Vai al contenuto

Foto

Individuazione del primo test diagnostico per la Sindrome da Fatica Cronica


  • Per cortesia connettiti per rispondere
3 risposte a questa discussione

#1 VITTORIA

VITTORIA

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.294 messaggi
  • Gender:Female
  • Location:Roma

Inviato 29 aprile 2019 - 22:59:14

Comunicazione da parte della CFS Associazione italiana:

 

"Finalmente è uscito l'articolo scientifico sul famoso nanoago-test diagnostico per la CFS.

Mando due articoli (link all'originale più traduzione) su questo argomento: il primo è l'annuncio fatto da Stanford; il secondo è il link all'articolo scientifico su PNAS (disponibile a pagamento, in traduzione metto l'abstract)".

Giada Da Ros

 

1. https://scopeblog.st...ome-identified/

Individuazione del primo test diagnostico per la sindrome da fatica cronica

Autore Hanae Armitage

29 aprile 2019

Da anni, la sindrome da fatica cronica, nota anche come encefalomielite mialgica/sindrome da fatica cronica, non è stata rilevabile dai test tradizionali che controllano la funzione degli organi principali o esaminano i conteggi del sangue e delle cellule immunitarie. Per questi pazienti molto malati, i risultati dei test spesso escono normali, dando ai medici pochi indizi su come procedere.

Ma ora, i pazienti con la malattia devastante - che causa affaticamento debilitante, sintomi simil-influenzali e qualcosa chiamato malessere post-sforzo, una condizione che causa un peggioramento dei sintomi dopo aver fatto anche piccoli sforzi - possono trovare conferma in un test diagnostico recentemente identificato che fornisce le prime prove scientifiche della malattia.

 Un articolo che descrive i risultati della ricerca appare negli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze. Ron Davis, PhD, professore di biochimica e di genetica, è l'autore senior. L'autore principale è Rahim Esfandyarpour, PhD, un ex collaboratore di ricerca di Stanford che ora fa parte della facoltà della University of California-Irvine.

 Quando ho parlato con Davis, mi ha raccontato di come la sua esperienza di padre che ha visto suo figlio Whitney, un tempo sano, peggiorare, lo ha messo su un nuovo percorso come scienziato - per imparare quanto più possibile sulla sindrome da fatica cronica. Ha lanciato lo Stanford Chronic Fatigue Syndrome Research Center nel 2013.

 "Quando ho annunciato per la prima volta la mia nuova direzione anni fa, ho ricevuto moltissimi messaggi da pazienti e operatori sanitari", ha detto Davis. "Questa malattia è probabilmente molto più comune di quanto pensiamo. Quattro persone a pochi isolati da casa mia mi hanno contattato - erano confinati a letto a causa della loro malattia".

 Così anche il figlio di Davis.

 Whitney, che ha avuto la sindrome da fatica cronica per più di un decennio, ha una flebo per ricevere sostentamento, fluidi e farmaci. La configurazione facilita anche i prelievi di sangue, che può essere importante per l'esecuzione di diversi test.

 Infatti, l'indizio dietro l'ultima ricerca di Davis è stato individuato per la prima volta in un campione di sangue di Whitney. Si rivela attraverso un test di nuova concezione chiamato "test nanoelettronico".

Come descritto nel nostro comunicato stampa:

L'approccio, di cui Esfandyarpour ha guidato lo sviluppo... è un test che misura i cambiamenti in minuscole quantità di energia come proxy per la salute delle cellule immunitarie e del plasma sanguigno.

 ....L'idea è quella di sottoporre a stress i campioni di pazienti sani e malati utilizzando il sale, e quindi confrontare come ogni campione influisce sul flusso della corrente elettrica. I cambiamenti nella corrente indicano cambiamenti nella cellula: più grande è il cambiamento di corrente, più grande è il cambiamento a livello cellulare. Un grande cambiamento non è una buona cosa; è un segno che le cellule e il plasma sono sotto stress e incapaci di elaborarlo correttamente. Tutti i campioni di sangue di pazienti con sindrome da fatica cronica hanno creato un chiaro picco nel test, mentre quelli provenienti da controlli sani hanno restituito dati che erano su una chiglia relativamente regolare.

 Dopo aver individuato la risposta allo stress nelle cellule di Whitney, Davis e colleghi l’hanno testato in un gruppo di 40 persone, metà delle quali hanno la sindrome da fatica cronica e metà delle quali no. Come previsto, il test ha chiaramente identificato le persone con sindrome da fatica cronica e non ha segnalato nessuno che sia sano.

 Con forti prove preliminari di uno strumento diagnostico per la sindrome da fatica cronica, Davis e i suoi colleghi si stanno andando avanti per testarlo in più pazienti. Stanno anche progettando di utilizzare il test nanoelettronico per individuare farmaci che possono aiutare a stabilizzare i campioni di sangue di pazienti con fatica cronica.

 Attualmente, il reclutamento per il progetto, che mira a confermare ulteriormente il successo del test diagnostico, avviene su base continuativa. Se interessati a partecipare, si prega di contattare la coordinatrice della ricerca clinica Anna Okumu.

 

2. https://www.pnas.org...4/24/1901274116

Attualmente non esiste un test biologico per la diagnosi dell'encefalomielite mialgica/sindrome dafatoca cronico (ME/CFS). Le aberrazioni molecolari osservate in numerosi studi sulle cellule ematiche ME/CFS offrono l'opportunità di sviluppare un test diagnostico a partire da campioni di sangue. Qui abbiamo sviluppato un test nanoelettronico progettato come un test ultrasensibile in grado di misurare direttamente le interazioni biomolecolari in tempo reale, a basso costo, e in un formato multiplex. Per perseguire l'obiettivo di sviluppare un biomarcatore affidabile per ME/CFS e per dimostrare l'utilità della nostra piattaforma per la diagnostica del punto-di-cura, abbiamo convalidato la verietà testando pazienti con pazienti ME/CFS da moderato a grave e controlli sani. La risposta dei campioni ME/CFS allo stressor iperosmotico osservato come caratteristica esclusiva del pattern di impedenza e notevolmente diversa dalla risposta osservata tra i campioni di controllo. Riteniamo che la robusta differenza di modulazione di impedenza osservata nei campioni in risposta allo stress iperosmotico possa potenzialmente fornirci un indicatore solo di ME/CFS. Inoltre, utilizzando algoritmi di apprendiamento delle macchine supervisionati, abbiamo sviluppato un classificatore per i pazienti ME/CFS in grado di identificare nuovi pazienti, cosa necessaria per un robusto strumento diagnostico.

 


VITTORIA
Amministrazione CFSitalia

-------------------------------------------------------
"Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite e alle diagnosi mediche. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose"
==============================


"Il senso della vita
è dare senso alla vita”

(R.Steiner)

#2 Alice_B.

Alice_B.

    Frequentatore

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 20 messaggi

Inviato 30 aprile 2019 - 10:47:29

Bella notizia! Grazie...una speranza.

#3 grazia73

grazia73

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.045 messaggi

Inviato 02 maggio 2019 - 19:28:19

bella notizia, speriamo in bene che sia la volta buona!!



#4 Stef

Stef

    Nuovo entrato

  • Utenti
  • Stelletta
  • 7 messaggi

Inviato 16 maggio 2019 - 16:18:52

Grazie




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.