Vai al contenuto

Foto

Sulla pressione


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 romy

romy

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3.870 messaggi
  • Gender:Male
  • Interests:Prima, tutti o quasi,adesso,informatica,salute,politica economica,sopravvivenza e FEDE.(Elimino,ancora,tra i miei interessi,quello per l'informatica e la politica economica.)

Inviato 21 aprile 2007 - 20:33:38

Questa è una notizia bomba,se fosse vera,come dicono i ricercatori.

Una proteina causa l’ipertensione
La molecola isolata nel cervello
Nel mondo oltre 600 milioni di persone soffrono della malattia più subdola e silenziosa che ci sia: l’ipertensione, meglio conosciuta come pressione alta. Da anni gli scienziati stanno studiando per trovarne le cause e ora potrebbero essere sulla buona strada. Un’equipe di scienziati britannici avrebbe identificato, in una zona del cervello, una proteina chiamata Jam 1 che potrebbe essere la causa dell’ipertensione arteriosa. E pensare che per anni si era pensato che fosse tutta colpa del sistema cardiocircolatorio.


Lo studio, definito sensazionale da accreditati esperti, verrà pubblicato sul prossimo numero della rivista specialistica Hypertension. Per ora è consultabile in sintesi sulla versione online della rivista. La novità sta in questo: i ricercatori dell’università di Bristol hanno isolato, nei vasi della zona del bulbo del cervello, la proteina Jam 1 e scoperto che ha la caratteristica di poter imprigionare i globuli bianchi causando infiammazioni della parete dei vasi. Questo può portare ad una alterazione della circolazione del sangue perchè riduce l’apporto di ossigeno al cervello, creando anossia. Ed è proprio l’anossia della zona del bulbo – una parte del cervello – che potrebbe essere la causa all’origine della pressione alta.

In tutto nel nostro paese i malati di ipertensione sono più di 15 milioni e i medici sostengono che si tratta di cifre sottostimate. Perché molti ne soffrono e non lo sanno: infatti una persona può avere la pressione troppo elevata, superiore a 130 e 80 e non accorgersene neppure. Questo comporta ricadute importanti sulla sanità, perché l’ipertensione, alla lunga, può avere conseguenze molto gravi come ictus, infarti, crisi cardiache e danni ai reni.

La proteina Jam 1 però, secondo quanto spiegato dagli studiosi britannici, potrebbe essere solo la causa dell’ ipertensione definita “essenziale” , quella a cui finora i medici non sapevano attribuivano cause identificabili, il tipo di ipertensione che colpisce anche i più giovani. Comunque anche se la scoperta riguardasse solo l’ipertensione essenziale si tratterebbe di una svolta per gli oltre 5 milioni di italiani che ne soffrono e non sanno come curarsi. I ricercatori inglesi di Bristol ci credono. “La pressione alta è una malattia vascolare infiammatoria del cervello più che una malattia del cuore” ripetono. Sono pronti a metterci la mano sul fuoco che si tratta di una verità assoluta. Ora si tratta di pensare alla cura. Julian Paton il direttore del progetto, ha spiegato che la sua equipe sta studiando la possibilità di curare i pazienti ipertesi, che non rispondono alle terapie convenzionali, con farmaci che riducono l’infiammazione dei vasi sanguigni e aumentano l’afflusso di sangue al cervello. “La nuova sfida - ha aggiunto lo scienziato inglese - sarà capire quale tipo di infiammazione danneggia le vene del cervello, cosi sapremo con certezza quali farmaci utilizzare e come dirigerli”.



Federica Morandi

grafico2.jpg

 

 

Iosto'conChiara

 

Quando le voci in te parlano di fine;

quando la mente dice che hai perduto;

quando credi che sia impossibile;

eppure prosegui,ti sollevi sulla tua Spada;

e fai ancora un altro passo;

Lì è dove termina l'Uomo;

Lì è dove comincia Dio.

 

Mentre si aspettano future ricerche è importante per prima cosa non
nuocere.

Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo.

 

"Nessun Medico può dire che una malattia é Incurabile.
Affermarlo é come offendere Dio, la Natura e disprezzare il Creato.
Non esiste malattia, per quanto terribile possa essere,
per la quale Dio non abbia una cura corrispondente
".
                                                                                              Paracelso

 

“Questa realtà è solo un sogno di cui siamo convinti!”

YungRalphPooter.jpg


Mio collegamento

Per quanto riguarda l'ipotesi che la CFS possa essere una forma di Depressione Mentale,tutti gli studi hanno contraddetto tale approccio.Per citare un solo ma importante rilievo clinico:i livelli di Cortisolo sono molto bassi nella CFS,al contrario di quelli alterati verso l'alto della Sindrome Depressiva.


Allora, se capiamo che siamo responsabili di ciò che viviamo, già questo cambia del tutto la visione delle cose.

 

Livello anormalmente alto o basso di cAMP causa difetti di apprendimento e di capacità di memoria,in generale.

Sul cAMP ci sarebbero molte cose da dire al fine di una buona memoria e cognitività,forse lo faro' un giorno sul mio topic,tempo permettendo,ora voglio solo ripetere una verità a cui sono arrivato da qualche anno,aumentare il cAmp nei giovani comporta un miglior apprendimento e memoria,accade l'inverso nelle persone adulte o anziane.Quindi il cervello dei giovani si comporta all'opposto dei cervelli dei vecchi ed anziani questo avviene anche negli animali da laboratorio,questo spiega anche tutta la diatriba sulla Cannabis terapeutica..........negativa nei giovani un toccasana negli anziani,perchè comporta una diminuzione,appunto,del cAmp e quindi potenzia la comunicazione tra neuroni e quindi la memoria,apprendimento e cognitività,mal ridotti nella CFS/ME,fibromialgia,MCS,MBS,ed altre......

 

https://www.youtube....h?v=ICjFAa2ZbIY

 

 

 

 

1zft02g.gif

 





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.