Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

I pazienti con sintomi lievi da coronavirus possono sviluppare la sindrome da fatica cronica


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 VITTORIA

VITTORIA

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.332 messaggi
  • Gender:Female
  • Location:Roma

Inviato 13 settembre 2020 - 16:21:54

I pazienti con sintomi lievi da coronavirus possono sviluppare la sindrome da fatica cronica
 

"....Lo scienziato spiega che nel caso della COVID-19 la sindrome da fatica cronica potrebbe comparire a causa di una “risposta immunitaria prolungata e inappropriata dopo aver eliminato l'infezione”. Del resto una delle complicanze più pericolose della patologia è la cosiddetta “tempesta di citochine”, una risposta esagerata del sistema immunitario che può essere più pericolosa del virus stesso, dato che è in grado di provocare danni irreversibili agli organi e morte. L'Università di Newcastle ha dimostrato che nei pazienti con sindrome da fatica cronica (o encefalomielite mialgica ) le cellule immunitarie dei pazienti producono il 50% di energia in meno di quelle dei soggetti sani, un altro aspetto da verificare nei pazienti contagiati dal coronavirus....."   Leggi tutto qui:   https://scienze.fanp...fatica-cronica/


VITTORIA
Amministrazione CFSitalia

-------------------------------------------------------
"Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite e alle diagnosi mediche. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose"
==============================


"Il senso della vita
è dare senso alla vita”

(R.Steiner)




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia.it e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrà essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.