Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI

Stanchezza.astenia. affaticamento.stanchezza post sforzo.diagnosi di cfs errate?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
166 risposte a questa discussione

#1 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 01 ottobre 2014 - 07:04:17

Vorrei aprire questa discussione perché ho l' idea che molte persone con diagnosi di cfs e fibromialgia non siano attinenti alle linee guida . Inoltre ho notato che la diagnosi di cfs dovrebbe basarsi sull' esclusione di tutte le altre patologia ma mi sembra che molti abbiano invece anche altre patologie e/ o esami del sangue sballati in parametri di tipo infettivo o tiro dei...ecc.però hanno comunque diagnosi di cfs con le conseguenze del caso. Inoltre ci sono molti sintomi simili ma credo sia opportuno fare chiarezza su cosa sia la fatica e la stanchezza per chi ha la cfs e distinguerla da stanchezza derivante da altre situazioni( problemi intestinali; cardiaci; psicologici; tiroidei; ecc.ecc.) Il mio obbiettivo è quello di capire meglio e alla fine se sarà possibile fare delle nuove linee guida che dovrebbero essere molto più brevi e meno vaghe e chiarire bene il termine fatica e chiarire bene( il mio campo) la differenza con la stanchezza psicologica o quanto meno far luce su questo aspetto.
Cosa ne pensate?credo che possa aiutare alcuni a non rifugiarsi in una diagnosi generica; altri ad indagare meglio la questione cfs e altri a partecipare ad essere attivi nel formulare delle linee guida...molto ridotte e parziali ma scritte solo da malati.

Messaggio modificato da Filippo.D., 01 ottobre 2014 - 07:08:21


#2 gabry

gabry

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 554 messaggi

Inviato 01 ottobre 2014 - 08:19:32

filippo, in molti di noi coesistono diverse malattie come si fa a dividerle.. io forse potrei, visto gli esami che ho fatto a londra ACUMEN proprio per distinguerle, ma non sono validi in italia... positivi  a  cfs..  fibro e mcs ... sono chiari... e ora approfondito con parametri di ehlers danlos .. convivono tutte insieme probabilmente per la mia situazione genetica sfavorevole... la stanchezza psicologica mi arriva quando sono stanca che il mio corpo mi ricordi tutte le volte che cerco di fare qualcosa " di diverso" (che gli altri fanno quotidianamente) e il  corpo risponde male e non sto bene di conseguenza...  tanti anni fa quando stavo proprio male, ripensandoci ho lottato con una forza incredibile per non abbattermi cercare di stare in piedi anche se il mio corpo non mi seguiva...ora che sto meglio, ho trovato delle cure che mi aiutano, mi accorgo che quando non sto bene sono più abbattuta di allora... e mi pesa molto il fatto che   devo rinunciare definitivamente a molte cose e dovere dire no... questo non posso farlo, quello neanche... e dare a volte spiegazioni che le persone non capiscono perchè esteticamente non sono visibili le mie difficoltà.

 

io comunque proporrei questi esami, che ho fatto,   non so perchè in italia non li facciano... forse sarebbe troppo semplice, saremmo in troppi ad avere diagnosi...!!!

zac mi sembra che anche a lui a chieti hanno fatto esami che hanno un buon significato  diagnostico, se non sbaglio....



#3 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 01 ottobre 2014 - 09:04:05

Ogni esperienza sarà è da valutare ma se ci sono altre patologie conclamate credo sarebbe logico non parlare di cfs. Almeno le linee guida parlano di esclusione di altre patologie.la stanchezza di cui parli ad esempio non sembra psicologica ma derivante dal fatto che il corpo non risponde. Questo è un elemento da considerare e da valutare. Però se hai quella patologia ..la stanchezza magari arriva da quella e se non ricordo male hai una intossicazione? Scusa ma mi ricordo poco.

#4 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 01 ottobre 2014 - 09:10:57

Occorre trovare sintomi che hanno tutti. Distinguere bene se la fatica arriva prima o dopo lo sforzo..ecc. però il fatto di non avere altre patologie mi sembra un dato fondamentale. Comunque spero sia solo l' inizio di un lungo dibattito al quale spero si interverrà non solo con la propria sfilza di sintomi ma leggendo le storie altrui e trovare solo quelli che hanno tutti.

