Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

"Doctor shopping"


  • Per cortesia connettiti per rispondere
12 risposte a questa discussione

#1 sniper

sniper

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 306 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 13 giugno 2014 - 12:13:06

Sicuramente molti si sono trovati in questa situazione, che riguarda soprattutto disturbi non facili da diagnosticare, dalla natura vaga.

 

Articolo completo qui: 

 

medicitalia.it/news/4760-andare_dal_dottore_e_come_un_appuntamento_galante_il_fenomeno_del_doctor_shopping.html

 

 

Ma nella mia esperienza personale, la forma più comune di "doctor shopping" è quella che spinge il paziente a girare di medico in medico perché spera di trovare un dottore che gli dica esattamente quello che il paziente vorrebbe sentirsi dire: "lei ha questa diagnosi", "lei deve fare questo esame", "lei deve prendere questo farmaco", finanche "lei deve fare questo intervento".

Ed è innegabile che il fenomeno della ricerca delle informazioni medico-sanitarie su internet possa amplificare il problema: capita spesso che, indagando sui propri sintomi, un paziente si convinca infatti di avere una determinata malattia, oppure di necessitare di un determinato trattamento. E così il paziente va alla visita pieno di aspettative, che -qualora deluse- spesso gettano il paziente nello sconforto, e lo inducono a sentire un altro parere. E poi un altro, un altro, un altro ancora.

Una volta un paziente è entrato nel mio studio appoggiandomi sulla scrivania una stampata di una pagina internet tratta dal sito di una nota azienda che produce dispositivi medicali impiantabili. Il foglio ritraeva un particolare modello di protesi dell'anca, adatto solo in alcuni casi particolari.

C'è rimasto un po' male quando gli ho detto che non lo ritenevo indicato nel suo caso. Forse però devo avergli ispirato simpatia, perché mi ha detto: "la prego dottore, mi aiuti, perché Lei è il quarto da cui vado, e nessuno me la vuole mettere… non conosce un ortopedico che mi farebbe questo intervento?"

 

Già anni fa, stavo visitando con il mio Maestro, egli mi diede un insegnamento: mandammo via un paziente dopo più di un'ora di colloquio, senza prescrivergli l'intervento che il paziente voleva ad ogni costo, e di cui non aveva alcun bisogno.

Quando il paziente se ne andò, era piuttosto arrabbiato. Il mio Maestro era amareggiato. Mi disse:

"Questo povero signore se ne va convinto che gli abbiamo fatto perdere tempo e denaro, e invece noi ce l'abbiamo messa tutta per cercare di consigliarlo. Il guaio è che girerà da un medico all'altro finché non troverà l'incauto che lo opera. A quel punto saranno guai per entrambi, medico e paziente".

 

C'è un fenomeno di "doctor shopping" molto frequente non legato direttamente alle aspettative del paziente, bensì alla natura del disturbo. Vi sono disturbi vaghi o che hanno una presentazione atipica che possono rappresentare una difficoltà diagnostica. Quando il primo medico non riesce a fare diagnosi (o fa diagnosi errata), si chiede una seconda opinione (addirittura dovrebbe essere il medico stesso a farlo). A volte è necessaria addirittura una terza opinione, oppure un consulto collegiale, in cui diversi medici confrontano i loro punti di vista sul caso.

Se anche questo non funziona è facile, per il paziente, entrare nella spirale del "doctor shopping": si visitano moltissimi professionisti, spesso non informandoli del fatto che si sono effettuati altri consulti. E questo peggiora le cose, perché spesso si ottengono pareri discordanti, dispersivi, ed ogni volta si deve ricominciare daccapo l'iter diagnostico-terapeutico, con perdita di tempo e denaro.

Come si fa quindi a creare con il proprio medico un rapporto proficuo di rispettiva fiducia?

E' innegabile che il "feeling", che menzionavo all'inizio, abbia la sua importanza.

