Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

Stanchezza cronica, un test genetico al Cro..


  • Per cortesia connettiti per rispondere
5 risposte a questa discussione

#1 Zac

Zac

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.849 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 19 febbraio 2016 - 14:28:26

Fonte: http://messaggeroven...-cro-1.12983447

 

Stanchezza cronica, un test genetico al Cro

 

 

Uno studio ha dimostrato che è in aumento la mortalità da suicidio per chi è colpito dalla sindrome

 

18 febbraio 2016

 

 

 


 

Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica “The Lancet” ha dimostrato che è in aumento la mortalità per suicidio tra le persone colpite dalla sindrome da fatica cronica, mentre al Cro di Aviano il professor Umberto Tirelli ha messo a punto un test genetico per valutare la possibilità di sviluppare la malattia.

 

Dallo studio, effettuato in Inghilterra su 2 mila 147 casi, emerge che la mortalità non differisce rispetto alla popolazione generale. Non si è riscontrato un incremento di mortalità per tumori o malattie cardiovascolari, mentre si registra un aumento significativo di decessi per suicidio. «Il mancato incremento di mortalità per tutte le cause al di fuori del suicidio – ha commentato Tirelli – contrasta con quanto osservato in molte malattie psichiatriche, in cui invece si dimostra una maggiore mortalità dovuta a incidenti, a tumori e a malattie cardiovascolari. Tutto ciò avviene perché nella sindrome da fatica cronica c’è un comportamento più salutistico e non c’è un incremento di uso di alcolici, come invece si riscontra nelle malattie psichiatriche». Gli autori sottolineano l’importanza di una valutazione accurata degli aspetti depressivi nei pazienti con sindrome da fatica cronica che durante un periodo di tempo lungo possono determinarsi nella loro storia clinica.

 

Diversa la prospettiva al Cro. «Per quanto riguarda l’esperienza di Aviano – ha proseguito Tirelli –, con alcune migliaia di pazienti visti in 20 anni di casistica, non si è registrato un incrementato rischio di suicidi in relazione con la sindrome da fatica cronica. Nella mia esperienza c’è una conferma dell’estrema serietà della patologia con gravi problemi anche depressivi di tipo reattivo e comunque inerenti alla modifica significativa dello stile di vita con conseguenze come l’abbandono della scuola o del lavoro, con gravi ripercussioni sulla salute fisica e mentale dei pazienti».

 

Anche la scienza si sta muovendo per questa patologia. «Abbiamo messo a punto con MyGenomics – ha detto ancora Tirelli – un test genetico che valuta la suscettibilità a sviluppare una stanchezza cronica ed eventualmente una sindrome da fatica cronica. Dai dati preliminari in nostro possesso può esserci anche un incrementato del rischio familiare della patologia o comunque della suscettibilità a svilupparla. La terapia che si basa prevalentemente su antivirali, immunomodulatori e integratori può essere efficace, ma soltanto in una minoranza dei pazienti. Recentemente abbiamo attivato al Kosmic center di Pordenone una nuova terapia con ossigeno-ozonoterapia (autotrasfusione di sangue), che sta dando buoni risultati nella Cfs».

 

I pazienti si attendono il riconoscimento della sindrome da fatica cronica come malattia rara. «In questo modo – ha affermato Antonella Ronsini, 43enne di Novara cui la patologia è stata diagnosticata al Cro – sarebbe garantita l’invalidità per chi ne è affetto. È una malattia nascosta, che non lascia cicatrici, ma cambia per sempre la tua vita e quella di chi ti sta intorno».

 

(d.s.)

 

 


Zac
Amministrazione

--------------------
"In medicina tutto quello che è sconosciuto è malattia mentale" (...)
"Una delle malattie più diffuse è la diagnosi." (Karl Kraus)
NO_CFS.gif

Le foto di Zac qui: PhotoZac


#2 Tina.B

Tina.B

    Amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 123 messaggi
  • Gender:Female

Inviato 19 febbraio 2016 - 20:20:33

 

Fonte: http://messaggeroven...-cro-1.12983447

 

Stanchezza cronica, un test genetico al Cro

 

 

Uno studio ha dimostrato che è in aumento la mortalità da suicidio per chi è colpito dalla sindrome

 

18 febbraio 2016

 

 

 


 

qualcuno  ha maggiori informazioni riguardo a come effettuare il test?



#3 Zac

Zac

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.849 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 21 febbraio 2016 - 03:51:13

Al momento nessuna informazione, abbiamo chiesto alla presidente dell'Associazione di Aviano e ad un paziente che andrà presto al CRO, restiamo in attesa e vi faremo sapere.


Zac
Amministrazione

--------------------
"In medicina tutto quello che è sconosciuto è malattia mentale" (...)
"Una delle malattie più diffuse è la diagnosi." (Karl Kraus)
NO_CFS.gif

Le foto di Zac qui: PhotoZac


#4 grazia73

grazia73

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.080 messaggi

Inviato 23 febbraio 2016 - 18:03:07

Ciao a tutti, ho chiesto anche io a Giada Da Ros, ma non ha saputo dirmi altro, se non che si tratta di un semplicissimo test sulla saliva....se saprà di più ci aggiornerà...speriamo in bene..... ;)



#5 Lev

Lev

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 221 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 11 settembre 2016 - 22:00:23

Qui trovate una introduzione al test genetico per la CFS:

https://paolomaccall...ico-per-la-cfs/

#6 Tina.B

Tina.B

    Amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 123 messaggi
  • Gender:Female

Inviato 04 ottobre 2016 - 23:49:15

mygenomics.png?w=700

 

E se risultano alterati  questi geni, hanno un motivo in più per darci dei pazzi-ansiosi-ipocondrici!!!   ;)  :D  :D  :D  






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietÓ esclusiva di CFSItalia.it e ne Ŕ vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrÓ essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.