Psychiatry, University of Toronto. I checked the authenticity of the tape with Dr. Shorter who informed me that he did it when preparing a PBS series called "The Health Century." Doubleday published a companion volume of the same title in 1987.

Dr. Shorter deposited the entire tape of the interview, including portions omitted from the book, along with other interviews in the National Library of Medicine.

The uncovered facts should prompt a reexamination of the advisability of US mandatory vaccine policies.

The person who posted this censored portion of the interview on Youtube is Dr. Leonard Horowitz, a controversial and prolific healthcare expert with multiple academic degrees--including 3 doctorates. See here.

In his forthcoming documentary film, "In Lies We Trust: The CIA, Hollywood & Bioterrorism," Dr. Horowitz examines official directives for national preparedness against outbreaks, nuclear explosions, and other disasters. A critical examination of what officials are saying and not telling that impacts the future of public health and urgent life-saving decisions every American is currently being encouraged to make.

Contact: Vera Hassner Sharav
212-595-8974
veracare@ahrp.org

READ THE NEWS ON ONE CLICK
http://www.theoneclickgroup.co.uk




You may automatically unsubscribe from this list at any time by visiting the following URL:

http://mailer.theone...ail.cgi/u/tocg/

If the above URL is inoperable, make sure that you have copied the entire address. Some mail readers will wrap a long URL and thus break this automatic unsubscribe mechanism.

You may also change your subscription by visiting this list's main screen:

http://mailer.theone...l.cgi/list/tocg

If you're still having trouble, please contact the list owner at:

mail@theoneclickgroup.co.uk

Mailing List Powered by Dada Mail

#27 vivolenta

vivolenta

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.650 messaggi

Inviato 22 settembre 2007 - 11:38:14

io non capisci l'inglese pertanto non so cosa ha scritto joseph, però dalla discussione ho tratto questa conclusione:
diagnosi cfs= il soggetto sta male ma non sappiamo il perchè.
Meglio cinghiale che pecora

#28 danis

danis

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.026 messaggi

Inviato 22 settembre 2007 - 11:41:08

io non capisci l'inglese pertanto non so cosa ha scritto joseph, però dalla discussione ho tratto questa conclusione:
diagnosi cfs= il soggetto sta male ma non sappiamo il perchè.

Visualizza Messaggio



:204: ci sarebbe davvero da ridere, se non ci fosse da piangere.....
"La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

Immagine inserita


"tu cerchi la risposta, ma non devi cercare fuori la risposta, la risposta è dentro di te, e però è sbagliata!" Quelo

#29 vivolenta

vivolenta

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.650 messaggi

Inviato 22 settembre 2007 - 11:55:07

già.. e aggiungerei :
però sappiamo che non ha :.....
2 o 3 cose che abbiamo verificato
Meglio cinghiale che pecora

#30 vivolenta

vivolenta

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.650 messaggi

Inviato 22 settembre 2007 - 12:24:30

e chi mi sa spigare il senso di queto?
http://www.sasavita....falomielite.htm


pare che questa compagnia assicurativa la conosca bene

Messaggio modificato da vivolenta, 22 settembre 2007 - 12:29:15

Meglio cinghiale che pecora




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.