Vai al contenuto

Foto

Sostegno Ai Malati Affetti Da Fibromialgia


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 Zac

Zac

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.829 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 05 luglio 2010 - 21:36:35

ORDINE DEL GIORNO
(collegato DDL n. 116)

OGGETTO: SOSTEGNO AI MALATI AFFETTI DA FIBROMIALGIA

CONSIGLIERI PROPONENTI: MENIS, MORETTON, BAIUTTI, BRANDOLIN, BRUSSA, CODEGA, DELLA MEA, GABROVEC, GEROLIN, IACOP, LUPIERI, MARSILIO, MENOSSO, PUPULIN, TESINI, TRAVANUT, ZVECH, KOCIJANČIČ, ,PUSTETTO, ANTONAZ, CORAZZA, AGNOLA, COLUSSI, ALUNNI BARBAROSSA

Il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia



Considerato le conseguenze gravemente invalidanti che colpiscono i soggetti affetti da fibromialgia, patologia a carattere cronico, caratterizzata da dolore muscoloscheletrico diffuso, associato alla positività di punti dolorosi localizzati;

le peculiari caratteristiche di tale sindrome che colpisce più frequentemente la popolazione femminile in età fertile (9 pazienti su 10 sono donne) per un’incidenza in Italia stimata intorno al 6-7% della popolazione (il che significa tra i 3 e i 4 milioni di individui) con una percentuale che appare verosimilmente sottostimata stante la difficoltà della diagnosi per la quale non esiste, al momento, nemmeno un esame specifico;

Preso atto che ad oggi lo Stato non riconosce la fibromialgia come malattia sociale, nonostante sia riconosciuta dall'Organizzazione mondiale della sanità essendo stata classificata già nel 1992 nell'International statistical classification of diseases and related health problems (ICD-10) alle voci M79, Other soft tissue disorders, not elsewhere classified, e M79.O, Rheymathism, Unspecified-Fibromyalgia-Fibrositis;

che la giunta provinciale di Trento ha recentemente approvato un provvedimento che riconosce, a partire dal primo gennaio di quest'anno, alle persone affette da tale patologia l'esenzione dalla compartecipazione alla spesa sanitaria sancendo, di fatto, la possibilità, per le tante associazioni di malati, di vedere ascoltate le proprie rivendicazioni finalizzate ad ottenere maggiore attenzione sulle loro esigenze;

Ritenuto che esistano i presupposti perché anche il nostro Assessorato alla Salute, in ragione anche delle peculiarità proprie del nostro servizio sanitario regionale, predisponga un piano d’interventi perché ai soggetti affetti da fibromialgia possano essere assicurati servizi di assistenza clinica e terapeutica adeguati alle loro necessità senza ricadere interamente sulle famiglie;

tutto ciò premesso,

impegna

l’Assessore alla Salute


1. ad attivare un monitoraggio sull’incidenza di tale patologia nella nostra Regione;

2. ad assumere ulteriori iniziative affinché a livello parlamentare siano approvate le normative necessarie a prevedere il riconoscimento, ai lavoratori affetti da questa patologia, di permessi di astensione dal lavoro per la cura della sintomatologia nonché per prevedere l'esenzione dal pagamento dei ticket e dei farmaci eventualmente prescritti.




Trieste, 05 luglio 2010
- COMUNICATO STAMPA-
MENIS (Pd) – FIBROMIALGIA, NUOVE SPERANZE PER I MALATI DEL FVG

Trieste, 05 Lug – “Un segnale d’attenzione molto importante verso una patologia
– la fibromialgia – tanto diffusa quanto, purtroppo, ancora troppo poco conosciuta”.
È il commento del consigliere del Pd Paolo Menis che esprime così grande
soddisfazione dopo l’approvazione dell’ordine del giorno sul tema avvenuta a
margine della sessione di bilancio della scorsa settimana.

Dagli ultimi dati disponibili, spiega il democratico, la fibromialgia, una sindrome
a carattere cronico caratterizzata da dolore muscoloscheletrico diffuso associato alla
positività di punti dolorosi localizzati, colpisce circa il 6-7% della popolazione (il che
significa tra i 3 e i 4 milioni di individui in tutta Italia) in prevalenza donne. Allo stato
attuale, al disagio di dover convivere con una simile patologia, si è unito un
sostanziale disinteresse delle istituzioni, su tutti lo Stato, che non la riconosce come
malattia sociale, a differenza dell’OMS, precludendo ai malati e alle loro famiglie la
possibilità di un aiuto.

Ecco perché un segnale forte deve partire dalle Regioni, continua Menis, ed è
quello che ci aspettiamo di ottenere grazie a quest’atto, a firma di tutte le forze di
opposizione, con cui chiediamo all’Assessore Kosic di attivarsi in tutte le sedi affinché siano approvate le normative necessarie a prevedere il riconoscimento ai malati di permessi di astensione dal lavoro per la cura della sintomatologia nonché per prevedere l'esenzione dal pagamento dei ticket e dei farmaci eventualmente
prescritti.

Parallelamente abbiamo impegnato la giunta all’attivazione di un osservatorio
regionale sull’incidenza della patologia sul territorio in modo
da raccogliere dei dati utili per seguire l’andamento del fenomeno e creare un punto
di riferimento per quanti necessitano di un primo sostegno e le rispettive famiglie.
Un’altra delle difficoltà è determinata infatti dall’assenza di un esame specifico per la
diagnosi della fibromialgia.

Ho un solo rammarico – conclude Menis – quello di non essere riuscito a portare
a casa analoghi impegni anche per i soggetti affetti da malattie neuromuscolari.
Anche questo tema mi sta molto a cuore e avevo chiesto all’Assessore l’attivazione di un centro specifico che potesse coordinarsi con il Centro Regionale di riferimento per le malattie rare, attivo in Regione dal 2006.

Paolo Menis


PAOLO MENIS - Consigliere regionale
San Daniele del Friuli - via M.E. Fant, 24 – tel.340.5245111 – info@paolomenis.fvg.it

Zac
Amministrazione

--------------------
"In medicina tutto quello che è sconosciuto è malattia mentale" (...)
"Una delle malattie più diffuse è la diagnosi." (Karl Kraus)
NO_CFS.gif

Le foto di Zac qui: PhotoZac





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.