Vai al contenuto

Foto

La Juventus e l'uso del Samyr (Ademetionina)


  • Per cortesia connettiti per rispondere
8 risposte a questa discussione

#1 sniper

sniper

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 306 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 30 maggio 2014 - 10:00:56

Fonte: http://it.sport.calc...amyr-e-pessotto

 

Il principio è quello della S-adenosil-L-metionina, indicata in breve come ademetionina.
Appartiene al gruppo dei principi attivi neurologici. Il brevetto è di tre
imprese farmaceutiche: la Bioresearch con sede a Milano, la Knoll di Muggiò
(Milano) e la multinazionale Abbott con sede a Latina. Si trova in
commercio sotto forma di compresse e di flebo. Il nome commerciale è Samyr.
E' ufficialmente un antidepressivo, in realtà è un farmaco controverso. Le
indicazioni terapeutiche approvate dal ministero della Sanità hanno subìto
delle variazioni negli anni. La motivazione ufficiale è che, a seguito di
nuove conoscenze scientifiche e nuove sperimentazioni, c'è stata una
evoluzione rispetto alla tipologia di quel principio attivo e quindi si è
dovuta modificare la sua destinazione clinica. In realtà, in una prima
fase, risultava più utile offrire al mercato un farmaco tuttofare: per il
fegato e per la mente, per gli arti e per i dolori, per l'umore e per
l'artrite. Più malattie, più diffusione. Negli anni Ottanta, infatti, le
indicazioni terapeutiche del Samyr erano abbastanza ampie e riguardavano
innanzitutto le sindromi depressive ma anche gli stati epatici (malattie
del fegato), le artrosi primarie e le lombosciatalgie. Un ventaglio così
ampio che non poteva reggere a lungo. Sono partite ispezioni e richieste
dal ministero della Salute; in seguito a queste le tre imprese titolari del
brevetto hanno provveduto ad effettuare un aggiornamento della
documentazione sperimentale e clinica. Così dal 1993 il Samyr diventa
esclusivamente un farmaco contro la depressione clinica. Un antidepressivo,
dunque. Acquistabile solo con ricetta medica. 25 euro per una confezione di
20 compresse da 400 milligrammi. Non mutuabile. Il Samyr è stato utilizzato
massicciamente da 23 calciatori della Juventus per almeno quattro anni. Il
dato risulta sia dalle dichiarazioni che i calciatori hanno fatto quando
sono stati sorteggiati per il controllo antidoping (è capitato 43 volte in
quattro anni) sia dagli accertamenti compiuti dagli inquirenti a Torino nel
corso delle indagini a carico della Juventus e del suo medico sportivo
Riccardo Agricola. Tra il 1994 e il 1998 risultano acquistate dalla
Juventus 290 confezioni di Samyr 200 in fiale e 98 confezioni di Samyr 200
in compresse. Tra i farmaci in giacenza nel laboratorio juventino, durante
un blitz della Finanza, sono state rinvenute 20 confezioni di Samyr
compresse. La domanda ritorna legittima: che cosa ci faceva un
antidepressivo nello spogliatoio della Juventus? Perché un medicinale che
si vende solo su prescrizione veniva somministrato a ventitrè giocatori in
buona salute? Pochi, timidi, tentativi di risposta a questa domanda sono
arrivati nel corso del processo che il procuratore di Torino Raffaele
Guariniello ha aperto il 31 gennaio del 2002 contro lo stato maggiore della
società juventina, in particolare il medico Agricola, il dirigente Antonio
Giraudo e il farmacista Michele Rossano. Un processo che si è concluso in
primo grado con una condanna e in appello con un'assoluzione (l'uso di
farmaci è «un fenomeno certamente deprecabile sotto il profilo sportivo»,
ma in ogni caso non costituisce reato, nemmeno dal punto di vista della
somministrazione pericolosa: questa la motivazione della sentenza di
assoluzione). Un processo che, al di là del dato giudiziario, ha consegnato
una verità incontrovertibile: gli spogliatoi della Juventus, negli anni
Novanta, erano pieni di farmaci: 281 specialità («una dotazione pari a
quella di un piccolo ospedale», venne sottolineato in aula). Medicinali per
il cuore come il Neoton, per la circolazione come lEsafosfina,
corticosteroidi come il Bentelan, farmaci per la depressione come il Samyr.
Farmaci importanti somministrati a calciatori sani.