Il paziente ed il medico devono trovare un'intesa, motivata dall'obiettivo comune (far star bene il paziente). Ma l'obiettivo comune non è sufficiente. Medico e paziente devono trovare un canale comunicativo efficace e comune, e condividere culturalmente l'approccio al problema, nonché le modalità, nel tempo, per affrontarlo. Se vi sono difficoltà diagnostiche, il paziente lo deve capire, e deve accettare la difficoltà del proprio "caso". Se una malattia è difficile da diagnosticare e curare, è più facile che sia la malattia ad essere "carogna", e non per forza il medico. 

 

Nei casi difficili, quando usato con intelligenza, lo strumento della cosiddetta "second opinion" è sacrosanto. Ma ci vuole tanta onestà, sia da parte del paziente (che non deve nascondere al curante eventuali altri approcci diagnostico-terapeutici paralleli) sia da parte del medico (che deve essere in grado di conoscere i propri limiti diretti e saper essere consulente fino in fondo, consigliando, se necessario, il collega più indicato per il caso specifico, rinunciando a trattare il paziente in prima persona).

 

Il consiglio che posso dare a tutti quelli che si trovano nel dilemma di una difficile scelta diagnostico-terapeutica: ascoltate sì più pareri, ma mai più di tre.

Ragionate attentamente, rivolgete al medico tutte le domande che vi vengono in mente, infomratevi su conseguenze ed alternative di tutte le procedure.

E ricordate sempre che di norma, le procedure più invasive vanno lasciate per ultime, e se così non è, il medico vi deve dare una valida ragione.

 

Terminata questa fase, abbandonate ogni indugio, e affidatevi completamente a colui il quale vi ha ispirato più fiducia. Lasciatevi curare secondo i suoi metodi, e dedicatevi anima e corpo alla vostra guarigione e non ad alimentare le vostre ansie cercando di scoprire se magari esiste al mondo qualcuno di più bravo o autorevole di chi magari vi sta curando con dedizione e passione.

 


Messaggio modificato da sniper, 13 giugno 2014 - 12:21:06


#2 Visitatore_Filippo.D._*

Visitatore_Filippo.D._*
  • Visitatori

Inviato 13 giugno 2014 - 12:48:14

Non sono d'accordo. Ogni caso è a se.A volte ci vogliono 10 visite. Oppure nessuna. Credo che la cfs insegni che fermarsi al terzo medico in molti casi sarebbe stata una diagnosi errata.....

#3 sniper

sniper

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 306 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 13 giugno 2014 - 13:23:44

Io non sono nè totalmente d'accordo con quel che dice l'autore dell'articolo, nè totalmente in disaccordo, nel senso che in alcuni casi può essere così, e in altri può non esserlo.



#4 gabry

gabry

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 554 messaggi

Inviato 13 giugno 2014 - 13:30:40

io non ho fatto molte visite, ma la mia dott.ssa non dandomi cure ( visto che ormai tolleravo ben poco) mi ha spinto a cercarmele e con il fatto che la chimica non l'accetto sono stata spinta a cercare altre soluzioni......

viene naturale  e questo mi ha portato ad arrivare da medici che sanno di cosa siamo ammalati e come curarci anche se non sono ancora ascoltati dalla società... perchè si andrebbe contro le lobbi farmaceutiche e la medicina ufficiale.... ogni  corpo è diverso e non possono dare una cura uguale per tutti non è possibile...... e poi dobbiamo aiutarci, molto noi stessi e abituarci a capire che se un cibo ci fa male non dobbiamo mangiarlo solo per fare contenta la società......



#5 Lordz

Lordz

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 213 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 13 giugno 2014 - 14:15:22

credo che questi articoli nel caso di cfs\me ma anche fm valgano molto poco. parere mio



#6 sniper

sniper

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 306 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 14 giugno 2014 - 16:59:28

@Lordz Il concetto di "doctor shopping" può essere applicato sia a diagnosi diverse di una stessa sintomatologia, sia a possibili cause o cure diverse all'interno di una stessa diagnosi, soprattutto quando ci sono molte diverse "scuole di pensiero" come nel caso della CFS.