#5 Piera.F

Piera.F

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 387 messaggi
  • Gender:Female

Inviato 01 ottobre 2014 - 10:22:17

Filippo scusami ma non sono in parte d'accordo su quello che scrivi.

Innanzi tutto qui ci sono persone che non hanno più vent'anni.. Non è che uno se ha il diabete non deve avere altre patologie.Uno può avere psoriasi, diabete, ulcera..etc. etc.

Personalmente credo che ognuno di noi abbia capito bene quando qualcosa è cambiato..quando il corpo non ha più risposto come prima.

Cercare di definire la stanchezza..beh..io ti posso dire..che quando è cominciata..ben nel 2009 (dopo un virus gastrointestinale)..mi sono ritrovata che stavo in piedi mezz'ora..magari stavo stirando..e improvvisamente non riuscivo più a stare in piedi...dovevo andare obbligatoriamente a letto.. Inizialmente alternavo mezz'ora in piedi e due ore a letto per recuperare le energie..così tutto il giorno. Non so dirti il nome scientifico di questa stanchezza ma so che era una forte stanchezza..che mi impediva di vivere normalmente unitamente a svariati sintomi che poi hanno dato luogo alla diagnosi di Fibromialgia.  

So che da allora ho fatto mille e più esami... da cui sono emerse diverse cose ma nessuna che riconduca ad una patologia conosciuta e diagnosticabile. 

Anche ora che sono seguita nel reparto infettivologico..il Citomegalovirus continua a dare positvità IgG e IgM ma con Pcr negativa (negli ultimi esami mi stann cercando l'avidità) Il Parvovirs B19 continua ad avere un titolo alto in IgG e ad essere border line nell'IgM (ho avuto la 5 malattia nel 2008)..ora me lo stanno ricercando nella Pcr..l'Epsten Barr è positivo solo nelle IgG.. So di certo che nel 2000, anno della mia ultima gravidanza ero negativa a questi virus...e che mio figlio prese la mononucleosi in modo molto pesante proprio 15 giorni dopo il parto...

Ora..dopo il panico iniziale..dove non capivo veramente cosa mi stesse succedendo e avevo paura di essere vicina alla morte..posso dire che..so che devo fare una vita senza sforzarmi assolutamente..so che se lo faccio poi pago...so che se per esempio..in una giornata positiva provo ad andare a fare un giro in centro..se sono fortunata mi godo il giro..ma di li a poche ore..pagherò con la stanchezza infinita..così come quando ho un rapporto sessuale..metto già in preventivo che il giorno dopo mio marito si dovrà occupare di tutto.

Poi ci sono periodi no..di cui non trovo una causa-effetto..che sto male così..di punto in bianco..che magari mi sveglio di notte in preda ad un dolore fortissimo in una ghiandola sotto il collo che si gonfia..o alle gambe...e sto male per qualche giorno con rialzo febbrile di pochi gradi (37,3/4), una stanchezza insormontabile per poi rientrare in quello stato di torpore influenzale che praticamente è diventata la mia normalità...

Ho spesa vagonate di soldi in esami e visite mediche...ho fatto esami che quasi nessuno fa...sicuramente qualcosa c'è, ..anche a livello genetico e dai miei esami all'Acumen..risulta la CFS  e parziale incapacità alla detossificazione e quant'altro. Spero sempre che salti fuori qualcosa per cui la mia diventi una diagnosi ufficiale..magari riconosciuta e che dia luogo all'invalidità..non sto smettendo di cercarla.



#6 gabry

gabry

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 554 messaggi

Inviato 01 ottobre 2014 - 11:18:37

filippo, la ehlers danlos porta anche queste patologie che fanno compagnia che siano iniziate prima o dopo bohh.. credimi non riesco più a capirci nulla...... cfs, fibro e sensibilità chimica multipla.... dunque io entro anche nei parametri di cfs... poi che in  italia  questi esami esteri non vogliono convalidarli  penso che ci sarà un motivo.... lo sai che le novità scientifiche in certi paesi vengono studiate e accettate con tempi molto lunghi... 

 

dieci anni fa quando escludevano la celiachia per negatività agli esami genetici qui in italia era impossibile stare male con il glutine.. pensavano a problemi di depressione... ora dopo dieci anni ti parlano di sensibilità al glutine, di permeabilità intestinale, hanno accettato che il corpo per motivi sconosciuti può avere intolleranza dal glutine senza essere per forza celiaco  e dare chiari disturbi ....  e ci sono esami ora che vengono accettati e creduti a livello medico  finalmente.... 

dammi spiegazione di questo!!!!!!!



