Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

CFS - Fanno bene i grassi del pesce?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1 risposta a questa discussione

#1 VITTORIA

VITTORIA

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.379 messaggi
  • Gender:Female
  • Location:Roma

Inviato 21 febbraio 2006 - 19:43:17

Sindrome da fatica cronica, fanno bene i grassi del pesce?

(da www.la repubblica.it supplemento salute)


La fatica come sintomo è caratteristica di molte patologie come anemia, diabete, ipotiroidismo, depressione, malnutrizione, infezioni, disturbi neurologici ecc. Anche per i malati di cancro è stata identificata una particolare condizione chiamata 'fatigue' determinata dagli effetti collaterali delle terapie anticancro, ma su quella nota come Sindrome da Fatica Cronica (CFS) le ipotesi sono ancora in vantaggio sulle certezze.
Chiamata anche 'encefalomielite mialgica' (definizione in realtà usata prevalentemente in Inghilterra) la CFS è stata spesso confusa con la 'neuroastenia'. Sulle cause della malattia incombono ancora numerose ombre. Anche se le ipotesi più accreditate parlano di una iperreattività del sistema immunitario che risponde ad una infezione virale poco curata.
A fronte di questo 'impegno' immunitario il soggetto sviluppa una sintomatologia che prevede stanchezza grave e invalidante, associata a sintomi come dolori muscolari, disturbi del sonno, cefalea e scarsa concentrazione. Prima che si corra il rischio di fare una autodiagnosi un po' affrettata bisogna dire che la diagnosi prevede che si accusino questi disturbi in maniera continuativa per almeno sei mesi, anche se molti pazienti, riferisce il professor Umberto Tirelli, direttore del Dipartimento di Oncologia Medica del Centro Tumori di Aviano, arrivano ancora a non sapere cosa hanno dopo alcuni anni di sofferenze.

Nonostante si tratti di una malattia poco frequente, circa 200mila casi in Italia, molte sono le ricerche sulle cause. Ed è di questi giorni la notizia di uno studio dell'Hammersmith Hospital di Londra in cui il team ha analizzato il cervello di alcuni pazienti affetti dalla CFS rilevando la massiccia carenza di acidi grassi essenziali. Quindi la somministrazione di supplementi alimentari a base di olio di pesce (ricco in queste sostanze: gli Omega 3 di salmoni, sgombri, acciughe ecc.) avrebbe mostrato un miglioramento dei sintomi complessivi.
Commenta Tirelli: "Lo studio inglese si inserisce in una linea di ricerca che già il mio gruppo aveva valutato e pubblicato su l'American Journal of Medicine del 1998 su eventuali alterazioni metaboliche cerebrali nel cervello nei pazienti con Sindrome da Stanchezza Cronica (CFS). Lo studio inglese è interessante in quanto sono poco conosciuti i meccanismi patogenetici della Sindrome da Stanchezza cronica e queste nuove informazioni potrebbero essere utili per meglio comprendere e anche meglio trattare questa difficile sindrome. Due importanti sostanze chimiche, la colina e la creatina sono state riscontrate a livelli più alti nel cervello dei pazienti con la Sindrome da Stanchezza Cronica dai ricercatori inglesi, suggerendo così un alterato metabolismo cerebrale. Lo stesso rilievo era stato riscontrato nel nostro studio con la PET su 18 pazienti con CFS".
I bambini con CFS hanno esiti migliori rispetto agli adulti: nel 5496% dei bambini si ha un miglioramento definitivo dopo 6 anni di follow up, mentre nel 2050% degli adulti si hanno miglioramenti a medio termine. Il 1020% guarisce completamente ma ancora un buon 3040% non apprezza vantaggi nel trattamento della sindrome.

DI JOHANN ROSSI MASON

http://www.farmav.co.../archivio49.htm



ATTENZIONE


Vi prego di scrivere i vostri eventuali e graditi commenti o esperienze personali relativi all'argomento trattato, nella sezione “ESPERIENZE e/o COMMENTI su cure, visite, ricoveri e sintomatologia interente alla Cfs” . Se cliccate sopra questa scritta vi troverete direttamente nella pagina in cui poter scrivere: Commenti sulle Terapie
Scrivete qui di seguito invece se avete altre informazioni utili relative all'argomento trattato.
Grazie per la collaborazione. Vittoria.
VITTORIA
Amministrazione CFSitalia

-------------------------------------------------------
"Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite e alle diagnosi mediche. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose"
==============================


"Il senso della vita
è dare senso alla vita”

(R.Steiner)

#2 admin

admin

    Administrator

  • Amministratori
  • 464 messaggi

Inviato 27 febbraio 2006 - 22:24:07

Omega 3 e Omega 6,

A Chieti, come "terapia" usano somministrare gli Omega 3 e 6 e Vitamina E, per ovviare allo stress ossidativo dei tessuti muscolari.

Ecco come i dottori sostengono la loro terapia:

"le finalità delle terapie su menzionate sono le seguenti: la vitamina E ha una proprietà antiossidante e come tale trova un razionale nella cura della CFS poichè diversi autori (compresi i nostri studi) hanno riscontrato in corso di tale sindrome un danno di tipo ossidativo legato ad un accumulo di radicali liberi. La vitamina E dovrebbe quindi contribuire a correggere tale danno. L'Efamarine ha invece la proprietà di fungere da stabilizzante di membrana. Anche in tal caso, quindi, verrebbe integrata l'azione della vitamina E e in un certo qual senso potenziata: il danno apportato dai radicali liberi, infatti, ha tra i vari bersagli la membrana cellulare che ha una funzione essenziale nella corretta trasmissione dei segnali da cellula a cellula (che sia essa muscolare, cerebrale, ecc.). L'unico dato da sottolineare è che questi prodotti richiedono alcuni mesi prima di poterne apprezzare i benefici. Chiaramente ciò vale in senso generale ma è importante tenere sempre presente che ogni persona può avere una suscettiblità diversa rispetto agli altri e quindi la situazione clinica va seguita caso per caso per valutare l'andamento della malttia e gli eventuali provvedimenti da adottare man mano."





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia.it e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrà essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.