Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

Notizie Flash COVID-19 e ME da Collaborative Research Center Uppsala University in SwedenUppsala


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 Amministrazione

Amministrazione

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 525 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 18 giugno 2020 - 16:25:16

TRADUZIONE AUTOMATICA

 

Allega File  mail.png   73,2K   0 Numero di downloads

 

Notizie Flash COVID-19 e ME di Uppsala
 

Jonas Bergquist, MD, PhD
Direttore, Centro di ricerca collaborativa ME / CFS
Università di Uppsala in Svezia

Jonas Bergquist, professore di Neurochimica presso il Dipartimento di Chimica dell'Università di Uppsala in Svezia, ha avviato una collaborazione con l'unità di terapia neurointensiva presso l'Ospedale dell'Università di Uppsala per studiare campioni prelevati da pazienti COVID-19.

Il Dr. Bergquist ha risposto ad alcune domande di Anneli Björkman presso l'Università di Uppsala, riguardo a come COVID-19 può fornire informazioni vitali per la ricerca ME / CFS.

Perché hai iniziato questa collaborazione?

"Il mio gruppo di ricerca ha da tempo un interesse particolare nello studio dei pazienti con potenziali malattie neuroinfiammatorie, in particolare l'encefalomielite mialgica / sindrome da affaticamento cronico (ME / CFS). In questo gruppo di pazienti, il sistema di recupero si esaurisce di energia mentre il sistema nervoso e il sistema immunitario sono compromessi. Ciò che vogliamo studiare è se i pazienti che hanno sofferto di una grave infezione da COVID-19 presentano affaticamento post-virale simile e fino a che punto ciò si verifica. Siamo a conoscenza di una tale correlazione da altre principali pandemie, tra cui influenza spagnola, influenza asiatica e SARS. "

Come si lavora con COVID-19?

“In particolare, quello che io e il mio gruppo di ricerca stiamo facendo al momento è lavorare a stretto contatto con l'unità di terapia neurointensiva presso l'ospedale universitario di Uppsala, tra gli altri, per monitorare quei pazienti che richiedono le cure intensive più avanzate. Con le nostre analisi, proviamo a seguire il corso [dell'infezione] in esse per vedere cosa possiamo imparare da esso.

“Raccogliamo continuamente campioni durante tutto il processo, da quando il paziente viene ricoverato fino a quando, si spera, vengono dimessi e ritornano a casa. L'idea è che li monitoreremo anche per un lungo periodo dopo il loro ritorno a casa, possibilmente per molti anni se avremo tutto a posto. Poiché la mia area di particolare interesse è il liquido cerebrospinale, ove possibile prendiamo tali campioni dai pazienti. Esaminiamo anche campioni standard di sangue e urina, nonché alcuni materiali bioptici nei casi in cui sono richieste anche procedure chirurgiche. "

Che tipo di risposte speri?

"Stiamo già cercando marcatori neuroinfiammatori e marcatori di cellule nervose nei pazienti con ME, quindi stiamo provando a vedere se questi si trovano anche nel liquido spinale dei pazienti COVID-19. Ciò potrebbe mostrare una correlazione e fornire dati su quali pazienti sono a rischio di soffrire di problemi a lungo termine e persino cronici. In tal caso, quali sono questi biomarcatori e quali altri organi sono interessati allo stesso tempo? Possiamo vedere modelli in cui le diverse infezioni che colpiscono il sistema nervoso si comportano in modo simile? Ciò che dobbiamo fare ora è seguire e studiare la situazione di quei pazienti che sono finiti in terapia intensiva e che hanno sintomi neurologici. Come faranno una volta tornati a casa e guariti dalla loro malattia correlata all'infezione? Mostreranno continui effetti negativi o si riprenderanno completamente? "

Incontrate moltissimi ME / CFS; pazienti nell'ambito del centro di ricerca che dirigi all'Università di Uppsala: in che modo sono stati colpiti durante l'attuale pandemia?

