Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

Scienziati australiani annunciano di aver trovato un marcatore per la CFS/ME


  • Per cortesia connettiti per rispondere
6 risposte a questa discussione

#1 Amministrazione

Amministrazione

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 525 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 01 marzo 2016 - 18:49:43

Riceviamo da Giada Da Ros (presidente associazione CFS di Aviano)

 

Scienziati australiani annunciano di aver trovato un marcatore per la CFS/ME.

 

Il NCNED (National Centre for Neuroimmunology and Emerging Diseases – Centro Nazionale per la Neuroimmunologia e le Malattie Emergenti) e il Menzies Health Institute del Queensland (Australia) hanno annunciato di aver trovato un biomarcatore per la CFS/ME, nei globuli bianchi.

Il team , che fa capo alla Griffith University nel Queensland, in Australia, sta cerando dei partner con compagne diagnostiche per sviluppare un test del sangue.

 

Questo è il comunicato stampa della Griffith University: https://app.secure.griffith.edu.au/news/2016/03/01/screening-test-for-chronic-fatigue-syndrome-on-its-way/?src=hp

 

Il professor Marshall-Gradisnik, il professor Staines e la paziente Lyn Wilson hanno rilasciato un’intervista in proposito: http://www.abc.net.au/pm/content/2016/s4415928.htm. Si dice comunque che è probabile che ci voglia qualche anno prima di avere un test disponibile per il pubblico su larga scala.

 

Purtroppo non ho trovato alcun link a studi specifici, ma sul sito del NCNED (https://www.griffith.edu.au/health/national-centre-neuroimmunology-emerging-diseases) alla data di oggi si dice che hanno pubblicato dei paper e dati addizionali che non sono pubblicabili per ragioni confidenziali. Voglio comunque credere che sia un istituto prestigioso a sufficienza da non fare annunci di questo tipo alla leggera.

 

L’ultimo paper pubblicato è stato questo: http://www.la-press.com/genotype-frequencies-of-transient-receptor-potential-melastatin-m3-ion-article-a5387-abstract?article_id=5387. Quello precedente ve lo avevo mandato nei giorni scorsi. 


Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite e alle diagnosi mediche.

#2 Falco

Falco

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.374 messaggi

Inviato 01 marzo 2016 - 23:25:43

Grazie Zac ...speriamo bene....bell'inizio del "mese della primavera".



#3 Hiroshi

Hiroshi

    Frequentatore

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 37 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 02 marzo 2016 - 19:40:48

Giusto per fare un confronto, in base a questo sito di ranking:

La Sapienza è 213 al mondo: http://www.topuniver...university-rome

Livello di ricerca: very high

 

La Griffith è 329 al mondo: http://www.topuniver...sity/postgrad-0

Livello di ricerca: high

 

Va detto che in Italia, quando si parla di "ricerca", in genere mi sembra un modo per collocare gente che, uscita dall'università, non sa dove andare (e forse proprio i migliori vanno all'estero ...)

 

 

(Altre statistiche per chi vuole 'perdere' un po' di tempo ;)

La Griffith University è classificata 18esima su 39 tra le università australiane, secondo questo sito:

http://www.australia...om.au/rankings/

 

Da questo dettaglio si piazza tra il 251esimo e il 329esimo posto al mondo, in base ad altri enti di ranking:

http://www.australia...h-rankings.html )

 

 

Se ragionano all'anglosassone, pur essendo un ente pubblico, può darsi che il "mistero" sui marcatori derivi dalla volontà di farci sopra dei quattrini.

E' interessante tentare di sapere di cosa si parla. Forse contatandoli direttamente o facendoli contattare da un medico o ricercatore (quindi con maggiore credito) amico di questo forum.

 

Grazie dell'info !



#4 brici@

brici@

    Frequentatore

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 65 messaggi

Inviato 06 marzo 2016 - 09:49:36

Riceviamo da Giada Da Ros (presidente associazione CFS di Aviano)

 

Scienziati australiani annunciano di aver trovato un marcatore per la CFS/ME.

 

Il NCNED (National Centre for Neuroimmunology and Emerging Diseases – Centro Nazionale per la Neuroimmunologia e le Malattie Emergenti) e il Menzies Health Institute del Queensland (Australia) hanno annunciato di aver trovato un biomarcatore per la CFS/ME, nei globuli bianchi.

Il team , che fa capo alla Griffith University nel Queensland, in Australia, sta cerando dei partner con compagne diagnostiche per sviluppare un test del sangue.

 

Questo è il comunicato stampa della Griffith University: https://app.secure.griffith.edu.au/news/2016/03/01/screening-test-for-chronic-fatigue-syndrome-on-its-way/?src=hp

 

Il professor Marshall-Gradisnik, il professor Staines e la paziente Lyn Wilson hanno rilasciato un’intervista in proposito: http://www.abc.net.au/pm/content/2016/s4415928.htm. Si dice comunque che è probabile che ci voglia qualche anno prima di avere un test disponibile per il pubblico su larga scala.

