Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

Da farmaco a integratore: come aggirano il blocco dei prezzi


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 sniper

sniper

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 306 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 21 agosto 2015 - 18:55:35

Data di pubblicazione: 24/01/2006
 
"Sempre più frequentemente vengono immessi nel circuito distributivo prodotti, classificati come integratori alimentari o alimenti particolari, con una denominazione identica o che richiama fortemente quella di specialità medicinali. 
Oltre a costituire un elemento di confusione nel medico, nel cittadino e nel farmacista, questo comportamento permette al produttore di aggirare il blocco dei prezzi previsto dalla legge 149/2005 nonche’, in previsione, di sottrarsi alla revisione del metodo di formazione del prezzo dei farmaci C, revisione preannunciata dallo stesso Ministro Storace in Parlamento e prevista dall’accordo di dicembre. 
Si tratta sovente di medicinali oggetto di provvedimenti che ne vietano la commerciabilità su decisione del Ministero o su autonoma rinuncia del produttore. In alcuni casi si assiste alla coesistenza dei nuovi prodotti con la corrispondente specialità medicinale, magari esitabile ancora dalle farmacie seppure ad esaurimento delle scorte. 
In una nota molto dettagliata Federfarma ha illustrato il fenomeno al ministro della salute, con tutti i problemi che ne derivano e facendo esempi concreti.
Solo alcuni esempi che molto colleghi avranno già notato: acutil, berocca, betotal, biotassina, carpantin, essen, glutaven, infloran bioneobros (ex bros), neodigestopan (ex digestopan), polase sport, sargenor, sustenium
La circostanza che la denominazione di prodotti non registrati (prodotti alimentari, cosmetici, integratori, etc) sia identica o si richiami fortemente a quella di specialità medicinali registrate – afferma Federfarma - viola manifestamente un esplicito divieto contenuto nella circolare n. 101 del 25 novembre 1978 della Direzione Generale del Servizio Farmaceutico del Ministero della Sanità. E secondo Federfarma il fenomeno non puo’ essere giustificato dal fatto che le specialità medicinali corrispondenti ai prodotti segnalati non siano piu’ in commercio per rinuncia delle ditte produttrici.
Gli stessi medici possono essere tratti in errore in quanto convinti di continuare a prescrivere o a consigliare al cittadino un farmaco mentre si tratta di un integratore. Tale errore rischia di essere ancora più evidente laddove la corrispondente specialità medicinale è tuttora in commercio o ad esaurimento scorte, come nel caso dell’Acutil, Berocca, Betotal, Carpantin, Infloran bio e Polase.
Infatti:
Il Sargenor Sport della ditta Viatris Spa è un integratore che viene pubblicizzato per gli stati di intensa attività fisica nello sport e negli stati di ridotto tono muscolare. Contiene piccole quantità di aspartato di arginina (un aminoacido), valina, isoleucina e leucina (aminoacidi ramificati) e vitamina B6. Il farmaco corrispondente (ora revocato), il Sargenor, conteneva solo elevate quantità di aspartato di arginina (senza i ramificati e la vitamina B6) ed era un medicinale impiegato negli stati di astenia e di affaticamento in quanto si utilizzava l’azione detossicante anti-ammoniemica dell’aspartato di arginina ad elevate concentrazioni (20g in 100ml). Conclusioni: sono due prodotti completamente diversi e si riferiscono a tipologie di utenti totalmente diversi.
Il Carpantin sciroppo era a base di un antistaminico (la ciproeptadina), pantetina e carnitina. La pantetina è una vitamina, costituente del CoA che interviene direttamente in molte fasi del metabolismo energetico; la carnitina, a piccole concentrazioni, è dotata di un effetto stimolante delle secrezioni digestive gastriche e pancreatiche e svolge un’azione antianoressica. Il Carpantin integratore della ditta Sanofi-Aventis Spa contiene solo la creatina e le vitamine del gruppo B (che non hanno alcuna azione nel favorire l’appetito). Conclusioni: sono due prodotti completamente diversi tranne per la presenza in entrambi della creatina.
