Vai al contenuto

Foto

Cfsitalia intervista la D.ssa Maria Sole Chimenti


  • Discussione bloccata Questa discussione è bloccata
Nessuna risposta a questa discussione

#1 VITTORIA

VITTORIA

    Grande amico del forum

  • Amministratori
  • 2.301 messaggi
  • Gender:Female
  • Location:Roma

Inviato 23 febbraio 2007 - 16:03:12

LE INTERVISTE DI CFSITALIA.IT

Intervista alla D.ssa Maria Sole Chimenti sulla Fibromialgia.

La d.ssa Chimenti è medico specialista in Reumatologia, presso il policlinico Umberto I di Roma, Università degli studi di Roma "La Sapienza" e visita per diagnosi ed il trattamento dei pazienti affetti da reumatismi
infiammatori ed extra-articolari. Parla italiano, inglese, francese.

La dottoressa ha accettato di rispondere ad alcune mie domande di tipo generale sulla fibromialgia, in futuro potremmo gentilmente chiedere di nuovo la sua disponibilità per un’altra intervista; potete scrivere le domande che vorreste porre in questa discussione “Vorremmo fare un'intervista ai medici.... .....collabora anche tu...." che trovate qui http://www.cfsitalia...p?showtopic=404



1.Gentile dottoressa, la fibromialgia è una malattia reumatica? E’ degenerativa? E’ cronica? E’ frequente la guarigione totale?


Si tratta di una patologia reumatica molto frequente e spesso sottovalutata in ambito non specialistico.
E’ una patologia cronica che presenta periodi di remissione clinica anche se è rara la remissione totale spontanea. Si assiste a remissione totale successivamente a terapia farmacologia e soprattutto dopo risoluzione della patologia di base nelle forme secondarie.

2.La diagnosi avviene come nel caso della Cfs per esclusione? Quali sono gli esami principali che di solito vengono richiesti? Voi presso il Policlinico Umberto I di Roma effettuate ricerche specifiche?

Vanno escluse le altre forme di artromialgie diffuse. La diagnosi è sicuramente clinica in quanto non esistono per ora indagini strumentali o di laboratorio specifiche. Tali esami servono per escludere altre patologie: esami di laboratorio e di radiologia per la valutazione di reumatismi infiammatori, connettiviti ed altre patologie di tipo internistico. Presso il policlinico Umberto I si eseguono continue ricerche per lo studio dell’eziopatogenesi della fms, nello specifico, nella valutazione di un eventuale coinvolgimento del sistema immunitario nello sviluppo della patologia.

3.La fibromialgia colpisce in prevalenza donne o uomini o indifferentemente? C’è un fascia d’età più soggetta alla Fms?

La fibromialgia è una patologia che colpisce prevalentemente le donne (85% dei casi) di mezza età, in particolare nelle due fasce da 25 a 35 e da 45 a 50 anni. Non si può escludere la diagnosi in anziani e bambini.

4.Quale e quanta attività fisica è consigliata a quei malati di Fms che si trovano ad un livello tale che si sentono affaticati già solo dopo un lieve sforzo, ma per i quali l’immobilità è altrettanto deleteria?

E’ consigliata un attività fisica lieve, aerobica, come lo stretching associata a terapia farmacologica.

5.La fisioterapia può essere indicata per i fibromialgici? Esiste un tipo di trattamento fisioterapico particolare? I fisiatri che non conoscono direttamente la Cfs e la Fms sono in grado di aiutare comunque i malati di questa patologia o può essere pericoloso?

Vanno pianificati piani terapeutici specifici per ogni singolo paziente. L’approccio multidisciplinare è il metodo più efficace e la kinesiterapia più indicata è il fitness training, la massoterapia ed i TENS.

6.Secondo la sua esperienza, possono essere utili tecniche di rilassamento e di respirazione per alleviare i sintomi in pazienti fibromialgici? E i massaggi, linfodrenaggio, agopuntura?

Sicuramente tali metodi sono utile, ma vanno eseguiti da personale altamente specialistico per non risultare dannosi. L’agopuntura (con azione di riequilibrio neurofisiologico) determina risultati favorevoli spesso di lunga durata a differenza della massoterapia e del linfodrenaggio che danno risultati spesso deludenti.

7.Come mai spesso i malati di Fms soffrono di insonnia?

E’ ormai accertato che un sonno qualitativamente carente è presente nei pazienti affetti da fms. Gli stati III e IV del sonno non-REM risultano alterati impedendo una normale attività ipnica con conseguente diminuzione sia qualitativa che quantitativa del sonno con astenia già al risveglio.

8.La Fms è una malattia ereditaria?

Non è una patologia ereditaria, non sono descritte forme familiari, mentre è importante valutare la presenza di altre patologie reumatiche nei parenti di primo grado.

Grazie da parte di Cfsitalia.it per la sua partecipazione e a presto.



VITTORIA
Amministrazione CFSitalia

-------------------------------------------------------
"Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite e alle diagnosi mediche. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose"
==============================


"Il senso della vita
è dare senso alla vita”

(R.Steiner)




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Tutti i testi degli articoli e la veste grafica sono proprietà esclusiva di CFSItalia e ne è vietata la riproduzione, totale o parziale,

senza esplicita autorizzazione da parte degli amministratori.

Gli amministratori e moderatori non sono responsabili dei messaggi scritti dagli utenti sul forum. Il Forum ha carattere divulgativo e le informazioni contenute non devono sostituirsi alle visite, alle diagnosi e alle terapie mediche.