#7 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 01 ottobre 2014 - 12:00:25

Rispetto al glutine credo di averne dette di cotte e di crude. Poi dietro c' è tutto il business dei farmaci.dei test.delle diete. Ecc.ecc.
In merito al discorso diagnosi di cfs credo sia importante che non venga messo in super calderone dove coesistono insieme troppo patologie. I medici sono quello che sono.....ma credo si dovrebbe distinguere chi ha solo cfs...solo fibromialgia o chi alla fine accumula diagnosi come fossero medaglie. Questo non aiuta nessuno. Ne noi per curarci ne lo scambio di informazioni. Però le linee guida parlano chiaro. La cfs esiste per esclusione. Se una persona è positiva a mille altre cose non dovrebbe avere quella diagnosi. Se no facciamo cancro e cfs...celuachia e cfs.....Parkinson e cfs.....( con cfs che sta per stanchezza). Sarebbe meglio avere linee guida che portino a curare le patologie riconosciute...e togliete a volte un ulteriore marchio come cfs o fibromialgia.....comunque non credo di essermi spiegato bene e mi scuso....ma non sono molto in forma.
Non sto contestando nessuno di voi ne le tragedie di ogni persona che scrive. Vorrei che la cfs fosse separata e si rispettassero alcuni capisaldi delle linee guida. Se no davvero diventa impossibile capire qlc.

#8 gabry

gabry

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 554 messaggi

Inviato 01 ottobre 2014 - 12:43:04

non so se trovi persone solo con cfs con stanchezza cronica e basta .... prova a rileggerti le linee cfs/me canadesi tradotte in italiano all'apertura di questo  sito cfs.... nelle sintomologia della cfs entrano tanti disturbi diversi che possono essere anche considerate patologie diverse ma che vanno a braccetto con la diagnosi e non si escludono.... poi ci son persone che ne hanno di meno (fortuna loro) e altre persone che ne hanno di più!!!!!!

 

non vogllio essere polemica nei tuoi confronti o avere ragione a tutti i costi, ma io l'ho capita in questo modo questa patologia  è che è, tanto complessa appunto da creare molta  confusione....



#9 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 01 ottobre 2014 - 14:45:09

Sui sintomi ne mettono un bell" elenco. Il fatto è che gli esami clinici devono essere negativi. Se no una persona ha dell' altro. Io l' ho capita cosi. E di fatto la stanchezza da sola non fa diagnosi. Se no han tutti la cfs! E il fatto di dover escludere tutte le altre patologie mi sembra sia nelle linee guida. Poi se una persona con cfs si ammala poi...dopo di cancro o altro ..tutto è possibile. Mavse alcune patologie ci sono prima diventa più complicato. Aspetto altri commenti e pareri.

#10 grazia73

grazia73

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.080 messaggi

Inviato 01 ottobre 2014 - 17:04:26

Ciao Filippo, a me , nel 2008 mi è stata diagnosticata la cfs e in seguito la fibromialgia...Per ora dagli esami che ho fatto non risulta null'altro di positivo, però , sicuramente , non  ho escluso tutte le patologie che andrebbero escluse....La mia stanchezza aumenta se mi affatico di più, cioè se oggi sto meglio e faccio diverse cose ed esagero, oggi mi sono sì goduta la giornata, ma arrivando poi alla sera sfinita con forti dolori e anche nebbia mentale, però di sicuro il giorno dopo starò peggio alla grande e dovrò riposare molto di più....Secondo me , avere la cfs , alla fine , però non esclude avere anche altre patolgie....questa ovviamente è solo una mia teoria....



#11 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.378 messaggi

Inviato 02 ottobre 2014 - 11:27:16

certamente che si possono avere altre patologie
contemporaneamente alla ME\cfs....
le linee guida hanno mantenuto l'errore del nome
cfs che come è noto si è scelto di dare ,negli USA negli
anni '80, a delle evidenti epidemie di ME per
difendere gli altrettanti evidenti interessi delle
naturalmente-predisposte-corruttrici assicurazioni-
sanitarie-private....
come anche l'errore-ridicolo della diagnosi ad esclusione.
alla "malattia" che abbiamo è stato dato il nome più
appropriato di ME (encefalomielite-mialgica)appunto infiammazione
del cervello,del midollo e dolore muscolo-articolare, in inghilterra
alla fine degli anni '50 per una serie di epidemie verificatesi in quel
paese e come si può facilmente dedurre si parla di una grave malattia
neurologica ad origine probabilmente virale.........
la grande differenza nei sintomi e nella loro intensità che a volte si
può trovare tra i vari pazienti
probabilmente dovuto all'interessamento(infiammazione) di diverse aree
del cervello interessate.....