Gli atti del processo di Torino consegnano uno scenario sconcertante. L'8
gennaio 1995 Ciro Ferrara rivela all'antidoping di aver assunto
Epargriseovit, Neoton e Voltaren. Il 15 gennaio '95 dichiara Epargriseovit
ed Esafosfina, più Voltaren e Samyr. Il 26 febbraio Esafosfina e Voltaren.
Il 12 marzo '95 Neoton e Voltaren. Fra l'8 marzo e il 9 aprile 1995
Fabrizio Ravanelli viene sorteggiato quattro volte, e sempre dichiara di
aver preso il Neoton, una volta anche il Samyr. L'antidepressivo è stato
somministrato sistematicamente a calciatori come Birindelli, Conte, Del
Piero, Ferrara, Peruzzi, Ravanelli, Tacchinardi. E Pessotto, naturalmente.
Calciatori che, sfilando davanti al giudice Casalbore di Torino, hanno
candidamente ammesso di prendere di tutto. Birindelli: «Facevo delle flebo
con un prodotto di cui non ricordo il nome...». Tacchinardi: «Prendevamo
delle pastiglie in un sacchetto. A volte mi capitava di mandarle giù tutte
insieme. Erano pastiglie di colore e dimensioni diverse...». Pessotto: «Io
mi sentivo un pò stanco e chiedevo, parlando col dottore, che mi facesse
queste flebo...». Conte: «Quando giocavamo tre partite alla settimana
prendevo il Samyr, facevamo una flebo.... Vialli: «Mi capitava prima della
partita di ricevere una puntura di Voltaren... Facevo iniezioni di
Samyr...». Torricelli: «Facevo iniezioni per via intramuscolare, o per via
venosa, di Samyr. Assumevo anche creatina...». Ravanelli: «Qualche volta ho
fatto anche uso di Samyr... Mi veniva somministrato nei momenti di
stanchezza, tramite punture o nella flebo...». Peruzzi: «Facevamo le
punture di Samyr nello spogliatoio prima della partita...». Amoruso:
«C'erano delle bustine che contenevano la creatina, e chi voleva la
richiedeva e veniva preparata... Vedevo le scatole di Samyr nello
spogliatoio». Il medico sociale della Juve si è difeso dicendo che il Samyr
veniva usato perché svolgeva funzione antiossidante. Il Samyr inoltre,
secondo i medici bianconeri, potrebbe essere stato utilizzato contro
l'affaticamento. In realtà tutte e due le versioni vengono smontate dai due
periti nominati dal giudice Casalbore, l'ematologo Giuseppe D'Onofrio e il
professor Eugenio Mueller. «Dalle documentazioni processuali - si legge
nella perizia del professor Mueller, direttore del dipartimento
tossicologia dellUniversità di Milano - appare evidente che a un numero
considerevole di calciatori è stato somministrato per via sistemica del
Samyr sebbene in nessuno di essi fossero riscontrabili manifestazioni
depressive». «Dagli atti processuali - continua l'esperto - si rileva che
il Samyr è stato anche somministrato sia per fleboclisi nei tempi
immediatamente precedenti la partita sia nei periodi antecedenti la stessa
in assenza di partecipazione ad incontri calcistici infrasettimanali. Nel
corso del dibattimento, lo staff medico della Juventus ha presentato il
ruolo terapeutico del Samyr in maniera contraddittoria, anche dagli
studiosi periti di parte. Il Samyr è stato dapprima descritto come uno di
quei farmaci dotati di scarsa ed incerta attività farmacologica perché
costituiti da sostanze naturali endogene. Poi è stato descritto come un
medicamento atto alla terapia di affezioni epatiche». «Quindi - conclude
Mueller - anche nel caso di un supposto uso in campo epatologico del Samyr,
le prescrizioni sono da considerarsi off-label».

