Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

infezioni derivanti da batteri, muffe e virus di origine alimentari


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1 risposta a questa discussione

#1 pia

pia

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 200 messaggi
  • Gender:Female

Inviato 17 settembre 2013 - 17:02:51

Ciao tutti! Ho trovato questo articolo oggi ... c'e' di che spaventarsi  :unsure:

-----------------------------------------------------------------------------

 

http://www.buonissim...occhio_al_cibo_

 

Italia, primato di malattie alimentari

 

L'Italia detiene un triste primato, è infatti seconda nel mondo in tema di malattie alimentari, dal momento che ogni giorno il Nucleo Antisofisticazioni scopre alimenti inquinati da batteri e virus di varia provenienza.

Secondo i dati forniti dall’Efsa, l’Autorità Europea per la sicurezza alimentare, l’Italia si trova al 2° posto in tema di malattie alimentari. Il triste primato, reso ancora più incredibile dal fatto che oltre a sembrare in aumento arriva in un periodo in cui l’igiene alimentare dovrebbe essere patrimonio di tutti, è anche confermato dal nostro Ministero della Salute che conferma che la presenza di alcuni bacilli come quello della salmonella è in aumento sul nostro territorio.

 

L’OMS indica in circa il 30% della popolazione dei paesi industrializzati sia vittima, almeno una volta l’anno, di qualche infezione derivanti da batteri, muffe e virus di origine alimentari.

 

Il numero di agenti patogeni è oltretutto in salita legati al fatto che sono in aumento sia i viaggi commerciali che lo sviluppo di allevamenti di grosse dimensioni per la ristorazione collettiva.

 

Sicuramente ricorderete i casi dei frutti di bosco surgelati contenenti epatite A, o il cambio di colore delle mozzarelle o anche del pesto in vasetto che ha fatto ricoverare decine di persone.

 

Insomma, oggi mangiare è diventato pericoloso se non viene seguito un flusso di sicurezza che spesso le grandi aziende, e più frequentemente le piccole, tralasciano di seguire completamente.

Ma non è solo nel processo aziendale che virus e batteri trovano un habitat favorevole alla loro prolificazione.

 

Un recentissimo studio della NSF, organizzazione americana che si occupa di sicurezza alimentare, ha stabilito che oltre il 20% delle intossicazioni alimentati dipendono dalla cattiva conservazione o cottura casalinga.

Il nostro frigorifero, ad esempio, contiene salmonella, muffe e anche la Escherichia coli, che è possibile eliminare solo quando la carne viene poi posta in cottura che superi la soglia dei 71 °C.

 

La malattia più comune in Europa è infatti la campilobatteriosi, dovuta al consumo di carne di pollo poco cotta oppure da altri alimenti che sono entrati in contatto con la carne di pollo cruda.

L’igiene in cucina si dimostra quindi essenziale per evitare il proliferarsi di situazioni di disagio, generalmente febbre e diarrea, ma anche con conseguenze più importanti.

 

Ecco i batteri più diffusi nei cibi:

 

- Bacillus cereus: presente in cereali cotti, formaggio, creme, uova, maionese  -  Sintomi:  Nausea, vomito, diarrea e crampi che si autorisolvono in 24h  -  Prevenzione: Conservazione del cibo a +4° in frigorifero e pulizia accurata della cucina

 

- Staphylocuccus aureus: presente in carni poco cotte, latte, panna, formaggi non pastorizzati e composti quali pasticcini, creme, maionese e salse  -  Sintomi:  Entro poche ore nausea, diarrea, crampi addominali, diarrea che passano in circa 48h  -  Prevenzione:  Conservazione del cibo a +4° in frigorifero e pulizia accurata della cucina

 

- Clostridium perfringens: presente in bolliti, sughi, arrosti, brodo di carne  -  Sintomi:  entro 24h crampi addominali e diarrea che si auto risolvono in circa 24h  -  Prevenzione:  si distrugge la tossina mantendendo a 60° il cibo per almeno una decina di minuti

 

Tra gli alimenti più a rischio ovviamente troviamo il pesce crudo (sushi e sashimi in primis).

 

Anche se per legge i ristoranti sono obbligati a passare il pesce nell’abbattitore per 24h per eliminare batteri e parassiti pericolosi, il rischio rimane attivo, specie qualora il ristorante non sia ben conosciuto.

Donne incinte, bambini ed anziani in genere dovrebbero consumare solo pesce, molluschi e crostacei ben cotti e ciononostante è buona regola evitare di acquistare pesce su mercati non refrigerati e frutti di mare conservati con l’acqua di mare.

 

Dopo l’acquisto dovremo poi conservare sempre il pesce tenendolo separato dagli altri alimenti mentre se viene acquistato congelato evitate le confezioni bagnate o ricoperte da brina, gonfie o non lineari nella forma.

 

Anche la carne ovviamente non è meno pericolosa. Quella di pollo e suino possono contenere microorganismi responsabili  delle più comuni infezioni. Anche qui l’invito sull’acquisto è quello di recarsi in negozi che conoscete e evitare di acquistare carne presente su banchi non refrigerati. Anche per la carne occorre limitarsi nel consumo di quella cruda o eccessivamente ‘al sangue’.

 

Come già detto la conservazione va effettuata a 4°C e tenendo la carne separata da altri alimenti mediante fogli di alluminio e senza superare i 2-3 gg di presenza nel frigorifero.

 

Ma in tema di prevenzione l’attenzione più importante va riposta nei confronti delle uova, principale veicolo di salmonellosi ed altre malattie. Ecco perché la cottura è sempre indispensabile per prevenire i sintomi di malattie alimentari.

 

Nel caso di uova crude, come quelle usate per le salse, occorre prestare molta attenzione ad acquistare prodotti freschissimi e controllati.  Il Ministero della salute consiglia inoltre di lavare i gusci e di riporli in frigorifero mai a contatto con altri alimenti. Spesso la confezione di acquisto, priva della carta, aiuta ad evitare la proliferazione di batteri e virus.

-----------------------------------------------------------------------------

 


Dateci almeno il diritto di vivere dignitosamente questa nostra agonia!!!

#2 Brisen

Brisen

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.173 messaggi
  • Gender:Female

Inviato 18 settembre 2013 - 08:44:18

Mi sembra tanto uno di quegli articoli scritti per screditare la buona cucina e la qualità dei prodotti italiani.... Ne ho letti parecchi così!




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietÓ esclusiva di CFSItalia.it e ne Ŕ vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrÓ essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.