Quindi io ringrazio il ministero della salute perché con le linee guida
Agenas ci ha aiutato ad emergere, ci ha dato visibilità qualificata
però Filippo non è possibile basarsi su quelle metodiche per la diagnosi....

#12 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 02 ottobre 2014 - 11:54:12

A me sembra che siano linee guida troppo vaghe e che buttano dentro di tutto.
Affiancare tante patologie talvolta induce a lasciar perdere la cura e talvolta si USA per giustificare qlc che non si capisce. Preferibile e più onesto sarebbe una classificazione di diversi tipi di cfs e soprattutto quelle dove non c' è altro disturbo o altra patologia. Un celiaco conclamato spesso ha difficoltà al recupero e si sente stanco ma non credo sia giusto appioppargli anche la cfs. Sarebbe più giusto cercare di curare meglio la celiachia. Le diagnosi spesso creano il malato. E spesso c' è una specie di circolo vizioso per evitare di ammettere di non capire. Ho analizzato più di 20 casi di fibromialgia ( tra cui anche me) a cui avevano affibbiato questa diagnosi perché non sapevano come giustificare certi sintomi . Ho l' impressione che cfs e fibromialgia stanno a volte sostituendo le diagnosi già abusate di stress; depressione; ecc. Stanno diventando un po diagnosi per chiudere un discorso. Non per capire. Questo è un punto che credo si stia sottovalutando.

#13 Piera.F

Piera.F

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 387 messaggi
  • Gender:Female

Inviato 02 ottobre 2014 - 14:53:21

A me sembra che siano linee guida troppo vaghe e che buttano dentro di tutto.
Affiancare tante patologie talvolta induce a lasciar perdere la cura e talvolta si USA per giustificare qlc che non si capisce. Preferibile e più onesto sarebbe una classificazione di diversi tipi di cfs e soprattutto quelle dove non c' è altro disturbo o altra patologia. Un celiaco conclamato spesso ha difficoltà al recupero e si sente stanco ma non credo sia giusto appioppargli anche la cfs. Sarebbe più giusto cercare di curare meglio la celiachia. Le diagnosi spesso creano il malato. E spesso c' è una specie di circolo vizioso per evitare di ammettere di non capire. Ho analizzato più di 20 casi di fibromialgia ( tra cui anche me) a cui avevano affibbiato questa diagnosi perché non sapevano come giustificare certi sintomi . Ho l' impressione che cfs e fibromialgia stanno a volte sostituendo le diagnosi già abusate di stress; depressione; ecc. Stanno diventando un po diagnosi per chiudere un discorso. Non per capire. Questo è un punto che credo si stia sottovalutando.



Su questo punto hai ragione da vendere Filippo...in moltissimi casi dai medici queste diagnosi vengono valutate equivalentemente allo stress e alla depressione..soprattutto la fibro.

#14 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 02 ottobre 2014 - 15:23:59

Sintomi della cfs. Comuni a tutti.
Affaticamento dopo sforzi fisici o mentali anche di piccola entità; spesso rimarcati da astenia nelle 24/48 ore successive.
Perdita significativa di memoria a breve e lungo termine.
Perdita di capacita' di concentrazione significativa.
Esclusione di altre patologie che racchiudono i sintomi sopra elencati.
Incapacità a stare in piedi per tempi " normali".
Sonno non ristoratore.

Mi sembrano quelli che hanno tutti i cfs. Me ne sarò dimenticati alcuni. Ma solo se riguardano tutti.