La perizia del professor Mueller continua impietosa: «Durante il
dibattimento, da alcuni studiosi, è stato affermato che il Samyr non può
essere attivo sul neurochimismo dei calciatori della Juventus in quanto
essi, come individui sani, non hanno un ridotto turnover dei
neuromediatori. In realtà, va considerato che gli atleti sani, allenati a
specifiche prestazioni, hanno un adattamento biofisiologico non solo
muscolare ma, anche, cerebrale, per cui lazione del Samyr si deve
confrontare con un neurochimismo profondamente modificato». Il risultato è
che il sistema psichico «risulta profondamente attivato dall'adattamento
alla prestazione, per cui nei soggetti sani atleti è postulabile che
l'allenamento e le prestazioni e la contemporanea somministrazione del
Samyr possa indurre una attivazione delle reazioni neurofisiologiche».
D'altra parte, «gli studi più recenti, attuati con valutazioni di mappatura
elettroencefalografica, hanno dimostrato che il trattamento con Samyr
induce delle significative modificazioni dell'attività elettrica cerebrale
sia nei giovani adulti sani, sia negli anziani sani, indicando che
l'attivazione dei processi transmetilativi produce effetti neurofisiologici
anche in condizioni di normalità». La somministrazione di un antidepressivo
in un paziente sano, peraltro in ottime condizioni atletiche, insomma, è
ben lontana dall'essere innocua: al contrario, può attivare processi
cerebrali negativi. Eppure è una pratica diffusissima nello sport e in
particolare nel calcio. E non solo in casa Juve. Alcuni esperti sostengono
che gli antidepressivi vengono utilizzati come coprenti: hanno cioè la
capacità di non far emergere dagli esami antidoping luso di sostanze
proibite come gli steroidi. Per questo se ne farebbe un uso abbondante in
tutti gli sport che ricorrono a farmaci proibiti, in particolare per gli
sport di grande fatica muscolare. In primis, calcio, ciclismo e alcune
discipline dell'atletica leggera. Voci di dentro degli ambienti sportivi
parlano di uso massiccio di antidepressivi cosiddetti serotoninergici negli
spogliatoi. Farmaci come il Prozac, il Sereupin, il Seroxat vengono
somministrati, a compresse, in maniera squilibrata, poco prima delle gare.
Sia perché inducono alliperattività e placano gli stati ansiosi, sia
perché appunto avrebbero la capacità di coprire agli esami del sangue e
dell'urina luso di altre sostanze proibite.

«Ogni sport ha la sua personale farmacia - osserva Fabio Grieco, medico
sportivo - ma, nel caso degli anabolizzanti facciamo riferimento a sostanze
che, per le loro caratteristiche, attraversano quasi tutti i settori. Si
tratta di farmaci che incrementano la massa muscolare e, di conseguenza, la
forza motoria. Il danno che provoca questo tipo di doping è notevole,
perché viene utilizzato per ottenere prestazioni di lunga durata;
l'equilibrio fisiologico dell'atleta viene così messo a rischio in
profondità, spesso al limite stesso della propria vita». Gli anabolizzanti
vengono individuati dai controlli antidoping, quindi ci vogliono sostanze
coprenti. Farmaci consentiti che hanno la capacità di schermare l'organismo
e di dare lidea a chi controlla che eventuali alterazioni dipendono da
queste assunzioni e non dalle sostanze proibite.

Antonio Menna

 

 



#2 sniper

sniper

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 306 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 30 maggio 2014 - 10:05:19

Fonte: http://sportstory.it...dei-calciatori/

 

 

 

La Juventus, la più potente e famosa società di calcio d’Italia e forse d’Europa, è sotto processo con l’accusa più grave e infamante che si possa formulare nel calcio: la frode sportiva attraverso il doping”

 
La Juventus possedeva una quantità di farmaci, pari alle forniture di un ospedale, ospitando nei propri armadietti anche medicinali consentiti solo per un uso ospedaliero. I giocatori venivano “alimentati” con farmaci vietati e con medicinali utilizzati off-label, ovvero fuori dall’utilizzo segnalato nel foglietto illustrativo, ma l’elemento più grave è il fatto che venivano somministrati su soggetti sani. Tra tutte le tipologie utilizzate colpisce la somministrazione di Samyr, “autorizzato dal Ministero della Salute per il trattamento delle sindrome depressive” e citato dai giocatori come un disintossicante per alleviare le fatiche. Gli imputati Giraudo e Agricola devono rispondere di: ricettazione di farmaci vietati; truffa e detenzione vietata di medicinali procurati con false ricette; somministrazione di farmaci pericolosi per la salute ai giocatori; detenzione illegale di centinaia di farmaci riservati all’uso ospedaliero; violazione della legge 626 sulla sicurezza dei lavoratori, per non aver redatto “il documento di valutazione dei rischi”; violazione della legge sull’Aids, per aver sottoposto i calciatori al test senza dirottarli in altri laboratori ed infine l’accusa più grave frode sportiva mediante doping.
“Agricola, dipinto come un Cagliostro dei tempi moderni: una sorta di alchimista del doping, che ancor prima di gonfiare i muscoli dei giocatori ne suggestiona le menti, il sistema nervoso, la psiche per renderli più aggressivi e meno sensibili alla fatica”