#7 Lordz

Lordz

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 213 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 14 giugno 2014 - 17:27:06

Certo ma il cosiddetto doctor shopping è necessario nei nostri casi, ai nostri tempi, non si scampa.. è noi non andiamo a cercare quello che vogliamo sentirci dire (non vogliamo quella cura, quella pillola, quella protesi??) ma cerchiamo altre soluzioni a quello che abbiamo. Non partiamo sapendo già in testa cosa vogliamo sentirci ma partiamo con la speranza di sentire dire qualcosa di diverso e proficuo a quanto già sappiamo..



#8 sniper

sniper

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 306 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 14 giugno 2014 - 18:13:18

Questo fenomeno può applicarsi a tutti i disturbi e anche alla CFS, che secondo me è particolarmente suscettibile a questo problema non avendo una causa riconosciuta da tutti, così come delle cure standard. Sono d'accordo con quel che dici, solo eviterei di generalizzare, perchè non penso che i pazienti di CFS o FM siano tutti uguali e tutti immuni da questo fenomeno. C'è caso e caso.


Messaggio modificato da sniper, 14 giugno 2014 - 18:15:31


#9 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 15 giugno 2014 - 23:23:53

Tanto per sdrammatizzare un po'.Romy

 

Il miglior medico è la natura: guarisce tre quarti delle malattie e non sparla dei suoi colleghi.

Louis Pasteur (attribuita anche a Galeno)

 

Una gran parte di quello che i medici sanno, è insegnata loro dai malati.

Marcel Proust, I Guermantes, 1920

 

I medici sono i più felici tra gli uomini: la rinomanza proclama i loro successi e la terra ricopre i loro errori. 

Francis Quarles, Hieroglyphics of the Life of Man, 1637


grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#10 Zac

Zac

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.849 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 15 giugno 2014 - 23:26:43

Ciao Romy, 

citazioni attuali ;)


Zac
Amministrazione

--------------------
"In medicina tutto quello che è sconosciuto è malattia mentale" (...)
"Una delle malattie più diffuse è la diagnosi." (Karl Kraus)
NO_CFS.gif

Le foto di Zac qui: PhotoZac


#11 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.372 messaggi

Inviato 15 giugno 2014 - 23:35:10

bravo Romy,

infatti l'articolo non è altro che frutto della presunzione dei medici

un po' come prima del concilio vaticano secondo il clero (i medici dello spirito)

non voleva tradurre la Bibbia in italiano perchè temevano che la gente non potesse capire....

o meglio che potesse criticare la chiesa e la religione......



#12 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 16 giugno 2014 - 00:00:42

Ciao Romy, 

citazioni attuali ;)

Zac,ciao anche a te è sempre un piacere tornare a leggere e scrivere su questo forum,che è parte della nostra vita.Romy


grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#13 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 16 giugno 2014 - 00:07:42

bravo Romy,

infatti l'articolo non è altro che frutto della presunzione dei medici

un po' come prima del concilio vaticano secondo il clero (i medici dello spirito)

non voleva tradurre la Bibbia in italiano perchè temevano che la gente non potesse capire....

o meglio che potesse criticare la chiesa e la religione......

Ciao Falco,hai cambiato nik,ed io mi sto' scervellando per ricordarmi quello di prima,a me molto familiare,vedi come si è ridotta la mia memoria,speriamo che ci dormo stasera.E' Tardi,hai parlato di Bibbia,ma c'è uno studio recente molto particolare sugli avvenimenti bibblici,lo trovero' e te lo dedichero'.Ciao.Romy

 

p.s.

 

Poi l'ho trovato il tuo vecchio Nik..EP.......sono andato sul vecchio forum a leggerlo.


Messaggio modificato da romy, 16 giugno 2014 - 00:13:23

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietÓ esclusiva di CFSItalia.it e ne Ŕ vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrÓ essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.