Vai al contenuto

Foto

commissione patente speciale (breve storia)

patente speciale commissione medica patente BS rinnovo errori ritardi tutela sanitÓ reclamo diritti

  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 Tapula4

Tapula4

    Nuovo entrato

  • Utenti
  • Stelletta
  • 1 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Lombardia
  • Interests:Cinofilia
    Biologia
    Sport
    Musica

Inviato 16 novembre 2019 - 12:11:32

Salve a tutti

 

Scrivo questo post in modo che possa essere utile a me e a voi in quanto, anche se non porto CFS, mi è stata attestata dalla commissione medica invalidità al 67% per sordità completa unilaterale e bipolarismo.

Conseguentemente come affrontato nel post precedente su tale argomento è norma chiedere la visita per avere la patente speciale BS e così ho fatto circa 3 anni fa.

Da allora ogni 6 mesi ho eseguito tutte le pratiche per il rinnovo correttamente sempre con una certa difficoltà e già una volta sono rimasto a piedi per più settimane per verifiche necessarie richieste dalla commissione patenti ma alla fine ho ottenuto il rinnovo.

 

Quest'anno è stato diverso. Il mio stato di salute è pian piano migliorato (tralasciando la sordità che non posso recuperare)

e ho interrotto la cura psicofarmacologica (gradualmente) in qualche mese cessandola totalmente verso l'inizio di luglio.

Il rinnovo successivo era fissato per inizio agosto e ho sostenuto la visita senza omettere nulla: ho detto che stavo meglio, che non assumevo la terapia da un mese e poco più e sono stato onesto nel rispondere ad ogni tipo di domanda della commissione.

 

Sbaglio mio è stato non omettere di aver fumato cannabis nel mese precedente perchè, pur dichiarando di non essere un consumatore abituale, la cosa ha preso rilevanza davanti alla commissione che ha rimandato la pratica per un ulteriore verifica (attraverso un esame tossicologico che ovviamente ho accettato di fare) e per un ulteriore certificato psichiatrico che attestasse il mio stato allora attuale di salute mentale.

Essendo la psichiatra in ferie ho aspettato l'inizio di settembre per avere la sua certificazione e solo allora sono andato a fare l'esame tossicologico con il foglio della commissione all'ospedale convenzionato più veloce (un ora di macchina per arrivare). Qui agli uffici mi dicono che il costo dell'esame è pari a 280.00 euro dicendomi che l'esame ammonta a tanto perchè mi sono stati richiesti tutti gli esami disponibili eseguibili dalla medicina legale. A questo punto mi sorge il dubbio che mi sia stata data la prescrizione sbagliata ed essendo impossibilitato a contattare la commissione medica (numero inesistente) ne a convincere gli operatori di tale ospedale a farmi solo gli esami necessari (cannabis da urine e capello) mi sono arreso a tornare indietro per rivolgermi direttamente alla commissione, che avrei potuto vedere secondo le loro tempistiche solo giorni dopo.

Ma la commissione riceve, e questo non lo sapevo, solo su appuntamento ed è possibile parlare al massimo con la segreteria degli uffici annessi.

Ho richiesto quindi una nuova prescrizione (questa volta corretta) e mi sono ripresentato agli uffici degli ospedali che non riporto a un'ora di macchina per fare gli esami, stavolta con successo, sostenendo un costo di 36 euro.

Poco più di due settimane dopo mi chiama la commissione dicendomi che gli esami sono negativi (ed io idoneo) e posso sostenere nuovamente la visita davanti alla commissione senza costi aggiuntivi, fissandomi per il 5 novembre.

Mi è concesso il rinnovo per un anno (dopo mia sollecitazione sulla commissione, visto che erano indecisi sul farsi nuovi accertamenti e se fosse necessario abilitarmi a 6 mesi o a un anno).

Mi viene detto ancora una volta che non ho costi aggiuntivi (3 bolli) e che la patente sarebbe stata spedita alla mia residenza entro 3 giorni lavorativi.

L'11 novembre non avendo ancora ricevuto nulla richiamo la commissione per chiedere lo stato di attivazione della mia patente e solo allora mi dicono che non hanno potuto attivarla perchè c'è un errore generico nel riconoscimento dei bollettini e che (l'assistente con cui ero al telefono) avrebbe provveduto personalmente per rimediare e se necessario abilitare un rimborso nel caso non fosse stato possibile accettare i bollettini.

La chiamata nello stesso pomeriggio non arrivò, ma il giorno seguente si.

"I bollettini non possono essere inseriti nel database e lei (io) deve ripresentare i bollettini che adesso le detto nuovi e compilati in commissione dopodichè le saranno presentate le pratiche per ottenere il rimborso".

A oggi io non ho più chiamato la commissione, mi sto solo informando se e come e chi ha sbagliato o ha fatto errori per prendere le giuste misure e fare un bel reclamo a tutto l'apparato della commissione: questo sistema sanitario non è per me accettabile.   

E penso di non essere l'unico.

 

La mia domanda è questa:

sapete se è possibile ottenere i documenti delle pratiche e annessi? sapete in che modo e quali è possibile ottenere per legge dalla commissione medica?

 

Non sono qui per commentare le modalità delle visite o le attese o per lamentarmi: chi è passato in commissione sà di cosa parlo.

 

Leggo volentieri ogni commento vostro e ogni esperienza è di aiuto. Grazie per la pazienza nella lettura

 

;) 

Ciao e buona giornata


Messaggio modificato da Tapula4, 16 novembre 2019 - 12:30:49





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietÓ esclusiva di CFSItalia e ne Ŕ vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.