 

Il testo è interessante, perché permette di addentrarsi attraverso gli atti processuali partendo da chi dovrebbe essere vittima del doping farmacologico. I calciatori si presentano davanti al giudice con un racconto e delle risposte standard che in alcune circostanze portano alla reticenza a collaborare. Anche sulla creatina, nonostante l’ammissione del medico Agricola, i giocatori raccontano versioni varie e frammentarie. Chi ne assumeva due grammi (contro i sei dichiarati dal medico), chi prima delle partite, chi durante, chi solo in ritiro e chi infine non l’assumeva proprio. Nelle deposizioni emerge in diverse circostanze la propensione all’omissione di alcuni che spazientisce il giudice che si sente ripetere ciclicamente la frase “Non ricordo”. Le seguenti dichiarazioni, però, forniscono un quadro preciso delle abitudini:
Ciro Ferrara: “Ho fatto uso di Samyr, ma non so cosa sia e non ricordo come lo assumevo…”
Alessandro Del Piero: “Avevo l’abitudine di prendere la creatina una volta al giorno. Poi è capitato che la prendevo con i cucchiaini due volte al giorno…”
Filippo Inzaghi: “Ricordo di avere assunto il Samyr per via endovenosa come vitamina… Prendevo anche un po’ di creatina, una bustina…”
Zinedine Zidane: “Facevo la flebo di vitamine prima della partita, in albergo… Ho assunto il Samyr ma non ricordo cos’era…”
Antonio Conte: “Quando giocavamo tre partite alla settimana prendevo il Samyr, facevamo una flebo…”

 



#3 cielo

cielo

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 295 messaggi

Inviato 30 maggio 2014 - 14:28:06

Probabilmente il motivo per cui lo prendevano e' che ti fa' sentire meno la fatica. Avrebbero sostanzialmente potuto raggiungere gli stessi risultati, senza rischi legali, con una spremuta concentrata di barbabietole le quali aumentano di non poco il metabolismo del SAMe!!!


Messaggio modificato da cielo, 30 maggio 2014 - 14:30:39


#4 sniper

sniper

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 306 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 30 maggio 2014 - 19:15:58

Cielo, non penso proprio, altrimenti non credi che l'avrebbero fatto? lì girano molti soldi, e ci tengono ad ottenere la prestazione ottimale, nulla è lasciato al caso, e quella Juventus vinse tre campionati italiani di fila e partecipò a tre finali di Coppa dei Campioni consecutivi (la massima competizione europea per club).


Messaggio modificato da sniper, 30 maggio 2014 - 19:17:30


#5 Brisen

Brisen

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.173 messaggi
  • Gender:Female

Inviato 31 maggio 2014 - 10:49:33

Ho trovato questa inchiesta di report di qualche anno fa.... Parla di doping nel calcio e SLA. Viene nominato anche il Samir.

http://www.report.ra...c12b14d170.html

#6 sniper

sniper

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 306 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 31 maggio 2014 - 14:33:32

Ho trovato questa inchiesta di report di qualche anno fa.... Parla di doping nel calcio e SLA. Viene nominato anche il Samir.

http://www.report.ra...c12b14d170.html

 

Viene citata anche la creatina, che è un integratore. Vengono citati due farmaci a detta di ex calciatori utilizzati molti anni fa, estratti di corteccia surrenale e il cardiotonico micoren, e che solo in seguito sono diventati doping. Viene fatto notare come i calciatori forse non dicono tutta la verità ma molto probabilmente non erano nemmeno bene a conoscenza di ciò che era fatto loro assumere. Viene citata una truffa contro i controlli antidoping e viene citato il Samyr che non è mai stata e tuttora non è considerata una sostanza proibita dopante, quindi che non c'entra nulla con i controlli antidoping. In quella Juventus facevano anche flebo di vitamine, ma non è che di conseguenza le vitamine causano la SLA.