#15 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 02 ottobre 2014 - 15:30:01

Capitolo psicologico. Difficilissimo.
Per cfs ci vuole una esclusione di stanchezza portata da faccende psicologiche.... e qui viene il bello....cosa ne sanno i reumatologi? Gli infettivologi?
La maggior parte delle persone che entrano in analisi portano come sintomi principali: stati d' ansia; stanchezza; dolori alla testa di vario genere; cervicale;????? Poi dopo un po di lavoro passano? Io non sono mago zurli....ma se queste persone andavano dal reumatologo o dal medico di base? Poteva scapparci anche una " depressione" una cfs? Fibromialgia? E poi si butta via la chiave della ricerca ......diagnosi ad esclusione dovrebbe essere ...se no il rischio è enorme.

#16 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 02 ottobre 2014 - 16:08:04

Altra condizione a mio avviso necessaria per diagnosi di cfs. Riduzione almeno del 60% di tutte le attività lavorative; ricreative; ludiche; sportive; familiari; sessuali; diciamo 75%?
Non puoi lavorare 7 ore al giorno e il giorno dopo tornare al lavoro con cfs? O sbaglio. Io ci ho provato a lavorare sino alla fine....ma morivo. Vomitavo pure. Ora lavoricchio. A volte 3/4 ore al giorno con pause lunghe e seduto.

#17 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 02 ottobre 2014 - 16:08:30

Altra condizione a mio avviso necessaria per diagnosi di cfs. Riduzione almeno del 60% di tutte le attività lavorative; ricreative; ludiche; sportive; familiari; sessuali; diciamo 75%?
Non puoi lavorare 7 ore al giorno e il giorno dopo tornare al lavoro con cfs? O sbaglio. Io ci ho provato a lavorare sino alla fine....ma morivo. Vomitavo pure. Ora lavoricchio. A volte 3/4 ore al giorno con pause lunghe e seduto.

#18 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 02 ottobre 2014 - 16:11:02

Sento persone con cfs che escono di sera. Lavorano a tempo pieno? Vanno in vacanza? Studiano? Sti. C.
Mi aiutate o no a fare un po di esclusione in queste cozzaglie di linee guida?

#19 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 02 ottobre 2014 - 16:12:16

Altro sintomo comune a tutti. Aumento battiti del cuore non normale?

#20 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.378 messaggi

Inviato 02 ottobre 2014 - 22:20:22

nella ME/cfs ci possono essere casi gravi (malati allettati o in sedia a rotelle), la stragrande minoranza ,

e casi lievi, di cui alcuni forse neanche si accorgono di avere una malattia, in questa categoria puoi trovare

chi fa +o- tutto quello che faceva prima compreso il lavoro a tempo pieno.....



#21 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.378 messaggi

Inviato 02 ottobre 2014 - 22:43:43

Filippo se leggi i sintomi della Fibromialgia,    http://www.fibromyal...o_i_sintomi.htm

ti accorgi che quelli della ME/cfs sono perfettamente sovrapponibili a quelli della FM ,differiscono solo perchè

nella CFS è preponderante la stanchezza mentre nella FM lo sono i dolori muscolo-articolari,

 

lo stesso vale per la MCS dove il sintomo preponderante è la reattività alle sostanze chimiche-profumi-.....

ma gli altri sintomi ci sono +o- tutti ...

per questo tra i ricercatori c'è chi le accomuna come espressioni diverse della stessa patologia l'ME.



#22 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 02 ottobre 2014 - 23:22:08

Quindi? Non c' è la conclusione? Preferisci che rimanga tutto vago?
Non sarebbe più giusto fare differenze?
Secondo me si potrebbe cercare di differenziare...non di sovrapporre.
Tra dolore; stanchezza e reazione ad elementi a me sembra ci sia molta differenza.

#23 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 02 ottobre 2014 - 23:26:51

Lo so anch' io che sono sovrapponibili......e quindi?
Anche una scala di gravità sarebbe importante per non confondere uno stanco dal lavoro da uno con cfs ...che vuol lavorare e non ci riesce. I dottori ci sguazzano nell' indifferenziato..cosi non sbagliano. Forse ci sguazzano anche i pazienti? Che dici?

Messaggio modificato da Filippo.D., 02 ottobre 2014 - 23:27:25


#24 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 02 ottobre 2014 - 23:31:49

Pensare solo alla differenza che farebbe per la ricerca. Fai esami a cfs che hanno celiachia e PCR alte? Che senso ha?
Io preferirei una ricerca su chi ha 3/4 sintomi comuni della cfs e senza altre patologie o valori decisamente sballati.
Se no è come fare l' esame delle urine nei cessi dello stadio....cosa analizzi?
Inizio a capire perché non ci capiscono una mazza. Solo le linee guida dicono tutto!

