Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

CFS/SEID. Un farmaco allieverebbe i sintomi della stanchezza


  • Per cortesia connettiti per rispondere
2 risposte a questa discussione

#1 Zac

Zac

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.857 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 20 luglio 2015 - 18:27:57

http://gaianews.it/s...ml#.Va0uL-LtlS0

 

CFS/SEID. Un farmaco alleverebbe i sintomi della stanchezza.

Scritto da Leonardo Debbia il 20.07.2015

 

 

In due studi clinici svolti in Norvegia, un farmaco, utilizzato solitamente nel trattamento del linfoma, pare abbia alleviato anche i sintomi della sindrome da stanchezza cronica (o CFS) in due terzi dei pazienti affetti da questa patologia.

Lo studio è stato quindi esteso ad un più ampio numero di ammalati, ma questi primi risultati già forniscono importanti indicazioni sulle probabili cause della sindrome, tuttora sconosciute, che affligge per anni coloro che ne sono affetti, con una spossatezza profonda e protratta nel tempo.

La CFS (Chronical fatigue syndrome) colpisce circa 2,5 milioni di americani e almeno 180mila australiani, ma è diffusa in molti altri paesi, compreso il nostro.

La difficoltà della diagnosi e le cure sperimentali costituiscono, al momento, limiti duri da superare.

Gli studiosi si sono battuti per definirne e concordarne i meccanismi che la definiscono; non ultimo il nome che, ritenuto troppo generico, è stato solo recentemente cambiato in SEID (Systemic exertion intolerance desease).

Purtroppo, fino a pochi anni fa, a molti ammalati veniva detto che ‘il problema è tutto nella testa’ e che avrebbero avuto soltanto bisogno di riposare meglio.

Negli Stati Uniti, solo da quest’anno questa sindrome ha finalmente ottenuto il riconoscimento formale di ‘malattia’ vera e propria.

Molti sono gli studi condotti in vari Paesi, ma questi ultimi del Haukeland University Hospital di Bergen, in Norvegia, presuppongono che questa condizione patologica coinvolga degli anticorpi.e gli autori ipotizzano che la CFS-SEID ‘potrebbe essere una variante di una malattia autoimmune’.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati su PloS ONE.

Le malattie autoimmuni sono prodotte dal sistema immunitario dello stesso paziente, che non funziona a dovere, attaccando i propri tessuti.

La sperimentazione ha preso il via da un farmaco, il rituximab, solitamente utilizzato per trattare sia l’artrite reumatoide che il linfoma non Hodgkin del sangue.

La meccanica del farmaco si esplica attraverso l’annientamento della maggior parte dei linfociti di tipo B del paziente, il tipo di globuli bianchi che produce anticorpi, ma che annienta anche le cellule sane.

Per la sua azione, viene utilizzato per il trattamento delle malattie caratterizzate da un numero elevato di cellule B iperattive o disfunzionali, consentendo in modo efficace di riavviare il sistema immunitario e fare in modo che cessi di attaccare l’organismo.

I ricercatori norvegesi hanno avuto l’intuizione di testare il farmaco per la prima volta nel 2004 su un ammalato con linfoma che era risultato anche affetto dalla sindrome di stanchezza cronica.

Sorprendentemente, il paziente aveva trovato sollievo in entrambe le patologie, come riporta il biologo-reporter Andy Coghlan su New Scientist.

Nel 2011, i ricercatori scoprirono che 10 pazienti di CFS su 15, cui era stato somministrato il rituximab, avevano riscontrato un netto miglioramento delle condizioni rispetto a quei pazienti del gruppo di controllo cui era stato somministrato un placebo.

Il team ha ora pubblicato su PloS ONE il risultato di una serie di controlli periodici su questi pazienti, ipotizzando che l’uso prolungato del farmaco possa mantenere una remissione della sintomatologia addirittura per anni.

Quest’ultimo studio ha coinvolto 29 ammalati di CFS cui è stato somministrato il rituximab per due settimane, facendo seguire richiami periodici per un anno.

18 di questi pazienti hanno riportato benefici e il miglioramento è andato avanti per tre anni consecutivi.

“In 11 di questi 18 i sintomi della malattia recedevano per tre anni dall’inizio del trattamento e alcuni riferivano la scomparsa della sintomatologia”, ha dichiarato al New Scientist il dott. Oysten Fluge, uno dei leaders dello studio norvegese.

Naturalmente questi studi hanno visto coinvolti numeri troppo esigui di pazienti per poter sapere se il farmaco possa essere utilizzato come cura per la CFS/SEID, ma ora si intende portare il numero dei partecipanti al test a 150.

“I benefici sono iniziati 4-6 mesi dopo la prima dose di rituximab, circa il tempo necessario perchè gli anticorpi esistenti fossero eliminati dall’organismo”, spiega Fluge. “In alcuni pazienti si è verificata una ricaduta dopo circa un anno, il tempo che le cellule B impiegano per ricrescere ed iniziare a produrre nuovi anticorpi”.

Si deve ancora capire quali tessuti siano presi di mira da questi anticorpi e che cosa spinga il sistema immunitario dei pazienti con CFS/SEID ad attaccare le proprie cellule.

Le risposte si potranno avere, affermano i ricercatori; ma non subito.

Il fatto decisamente positivo è tuttavia il riconoscimento avvenuto, dopo anni che i pazienti erano stati considerati dei malati immaginari.


Zac
Amministrazione

--------------------
"In medicina tutto quello che è sconosciuto è malattia mentale" (...)
"Una delle malattie più diffuse è la diagnosi." (Karl Kraus)
NO_CFS.gif

Le foto di Zac qui: PhotoZac


#2 grazia73

grazia73

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.080 messaggi

Inviato 21 luglio 2015 - 15:18:15

Grazie Zac, articolo molto interessante! speriamo che la ricerca vada avanti e che arrivi qualcosa anche in Italia



#3 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 26 luglio 2015 - 21:26:29

Certo che passare dal concetto che ‘il problema era tutto nella testa’,che bastava dormire meglio,qualche psicofarmaco, ecc.ecc.......... alla terapia con anticorpo monoclonale,devo dire che il passo è da gigante.Siamo arrivati con l'uso del Rituximab a considerare la MCF/ME o CFS/SEID una acclarata malattia autoimmune.Io mi dissocio,o meglio è dai tempi di Salutemed che ho preso le distanze dalle patologie auto-immuni,troppo grande per me una tale concezione,che va contro il mio concetto di Natura Benigna.......,come dire questo è uno strumento troppo grande per essere suonato con sicurezza.E non voglio accennare alla eventuale problematica della "leucoencefalopatia multifocale progressiva" (pml), sempre comunque in agguato con l'uso degli anticorpi monoclonali.Io ne avrei una gran paura,ma tutto è sempre relativo e bisogna guardare alla bisogna del caso.Romy


Messaggio modificato da romy, 26 luglio 2015 - 21:36:04

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietÓ esclusiva di CFSItalia.it e ne Ŕ vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrÓ essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.