L'inchiesta non segue sempre un filo logico, insinua, passa dalle prescrizioni off label ma non dopanti della Juventus, alla SLA e a non specificate sostanze somministrate anni fa, all'estratto di corteccia surrenale, alla truffa dei controlli antidoping truccati, per poi tornare alle prescrizioni improprie e infine ai bilanci truccati. Il video è un minestrone eterogeneo sui mali del calcio, partendo dall'uso di sostanze varie, dalla creatina, all'insinuazione che la crescita muscolare di alcuni calciatori sia dovuta all'uso di ormoni proibiti, non fa distinguo e ciò può creare confusione. In questo video c'è qualche notizia ma genera anche confusione, a mio parere.


Messaggio modificato da sniper, 31 maggio 2014 - 14:38:16


#7 Brisen

Brisen

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.173 messaggi
  • Gender:Female

Inviato 01 giugno 2014 - 08:26:03

Beh, sicuramente non dà nessuna risposta :) a tutt'oggi ancora non si sa causa della SLA infatti.... Le ipotesi vanno dal doping ai pesticidi usati sui campi da calcio....

#8 sniper

sniper

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 306 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 12 maggio 2015 - 19:15:26

"Il Samyr è una specialità medicinale a base di ademetionina che è un sinonimo della S-adenosil-L-metionina, indicata anche come ‘SAMe’. La S-adenosil-L-metionina è una molecola fisiologica pressoché ubiquitaria nell’organismo, dove interviene in molti processi biochimici. Le indicazioni terapeutiche del Samyr approvate dal Ministero della Sanità hanno subito delle variazioni in funzione dell’evoluzione delle conoscenze scientifiche e delle richieste del Ministero stesso. Attualmente (e già all'epoca dei fatti), il farmaco è indicato nelle sindromi depressive: e sappiamo che, invece, il Samyr veniva somministrato al di fuori delle indicazioni, ad atleti senza diagnosi di disturbi depressivi. Pare altrettanto evidente, tuttavia, che il profilo di sicurezza del Samyr e le sue caratteristiche farmacologiche non consentano di ipotizzare né danni a breve o lungo termine per gli sportivi (il farmaco può perfino essere utilizzato dalle donne in stato di gravidanza), né miglioramento della performance atletica. La sostanza, inoltre, non è inserita nelle liste CIO."

 

"Liposom forte. Si tratta di un farmaco a base di fosfolipidi ipotalamici, componenti delle membrane delle cellule nervose. Il suo utilizzo clinico è giustificato quando si somministra come coadiuvante nella terapia delle alterazioni metaboliche cerebrali conseguenti a turbe neuroendocrine, generalmente al dosaggio di 1 fiala (2 ml) al giorno per via intramuscolare o endovenosa. Il farmaco non richiede particolari avvertenze e precauzioni per l'uso. La somministrazione del prodotto può essere effettuata contemporaneamente a terapia con altri farmaci. Può essere somministrato anche in gravidanza e durante l'allattamento sotto il diretto controllo del medico, non interferisce sulla capacità di guidare; i test preclinici hanno dimostrato che il farmaco è privo di tossicità, di potere mutageno ed è dotato di ottima tollerabilità. Il farmaco contiene, tra gli eccipienti, una minima dose di mannitolo, un diuretico osmotico che risulta incluso dal CIO nella Classe D “Diuretici”, vietata indipendentemente dal dosaggio, comunque insignificante nel produrre qualsiasi effetto diuretico.
Analogamente, i fosfolipidi ipotalamici costituiscono il principio attivo del Tricortin 1000, il quale è indicato per stati ipossidotico-dismetabolici del SNC: traumi cranici, sindromi commozionali e stati post-commotivi, encefalomielopatie aterosclerotiche, cefalee vasospastiche o tossiche, intossicazioni endogene ed esogene, sindromi polialgico-neurosiche: polineuriti tossiche alcoliche, poliradicoloneuriti artrosiche, paralisi periferiche del VII, stati polialgiconeurosici senza base organica obbiettivabile. Anche in questo caso, farmaco sicuro e privo di effetti collaterali noti ai dosaggi terapeutici. Tuttavia, il Tricortin 1000 contiene l'anestetico locale lidocaina che è incluso nelle liste del CIO fra le sostanze con uso a restrizione e necessità di certificazione medica comprovante il diagnostico, che deve essere trasmesso alle autorità sportive competenti a mezzo di notifica.
La lidocaina (o xilocaina) è un anestetico locale, utilizzato spesso durante infusione di prodotti per via endovenosa o intramuscolare per ridurre il dolore locale: è la stessa sostanza che si utilizza per piccoli interventi chirurgici, oppure nelle preparazioni dermatologiche ad uso topico su cute e mucose (pomate per emorroidi o lubrificanti, soluzioni per lesioni orali, ecc...)."