Molto eclatante è il caso dell’Essen enzimatico e del Digestopan che si sono trasformati nei rispettivi integratori: Essen della ditta EG Spa e Neodigestopan della ditta A. Menarini . I farmaci e gli integratori, oltre al nome non hanno nulla in comune. Infatti i farmaci OTC Essen enzimatico e Digestopan erano a base di enzimi digestivi quali pepsina, lipasi e proteasi. Gli integratori, che portano lo stesso nome, sono a base di sostanze vegetali (ananas, genziana, papaia) e vitamine sulla base delle supposte azioni gastroprotettive e digestive di tali sostanze (c’è qualche studio riferito alla sola genziana). Conclusioni: sono prodotti molto diversi (tranne il nome). 
Acutil fosforo (OTC) era un farmaco a base di levoglutamide, asparagina, fosfatidilserina e piridossina. Il Glutaven (OTC) era un farmaco a base di levoglutamide. La levoglutamide è un costituente dei fosfolipidi cerebrali della guaina mielinica neurassiale ed ha un ruolo importante, nell’organismo, come trasportatore di fosforo. L’Acutil integratore della ditta Angelini ed il Glutaven integratore della ditta Teofarma Srl sono dei complessi multivitaminici che hanno in comune con i farmaci che portano lo stesso nome la fosfatidilserina e la piridossina. Conclusioni: sono prodotti molto diversi soprattutto per l’assenza, negli integratori, della levoglutamide. Sulla presenza di tale principio attivo e sulla ottimizzazione del fosforo si basava l’impiego dei farmaci Acutil fosforo e Glutaven che erano destinati agli studenti affaticati ed agli anziani con leggeri deficit cognitivi.
Bros (ricetta ripetibile, revocato) e Neobros integratore della ditta Fidia Farmaceutici contengono la stessa sostanza (la fosfatidilserina) a dosaggi diversi. Conclusioni: sono prodotti molto simili.
Il Sustenium OTC era un farmaco a base di fosfocreatina impiegato negli stati di affaticamento e di astenia. Il Sustenium integratore della ditta Menarini è un prodotto a base di creatina, sali minerali, vitamine ed arginina. Conclusioni: i due prodotti non contengono gli stessi principi attivi ma sono impiegati per le stesse indicazioni. Al contrario dei casi precedenti si puo’ dire che l’integratore Sustenium rappresenta l’evoluzione positiva del Sustenium OTC. Infatti, tralasciando le vitamine ed i sali minerali, i principi attivi dell’integratore hanno una documentata efficacia nel fornire energia all’organismo (in particolare la creatina che entra nei processi mediati dall’ATP).
Il Polase (OTC) è un farmaco contenente elevate quantità di magnesio e potassio, registrato negli stati di carenza di potassio e magnesio che si manifestano,generalmente, con una sensazione di stanchezza, debolezza muscolare e crampi. Tali carenze possono essere provocate da eccessiva sudorazione, intensa attività fisica, diarrea e vomito profusi. Il Polase integratore della ditta Wyeth Consumer Healthcare presenta sempre il magnesio ed il potassio ma in dosaggi assai inferiori: per il magnesio 21,74 mg per bustina contro 450 mg del Polase; per il potassio 126,96 per bustina contro 450 mg del Polase. Da considerare che il Polase Sport viene indicato, secondo la ditta produttrice “ per reintegrare i Sali minerali persi con la sudorazione e, grazia agli aspartati di potassio e magnesio, esplica una efficace azione sulla contrazione muscolare. Inoltre, fornisce energia derivante dalla presenza di carboidrati quali fruttosio e e maltodestrine. L’assunzione di Polase Sport contribuisce a ridurre i segni di affaticamento muscolare e consente un più rapido recupero funzionale”. L’integratore contiene anche altri principi attivi quali sodio, cloro, vitamina C e vitamina E fruttosio e maltodestrine. Conclusioni: si tratta di prodotti molto simili. Il Polase Sport si potrebbe definire come il Polase a basso dosaggio
Il Betotal (OTC) ed il Betotal plus integratore della ditta Pfizer Consumer Healthcare sono prodotti praticamente identici (soprattutto se il confronto si fa tra l’integratore ed il Betotal normale che aveva un contenuto di vitamine del gruppo B a più basso dosaggio rispetto al Betotal forte. Per il Berocca (OTC) ed il Berocca plus integratore della ditta Bayer vale lo stesso discorso.
Inutile dire che nel passaggio da farmaco a integratore e dalla farmacia al supermercato il contenuto si riduce, il prezzo aumenta sempre. Senza che i produttori debbano attendere fino a gennaio 2007 che termini il blocco dei prezzi di fascia C.
 
Bibliografia:
 
FARMA7 n.2 20/01/2006 Il Punto "Da Farmaco a integratore: come aggirare il blocco dei prezzi"

Messaggio modificato da sniper, 21 agosto 2015 - 18:56:27





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietÓ esclusiva di CFSItalia.it e ne Ŕ vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrÓ essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.