Vai al contenuto

Foto

Wpi Remains Convinced -retroviru​s Linked To Cfs


  • Per cortesia connettiti per rispondere
3 risposte a questa discussione

#1 trees

trees

    Nuovo entrato

  • Utenti
  • Stelletta
  • 13 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Hollanda
  • Interests:divers

Inviato 12 maggio 2011 - 20:09:15

May 9, 2011



While WPI researchers continue to review the data
presented by Dr. Singh, we believe that it is
important to correct and clarify information regarding
this study.

Several individuals were consented to
participate in this study as positive controls to
enable Dr. Singh to develop assays to detect
multiple variants of XMRV.

Of these, only three were from the original Lombardi
et al. cohort, two of whom were among those
positive for a XMRV.

A XMRV was isolated from one of those patient's
PBMCs, cloned and fully sequenced (GenBank®
accession number GQ 497343 as identified in the NIH
genetic sequence database).

Sequence data demonstrates that this virus is clearly
distinct from XMRV (vp62) and 22Rv1.
A budding virus particle from that sample was
pictured in an electron micrograph in Lombardi et
al.

Virus from that patient sample was also transmitted
both from the PBMCs and plasma to an uninfected
indicator cell line, LNCaP.

Finally, these results were supported by a separate
lab using serological methods as reported by
Lombardi et al.



Twelve additional samples from individuals not
included in the Lombardi et al. study were
independently collected by a third party and sent
directly to Dr. Singh’s lab.

Some of these subjects were positive for highly
related sequences, including the polytropic and
modified polytropic sequences identified by Lo et al.,
as determined by the WPI prior to the publication of
the Singh study.

Many of those subjects were also positive for ENV
antibodies to a XMRV (vp62 and other XMRV family
members), indicating that these patients had an
immune response to a XMRV.



In addition, WPI investigators and others have
provided evidence of sequence diversity between a
XMRV (vp62), other similar XMRVs detected by WPI
(designated internally with a number corresponding
to a clinical isolate), a XMRV (p variant), and other
related human gamma retroviruses.

Therefore, we believe that it is vitally important that
investigators interested in furthering the
understanding of blood borne XMRV as a human
pathogen use a proven positive clinical isolate as the
control when developing tests to detect this newly
discovered human retrovirus.



WPI and the U.S. clinical laboratory performing XMRV
tests pursuant to a license agreement with WPI
have extensive controls in place to prevent and
detect contamination.

Approximately three thousand tests have been
performed on patient samples to date using clinically
validated tests; about one third have been found to
be positive.

Multiple sequences from these three thousand
samples have been submitted to GenBank® and are
awaiting publication.

It is critical, in light of these findings, that all
treatment decisions are left to physicians and their
patients, including the use of antiretrovirals.



While WPI researchers acknowledge that there is
still much to be learned about the lifecycle and in
vivo reservoirs of this family of human gamma
retroviruses, we remain confident in the results
reported in Science by Lombardi et al.

Most importantly, we are committed to human
gamma retroviral research in neuro-immune disease
and will continue to offer our help to the medical and
scientific community when requested.
Immagine inserita

#2 Coraggio!

Coraggio!

    Amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 166 messaggi
  • Gender:Female
  • Location:Roma
  • Interests:Letteratura,musica,cinema,arte,sociologia,psicologia,storia.

Inviato 13 maggio 2011 - 11:39:30

Thank you for this article.
La speranza è un grande amico in ogni malattia.

#3 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 14 maggio 2011 - 00:20:54

Thank you for this article.


Coraggio,di cosa si tratta?che su cento pazienti il 30%ha qualcosa da spartire con varianti di una qualche specie di XMRV?o cos'altro?Se puoi?.Grazie.

Messaggio modificato da romy, 14 maggio 2011 - 00:22:02

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 


#4 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.368 messaggi

Inviato 26 maggio 2011 - 22:03:33

Correspondence to: Dr. Vincent C. Lombardi, Whittemore Peterson Institute, University of Nevada, Reno MS 0552, 1664 N. Virginia St. Reno, NV 89557-0552, U.S.A. Tel: +7758437657, e-mail: vclombardi@wpinstitute.org; vclombardi@gmail.com

Abstract

Background: The recent identification of xenotropic murine leukemia virus-related virus (XMRV) in the blood of patients with chronic fatigue syndrome (CFS) establishes that a retrovirus may play a role in the pathology in this disease. Knowledge of the immune response might lead to a better understanding of the role XMRV plays in this syndrome. Our objective was to investigate the cytokine and chemokine response in XMRV-associated CFS. Materials and Methods: Using Luminex multi-analyte profiling technology, we measured cytokine and chemokine values in the plasma of XMRV-infected CFS patients and compared these data to those of healthy controls. Analysis was performed using the Gene Expression Pattern Analysis Suite and the Random Forest tree classification algorithm. Results: This study identifies a signature of 10 cytokines and chemokines which correctly identifies XMRV/CFS patients with 93% specificity and 96% sensitivity. Conclusion: These data show, for the first time, an immunological pattern associated with XMRV/CFS.


http://iv.iiarjourna.../3/307.abstract

italia-traduzio.......google

Corrispondenza a: Dott. Vincenzo C. Lombardi, Whittemore Peterson Institute, University of Nevada, Reno SM 0.552, 1664 N. Virginia St. Reno, NV 89.557-0.552, USA Tel: 7.758.437,657 mila, e-mail: vclombardi@wpinstitute.org ; vclombardi@gmail.com

Astratto

Background: La recente identificazione del virus della leucemia murina xenotropic virus-correlate (XMRV) nel sangue dei pazienti con sindrome da stanchezza cronica (CFS), stabilisce che un retrovirus possono svolgere un ruolo nella patologia in questa malattia. La conoscenza della risposta immunitaria potrebbe condurre ad una migliore comprensione del XMRV ruolo gioca in questa sindrome. Il nostro obiettivo era di studiare la risposta delle citochine e chemochine in CFS XMRV-associati. Materiali e Metodi: Utilizzando la tecnologia di profilazione Luminex multi-analita, abbiamo misurato valori di citochine e chemochine nel plasma di pazienti con infezione da XMRV CFS ed ha confrontato questi dati con quelli dei controlli sani. L'analisi è stata effettuata utilizzando il gene Pattern Analysis Suite e l'albero di Random Forest algoritmo di classificazione. Risultati: Lo studio individua una firma di 10 citochine e chemochine, che identifica correttamente XMRV / pazienti CFS con il 93% di specificità e il 96% di sensibilità. Conclusione: Questi dati dimostrano, per la prima volta, un modello immunologico associato XMRV / CFS.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.