 

Fonte: http://www.ju29ro.co...iamo-chiarezza2

 

Sui fosfolipidi: http://www.cfsitalia...om-e-tricortin/

 

http://www.robertoeu...ssor muller.pdf

 

Discussione sul Samyr: http://www.cfsitalia...ina-same-samyr/


Messaggio modificato da sniper, 12 maggio 2015 - 19:23:35


#9 sniper

sniper

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 306 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 12 febbraio 2016 - 12:21:58

Considerando la varietà di sintomi per cui il Samyr-ademetionina risulta efficace, è davvero riduttivo considerarlo soltanto un antidepressivo. Depressione, fibromialgia, osteoartrosi, steatosi epatica, sono soltanto alcune condizioni in cui si è rivelato clinicamente efficace. Avrebbero quindi potuto giustificare la prescrizione di Samyr per l'indolenzimento delle articolazioni, o per il recupero muscolare... del resto in molti paesi del mondo è un integratore, anche se non nella forma iniettabile ma in quella per bocca (orale). 

 

Una descrizione generale di tutte le applicazioni:

 

Panoramica
 
La S-adenosilmetionina (SAMe) è un composto naturale che si trova in quasi tutti i tessuti e liquidi del corpo. E' coinvolto in molti processi importanti. La SAMe svolge un ruolo nel sistema immunitario, sostiene le membrane cellulari, e aiuta a produrre e abbattere prodotti chimici del cervello, come serotonina, melatonina e dopamina. Funziona assieme a vitamina B12 e acido folico (vitamina B9). Essere carenti di vitamina B12 o di folato può ridurre i livelli di SAMe nel vostro corpo. Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che la SAMe aiuta ad alleviare il dolore da osteoartrite, e altri studi suggeriscono che la stesso può aiutare a trattare la depressione. I ricercatori hanno anche esaminato l'uso della SAMe nel trattamento di fibromialgia e malattie del fegato, con risultati alterni. Molti dei primi studi hanno utilizzato SAMe somministrato per via endovenosa o come iniezione. Solo recentemente i ricercatori sono stati in grado di guardare gli effetti della SAMe preso per bocca.
 
Depressione
 
Alcune ricerche suggeriscono che la SAMe è più efficace del placebo nel trattamento della depressione lieve-moderata ed è altrettanto efficace come i farmaci antidepressivi senza averne gli effetti collaterali (mal di testa, insonnia, e disfunzione sessuale). Inoltre, gli antidepressivi tendono a metterci 6 - 8 settimane per iniziare a funzionare, mentre la SAMe sembra agire in modo più rapido. I ricercatori non sono sicuri esattamente di come la SAMe agisce per alleviare la depressione, ma ipotizzano che potrebbe aumentare la quantità di serotonina nel cervello (proprio come fanno alcuni antidepressivi).
Tuttavia, molti degli studi hanno esaminato forme iniettabili di SAMe, non un integratore orale, e la qualità degli studi è variata. Un studio ben progettato non è riuscito a trovare alcun beneficio. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare che la SAMe funziona per la depressione. Poiché la grave depressione è una malattia pericolosa, ci si dovrebbe rivolgere al proprio medico prima di assumere SAMe o qualsiasi integratore. Non trattatevi da soli.
 