 

Purtroppo non ho trovato alcun link a studi specifici, ma sul sito del NCNED (https://www.griffith.edu.au/health/national-centre-neuroimmunology-emerging-diseases) alla data di oggi si dice che hanno pubblicato dei paper e dati addizionali che non sono pubblicabili per ragioni confidenziali. Voglio comunque credere che sia un istituto prestigioso a sufficienza da non fare annunci di questo tipo alla leggera.

 

L’ultimo paper pubblicato è stato questo: http://www.la-press.com/genotype-frequencies-of-transient-receptor-potential-melastatin-m3-ion-article-a5387-abstract?article_id=5387. Quello precedente ve lo avevo mandato nei giorni scorsi. 

Grazie di questa preziosa informazione Zac!

La diagnosi certa è un passo fondamentale per chi sta male ma anche per coloro che sono vicini al malato.

Soprattutto all'inizio della malattia, quando la capacità del corpo di affrontarla è sicuramente al massimo delle risorse.

Ma anche nel nostro caso di "veterani pluridecennali " potrebbe far scattare maggiore consapevolezza e la determinazione a mettere in atto ulteriori strategie di protezione dagli stress, ogni volta che è possibile evitarlo.

Inoltre potrebbero partire finalmente serie ricerche per una terapia mirata e  ufficiale.

Infine, arriverebbero a considerare impellenti i problemi legati all'impossibilità di lavorare a ritmi normali.

Questa notizia positiva mi dà un ottimo spirito per affrontare l'aumentata stanchezza del cambio di stagione.

Che bello aprire questo forum!

Non si viene mai delusi!!!!

 

Un saluto a tutti!

Marina



#5 Zac

Zac

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.860 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 06 marzo 2016 - 17:40:03

Speriamo solo che sia una cosa seria e non una delle tante news bufala per ottenere finanziamenti-riconoscimenti-ecc.
Ci sono tanti interessi dietro, la prima cosa che ho pensato è "Bene, ora vorrei davvero vedere quanti hanno la CFS (e di che tipo..) e quante errate diagnosi ci sono".


Zac
Amministrazione

--------------------
"In medicina tutto quello che è sconosciuto è malattia mentale" (...)
"Una delle malattie più diffuse è la diagnosi." (Karl Kraus)
NO_CFS.gif

Le foto di Zac qui: PhotoZac


#6 brici@

brici@

    Frequentatore

  • Utenti
  • StellettaStelletta
  • 65 messaggi

Inviato 10 marzo 2016 - 11:23:44

Ho avuto gli stessi tuoi pensieri e timori Zac.

Ma finché arrivano notizie di ricerche rimane viva la speranza.

 

Ho letto questo articolo, che riporta sia questa ultima notizia da te citata, sia i riferimenti alle precedenti ricerche, compresa quella del Dr.Hornig del 2015 sulle citochine e la certezza che si tratti di malattia e non di problema psicologico.

Non so se aggiunge qualcosa a quando da te postato negli ultimi mesi.

Per sicurezza incollo qui:

 

http://www.scienceal...-for-the-public

 

Mi sembra di notare che ciò che stimola la ricerca nelle singole nazioni è il pauroso numero di coloro che si dichiarano o vengono diagnosticati come malati di ME.

Essendo un costo notevole per i governi, penso che questa diffusione di malati (e forse anche di non-malati) stimoli il bisogno dell'individuazione dei fondi per una diagnosi.

Per i governi, infatti, la pressione data da questa pazzesca e invalidante malattia aumenta con evidenza.

 

E' una buona cosa che ora ci si vergogni meno di dichiararsi ammalati. Si è diffusa anche tra l'opinione pubblica l'idea che si tratti di una terribile malattia.  Mi accorgo che , rispetto a venti anni fa, non si riscuote più così tanto scetticismo e sospetto, sia dalle persone comuni che dai medici.

La verità sta cominciando a emergere con prepotenza!

Anche  grazie a questo forum e a chi, come te e gli altri amministratori e divulgatori mettono l'anima per tenerlo vivo e aggiornato!

 

Daje!!E' dura...ma anche noi siamo duri ormai, data la resistenza alle sfide !Non ci scoraggiamo ..nè ora né mai!

 

Grazie ancora di cuore,

Marina



#7 Zac

Zac

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.860 messaggi
  • Gender:Male

Inviato 10 giugno 2016 - 22:16:26

Link al Comunicato stampa:  https://www.scimex.o...atigue-syndrome

 

Link allo studio:  https://biolres.biom...0659-016-0087-2


Zac
Amministrazione

--------------------
"In medicina tutto quello che è sconosciuto è malattia mentale" (...)
"Una delle malattie più diffuse è la diagnosi." (Karl Kraus)
NO_CFS.gif

Le foto di Zac qui: PhotoZac





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietÓ esclusiva di CFSItalia.it e ne Ŕ vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrÓ essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.