Vai al contenuto

CORONA VIRUS COVID-19 e CFS/ME:
i suggerimenti della dottoressa Klimas. QUI
Foto

allergica al mondo


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1 risposta a questa discussione

#1 Cocci

Cocci

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1.285 messaggi

Inviato 17 giugno 2008 - 22:14:48

.....E la giovane cerca in Internet una possibile “risposta” al suo male. Esaminando situazioni cliniche simili alla sua, la giovane donna scopre di essere affetta da Mcs, un acronimo che sta per Multipla sensibilità chimica. Una malattia riconosciuta dall’Oms, dalla Germania e da diversi paesi extraeuropei, fra i quali il Canada e gli Stati Uniti, ma che per l’Italia non esiste. O meglio, non esisteva ufficialmente, finché Antonella Ciliberti – con una certificazione statunitense – non si è fatta riconoscere la patologia, vincendo una causa contro l’Asl 8, che alla fine di un lungo iter, le ha pagato il viaggio (a bordo di un aereo presidenziale, decontaminato) verso Dallas e l’Enviromenthal Health Center, dove attualmente Antonella è in cura.

continua


http://www.oggitreviso.it/node/7701
"una carta del mondo che non contiene il Paese dell'Utopia non è degna nemmeno di uno sguardo ,perchè non contempla il solo Paese al quale l'umanità approda di continuo.E quando vi getta l'ancora ,la vedetta scorge un Paese migliore e l'Umanità di nuovo fa vela"
Oscar Wilde

#2 vivolenta

vivolenta

    Grande amico del forum

  • Utenti
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2.651 messaggi

Inviato 17 giugno 2008 - 23:10:53

una forte stretta di mano ad antonella.
anche perchè è davvero dura la mcs.
Meglio cinghiale che pecora




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia.it e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

 

Le informazioni fornite in questo Forum non intendono sostituirsi né implicitamente né esplicitamente al parere professionale di un medico né a diagnosi, trattamento o prevenzione di qualsivoglia malattia e/o disturbo. CFSItalia.it non ha alcun controllo sul contenuto di siti terzi ai quali sia collegato tramite link e non potrà essere ritenuto responsabile per qualsivoglia danno causato da quei contenuti. Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum.