Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

Visione olistica


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 lella77

lella77

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 969 messaggi
  • Location:Lecco

Inviato 22 gennaio 2007 - 13:51:29

Attualmente tutta l'impostazione scientifica, la modalità con cui si concepisce l'esistenza è fondata sul modello meccanicistico.
Secondo questo modello noi siamo separati gli uni dagli altri e ci creiamo dei responsabili immaginari su cui scarichiamo la responsabilità di problemi e situazioni; e' sempre qualcun altro che deve compiere certe scelte affinché le cose vadano meglio.
Questo succede anche nel campo della salute , valutiamo il corpo come un insieme di organi, separiamo la malattia da noi stessi, separiamo le emozioni dalle parti del corpo ad esse connessi, cerchiamo di eliminare i sintomi anziché le cause, consideriamo la malattia e non il malato, deleghiamo ad atri in modo totale la responsabilità della nostra salute, CONSIDERIAMO L'UOMO LA SOMMA DI TANTE PARTI ANZICHÉ UNA TOTALITA'.
Si va sempre di più verso la specializzazione, verso la frantumazione, verso la divisione in compartimenti stagni, perdendo di vista l'UNITA' BIO PSICO SPIRITUALE DELL'INDIVIDUO.
Si fanno sempre più analisi, di tutti i tipi, ma non per questo la salute e' in miglioramento, le analisi ci servono per darci sicurezza, crediamo che individuando una malattia possiamo controllarla, o meglio il medico la possa guarire. Questo va bene se vogliamo eliminare i sintomi, ma non e' certo l'atteggiamento adeguato per eliminare le cause, che hanno radici dentro di noi, e la malattia ci segnala che c'e' qualcosa di molto profondo da rivedere, da mutare, da risolvere.
La diagnosi e' importante, se non diventa un limite, un mezzo solo per risolvere i sintomi; può essere un ottimo strumento se inserita in un contesto più ampio, ci può aiutare a capirci e indicarci su cosa dobbiamo portare la nostra attenzione.
Alle volte la diagnosi può essere altamente negativa e suonare quasi come una sentenza di morte, ma in effetti e 'il limite su cui si scontra la conoscenza scientifica ma non e' detto che non vi siano altri mezzi, altre possibilità.
Una diagnosi di incurabilità ci informa SULLA INCAPACITÀ DELLA MEDICINA, IN QUEL CASO,DI GUARIRE LA PERSONA, MA NON CI INFORMA SULLA PERSONA.
Nella CONCEZIONE OLISTICA i pazienti devono prendersi la responsabilità della propria salute, e lo possono fare con la collaborazione dei medici, stabilendo un rapporto corretto, senza delegare quelle che sono le proprie responsabilità nell'ambito della soluzione della malattia: un sintomo può essere fisico ma la causa può essere mentale, Gli organi, e tutto il corpo non sono più disgiunti tra di loro, il corpo non e' più scisso dalla mente, e corpo e mente non sono più separati dallo Spirito. Così l' Essere umano non e' disgiunto dai suoi simili da tutto quanto lo circonda compreso l'intero Universo.
Tutto e' interconnesso in questa nuova visione, in questo nuovo modello della realta' che si può definire una visione olistica della realtà, in cui non vi e' più la contrapposizione, la separatezza, il dualismo, ma la interdipendenza, cioè tutte le cose sono in relazione le une con le altre.
Nella concezione olistica, oltre alla considerazione che tutto e' interconnesso e ciò che accade in un luogo si ripercuote istantaneamente su tutto ciò che esiste, si assume che OGNI PARTE CONTIENE L'INTERO; in ogni nostra cellula e' riprodotto l'intero programma della nostra salute, noi siamo tutto ciò che esiste e tutto ciò che esiste e' in noi, dentro di noi vi e' l'intero universo. In questa concezione ogni istante presente e' eterno e ricomprende la totalita' del tempo e dello spazio.
Dal punto di vista olistico, tutto ciò' che pensiamo, che mettiamo in atto per guarirci condiziona e può' aiutare anche gli altri.
Se pensiamo olisticamente i nostri sintomi, la nostra malattia, la nostra esperienza diventeranno nostri alleati, poiché ci indicheranno la strada per risolvere gli squilibri, per ristabilire lo stato di salute ovvero ripristinare l'equilibrio che in un certo momento si era incrinato
CiaoImmagine inserita
.

Lella




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia.it e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrà essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.