Osteoartrosi o osteoartrite
 
Un certo numero di studi clinici ben fatti mostrano che la SAMe può ridurre il dolore e l'infiammazione delle articolazioni, e i ricercatori pensano che potrebbe anche promuovere la riparazione della cartilagine, anche se non sono sicuri su come e perché funziona. In diversi studi a breve termine (che vanno da 4 a 12 settimane), gli integratori di SAMe sono stati efficaci quantoi farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l'ibuprofene e il naproxene, negli adulti con il osteoartrosi a ginocchio, anca, o della colonna vertebrale, nel diminuire la rigidità mattutina, diminuendo il dolore, riducendo il gonfiore, migliorare la gamma di movimento, e aumentando il ritmo di camminata. Diversi studi suggeriscono anche che la SAMe ha meno effetti collaterali rispetto ai FANS. Un altro studio ha confrontato SAMe a celecoxib (Celebrex), un tipo di FANS chiamato inibitore della COX-2, e ha scoperto che nel tempo il SAMe è risultato efficace come celecoxib nell'alleviare il dolore. Tuttavia, altri studi non mostrano differenze nel sollievo dal dolore o nella tollerabilità tra il trattamento con il SAMe o habumetone per più di 8 settimane in pazienti con osteoporosi del ginocchio.
 
Fibromialgia
 
La SAMe può essere efficace nel ridurre i sintomi della fibromialgia - tra cui il dolore, stanchezza, rigidità mattutina, e umore depresso - anche se la maggior parte di questi studi hanno utilizzato una forma iniettabile di SAMe. Tra gli studi che hanno esaminato una dose di SAMe per bocca, alcuni hanno trovato che fosse efficace nel ridurre questi sintomi, mentre altri non hanno trovato alcun beneficio.
 
Malattia del fegato
 
Le persone con malattia epatica spesso non sono in grado di sintetizzare SAMe nei loro corpi. Alcuni studi preliminari suggeriscono che l'assunzione di SAMe potrebbe aiutare a curare malattie croniche del fegato causate da farmaci o alcolismo. Uno studio su 123 uomini e donne con cirrosi epatica alcolica (insufficienza epatica) ha verificato che il trattamento con SAMe per 2 anni ha migliorato i tassi di sopravvivenza e ritardato la necessità di trapianti di fegato in maniera migliore che con il placebo. Altri studi mostrano che SAMe può aiutare a normalizzare i livelli di enzimi epatici nelle persone con malattia epatica. Studi nei topi dimostrano che la SAMe protegge contro i danni al fegato e può anche invertirli. Tuttavia, tali studi sono stati piccoli e di breve durata. Studi più ampi e più lunghi sono necessari per confermare questi risultati.
 
Demenza
 
Prove preliminari suggeriscono che la SAMe può migliorare i sintomi cognitivi, come la capacità di recuperare informazioni e ricordare le parole. I ricercatori sospettano che la SAMe agisce sulle regioni del cervello che regolano l'espressione genica delle proteine amiloidi, una delle caratteristiche della malattia di Alzheimer.
 
Altro
 
Alcuni studi suggeriscono che la SAMe SAMe può efficacemente inibire le cellule tumorali del cancro. Altri studi suggeriscono che prendre la levodopa (L-dopa) per il morbo di Parkinson, può abbassare i livelli di SAMe nel corpo, cosa che può contribuire alla depressione e ad aumentare gli effetti collaterali dell' L-dopa. Tuttavia, i ricercatori hanno anche trovato prove che l'assunzione di SAMe potrebbe rendere la L-dopa meno efficace. Se ha una malattia di Parkinson, non prenda SAMe senza parlarne prima con il medico curante.
 
Fonti alimentari
 
La SAMe non si trova negli alimenti. È prodotta dal corpo dall'ATP e dall'amminoacido metionina. (l'ATP serve come fonte di energia per le cellule in tutto il corpo).
 
Forme disponibili
 
La SAMe è disponibile in compresse o capsule, che sono più stabili e possono essere più affidabili in termini di quantità della SAMe nella pillola (la SAMe è disponibile anche sotto forma di fiale iniettabili per via intramuscolare o per via endovenosa. N.d.T). Esse devono essere conservate in un luogo fresco e asciutto, ma non in frigorifero. Le compresse devono essere tenute nel blister fino a quando le assumete.
 