#25 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.378 messaggi

Inviato 03 ottobre 2014 - 10:45:03

Le linee guida fanno piú confusione che altro
però dicono che esistiamo soprattutto alla comunità
dei medici...

nelle tre malattie (ME\cfs,FM,MCS)i sintomi sono:
stanchezza,sonnolenza,dolori muscolo-articolari,
mal di testa,di gola,
reattività a sostanze chimiche(detersivi,vernici,
farmaci,antiparassitari,gas di carico,profumi)
problemi digestivi,colon irritabile,problemi di
memoria e concentrazione.....più tutti quelli che
vengono dopo...
nel cervello (infiammato)basterebbe un millimetro
in più o più in là di infiammazione per cambiare
sia l'ordine che l'intensità dei sintomi.....poi
naturalmente influisce la genetica dell'individuo
e la sua storia sanitaria...
quindi penso sia meglio mantenerle unite...

Filippo ogni malattia ha molte differenze
all'interno della popolazione colpita sia in termini
di gravità dei sintomi che nell'ordine degli stessi

#26 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 03 ottobre 2014 - 12:25:39

Non capisco le tue conclusioni!
Non capisco cosa vuoi dire.

#27 abbonu

abbonu

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 743 messaggi

Inviato 03 ottobre 2014 - 12:34:59

Filippo, questo è un forum dove possono partecipare tutti e sono convinto che molti di noi non ha una diagnosi scritta dai 3 centri ufficiali che la possono rilasciare: Pisa, Chieti ed Aviano. In questi centri i pazienti vengono anche valutati da uno psichiatra che deve escludere una depresione primaria o qualche altro disturbo. Ci saranno di sicuro tante persone che pensano d' avere questa patologia perché magari qualche medico gle l' ha nominata. Non funziona così, prima di tutto una diagnosi scritta da uno di questi centri pubblici. Poi c' è da aggiungere che le linee guida che vengono aplicate in Italia sono le Fukuda e non le Canadesi, quindi ancora con tanto margine d' errore! Il documento che è stato redatto dall' Agenas non sono linee guida ma semplicemente un documento per informare i medici come, secondo i colleghii che l' hanno creato, può essere diagnosticata e trattata in base alla loro esperienza. In Italia queste patologie non sono nemmeno rivonosciute quindi il documento in questione può essere preso in considerazione o meno, non esiste alcun obbligo in nessun centro ospedaliaro.

#28 abbonu

abbonu

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 743 messaggi

Inviato 03 ottobre 2014 - 12:45:32

Applicando il Concensum Canadese aggiornato, invece, ci sarebbero delle diagnosi più precise, perché una diagnosi fatta ad escusione non sarà mai attendibile al 100%. Esistono molte analisi che in Italia non vengono svolte tipo la Negalase, rnase, elastase....spect cerebrale ecc. Ecc. L' unica cosa che possiamo fare noi pazienti è lottare attraverso le nostre associazioni sperando che venga riconosciuta e di conseguenza studiata anche qui in Italia attraverso la medicina scientifica. Però anche qui ci sono dei problemi enormi anche all' interno delle singole associazioni. Spesso si fanno la guerra l' una con l' altra e la cosa peggiore, a mio avviso, è che contano di più i medici referenti delle singole associazioni che i malati stessi che l' hanno create!

#29 off

off

    Frequentatore

  • Visitatori
  • StellettaStelletta
  • 33 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 03 ottobre 2014 - 17:45:06

io mi chiedo perche' venga definita una malattia neurologica quando invece e' una malattia sistemica che colpisce tutto l'organismo, forse parlano solo della m.e ?



#30 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 03 ottobre 2014 - 18:13:07

@ abbonu. Le valutazioni dello psichiatra dal mio punto di vista non valgono nulla. A parte questo ; che in realtà sarebbe invece molto importante; rimango un po sconcertato da diagnosi cosi vaghe e ormai omnicomprensive....
Credo sarebbe molto più utile fare diagnosi solo dopo esclusioni. Comunque il mio intento era forse difficile e non ho saputo spiegare bene il problema.
Mi rispondete dicendomi come stanno le cose...e più o meno l' avevo capito. Magari con più energie mi spieghero meglio.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia.it e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrà essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.