Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

dott. BELL - aprile 2008


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1 risposta a questa discussione

#1 Cocci

Cocci

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.285 messaggi

Inviato 31 maggio 2008 - 10:38:24

ME / CFS è una malattia che coinvolgono le cellule 'produttori di energia mitocondri - ma è una malattia mitocondriale come nessun altro, il dottor Bell crede. He explains why it hasn’t been diagnosed, classified, and studied like other kinds of mitochondrial diseases - and why a change may be “just around the corner.” Egli spiega il motivo per cui non è stato diagnosticato, classificati, e ha studiato gli altri tipi di malattie mitocondriali - e perché un cambiamento può essere "dietro l'angolo."

http://66.102.9.104/...cle.cfm/ID/8799
"una carta del mondo che non contiene il Paese dell'Utopia non è degna nemmeno di uno sguardo ,perchè non contempla il solo Paese al quale l'umanità approda di continuo.E quando vi getta l'ancora ,la vedetta scorge un Paese migliore e l'Umanità di nuovo fa vela"
Oscar Wilde

#2 Cocci

Cocci

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.285 messaggi

Inviato 31 maggio 2008 - 10:55:55

per comprendere meglio cos'è una malttia mitocondriale ho fatto una sintesi sul metabolismo cellulare (pezzi tratti da wikipedia):

metabolismo

Il metabolismo è il complesso delle reazioni chimiche e fisiche che avvengono in un organismo
Il metabolismo si divide in due insiemi di processi:

anabolismo, che produce molecole complesse a partire da molecole più semplici;
catabolismo, che comporta la degradazione di molecole complesse in molecole più semplici.
Ogni molecola che partecipa attivamente al metabolismo è detta metabolita. Ogni composto che funge da catalizzatore è detto enzima.


metabolismo aerobico:
Si definisce aerobiosi la condizione di vita di numerosi organismi, il cui metabolismo è basato sull'utilizzo di ossigeno molecolare, che funge da accettore finale di elettroni. Organismi di questo tipo sono definiti aerobici (o aerobi). Essi sono in grado di funzionare grazie al processo aerobico della respirazione cellulare, che permette l'ossidazione di substrati (per esempio gli zuccheri e gli acidi grassi) per ottenere energia. L'ossigeno è infatti un forte ossidante naturale: gli elettroni prodotti dalle reazioni metaboliche dell'organismo sono rapidamente ed efficacemente trasferiti all'ossigeno molecolare che passerà dal numero di ossidazione 0 al numero di ossidazione -2.

metabolismo anerobico:
Si definisce anaerobiosi la condizione di vita di diversi organismi, il cui metabolismo non richiede la presenza di ossigeno.

Gli anaerobi obbligati sono un gruppo di organismi che non sono in grado di sopravvivere in presenza delle abituali concentrazioni atmosferiche di ossigeno. Tali anaerobi non sono in grado di sopravvivere perché non dotati di enzimi come la superossido dismutasi e la catalasi, in grado di proteggerli dallo stress ossidativo generato dall'ossigeno.
Gli anaerobi facoltativi, invece, sono in grado di utilizzare ossigeno, se presente. Il loro metabolismo, in ogni caso, è essenzialmente anaerobico: questo li differenzia dagli aerobi facoltativi, il cui metabolismo principale è quello aerobico.
Le cellule umane prese singolarmente presentano anch'esse un metabolismo aerobio facoltativo, in quanto possono utilizzare la fermentazione dell'acido lattico se l'ossigeno non è disponibile. Le cellule muscolari, ad esempio, in presenza di basse concentrazioni di ossigeno (tipicamente quando sono sotto sforzo) possono ricorrere alla sola glicolisi anaerobica. Questa strategia, in ogni caso, non può essere sostenuta a lungo dall'intero organismo, e quindi gli uomini sono di fatto aerobi obbligati.

glicolisi:
La glicolìsi è un processo metabolico mediante il quale, in condizioni di anaerobiosi non stretta, una molecola di glucosio viene scissa in due molecole di piruvato al fine di generare molecole ad alta energia, come ATP e NADH
Le reazioni che compongono la glicolisi, ciascuna catalizzata da uno specifico enzima, avvengono nel citoplasma delle cellule
Le reazioni che compongono la glicolisi, ciascuna catalizzata da uno specifico enzima, avvengono nel citoplasma delle cellule; solo in alcuni protozoi avvengono in un organulo apposito, chiamato glicosoma.

ATP:

L'Adenosintrifosfato o ATP è un ribonucleotide trifosfato formato da una base azotata, cioè l'adenina, dal ribosio, che è uno zucchero pentoso, e da tre gruppi fosfato. È uno dei reagenti necessari per la sintesi dell'RNA, ma soprattutto è una sostanza-chiave per il metabolismo energetico. Esso viene idrolizzato ad ADP (adenosindifosfato), che viene riconvertito in ATP mediante vari processi.

ADP:

L' adenosindifosfato, o ADP è un nucleotide che deriva dall'adenosintrifosfato (o ATP) per perdita di un gruppo di fosfato con conseguente liberazione di energia

NADH (nad):

La sigla NAD sta, in biochimica, per "nicotinammìdeadenìndinucleotìde". Essa è una macromolecola organica il cui ruolo biologico consiste nel trasferire gli elettroni, quindi nel permettere le ossido-riduzioni; come sempre avviene in biologia, essa svolge il suo importante ruolo tramite lo spostamento di atomi di idrogeno.

Messaggio modificato da neve, 31 maggio 2008 - 10:57:36

"una carta del mondo che non contiene il Paese dell'Utopia non è degna nemmeno di uno sguardo ,perchè non contempla il solo Paese al quale l'umanità approda di continuo.E quando vi getta l'ancora ,la vedetta scorge un Paese migliore e l'Umanità di nuovo fa vela"
Oscar Wilde




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia.it e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrà essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.