Vai al contenuto

Foto

Il nostro articolo CFS su "Salute oggi"


  • Discussione bloccata Questa discussione è bloccata
1 risposta a questa discussione

#1 VITTORIA

VITTORIA

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.290 messaggi
  • Gender:Female
  • Location:Roma

Inviato 04 settembre 2007 - 14:40:48

E' stato pubblicato, con qualche taglio per motivi di spazio, il nostro articolo sulla CFS sulla rivista "Salute Oggi" che troverete in questo mese in edicola.

Tutte le informazioni fornite da CFSitalia alla redazione, sono state prima visionate e sottoscritte da 3 Associazioni Cfs.

Al più presto scannerizzeremo e posteremo l'articolo qui di seguito.



Vittoria Amm.ne CFSitalia.

VITTORIA
Amministrazione CFSitalia

-------------------------------------------------------
"Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite e alle diagnosi mediche. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose"
==============================


"Il senso della vita
è dare senso alla vita”

(R.Steiner)

#2 admin

admin

    Administrator

  • Amministratori
  • 464 messaggi

Inviato 06 settembre 2007 - 20:08:21

Articolo di "Salute Oggi", periodico mensile, Settembre 2007.

Immagine inserita

Una patologia difficile da individuare
Semplicemente stanchi o affaticati cronici?


Una malattia ancora poco conosciuta


E’ del tutto normale che, dopo un affaticamento fisico e psichico, la sera ci si senta stanchi. Però, con un bel sonno ristoratore si riesce il più delle volte a ripristinare completamente le forze ed il giorno dopo ci si sente nuovamente in forma. In alcune persone invece la fatica è persistente, aumenta dopo ogni piccolo sforzo, non è alleviata da alcun riposo e col passare dei giorni, dei mesi, si aggiungono altri disturbi. Se questo stato perdura per almeno 6 mesi, si può incominciare a sospettare di essere affetti da "sindrome da affaticamento cronico" (abbreviata in "CFS", dall'inglese Chronic Fati-gue Syndrome).

La CFS è ancora poco conosciuta sebbene colpisca nel mondo milioni di persone. Questa patologia debilitante perdura nella maggior parte dei casi per diversi anni, in alcuni tende a regredire spontaneamente o con l'intervento di farmaci, ma vi sono purtroppo anche pazienti in cui il peggioramento è molto evidente e inarrestabile. Si presenta più comunemente nei giovani e nelle donne intorno ai 35-40 anni, è quasi assente negli anziani oltre i 65-70 anni e rara nell'età pediatrica. In molti pazienti alla CFS si sovrappone un'altra patologia dai sintomi simili: la fibromialgia. La causa o le cause certe della sindrome sono ancora sconosciute: le ipotesi riguardano il campo delle infezioni, dell'immunologia, della neurologia e della tossicologia. Al momento non esistono trattamenti unici e specifici per la CFS, ma tentativi di cure che, come si è constatato, possono pro curare benefici ad alcuni soggetti e meno ad altri.


Il numero dei malati è ancora incerto


In Italia sono circa 300.000 le persone interessate da questa patologia difficile da individuare; infatti ancora non esistono test diagnostici specifici e la diagnosi procede per "esclusione". La malattia si presenta il più delle volte con dei sintomi simili a quelli dell'influenza, quali mal di gola, dolori alle ghiandole linfonodali del collo, aumento della temperatura, mal di testa, dolori muscolari e articolari, ed inoltre disturbi del sonno (di solito inquieto e non ristoratore, insonnia o, al contrario, un maggiore bisogno di dormire), disturbi della concentrazione e della memoria. Nel decorso
della malattia possono sopraggiungere fotofobia, ipersensibilità ai rumori, vertigini, difficoltà e fatica nel parlare, nausea, problemi di digestione.
Ma l'elemento che caratterizza questa malattia (da cui prende anche il nome) è la stanchezza prolungata e debilitante che avverte colui che ne è colpito.


Chi è colpito non può svolgere le più comuni attività

La CFS è una malattia che isola socialmente e deprime: spesso anche gli incontri con gli amici diventano troppo faticosi da sostenere. Molte persone sono costrette a lasciare il lavoro con conseguenti gravi disagi economici, i ragazzi a lasciare gli studi, le famiglie dei malati sono dunque
chiamate a provvedere al loro sostentamento. Purtroppo, i malati di CFS non sono tutelati in nessun modo. La sindrome da affaticamento cronico, pur essendo classificata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, non è ancora stata dichiarata ufficialmente patologia cronica ed invalidante e quindi non è inserita negli elenchi delle malattie che hanno diritto all'esenzione dei ticket sanitari né è riconosciuta come malattia rara.



Per saperne di più:


In Italia esistono 3 associazioni
CFS e il sito/forum Cfsitalia.it che
costituiscono un valido riferimento
per i pazienti:
www.cfsitalia.it
Questo sito/forum offre informa-
zioni, indirizzi utili, notizie, aggior-
namenti, e crea un'occasione di in-
contro e scambio di esperienze tra
malati di CFS e Fibromialgia.

Associazione di malati CFS
ONLUS - Pavia
www.associazionecfs.it

C.F.S. Associazione Italiana
Aviano (PN)
Centro di Riferimento Oncologico
c/o Unità C.F.S. (One. Medica A)
Tel. 0434/660277
www.salutemed.it/cfs

ASTOLFFA Pisa
Associazione Toscana Lotta alla Fi-
bromialgia e Fatica Cronica
Sede legale presso l'Unità Operati-
va di Reumatologia
Ospedale Santa Chiara
Via Roma n. 67- Pisa
Tel. 333/1788975
www.astolffa.it


Per la diagnosi
Aviano (Pordenone):
Centro di Riferimento Oncologico,
Divisione di Oncologia Medica A,
Via Pedemontana Occidentale
Prof. Umberto Tirelli
Tel. 0434/659284

Chieti:
Reparto Malattie Infettive
Ospedale Santissima Annunziata
Prof. Eligio Pizzigallo
Tel. 0871/358686

Pisa:
Divisione di Reumatologia
dell'Ospedale Santa Chiara
Dott.ssa Bazzichi Laura
amb. di reumatologia
per CFS e FMS
Tel.050/992684

Roma:
Policlinico Umberto I,
Dipartimento di Clinica e Terapia
Medica Applicata - Divisione di
Reumatologia
Tel. 06/49974685




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.