Come assumere
 
Iniziare con una dose bassa (ad esempio, 200 mg al giorno) e aumentare lentamente aiuta a evitare disturbi di stomaco.
È importante notare che molti degli studi sulla SAMe hanno testato forme iniettabili, non orali. Non è chiaro quanto è affidabile o efficace assumere SAMe per via orale. Piccoli studi suggeriscono che la supplementazione orale con SAMe non è ben assorbita dal corpo. I medici raccomandano di assumere SAMe per via orale con vitamina B12, acido folico, metionina e trimetilglicina, per aumentarne l'assorbimento.
 
Nella popolazione pediatrica
 
La SAMe non dovrebbe mai essere data a un bambino senza la supervisione del medico.
 
Adulti
 
Le dosi raccomandate di SAMe variano a seconda delle condizioni di salute da trattare. Il seguente elenco fornisce informazioni sui dosaggi utilizzati negli studi per ogni condizione:
 
Depressione: 800 - 1.600 mg di SAMe al giorno, in 2 dosi separate (mattino e pomeriggio)
 
Artrosi: 600 - 1200 mg al giorno in 2 - 3 dosi divise
 
Fibromialgia: Una dose di 400 mg 2 volte al giorno per 6 settimane
 
Malattia epatica alcolica: 600 - 1.200 mg al giorno per via orale in dosi suddivise, per 6 mesi, migliorano la funzionalità epatica. Per la malattia del fegato, un operatore sanitario qualificato deve supervisionare la somministrazione di SAMe.
 
Precauzioni
 
A causa del potenziale di effetti collaterali e di interazioni con i farmaci, si dovrebbe assumere integratori alimentari solo sotto la supervisione di un medico esperto.
 
Gli effetti collaterali possono includere secchezza della bocca, nausea, gas, diarrea, mal di testa, ansia, senso di euforia, irrequietezza e insonnia. Sono stati segnalate anche sudorazione, vertigini e palpitazioni. Per questo motivo, non si deve assumere SAMe di notte.
 
Grandi dosi di SAMe possono causare mania (stato d'animo anormalmente elevato). Iniziare con una dose bassa e aumentare gradualmente. Non superare le dosi consigliate.
 
Le donne in gravidanza e allattamento non devono assumere SAMe.
 
Le persone con disturbo bipolare (psicosi maniaco-depressiva), non devono assumere SAMe in quanto può peggiorare gli episodi maniacali.
 
La SAMe non dovrebbero essere combinata con altri antidepressivi senza prima consultare il medico.
 
Le persone che assumono SAMe possono decidere di prendere un multivitaminico che contiene acido folico e vitamina B12 e B6 .
 
Possibili interazioni
 
Se siete in trattamento con uno qualsiasi dei seguenti farmaci, non dovreste usare la SAMe senza prima parlare con il vostro medico.
Assumere SAMe contemporaneamente con questi farmaci può aumentare il rischio di sindrome serotoninergica (una condizione potenzialmente pericolosa causata dall'avere troppo serotonina nel corpo):
 
Destrometorfano (Robitussin DM, altri sciroppi per la tosse)
Meperidina (Demerol)
Pentazocina (Talwin)
Tramadolo (Ultram)
 
Farmaci antidepressivi - la SAMe può interagire con i farmaci antidepressivi, aumentando il rischio di effetti collaterali tra cui mal di testa, battito cardiaco accelerato o irregolare, ansia e irrequietezza, così come la potenziale condizione fatale chiamata sindrome serotoninergica, menzionata sopra. Alcuni esperti ipotizzano che l'assunzione di SAMe aumenti i livelli di serotonina nel cervello, e molti antidepressivi fanno lo stesso. La preoccupazione è che la combinazione dei due può provocare un pericoloso aumento dei livelli di serotonina. Parlate con il vostro medico prima di assumare SAMe se state prendendo dei farmaci per la depressione o l'ansia.
 
Levodopa (L-dopa) - SAMe può ridurre l'efficacia di questo farmaco per il morbo di Parkinson.
 
Farmaci per il diabete - stesso può ridurre i livelli di zucchero nel sangue e può potenziare l'effetto di farmaci per il diabete, che aumenta il rischio di ipoglicemia (zucchero nel sangue).
 
Fonte

 


Messaggio modificato da sniper, 12 febbraio 2016 - 12:24:41





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietÓ esclusiva di CFSItalia e ne Ŕ vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.