Vai al contenuto

Foto

Veneto - Via libera all'unanimità al riconoscimento della Sindrome da Fatica Cronica quale malattia invalidante

Veneto riconoscimento malattia invalidante esenzione ticket Sindrome da Fatica Cronica

  • Per cortesia connettiti per rispondere
2 risposte a questa discussione

#1 Zac

Zac

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.827 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 01 agosto 2019 - 01:10:47

Fonte: http://www.consiglio...idNotizia=37136

 

La proposta normativa, nel corso del dibattito in aula, è stata appoggiata in particolare dai consiglieri Ruzzante (LeU) e Zottis (PD).

 

 

Nell corso della seduta odierna, il Consiglio regionale del Veneto ha approvato all’unanimità il Progetto di Legge Statale n. 49, ‘Riconoscimento della Sindrome da Fatica Cronica (CFS) quale malattia invalidante che dà diritto all'esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria’, di cui è primo firmatario Alberto Villanova (ZP), già licenziato dalla Quinta Commissione. Il Relatore, Villanova, ha introdotto la discussione generale: “Con questa proposta normativa, si vuole far riconoscere la sindrome da fatica cronica (CFS), anche nota come encefalomielite mialgica benigna, come patologia, oltre a prevedere l'esenzione dal pagamento dei ticket e dei farmaci eventualmente prescritti per la loro cura. La Sindrome da Fatica Cronica, viene descritta da un recente rapporto dell'Institute of Medicine (lOM), pubblicato nel febbraio 2015, come una malattia "sistemica, complessa, cronica e grave", caratterizzata da una profonda stanchezza, disfunzioni cognitive, alterazioni del sonno, dolore e altri sintomi, che peggiorano dopo uno sforzo di qualsiasi tipo. Molte persone con CFS hanno difficoltà a completare le attività quotidiane e almeno un quarto di esse è stata obbligata a letto per tempi prolungati a causa della malattia. La malattia può quindi avere ricadute sociali importanti per quanto riguarda il mondo del lavoro o delle attività professionali in generale, poiché può indurre ad assenza dal posto di lavoro o al vero e proprio isolamento sociale. Si stima che la Sindrome da affaticamento cronico colpisca dalle 200-300 mila persone in Italia, soprattutto donne. Molto è stato fatto per la diffusione dell'informazione su questa patologia e senza dubbio oggi molte istituzioni e medici più spesso che nel passato, sospettano o fanno diagnosi di questa patologia nell'ambito della loro attività medica. Pur tuttavia, a livello normativo, la patologia non è ancora stata disciplinata e i pazienti hanno così grandi difficoltà, non solo nel fare riconoscere la propria patologia, ma nel farsi curare o accettare. La Costituzione sancisce il diritto alla salute ed è quindi dovere dello Stato riconoscere anche a chi soffre di sindrome da fatica cronica le cure, le spese mediche e gli esami diagnostici necessari, cosi come per altre malattie invalidanti. Per queste ragioni si ritiene doveroso l'inserimento della sindrome da fatica cronica tra le malattie invalidanti che danno diritto ali 'esenzione dalla partecipazione al costo per le prestazioni sanitarie. Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore del provvedimento in esame, il Ministero della Salute dovrà individuare criteri oggettivi ed omogenei per l'identificazione delle condizioni cliniche gravi, ed entro sei mesi, dovrà individuare presidi sanitari pubblici, già esistenti, per la diagnosi e la cura della sindrome da fatica cronica. Si prevede che le Regioni possano individuare idonee strutture diagnostiche e riabilitative per i soggetti malati. Il Ministero dovrà altresì definire, entro quattro mesi dalla data di entrata in vigore della legge in esame, le linee guida che consentano alle regioni stesse di predisporre una rilevazione statistica dei soggetti affetti da sindrome da fatica cronica al fine di approntare mirati e specifici Protocolli terapeutici riabilitativi, volti a garantire prestazioni specialistiche appropriate ed efficaci, l'impiego di farmaci per il controllo dei sintomi, il monitoraggio e la prevenzione”.                         

La proposta normativa, nel corso del dibattito in aula, è stata appoggiata in particolare dai consiglieri Ruzzante (LeU) e Zottis (PD). 


Zac
Amministrazione

--------------------
"In medicina tutto quello che è sconosciuto è malattia mentale" (...)
"Una delle malattie più diffuse è la diagnosi." (Karl Kraus)
NO_CFS.gif

Le foto di Zac qui: PhotoZac


#2 grazia73

grazia73

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.050 messaggi

Inviato 05 agosto 2019 - 15:32:20

Grazie Zac, speriamo in bene.....



#3 Zac

Zac

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.827 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 07 agosto 2019 - 02:23:11

:tn_109[1]:


Zac
Amministrazione

--------------------
"In medicina tutto quello che è sconosciuto è malattia mentale" (...)
"Una delle malattie più diffuse è la diagnosi." (Karl Kraus)
NO_CFS.gif

Le foto di Zac qui: PhotoZac






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.