Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

Terapia chelante - Flebo bruciore del liquido in circolo

terapia chelante EDTA flebo fibromialgia bruciore in vena disintossicazione metalli pesanti metalli nel corpo metalli da fonderia chelazione metalli

  • Per cortesia connettiti per rispondere
1 risposta a questa discussione

#1 Raymond

Raymond

    Nuovo entrato

  • Utenti
  • Stelletta
  • 11 messaggi
  • Facebook:raymond bard
  • Gender:Male
  • Interests:Ciao a tutti sono su CFS forum per capire scoprire e divulgare la mia esperienza.
    Da qualche anno mi sono ammalato gradualmente cominciando da una stanchezza cronica alla fibromialgia, fascite plantare e altre complicanze.. La cosa che mi fa tanto male è l'indifferenza e l'ignoranza medica per le persone che soffrono, Tutti le loro azioni mirano soltanto ad esaudire la sete di denaro e poi per ultimo la salute del paziente.
    Dimenticavo dopo un centinaio di visite ed esami nessuno mi ha mai chiesto che lavoro faccio... (da oltre 20 anni Operatore chimico nel trattamento di rifiuti tossici industriali. Qual'è la causa della mia malattia invalidante?
    una vita in un ambiente lavorativo mal sano, stress lavoro correlato, omissioni, incompetenza e mancanza di professionalità di organi competenti...

Inviato 24 aprile 2014 - 09:32:08

Buongiorno amici Ieri 23 aprile 2014 ho fatto la mia prima flebo di EDTA a Monza (terapia chelante)

 

Guardando la flebo sono riuscito a leggere Sodio Cloruro 0,9%  e contenuto 500 ml  

 

La seduta chelante è durata oltre 2 ore.

Dopo  10 minuti  ho cominciato a sentire un bruciore dal braccio destro fino a metà collo e metà dello sterno  e un dolore tipo puntura di aghi lungo la vena  del braccio destro fino alla spalla destra.

A circa metà flebo il bruciore è diventato veramente insopportabile e dato che la dottoressa mi aveva detto che era improbabile tutto questo gran dolore, pensavo fosse colpa della mia fibromialgia o una mia questione di sensibilità o percezione del dolore, Comunque dato che sapevo che non sarei morto ho cercato di resistere in tutti i modi possibili (anche con tecniche di visualizzazione e mental training).

A 3/4 di flebo non ce lo fatta più dal dolore, allora la dottoressa ha staccato l'ago dal braccio destro e lo ha messo in quello sinistro.

Ho dovuto resistere ancora un'altra mezzora..

La dottoressa mi ha detto che sono pochissimi quelli che hanno i miei sintomi  tra cui chi è molto intossicato o chi ha la sclerosi multipla, tra l'altro la flebo è stata infusa nel corpo molto lentamente.

Qualcuno di voi ha avuto la mia stessa esperienza?

 



#2 cielo

cielo

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 295 messaggi

Inviato 24 aprile 2014 - 11:27:14

No, ma se fossi in te mi assicurerei che il tipo di EDTA sia calcio EDTA e non disodio EDTA e poi che non si tratta di un problema di ipersensibilita' che potenzialmente potrebbe condurre a ulteriori problemi di sensibilita'
Per quanto riguarda le proprieta' chelanti, l'EDTA e' un buon chelante del piombo e alluminio ma non del mercurio che potrebbe invece mobilizzarlo e questo potrebbe creare problemi.
Oppure l'EDTA viene usato per sciogliere formazioni di biofilm per attaccare certe infezioni batteriche altrimenti resistenti ad antibiotici, ma in questo caso sarebbe seguito dalla somministrazione di antibiotici.


Messaggio modificato da cielo, 24 aprile 2014 - 11:30:36






Anche taggato con terapia chelante, EDTA, flebo, fibromialgia, bruciore in vena, disintossicazione, metalli pesanti, metalli nel corpo, metalli da fonderia, chelazione metalli

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.