“Molti di loro vivono già in isolamento, quindi purtroppo per loro il distanziamento sociale non ha comportato grandi cambiamenti; tuttavia, coloro che richiedono assistenza domiciliare o altra assistenza sono stati ovviamente colpiti come tutti gli altri pazienti. Inoltre, appartengono spesso a gruppi a rischio e molti hanno problemi con, ad esempio, la regolazione della pressione sanguigna e il sistema nervoso autonomo. Per fortuna, sembra che pochissimi pazienti con ME abbiano contratto un'infezione da COVID-19 confermata, almeno sulla base delle segnalazioni che abbiamo ricevuto. "

 

______________________________________________________________

Mostra al mondo che combattere ME / CFS dovrebbe interessare tutti!

 

TESTO ORIGINALE

 

From the desk of Jonas Bergquist, MD, PhD
Director, ME/CFS Collaborative Research Center
Uppsala University in Sweden
 
Jonas Bergquist, Professor of Neurochemistry at the Department of Chemistry at Uppsala University in Sweden has started a collaboration with the neurointensive care unit at Uppsala University Hospital in order to study samples taken from COVID-19 patients.
 
 
Dr. Bergquist has answered some questions from Anneli Björkman at Uppsala University, regarding how COVID-19 can provide vital information for ME/CFS research.
 
Why have you started this collaboration?
 
“My research group has long had a particular interest in studying patients with potential neuroinflammatory diseases, especially Myalgic Encephalomyelitis / Chronic Fatigue Syndrome (ME/CFS). In this patient group, the recovery system is depleted of energy at the same time as the nervous system and immune system are compromised. What we want to study is whether patients who have suffered a severe COVID-19 infection exhibit similar post-viral fatigue and to what extent this occurs. We are aware of just such a correlation from other major pandemics, including Spanish flu, Asian flu and SARS.”
 
How do you go about working with COVID-19?
 
“Specifically, what I and my research group are doing at the moment is to work very closely with the neurointensive care unit at Uppsala University Hospital among others, to monitor those patients who require the most advanced intensive care. With our analyses, we attempt to follow the course [of the infection] in them to see what we can learn from it.
 
“We continuously collect samples throughout the process, from when the patient is admitted until, hopefully, they are discharged and return home. The idea is that we will also monitor them over a lengthy period after they return home, possibly for many years if we have everything in place. As my area of special interest is cerebrospinal fluid, where possible we take such samples from the patients. We also look at standard blood and urine samples, as well as some biopsy materials in cases where surgical procedures are also required.”
 
What kind of answers are you hoping for?
 
“We are already looking for neuroinflammatory markers and nerve cell markers in ME patients, so we are attempting to see if these are also found in COVID-19 patients’ spinal fluid. This might show a correlation and provide data on which patients are at risk of suffering long-term and even chronic problems. If this is the case, what are these biomarkers and which other organs are affected at the same time? Can we see patterns in which different infections that affect the nervous system behave in a similar manner? What we need to do now is follow up and study the situation of those patients who have ended up under intensive care and who have neurological symptoms. How will they fare once they get home and recover from their infection-related illness? Will they show continuing adverse effects or will they fully recover?”
 
You meet a great many ME / CFS; patients within the framework of the research center you lead at Uppsala University: how have they been affected during the current pandemic?
 
“Many of them already live in isolation so, unfortunately, for them social distancing has not involved any great change; however, those who require home nursing or other assistance have of course been affected like all other patients. In addition, they often belong to risk groups and many have problems with, for example, blood pressure regulation and the autonomic nervous system. As luck would have it, it appears that very few ME patients have contracted a confirmed COVID-19 infection, at least based on the reports we have received.”
______________________________________________________________
Show the world that fighting ME/CFS should matter to everybody!

 

 

 

 


Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite e alle diagnosi mediche.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietÓ esclusiva di CFSItalia.it e ne Ŕ vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrÓ essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.